Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Modellazione 2-3D
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

M+ Shop locator

Chi è online
Visitatori:369
Utenti registrati:6
M+ Club chat:
Utenti on-line:375
 Utenti registrati:7066

Utenti collegati:
gir_mat
Albert56
fishbed011
arie56
VanBasten
Fabrizio1966
Ultime visite:
Hoot da 17'
stephaneT da 26'
alinus777 da 31'
jEnrique61 da 32'
ppozzo68 da 36'
enrico63 da 38'
mike104 da 55'
matte da 1h 2'
manovi da 1h 12'
domenicogio da 1h 21'
Lamb da 1h 24'
Silvano da 1h 32'
AndRoby da 1h 47'
maurozn da 2h 11'
dunkel da 2h 26'
bar-ma da 2h 30'
Fulvio58 da 2h 55'
Ayurpao da 2h 58'
silvio61 da 3h 5'
vidrobhobby da 3h 11'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
Inviato da Fabio il 13/9/2004 08:28:59 (8213 letture)

Veicoli militari : Schede tecniche
Verso la metà degli anni ’20 le autorità italiane dimostrarono interesse per un veicolo corazzato leggero, veloce e maneggevole, armato di mitragliatrici e che fosse in grado di operare negli accidentati teatri di montagna come supporto alla fanteria ivi impiegata.


Questo interesse portò all’acquisto di 25 carri leggeri inglesi Carden LloydMark VI, ai quali Fiat ed Ansaldo iniziarono ad apportare una serie di modifiche che condussero poi alla realizzazione di un modello interamente di produzione italiana che fu denominato CV 3/33. Anche se comunemente ci si riferisce al CV come ad un carro armato, questo, a nostro giudizio, rientra più propriamente nella categoria dei veicoli blindati, sia per la potenza di fuoco che in termini di protezione offerta all’equipaggio. Il CV 3/33 della prima serie era caratterizzato dalla corazzatura a piastre saldate, dal meccanismo di regolazione della tensione del cingolo montato da un lato in asse con la ruota di rinvio posteriore e dall’armamento costituito da una singola mitragliatrice Fiat Modello 14 raffreddata ad acqua. Nella seconda serie, in produzione dal 1934, l’armamento era costituito da due mitragliatrici Fiat Modello 35 da 8 mm abbinate (sostituite a partire dal 1938 da due Breda Modello 38 sempre abbinate), il meccanismo tendicingolo era separato dall’asse della ruota di rinvio, mentre a corazzatura rimaneva invariata. Per tutto l’anno successivo furono sperimentate soluzioni per potenziarne l’armamento. Assieme a queste prove vennero apportate delle variazioni che confluirono in una nuova versione di produzione denominata CV 3/35, che introduceva leggere modifiche nel disegno e nella corazzatura (ora del tipo a piastre imbullonate), mentre l’armamento rimaneva invariato (con le due mitragliatrici abbinate da 8 mm). Un’ultima versione del mezzo fu introdotta nel 1938 e prese il nome di CV 3/38 e fu prodotta in un limitato numero di esemplari. Il mezzo presentava un nuovo sistema di sospensioni ed era equipaggiato con un’unica mitragliatrice Breda da 13,2 mm. Alla fine degli anni ‘30 il CV 3/33 ed il CV 3/35 furono entrambi ridesignati come Carro Armato L.3/35. Varianti Varianti degli L.3 furono approntate per far fronte a specifiche esigenze.
  • lanciafiamme: che poteva essere sia con il serbatoio del liquido infiammabile interno al mezzo che all’esterno in un apposito rimorchio
  • carro radio: equipaggiata con apparati radio che era destinata ai comandati di squadrone (o di compagnia) o di gruppo squadroni (o di battaglione)
  • anticarro: un numero limitato di carri fu equipaggiato con un cannoncino anticarro Solothurn da 20 mm in sostituzione delle mitragliatrici
Molto interessanti furono alcuni prototipi allestiti come:
  • gettaponte
  • carro recupero
Sembra che la versione recupero sia stato l’unico tentativo effettuato dal Regio Esercito di dotarsi di un tale mezzo cingolato. Impiego Questa classe di mezzi non era, almeno nell’idea iniziale, destinata all’impiego in luogo di carri più pesanti, ma destinata ad usi di polizia e di esplorazione o al massimo per eliminare piccole sacche di resistenza. L’ingresso prematuro nel secondo conflitto mondiale costrinse l’Italia a mettere in campo tutto l’equipaggiamento al momento disponible e che, putroppo assai di frequente, non era al passo con i tempi ed all’altezza dei compiti che si voleva assolvessero. Basti pensare che secondo fonti del Ministero della Guerra britannico, durante il 1940 ed il 1941, oltre il 75% dei mezzi corazzati italiani incontrati in Africa Settentrionale dagli inglesi erano L.3, che con il loro armamento non riuscivano ad impensierire i mezzi blindati (per non parlare di quelli corazzati) britannici. Gli L.3 hanno combattuto in Abissinia, nella guerra civile spagnola e praticamente su tutti i fronti della seconda guerra mondiale. Dal 1935 all’armistizio del 1943 nelle fila del Regio Esercito, dopo l’8 settembre vennero impiegati dalla Repubblica Sociale Italiana, dalla Wehrmacht e da reparti delle SS, per terminare la loro vita operativa nella Polizia e nei Carabinieri nell’immediato dopoguerra.
Caratteristiche tecniche
Fabbricante: Ansaldo Fossati - Fiat
Periodo di costruzione: 1933-1938
Peso: t 3,1
Larghezza: m 1,40
Lunghezza: m 3,15
Altezza: m 1,28
Altezza da terra: m 0,23
Equipaggio: 2 uomini, pilota e capocarro armiere
Armamento principale: due mitragliatrici abbinate cal. 8 (Fiat 35 o Breda 38) o una mitragliatrice Fiat mod. 14
Munizionamento: Breda Mod 38: 1896 colpi cal. 8mm
Fiat Mod 35: 2320 colpi cal 8mm
Fiat Mod 14: 380 colpi cal 6,5mm
Sistema di puntamento: a cannocchiale (con armamento Breda)
Motore: Fiat a 4 cilindri in linea
Cilindrata: 2746 cc
Potenza: 43 HP
Alimentazione: benzina
Autonomia su strada: circa 130 km
Autonomia fuori strada: fino a 6 ore
Velocità massima su strada: 42 km/h
Velocità massima fuori strada: 12 km/h
Pendenza superabile: 45%
Capacità di guado: m 0,70
Ostacolo verticale: m 0,65
Ostacolo orizzontale: m 1,45
Profili
 
© Cavalleria Italiana
Tavole a colori
© MVG 3D Military Models

 

Link correlati

· Contenuti relativi all'argomento Veicoli militari : Schede tecniche
· Contenuti sottoposti da Fabio

Contenuto più letto relativo all'argomento Veicoli militari : Schede tecniche:
· Carro armato Fiat 3000

Ultimi contenuti sull'argomento Veicoli militari : Schede tecniche:
· Schede tecniche: T17E1 "Staghound"

Visualizza pagina stampabile  Segnala questo contenuto ad un amico



  • I sostenitori di Modellismo Più


  •