Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Modellazione 2-3D
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Shopping su Amazon
Sapevi che acquistando su Amazon puoi aiutare M+?

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

M+ Shop locator

Chi è online
Visitatori:302
Utenti registrati:2
M+ Club chat:
Utenti on-line:304
 Utenti registrati:6769

Utenti collegati:
RobertoC
DREAM
Ultime visite:
combatmedic11 da 9'
Hoot da 9'
sandro da 12'
Rizzilla da 12'
Luciano Maffeis da 13'
Sigfra da 21'
baghy da 40'
zio54 da 42'
bar-ma da 46'
Michele Raus da 50'
Paolomaglio da 55'
Riccardo&nbs... da 56'
VanBasten da 58'
kj da 1h 1'
Lamb da 1h 14'
wazovski da 1h 19'
Barbarigo da 1h 23'
greg da 1h 33'
GP1964FG da 1h 37'
diegociga da 1h 49'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
  Scegli spazio    Ultimi aggiornamenti    Guida  
· Spazio personale: Battaglie nel deserto · Spazio personale: Battaglie nel deserto · Categoria: 5OperazioneVenezia ·

Spazio personale: Battaglie nel deserto

5) Gennaio-Giugno 1942 Operazione Venezia


OPERAZIONE VENEZIA     BATTAGLIA AD AIN EL GAZALA

A inizio 1942 Rommel, dopo aver ricevuto rinforzi attraverso il Mediterraneo, riprende l'iniziativa e conseguendo diversi successi tattici induce i Britannici a ripiegare fino alla linea di Ain El Gazala, da loro predisposta a protezione di Tobruk.
Le forze dell'Asse vi giungono vittoriose e col morale alto dopo aver inflitto al nemico perdite per 377 mezzi corazzati, 192 pezzi d'artiglieria, 1220 automezzi, 50 aerei e 3300 prigionieri e senza aver subito perdite significative, segue un periodo di stasi operativa, da Febbraio a Maggio.
Gli Inglesi si sono attestati sulla linea che, dalla costa, si estende a Sud fino a Bir Acheim, in pieno deserto. La difesa e' impostata con capisaldi di brigata protetti da estesi campi minati con alle spalle le forze corazzate.
I Tedeschi dispongono di 320 carri e gli Italiani 240, contro ci sono 850 Inglesi, chi sara' il primo ad attaccare?

Il piano di attacco di Rommel (operazione Venezia) scatta per primo, prevede di aggirare da Sud lo snodo di Bir Acheim per poi piegare a Nord e piombare sul retro della linea fortificata.
Nella notte del 26 Maggio tutta la massa di manovra inizia il movimento aggirante.
Tuttavia le cose prendono una brutta piega, una volta completato il movimento ed aver sbaragliato una prima imprevista resistenza delle brigate indiane, le forze corazzate dell'Asse si trovano incapsulate fra la solida linea dei capisaldi di brigata e le potenti divisioni corazzate inglesi.
Le perdite subite sono ingenti, anche a causa dell' inaspettato incontro col nuovo carro americano Grant, ma, quel che e' peggio, gli Inglesi riescono a troncare il flusso dei rifornimenti attorno a Bir Acheim.
A sera la 21' corazzata rimane con 80 carri e benzina per poche ore mentre la 15' con solo 29 carri e' praticamente immobilizzata, l'Ariete e la 90' sono isolate in mezzo al nemico che pero' non sfrutta il vantaggio e l'opportunita' di annientare l'armata di Rommel.
Apprezzata la situazione, questi riunisce le sue forze disponendole 'ad istrice',  facendo massa con l'artiglieria, e respinge gli attacchi con un formidabile schermo controcarro.
Finalmente la divisione Trieste, che non e' riuscita a seguire l'armata nel movimento aggirante, si apre frontalmente e sanguinosamente la strada attraverso i campi minati e riesce ad proteggere uno stetto corridoio ove passano i primi rifornimenti. Rommel puo' quindi intrappolare la 150' brigata nel 'Calderone' con due cerchi concentrici di forze, uno rivolto all'interno l'altro a protezione esterna, riuscendo a liquidarla e sgombrare da questa minaccia il suo vitale flusso logistico.
Riacquistata liberta' di manovra, Rommel affronta le forze nemiche in numerosi scontri ove gli Inglesi, pur superiori di numero, mancano ancora di coordinamento, subiscono perdite elevate ed infine cedono.
Viene dapprima presa Bir Acheim alle forze della France Libre quindi cade l'ultimo nodo difensivo di Knightbridge presidiato dalla brigata Guardie.
Il 15 Giugno Rommel resta padrone del campo di battaglia avendo annientato le forze corazzate avversarie ma avendo anche subito perdite importanti che hanno indebolito la sua armata.





PANZER IV F1         15' PANZERDIVISION
La versione F1 del Panzer IV potenzia la corazzatura frontale a 50mm ma mantiene il cannone corto da 75 che, in combattimento,  e' inferiore al 75 lungo dei Grant. La capacita' penetrativa del suo cannone e' efficace solo a corto raggio ma, utilizzando il pezzo nel secondo arco di traiettoria con proiettili ad alto esplosivo, puo' provocare danni ingenti a maggiori distanze.
Cingoli fissati anteriormente e rulli di scorta in torretta contribuiscono ad aumentare la protezione.





PANZER III J   SPECIAL        15' PANZERDIVISION
Anche la versione J del Panzer III vede incrementata la corazza frontale a 50mm e potenziato il cannone con il L60/50mm lungo, un notevole progresso rispetto al corto e in grado di penetrare fino a 72mm a 500m, contro i precedenti 46mm, ma pochi di questi carri sono disponibili a Gazala.
Per distinguerli dalla stessa versione, prodotta pero' col cannone corto, vengono rinominati 'SPECIAL' .
Il cesto di torretta e' pitturato di rosso per riconoscimento aereo.

 




GRANT       3th ROYAL TANK REGIMENT     4th ARMOURED BRIGADE     7th ARMOURED DIVISION
Gli Americani armano i loro carri pesanti con il 75mm ma, in attesa dello Sherman, nel Grant installano l'arma lateralmente in casamatta con limitato brandeggio mentre il 37mm in torretta e' praticamente inutile.
Viene fornito agli Inglesi in buon numero e, al suo apparire, sorprende nettamente i Tedeschi che si trovano surclassati e debbono serrare le distanze e colpire manovrando sul fianco.
Lo squadrone A del 3' RTR comincia a colpire i carri nemici col 75, sorprendendoli quando ancora si considerano fuori gittata e costringendoli a farsi sotto... molti vuoti nella linea dei panzer ma vengono rapidamente colmati dalle seconde schiere... I Grant colpiscono duro pero' sono subissati dal fuoco nemico... i tiri dei panzer non penetrano ma cingoli e rulli sono spazzati via, i cannoni scossi dai continui colpi a segno sulla corazzatura...  in 15 minuti lo squadrone e'  'andato' e l' unico Grant sopravvissuto si ritira...
Da THE LEE/GRANT in BRITISH SERVICE          BRYAN PERRET       OSPREY VANGUARD N.6






STUG III AUSF D ASSAULT GUN        SONDER VERBAND 288      90' LEICHTE AFRIKA DIVISION    
I semoventi di artiglieria consentono di prolungare la vita operativa degli chassis panzer III e non sono un ripiego in quanto progettati da tempo come cannoni d'assalto per accompagnamento carri.
Rommel necessita di artiglieria semovente e controcarro ma il teatro africano e' considerato secondario non appena i Tedeschi si trovano completamente impegnati nella vasta e drenante campagna di Russia.
Solo tre mezzi di questo tipo arrivano all' Afrika Korp e partecipano agli scontri da Bir Acheim a El Alamein.






SEMOVENTE DA 75/18 e CARRO COMANDO SU SCAFI M13         DIVISIONE ARIETE
Constatata la rapida obsolescenza del carro medio M13, si provvede a realizzare sullo stesso scafo un semovente di artiglieria dotato di un ottimo pezzo da 75mm, le batterie cosi' formate sono guidate da carri comando dotati di due radio ed apparati per il controllo del tiro.
Il semovente e' pensato per appoggio artiglieristico ma l'esperienza sul campo induce a rinforzare i battaglioni carro mescolando i semoventi e carri per sfruttarne la maggiore potenza del colpo e la sagoma bassa.
Purtroppo non si vuole o non si puo' spostare tutta la produzione M13 su questi mezzi per cui i semoventi sono drammaticamente pochi quando, nel 1942, il carro M13, pur presente in notevole quantita', e' ormai irrimediabilmente inutile.
'Con i laringofoni alla gola, le cuffie d'ascolto alle orecchie, richiusi nei giacconi di cuoio, infreddoliti in quell'ora che precede il mattino, ci si prepara mentalmente e spiritualmente all'azione... i motociclisi, senza luci, guizzano nell'oscurita' che sta gia' svanendo... albeggia rapidamente, non c'e' piu' tempo per pensare, meglio cosi'...MOTORIIIII'
Da FERREA MOLE, FERREO CUORE      DINO CAMPINI








MARMON HERRINGTON MARK II         SOUTH AFRICAN ARMOURED CAR 
Le blindo SudAfricane sono poco armate, quando possibile vengono montate armi di preda (20mm e 47mm italiani), ma comunque assolvono il loro ruolo di esplorazione e scoperta con attitudine 'da cavalleria'.
L'enorme colonna di 10000 veicoli viene osservata ed ombreggiata dalle blindo Sudafricane che trasmettono i loro rapporti... per qualche ragione queste notizie non arrivano alla 4' brigata corazzata che si trova giusto sul cammino della Panzerarmee... lo squadrone leggero dell'  8' Ussari reagisce con prontezza e si getta sul nemico nel tentativo di guadagnare tempo per il resto del reggimento... in pochi minuti lo Stuart del maggiore Hacket e' in fiamme, pur essendo ustionato questi continua il comando su un altro carro...

Da THE LEE/GRANT in BRITISH SERVICE          BRYAN PERRET       OSPREY VANGUARD N.6






AB 41         VIII BATTAGLIONI BERSAGLIERI CORAZZATO         DIVISIONE TRIESTE
Le blindo vengono fornite alla cavalleria e ai bersaglieri, specificatamente la divisione motorizzata Trieste ha in organico un battaglione blindo di bersaglieri e un battaglione carri M13. La AB41 e' un'ottimo mezzo purche' venga utilizzato nel suo ruolo.
...Occorre congiungersi a Rommel che e' scarso di carburante, munizioni ed acqua ma la Trieste cozza contro il caposaldo inglese senza riuscire a penetrare la fascia minata, profonda e ben dissimulata...
Dal comando superiore giunge allora all' VIII battaglione bersaglieri l'ordine di avanzare senza attendere l'apertura dei varchi nei campi minati... Il magg. Bernardis raduna gli ufficiali e ne dispone l'immediata esecuzione, con parole ferme ma con gli occhi lucidi... Alla testa del suo reparto, muove verso l'obiettivo impossibile... Scoppi di mine e fuoco di artiglieria investono le blindo, è distrutto il plotone del s.ten. Castelnuovo ma si va' avanti....
Da AGGREDISCI E VINCERAI, DIVISIONE MOTORIZZATA TRIESTE      SALVATORE LOI






CANNONE 10,5 CM SK18 AL TRAINO DI UN SEMICINGOLATO SDKFZ7 DA 8 TON
L'artiglieria divisionale e di armata tedesche non eccelgono e questo cannone non fa' eccezione. Il costo e la complessita', pur nell'eleganza della linea, non compensano lo scarso peso del proietto e la gittata non eccelsa. E' migliore il corrispondente obice 15 CM SFH 18 sullo stesso carrello che, pur con meno gittata, scaglia un proietto di ben maggiore potenza.  In generale l'artiglieria campale inglese surclassa per mobilita' e potenza quella italo-tedesca. Il semicingolato e' ottimo ed e' lo stesso che traina anche l'88mm a uso controcarro e controaereo.









SDKFZ 250/3 FUNKWAGEN           SEMICINGOLATO PER OSSERVAZIONE D'ARTIGLIERIA
Dal semicingolato SdKfz10 da 1Ton si realizzano diverse versioni di semicingolato corazzato leggero ma pochi mezzi raggiungono il DAK. Questa versione per osservazione avanzata d'artiglieria e' dotata di un tetto corazzato, 2 apparati radio (uno a stelo e l'altro a ringhiera)  e un cesto posteriore per aumentare il poco spazio disponibile a bordo.






SDKFZ  251/8 KRANKENPANZERWAGEN      AMBULANZA SEMICINGOLATA CORAZZATA
Anche dal semicingolato SdKfz11 da 3Ton. si ricavano molte versioni delle quali vediamo l'ambulanza corazzata per il soccorso in pieno campo di battaglia. Il mezzo non e' armato e presenta vistose croci rosse ma cio' non e' sempre garanzia di salvaguardia.
Nonostante l'asserita FAIR DESERT WAR, si verificano diversi episodi in cui non si rispettano le convenzioni riguardo i prigionieri e la Crocerossa.
'...Mi vengono addosso tre Australiani, sparo con la pistola, colpisco uno dei tre in faccia, gli vola via l'elmetto, il suo compagno mi centra con una fucilata al petto, sono a terra, stordito... gli Australiani, forse ubriachi, finiscono i bersaglieri a baionettate... mi si lancia addosso un energumeno con la baionetta alzata, lo guardo negli occhi, da terra, lo fermo per un attimo... poi carica il fucile e spara, perdo i sensi...'
Da 'Fronte d'Africa: C'ero anch'io'     Sottotenente Domenico Raspini     5' Reggimenzo Bersaglieri 






SDKFZ 261 KLEINER PANZERFUNKWAGEN           BLINDO RADIO   
L'equipaggio di quattro uomini di questa blindo-radio opera in uno spazio ristretto e scomodo ma i collegamenti radio sono vitali per la reattivita' e flessibilita' delle tattiche utilizzate dai Tedeschi. La possibilira' di comunicare in movimento e con una protezione corazzata e' impagabile. A volte un ufficiale della Luftwaffe a bordo consente il coordinamento con gli stormi Stuka. Gli Italiani debbono invece sostare per operare sulle loro radio a lunga portata.


 

 

BF 110 E3 TROP  14' STORMO RECON e OPEL BLITZ TANKWAGEN
Dopo aver palesato la sua inferiorita' come caccia durante la Battaglia di Inghilterra, il BF110 viene relegato a ruoli di caccia bombardiere e ricognizione e solo successivamente assurgera' a nuova vita come caccia notturno.
Qui e' rappresentato del 14' stormo da ricognizione con mimetica di circostanza, nocciola italiano sopra i verdi originali.
RAUCHEN VERBOTEN... Pero' io ho bisogno di fumare, mama' ha scritto che la Gestapo ha portato via il nonno... certo all'osteria sparlava del nostro amato fuhrer e della guerra ma e' solo un vecchio scemo, eroe nella prima e poi non faceva del male a nessuno... come hanno potuto, schweine!!!





  WIP

 
Data inserimento : Sat 23 Feb 2019 17:35
Categorie : 5OperazioneVenezia