Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Mostre & C.
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Shopping su Amazon
Sapevi che acquistando su Amazon puoi aiutare M+?

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Chi è online
Visitatori:235
Utenti registrati:0
M+ Club chat:
Utenti on-line:235
 Utenti registrati:6553

Ultime visite:
maucrifra da 6'
Paolomaglio da 42'
Challenger2 da 3h 30'
Ettore da 4h 6'
adlertag da 6h 15'
orzowei68 da 6h 15'
gizpo da 6h 53'
matte da 7h 9'
Lupo da 7h 26'
Silvano da 7h 37'
Sly500 da 7h 46'
e_pieranto da 7h 49'
Freccia154 da 7h 53'
Michele Raus da 8h 6'
Gunny74 da 8h 11'
lillino da 8h 14'
sky_68 da 8h 26'
Nicola Del Bono da 8h 27'
Lamb da 8h 37'
haste da 9h 1'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
Veicoli militari : Schede tecniche : Semovente da 75/18 su scafo M
Inviato da Fabio il 4/5/2004 00:20:24 (2678 letture)

Veicoli militari : Schede tecniche
A seguito dell'entrata in servizio con le unità dell'esercito tedesco degli "Sturmgeshutz" (letteralmente "cannonni d'assalto" inizialmente derivati da scafi Pz Kpfw III), e dei positivi risultati da questi ottenuti sui vari fronti che li avevano visti impegnati, verso la fine del 1940 il nostro Ispettorato Tecnico dell'Artiglieria richiese all'Ansaldo uno studio di fattibilità per un progetto simile basato sullo scafo dei carri M.



In meno di due mesi dalla richiesta, il primoprototipo era pronto per iniziare le prove di tiro il agli inizi del febbraio 1941.
Era armato con un pezzo da 75/18 (75mm di calibro per 18 calibri di lunghezza) installato in casamatta, derivato derivato dal pezzo ruotato da 75/18 da cui differiva solo per gli organi elastici appositamente ridisegnati per l'mpiego specifico in un mezzo corazzato. Il pezzo era brandeggiabile tramite comandi meccanici da -12 a 22° gradi in elevazione e di 20° sia a destra che a sinistra sull'asse orizzontale.
Anche con l'eliminazione della torretta il peso il peso del mezzo si attestava, nella versione su scafo M40, sulle 15 tonnellate. Questo in seguito al potenziamento dell'armamento principale e dell'incremento della corazzatura frontale per poter sopportare i colpi del pezzo inglese da 40mm. Condividendo la fragile la meccanica degli scafi M (ad eccezione di alcuni dettagli sullo scafo M42), l'ulteriore appesantimento acuiva i mai risolti problemi derivanti dal basso rapporto peso potenza, dalla ridotta autonomia, dalla scarsa velocità e la tendenza ad sprofondare in terreni sabbiosi o soffici imputabile ai cingoli troppo stretti.
L'armamento secondario era costituito da una mitragliatrice Breda da 8mm normalmente custodita in casamatta ed installabile esternamente sul cielo della casamatta come arma per la difesa antiaerea o ravvicinata.

Varianti
L'unica variante del semovente da 75/18, non considerando come tali gli aggiornamenti degli scafi, fu quella del carro comando. Questo non montava la bocca da fuoco standard. Nella prima serie su scafo M40 manteneva in casamatta le due mittagliatrici abbinate Breda da 8mm, sostituta negli scafi M41 ed M42 da una mitragliatrice Breda da 13,2mm in una culla sempre in casamatta, e manteneva la possibilità dell'installazione di un'altra mitragliatrice Breda Mod. 38 esternamente sul cielo della casammatta per l'impiego antiaereo o di difesa ravvicinata. Il mezzo non incontrò il favore dei reparti cui fu assegnato a causa della mancanza di armamento pesante che ne impediva un fattivo impiego di combattimento, ma specialmente per la vulnerabilità derivante dalla facile individuazione che poteva esserne fatta dal nemico.

Impiego
Anche se introdotto all'inizio del 1941, la vita operativa dei semoventi da 75/18 si protrasse dalla fine del 1941, data dell'effettiva consegna ai reparti, sino alla fine del conflitto, evolvendosi come già accennato con lo sviluppo degli scafi dei carri M. I vantaggi rispetto ai carri da cui derivava erano molteplici e su tutti:
  • un armamento in grado di fermare qualsiasi carro alleato

  • una milgiore corrazzatura
  • la semplicità costruttiva
  • l'economia di produzione
Il piano delle assegnazioni prevedeva reparti di Artiglieria, di Cavalleria e di Fanteria Carrista (questi ultimi a partire dal maggio del 1943).
I semoventi da 75/18 si dimostrano efficaci sia nell'impiego "classico" di appoggio alla fanteria che come controcarri.
Fu l'unico mezzo corazzato italiano, a quanto si legge nei documenti conservati presso gli archivi della Royal Army e del Ministero della Difesa inglese, ad essere definito al momento della sua comparsa sul teatro nord-africano, "eccellente" ed addirittura "formidabile rispetto ai semoventi chierati sia dai tedeschi che dagli alleati", al punto che se l'intelligence alleata ne sospettava lo schieramento in quantitativi "significativi" durante le fasi offensive, "è preferibile attendere l'intervento delle forze aeree in azione caccia-carri ad un ingaggio diretto con tali unità".
Ancora una volta i quantitativi messi a disposizione dall'industria furono insufficienti a soddisfare le necessità imposte dal conflitto, e la decisione di sospendere la produzione dei carri M a favore di quella dei soli semoventi fu troppo tardiva.
Oltre ad operare in Africa settentrionale i semoventi da 75/18 videro l'impiego sul territorio italiano durante la difesa di Roma e successivamente nelle file dei reparti della R.S.I e della Wehrmacht dopo l'8 settembre 1943.

Caratteristiche tecniche
 
Fabbricante: Ansaldo Fossati - Fiat  
Periodo di costruzione: 1942-1943
Esemplari prodotti: circa 200 (fra scafio M 40, 41 42)
Peso: 14,4 t
Larghezza: 2,23 m
Lunghezza: 5,04 m
Altezza: 1,8 m
Altezza da terra: 0,41 m
Equipaggio: 3 uomini, capocarro/cannoniere, servente e pilota
Armamento principale: un cannone da 75/18
Armamento secondario: n/d
Munizionamento: da 44 a 50 colpi cal. 75 mm
1104 colpi cal. 8 mm
Sistema di puntamento: collimatore a cannocchiale
Motore: Spa 25 TB M42 con 8 cilindri a V
Cilindrata: 11.980 cc
Potenza: 192 HP
Alimentazione: benzina
Autonomia su strada: 220 km circa
Autonomia fuori strada: 10 ore circa
Velocità massima su strada: 49 km/h
Velocità massima fuori strada: 20 km/h
Pendenza superabile: fino al 90% (in prima velocità e condizioni di perfetta aderenza)
Capacità di guado: 1 m
Ostacolo verticale: 0,8 m
Ostacolo orizzontale: 2,1 m


Profili
 
   
 
 
© Cavalleria Italiana

 

Link correlati

· Contenuti relativi all'argomento Veicoli militari : Schede tecniche
· Contenuti sottoposti da Fabio

Contenuto più letto relativo all'argomento Veicoli militari : Schede tecniche:
· Carro armato Fiat 3000

Ultimi contenuti sull'argomento Veicoli militari : Schede tecniche:
· Schede tecniche: T17E1 "Staghound"

Visualizza pagina stampabile  Segnala questo contenuto ad un amico



  • I sostenitori di Modellismo Più

  • I sostenitori di Modellismo Più sono quegli operatori del settore che, a titolo non oneroso per il sito, mettono a disposizione i kit che come premio vanno ai vincitori delle nostre Campagne, ci consentono di organizzare i nostri eventi o ci concedono uno stand dove i nostri Utenti possono ritrovarsi durante lo svolgimento di alcune manifestazioni a carattere modellistico.