Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Mostre & C.
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Shopping su Amazon
Sapevi che acquistando su Amazon puoi aiutare M+?

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Chi è online
Visitatori:210
Utenti registrati:1
M+ Club chat:
Utenti on-line:211
 Utenti registrati:6574

Utenti collegati:
GP1964FG
Ultime visite:
martelli62 da 18'
Skyraider da 28'
joe da 53'
macchianera da 58'
e_pieranto da 59'
marcellodandrea da 1h 8'
Andrea66 da 1h 9'
yago da 1h 12'
Luciano Maffeis da 1h 14'
commissario da 1h 14'
LucaP da 1h 19'
Hoot da 1h 37'
marius da 2h
Fabrizio1966 da 2h 1'
ghello da 2h 5'
matte da 2h 9'
Ettore da 2h 19'
sedemitr da 2h 21'
G55 da 2h 26'
Paolomaglio da 2h 30'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
  Scegli spazio    Ultimi aggiornamenti    Guida  
· Spazio personale: Battaglie nel deserto · Spazio personale: Battaglie nel deserto · Categoria: 4.OperazioneCrusader ·

Spazio personale: Battaglie nel deserto

4) Maggio-Dicembre 1941 OPERAZIONE CRUSADER




BATTAGLIA PER TOBRUK

Tra Maggio e Dicembre 1941 le battaglie nel deserto divampano attorno a due nodi cruciali:
1) Tobruk assediata  dalle divisioni Brescia, Pavia, Bologna. Assediata per modo di dire, perche'  la marina britannica rifornisce nottetempo la guarnigione ed riesce pure ad avvicendare i reparti australiani con quelli polacchi.
2) Il passo Halfaya presidiato dalla divisione Savona e aliquote panzerjager che respingono tutti gli attacchi frontali.  
Le battaglie manovrate coinvolgono le 15' e 21' divisioni corazzate e 90' leggera tedesche, da parte italiana il corpo di manovra (CAM) con le divisioni Ariete corazzata, la Trieste e la Trento motorizzate oltre al raggruppamento esplorante (RECAM)I britannici impiegano l'ottava armata con la 7' corazzata e divisioni indiane, neozelandesi, sudafricane.
Gli Inglesi lanciano le operazioni Brevity e Battleaxe, ma non prevalgono, Rommel risponde con l'infruttuosa Sommernachtstraum (Sogno di una notte di mezz'estate).

  Il generale inglese Wavell viene allora sostituito da Auchinleck che lancia l'ambiziosa operazione Crusader nel tentativo di infrangere il blocco all' Halfaya e liberare Tobruk.



Gli Inglesi godono di una superiorita' quantitativa e di rifornimenti ma Rommel manovra le sue forze per affrontare il nemico separatamente in modo di mantenere una superiorita' tattica, utilizzando le fanterie italiane come fulcri di forza sacrificabili e richiedendo al CAM prestazioni ben oltre le reali possibilita'.
Rommel consegue diversi successi locali e prova a sbilanciare l'avversario abbandonando il campo di battaglia attorno a Tobruk per lanciare le sue divisioni corazzate in una folle corsa verso le retrovie nemiche.
I generali inglesi vorrebbero ritirarsi ma Auchinlek, tramite le decrittazioni di ULTRA, conosce l'intrinseca debolezza delle forze dell'Asse, non demorde e prosegue nella pressione verso Tobruk, cosicche' Rommel e' costretto a tornare indietro.
Crusader si trasforma in una battaglia di logoramento fino a che Rommel, in crisi di rifornimenti, decide di effettuare una ritirata strategica fino ai margini occidentali della Cirenaica.
Questa volta gli Inglesi non riescono a distruggere le forze corazzate del nemico in ritirata ma liberano finalmente Tobruk e prendono l'Halfaya.




PANZER IIC            STAFF 21 PANZER DIVISION         DAK
Il panzer II, pur ancora presente in un certo numero nel 1941, non e' piu' utile come carro da battaglia in quanto debolmente armato e viene utilizzato per esplorazione, dai comandi, dai servizi o dai genieri per la rilevazione dei campi minati.






PANZERBEFELHSWAGEN  IIIH       CARRO COMANDO         21 DIVISIONE        DAK
In questa versione comando il carro possiede piu' apparati radio, sia ad antenna che a telaio, ma la torretta e' fissa e il cannone falso. La bandiera contraddistingue un comando di divisione.






PANZER IIIG         15' DIVISIONE      DAK
Il panzer III costituisce il nucleo delle forze corazzate e successive versioni vengono prodotte per migliorare corazzatura ed armamento, spesso si condividono sottoassiemi con le versioni precedenti per evitare soluzione di continuita' nella produzione.






PANZER IVE         15' DIVISIONE      DAK
Anche il Panzer IV subisce continui miglioramenti, nel tentativo di aumentare la protezione si usano corazzature distanziate o imbullonate su tutti i lati e vengono portati frontalmente cingoli e rulli di scorta. Il pezzo da 75 corto costituisce il plus sui carri nemici per la sua potenza e gittata, in un periodo in cui i carri inglesi sono dotati del 2 Pounder (40mm). 







CARRO M15/40  SQUADRONE COMANDO VII BATTAGLIONE DIVISIONE ARIETE  CORPO ARMATO DI MANOVRA
CAMIONCINO FIAT 1100 UFFICIO PROPAGANDA REGIO ESERCITO

Nel seconda parte del 1941 finalmente la divisione Ariete puo' combattere a ranghi riuniti e completi,dopo aver abbandonato i CV35, costituisce una forza addestrata ed omogenea sugli M13 dotati di un buon cannone, per l'anno, da 47mm. Il carro, pur con i suoi limiti, puo' competere con l'avversario e l' Ariete lo dimostra conseguendo un successo tattico a BirElGobi contro i Crusader inglesi ma anche in questo caso il carro, sottopotenziato motoristicamene, non puo' sfruttare la vittoria quando i mezzi nemici, piu' veloci, si ritirano.
  'A quell'ora parve agli Inglesi di aver vinto. Il presidio di Bir el Gobi, formato da poche compagnie di soldati gallina, era tagliato fuori, in breve avrebbero spezzato la cerchia che assediava Tobruk. Ma proprio allora un inatteso sinistro spettacolo si scopri' ai loro occhi. Un chilometro e mezzo piu' a Nord, ordinate e compatte, scintillavano al sole del deserto le cento torrette lunate degli M13.... Le sorti rimasero per due ore indecise... Poi dal corpo della formazione italiana si videro partire due braccia a tenaglia, come quelle di un granchio... Allora la massa nemica sbando', riflui' disordinatamente... Non tutto cio' che avvenne ricordo... A destra un carro inglese e' attaccato dai nostri, il comandante la batteria lo insegue, furioso, sulla 1100... Il motociclista corre verso di me gridando cose che non capisco, ho nei timpani il grido trionfante di un capopezzo: Ne ho preso un altro, un ferito mi guarda, angosciato... Alle cinque non piu' un fischio di proiettile, cosi' calava il giorno in cui l'Ariete era nata.'
Da DIARIO DI UN COMBATTENTE NELL'AFRICA SETTENTRIONALE di OSCAR PISCICELLI TAEGGI







CRUSADER I      7'HUSSARS       7'BRIGATA       7'DIVISIONE CORAZZATA
Il Crusader e' un carro molto veloce ma inaffidabile meccanicamente, l'armamenton e' il solito 2 pdr (40mm), la corazzatura spaziata e poligonale. Il mezzo alimentato a benzina, se colpito, e' soggetto ad incendio cosa che non capita a piu' lenti M13 perche' alimentati a gasolio.
Questo carro e' abbandonato nel deserto, si nota la penetrazione della torretta frontalmente sotto lo scudo.
 'Il primo carro armato nemico che ho visto incendiato lo avevo sulla destra. Ricevette un colpo al motore e subito prese fuoco avvolgendosi di fumo azzurro, si apri' uno sportello ma nessuno ne usci'...'
Da FRONTE D'AFRICA, C'ERO ANCH'IO Ten. ENRICO SERRA VIII Battaglione 132' Carri Ariete







CRUSADER II      COUNTY OF LONDON YEONMARY       22'BRIGATA      7'DIVISIONE CORAZZATA
Per migliorarne l'efficienza, gli Inglesi potenziano la corazzatura frontale dello scudo ed eliminano la torretta con la mitragliatrice ausiliaria perche' poco utile in campo aperto. I marchi bianco-rosso-bianco sono tipici dell'operazione Crusader.







STUART LIGHT TANK          B SQUADRON         8'KING'S ROYAL IRISH HUSSARS      4'BRIGATA     XXX CORPO
Il primo carro di produzione americana fornito ai Britannici e' un carro leggero per corazzatura e armamento ma veloce e  meccanicamente molto affidabile, tanto che viene soprannominato HONEY dai carristi.
La suddivisione, tutta Inglese, fra carri veloci (CRUISER) e carri da fanteria lenti (MATILDA) causa una disomogeneita' nelle tattiche fino a che non e' abolita da Montgomery che ad ElAlamein potra' disporre di un carro tuttofare come lo Sherman.
 'Il primo ordine e' Pilota avanti!'... il cannoniere fa del suo meglio per inquadrare il nemico durante il movimento... poi 'Pilota alt!'... non appena il carro e' fermo e il nemico sulla linea di mira il cannoniere apre il fuoco senza ulteriori ordini... lo sparo e' il segnale per il pilota a riprendere il movimento... quattro secondi fra stop e ripartenza...se il carro resta in movimento forse si puo' salvare...
By BRAZEN CHARIOTS     BOB CRISP    3th RTR Leader







SEMICINGOLATO SDKFZ10  DA 1 TON    CON PEZZO PAK 50MM
Occorre sottolineare come i cannoni anticarro da 50mm siano usati in modo molto aggressivo, affiancandosi ai carri in battaglia e causando piu' perdite dei carri stessi negli scontri ravvicinati potendo sfruttare la maggior potenza del 50mm lungo rispetto al corto. I panzerjager sono perfettamente addestrati ma occorre comunque coraggio per combattere senza corazzatura in mezzo ad una battaglia manovrata di carri.
 'Ed ecco i Tedeschi in azione: Li vedo puntare a gran velocita' verso i carri nemici, poi, a distanza di tiro utile, con rapido dietro-front, si fermano, gli uomini balzano a terra , staccano il pezzo, divaricano le code, sparano quattro o cinque colpi, riattaccano il pezzo e si spostano in altra zona ove ripetono il tutto. E' gente che ci sa fare, vedo i carri inglesi fumare, equipaggi rovesciarsi dalle torrette in fiamme...'  
Da GUERRA DEI CORAZZATI IN AFRICA SETTENTRIONALE  di ARMANDO LUCIANO







CANNONE ANTICARRO/ANTIAEREO 88 MM FLAK18
Spesso decisivo e'  l'uso anticarro dell'88mm in dotazione sia alle divisione dell'esercito che a quella di aviazione presente in Africa. Lo stesso carro Matilda, pesantemente corazzato, non puo' resistergli e gli inglesi considerano sleale,  'unfair', il suo utilizzo controcarri. L'88, anche se facilmente individuabile per mole e fumo prodotto dal tiro,  e' difficilmente battuto dai cannoni dei carri per mancanza di gittata e perche' questi ultimi non sono dotati di munizionamento esplosivo, almeno fino alla comparsa degli Sherman.
Il FLAK 18 ha un carrello unidirezionale da dove, in caso di emergenza, puo' anche far fuoco. I serventi sono pero' addestrati allo sgancio e alla messa sulle crociere in pochissimo tempo. 
 'In un lampo la batteria tedesca da 88 mise le crociere a terra, sparo' una prima salva a tergo della formazione aerea avversaria, dopo un tempo che parve lunghissimo una seconda salva davanti agli aerei i quali proseguirono tranquilli senza modificare quota ne' rotta. Altro intervallo e, quando mi parvero fuori tiro, parti' la terza salva che esplose in mezzo alla formazione. Due Bristol-Blenheim precipitarono. La batteria allesti' per la marcia e riparti'...'
Da FRONTE D'AFRICA C'ERO ANCH'IO  Ten.ENNIO CALABRESI  1'Articelere Eugenio di Savoia     Div.Ariete 








AUTOCANNONE 100/17      OBICE DA 100/17 SU AUTOCARRO LANCIA 3RO      RECAM
Gli Italiani montano l'obice da 100/17 sull'autocarro pesante Lancia 3RO. Con tutti i limiti della trazione a 2 ruote motrici e l' altezza da terra, la combinazione si dimostra efficace nel tiro controcarro data la potenza del proiettile. Anche in seguito, ad ElAlamein, la Folgore richiede all'artiglieria di portare il 100/17 in trincea per contrastare i carri nemici con il primo arco della traiettoria di tiro.






AUTO HORCH CON MITRAGLIERA 20MM          LUFTWAFFE      DAK
Reparti della Luftwaffe si affiancano ai reparti Heer sia per protezione antiaerea che per tiro a terra.
Per aumentare la mobilita' l'armamento al traino viene spesso installato a bordo con modifiche di ripiego.






BREDA 20MM SU CAMIONETTA CHEVROLET DI PREDA BELLICA    RAGGRUPPAMENTO ESPLORANTE RECAM 
Gli Italiani si ingegnano a montare la Breda 20mm ovunque, anche su mezzi di preda bellica, privilegiati per la loro mobilita' su terreno vario, cosi' lo strafing degli aerei nemici non e' piu' privo di rischi.
La croce bianca e' per identificazione aerea, cio' che non impedisce il verificarsi di diversi episodi di 'fuoco amico' con gli Stuka che picchiano sulle forze italiane. La prima batteria di autocannoni viene distrutta cosi'.






TRATTORE PAVESI E CANNONE DA 105/28        SEMICINGOLATO 3 TON E CANNONE 105 LEFH 18
L'artiglieria italiana e' antiquata, con pezzi definibili 'da museo' risalenti alla prima guerra mondiale.
Il 105/28 e' un pezzo con buona gittata e potenza ma mobilita' ridotta dato il peso e sopratutto si usura rapidamente nel movimento e nel tiro, il trattore Pavesi su quattro ruote motrici con avantreno e retrotreno snodati e' geniale ma progettato per sentieri di montagna, lento e chiaramente inadatto al deserto.
Il pezzo tedesco ha lo stesso impiego ma e' molto piu' mobile dato il suo sistema di sospensioni e l'efficienza fuoristrada del semicingolato.
 'Avevamo perso tre autocarri e un trattore, su una macchina erano caricati tutti i nostri viveri, le sigarette, il cognac il vino... fu percio' grande il nostro dispiacere ma quando il comandante l'artiglieria venne a sapere che era stato abbandonato anche un cannone per mancanza di automezzi, diede l'ordine di andare a recuperarlo anche se era ormai in territorio ostile... Si torno' indietro con la dovuta cautela, le macchine ancora bruciavano...'
Da L'ALLEATO di ANDREA INNOCENZI







STRADA DELL'ASSE ASSEDIO DI TOBRUK    SEMICINGOLATO da 12 TONNELLATE e KANONE 18 da 17CM 
Per l'assedio di Tobruk i tedeschi utilizzano artiglieria pesante, sia di produzione nazionale che di preda bellica francese. Il traino e' assicurato dal piu' pesante semicingolato in dotazione all'artiglieria, piu' potente del semicingolato da 8 tonnellate.
Le batterie di artiglieria d'assedio, una volta iniziato il tiro, subiscono il tiro di controbatteria da parte di Tobruk e cio' le costringe ad interromperlo prima che possano essere individuate con precisione.
Per gli assediati la vita e' dura sotto i bombardamenti d'artiglieria e gli Stuka ma gli assedianti non stano meglio, anzi dal punto di vista logistico stanno decisamente peggio.








SIDI REZEGH   SOLOTHURN CONTROCARRO 20MM     9'REGGIMENTO  BERSAGLIERI  DIVISIONE TRIESTE 
La fanteria italiana oltre al cannone controcarro 47mm 'Elefantino', ancora valido nel 41, ha in dotazione un elevato numero di pesanti fuciloni Solothurn di produzione svizzera. Purtroppo tutti i modelli di fuciloni controcarro, in tutti gli eserciti, sono ormai sorpassati e non hanno piu' alcuna utilita'.
 'La paura...Eccola la paura! Ma non quella di un attimo, al primo sibilare vicino di una pallottola...Qui e' altro: sul ponte della nave, di notte, intorno un mare ribollente di scie spumose, sopra un pazzo carosello di luci e il crepitio della contraerea... Perdio! E i miei bersaglieri? Giu' sottocoperta a perdifiato...ed eccoli li', con gli occhi bassi, appoggiati contro le paratie, accovacciati sui rotoli delle gomene. Anche per loro la paura... Eppure fra qualche mese a Sidi Rezegh alcuni avrebbero intinto col sangue le loro medaglie d'oro e tutti avrebbero fatto ben piu' del loro dovere...'
Da FRONTE D'AFRICA C'ERO ANCH'IO sottotenente GIORGIO COSSUTTA XXVIII battaglione 9' Bersaglieri Div.Trieste








AUTOCARRO LEGGERO CL39 COLONIALE  E BREDA 20MM       BATTAGLIONI GIOVANI FASCISTI       BIR EL GOBI
A BirElGobi i battaglioni di fucilieri dei Giovani Fascisti si scontrano con una puntata offensiva di carri inglesi, fanteria indiana e scozzese ma riescono a respingere tutti gli attacchi permettendo poi all'Ariete di intervenire.
Dopo questa strenua e vittoriosa resistenza,  i GGFF apprendono della ritirata strategica ordinata da Rommel e, in gran parte a piedi, intraprendono la lunga marcia verso Ovest.
  'Si parte! Per dove? Incontro agli autocarri! Incontro? Perche' non vengono a prenderci? Quanti chilometri? Quaranta,forse piu' di cinquanta... Capii solo allora che se qualcuno correva seri rischi di non uscirne vivo, quello ero io con i miei piedi piatti... Il sottotenente ti affida questa lampada a petrolio! Ah...che me ne faccio!?! Poi capii, con quella lampada ero esentato dal dover spingere il cannone e forse ce l'avrei fatta a seguire il gruppo...forse...'
Da MUSSOLINI'S BOYS  di ALPHEO PAGIN  







SID REZEGH     DICEMBRE 1941      FIAT G50     352 SQ.       20'GR.       51'ST. C.T.
Il FIAT G50,  pur essendo un monoplano superiore al biplano CR42, non puo' competere con gli Hurricane ed e' presto relegato alla scorta degli Stuka o all'assalto, i piloti degli Stuka germanici apprezzano molto la tecnica di difesa ravvicinata dei FIAT contrapposta alla protezione dall'alto praticata dai BF109.
Qui il caccia risulta danneggiato in una delle incursioni del SAS  e poi volontariamente sabotato nei piani di coda a seguito della necessita' di abbandonarlo, l'effige del 51' Stormo, col gatto nero che acchiappa i sorci verdi, rimanda bombardieri 'sorci verdi'.
Occorre ricordare la definizione del tempo per l' aviazione come l'arma piu' veloce in cielo ma piu' lenta in terra, volendosi significare che la predisposizione dei servizi a terra costituisce un impedimento critico per la sua operativita'.






SIDI REZEGH       DICEMBRE 1941       MACCHI MC202        81SQ.       1'STORMO     C.T.
Verso fine anno finalmente giunge un caccia competitivo il Folgore MC202, derivato dal  MC200, ha un motore in linea AlfaRomeo Monsone (DB601 su licenza) che gli permette una velocita' di 600 Km/h con ottima manovrabilita', nulla ha da invidiare ai caccia avversari salvo l'armamento che rimane basato sulle due SAFAT da 12,7mm a bassa cadenza perche' sincronizzate con l'elica.







STUKA PICCHIATELLO        JU 87        209 SQ         102' GR.AUT.  B. a T.  
Dopo il fallimento dei progetti italiani per un aereo da bombardamento a tuffo, i Tedeschi forniscono addestramento e velivoli con cui si formano alcune squadriglie da picchiata. Lo Stuka e' un'arma molto efficace e precisa ma, data la sua vulnerabilita', solamente in un contesto di superiorita' aerea e contro bersagli  non troppo protetti.
Nella scena uno Ju 87 della 209' Sq in un campo allagato, non raramente nell'inverno libico i fortunali colpiscono localmente un campo d' aviazione rendendolo impraticabile e consentendo attacchi di sorpresa senza contrasto all'aviazione avversaria. Il tempo nebbioso e' anche concausa per la 209' Sq del suo annientamento.
'Il Comandante la 209' Sq aveva iniziato a circuitare in attesa di veder emergere i suoi 12 Picchiatelli dallo spesso strato nebbioso, aveva scorto la salita della formazione tedesca ma, degli Italiani, neanche l'ombra...quindi si era messo in rotta in coda agli Stuka germanici sperando di vedersi raggiunto dai suoi, ma nulla...dopo l'azione il comandante rientrava al campo base, anche qui nessuna notizia, eppure erano decollati per partecipare all'azione sotto il suo comando...superato il limite concesso dall'autonomia dei velivoli iniziarono frenetici scambi di messaggi radio, nessuno li aveva piu' visti... si inizio' una intensa attivita' di ricerca, senza esito...'
Da GUERRA AEREA IN AFRICA SETTENTRIONALE  1940-1941     BORGIOTTI-GORI 




 
Data inserimento : Fri 11 Jan 2019 15:56
Categorie : 4.OperazioneCrusader