Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Mostre & C.
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Shopping su Amazon
Sapevi che acquistando su Amazon puoi aiutare M+?

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Chi è online
Visitatori:268
Utenti registrati:0
M+ Club chat:
Utenti on-line:268
 Utenti registrati:6514

Ultime visite:
Andrea da 5'
AndRoby da 10'
ziochicchi da 13'
maucrifra da 14'
lagu da 15'
martelli62 da 17'
Riccardo&nbs... da 21'
Barbarigo da 23'
frank1959 da 26'
massoerratico da 27'
GMSVERONA da 27'
delibar da 29'
gizpo da 34'
GiorgioBis da 38'
Ste77aerei da 41'
AAV7 da 43'
tonycat66 da 1h 1'
Michele Raus da 1h 9'
Niceleg da 1h 13'
gidesa da 1h 14'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
Storia : Antica : Italici preromani: i Capenati
Inviato da Lisandro il 19/3/2008 21:49:39 (1560 letture)

Storia : Antica
La popolazione dei Capenati era un’altro dei tasselli del mosaico di popoli che vivevano in Italia prima dello sviluppo imperialista di Roma. La loro lingua era decisamente originale, simile all’Etrusco e al Latino con influenze Sabine. Il loro territorio era situato lungo la riva destra del Tevere; confinava a Nord con i Falisci, a est con il fiume Tevere e i Sabini, a sud e a ovest con il territorio della città Etrusca di Veio. Esso comprendeva gli attuali comuni di Capena, Fiano, Morlupo, Civitella, Nazzano, Ponzano, Filacciano, Torrita, Rignano, S. Oreste, Castelnuovo e Riano.


Molto importante per la sua formazione fu la vicinanza con il fiume Tevere, da esso giungeva il traffico commerciale che dall’Adriatico centro orientale, attraverso il Piceno e la Sabina, giungeva al Tirreno. Questo traffico fluviale permise scambi commerciali e culturali fin dall’Età del Bronzo. I centri abitati principali della zona furono Capena, sul colle della Civitucola; Castellaccio, il Lucus Feroniae, importante centro di culto e commercio e la città di Saperna, di cui non è ancora certa l’esatta ubicazione. Da alcune fonti antiche però, risulta che un altro centro religioso si trovava anche sul monte Soratte, al confine con il territorio falisco, dove c’era il culto di Apollo Sorano. Dalla fine del VII secolo a.C. si nota una sempre maggiore influenza della cultura etrusca su quella capenate che culminerà con l’ammissione del territorio dei Capenati nella Confederazione dei popolo Etruschi. Questa scelta strategica portò i Capenati dalla parte di Veio, insieme ai Falisci, nella guerra decennale conro Roma, furono sconfitti nel 395 a.C. cui segui la caduta di Veio per mano di Furio Camillo. Dopo la conquista romana, tutto il territorio fu ascritto alla Tribù Stellatina con la creazione di un Municipio Federato nel 387 a.C.
Del periodo repubblicano non si hanno molte notizie, certo è che Capena mantenne la sua importanza di "Municipio Federato", ricco e fiorente, come testimoniano i numerosi ritrovamenti di manufatti del periodo ellenistico e la fama dei tesori del Lucus Feroniae, che attirò anche Annibale, il quale nel 211 a.C. saccheggiò il santuario. Nel periodo imperiale, parte del territorio fu inglobato nel "Patdmonium Caesaris" e aumentarono i latifondi, come dimostrano le numerose Ville sorte nella zona, la più famosa delle quali è la Villa dei Volusii. Infatti, a causa dell’instabilità dell’autorità imperiale e dell’inflazione, che determinò l’abbandono delle città da parte dei nobili, questi si ritirarono nei propri latifondi. Ogni villa del tardo Impero cominciava così, ad avere l'aspetto di quello che doveva essere più tardi, il feudo Medioevale con il suo castello come nucleo centrale e il borgo fortificato, che era chiamato "Castrum".

 

Link correlati

· Contenuti relativi all'argomento Storia : Antica
· Contenuti sottoposti da Lisandro

Contenuto più letto relativo all'argomento Storia : Antica:
· La legione romana

Ultimi contenuti sull'argomento Storia : Antica:
· Battaglia del fiume Trebbia

Visualizza pagina stampabile  Segnala questo contenuto ad un amico



  • I sostenitori di Modellismo Più

  • I sostenitori di Modellismo Più sono quegli operatori del settore che, a titolo non oneroso per il sito, mettono a disposizione i kit che come premio vanno ai vincitori delle nostre Campagne, ci consentono di organizzare i nostri eventi o ci concedono uno stand dove i nostri Utenti possono ritrovarsi durante lo svolgimento di alcune manifestazioni a carattere modellistico.