Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Mostre & C.
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Shopping su Amazon
Sapevi che acquistando su Amazon puoi aiutare M+?

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Chi è online
Visitatori:239
Utenti registrati:2
M+ Club chat:
Utenti on-line:241
 Utenti registrati:6514

Utenti collegati:
GiorgioBis
massoerratico
Ultime visite:
matte da 7'
frank1959 da 8'
GMSVERONA da 12'
Andrea da 23'
AndRoby da 28'
ziochicchi da 31'
maucrifra da 32'
lagu da 34'
martelli62 da 36'
Riccardo&nbs... da 39'
Barbarigo da 41'
delibar da 47'
gizpo da 53'
Ste77aerei da 59'
AAV7 da 1h 1'
tonycat66 da 1h 19'
Michele Raus da 1h 27'
Niceleg da 1h 31'
gidesa da 1h 32'
wazovski da 1h 36'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
Inviato da Giulio_Gobbi il 21/10/2005 02:11:09 (2511 letture)

Aerei ed elicotteri : Schede tecniche
Il Sea Fury è l’ultimo di una lunga stirpe di caccia inglesi progettati dalla Hawker cominciata con il Fury biplano degli anni ‘30 e passata attraverso l’Hurricane, il Typhoon ed il Tempest. Il destino ha voluto che questo caccia, pensato e voluto dalla RAF, sia entrato in servizio con la Royal Navy.





Le sue origini risalgono al 1942, quando l’Air Ministry emise una specifica per un caccia a lungo raggio per operare contro i giapponesi nel sud est asiatico. La specifica F6/42 sembrava in grado anche di soddisfare una richiesta della Royal Navy per dotare la FAA di un caccia imbarcato a lungo raggio.
Nel frattempo, una variante del Tempest alleggerita, con l’apertura alare leggermente ridotta e un motore radiale
Bristol Centaurus stava facendo le sue prime prove di volo.
Il “Tempest light” venne scelto come base per il nuovo caccia.
Nel 1943 il progetto fu ufficializzato e fissato un fabbisogno iniziale di 400 esemplari, 200 per la RAF e 200 per la FAA.

Descrizione
L’Hawker Sea Fury è un monoplano monomotore ad elica, con l’ala in posizione bassa, monoposto, carrello retrattile nelle ali, ruotino di coda retrattile, di costruzione interamente metallica.
L’ala è interamente metallica, la sezione esterna di ogni semiala e ripiegabile verso l’alto, le seminali presentano un leggero diedro positivo.
La fusoliera si divide in due sezioni: quella anteriore ospita il posto di pilotaggio con tettuccio a goccia scorrevole all’indietro il castello motore, il motore e l’attacco delle ali.
La parte finale comprende la deriva, i piani di coda e il ruotino.
Il carrello è retrattile a scomparsa totale nelle ali, le ruote sono singole, è dotato di pompa a mano per abbassarlo in emergenza, il ruotino è sterzante.
Il motore è un radiale Bristol Centaurus da 3600 Hp , dotato di elica pentapala.
L’armamento prevede quattro cannoncini Hispano da 20mm nello spessore alare sparanti al di fuori del disco dell’elica, punti di attacco subalare per due serbatoi supplentari o due bombe da 250 Kg a caduta libera od otto razzi non guidati.

Lo sviluppo

MkX ed FB11
Rispetto al Tempest, il Fury aveva la fusoliera ingrandita per accogliere una maggior quantità di carburante, ed era prevista fin dall’inizio l’installazione di un paio di serbatoi sganciabili in volo.
Nel novembre del 1944 volò il prototipo per la RAF seguito da altri tre tutti con motori diversi, Rolls Royce Griffon , Napier Sabre e due versioni del radiale Bristol Centaurus, che fu scelto.
Nel Febbraio del 1945 volò il prototipo navale, il primo a montare un’elica a cinque pale, per assorbire meglio la mostruosa potenza del Centaurus .
Emerse subito una spiccata tendenza ad imbardare durante il decollo, quindi la deriva vene ingrandita rispetto a quella del Tempest, poi seguirono diversi problemi al motore, l’aereo fu pronto solo alla fine di Febbraio del 1945.
Le cose erano cambiate parecchio rispetto al 1942, l’ordine della RAF fu cancellato, quello della RN dimezzato, l’aereo ribattezzato Sea Fury.
Le prove di volo e di decollo ed atterraggio da portaerei cominciarono solo il 31 Gennaio 1946 ed evidenziarono tutta una serie di problemi, soprattutto di stabilità direzionale durante il decollo e l’atterraggio, che furono in gran parte risolti.
Nel Febbraio del 1947 le prove terminarono ed i primi 20 Sea Fury MkX, armati con quattro cannoncini Hispano da 20mm, consegnati. Nel marzo del 1948 i quattro principali Sqd da caccia della RN, 802, 803, 805, 807 erano operativi sul nuovo caccia.
Nel frattempo tutti i MkX, erano convertiti al FB11, che trasformava la macchina in caccia-bombardiere, l’unica modifica necessaria era l’installazione di quattro punti di attacco sotto ogni semiala, per bombe o razzi. Con altri tre Sqd sul nuovo aereo, 801, 804, 808, ed un totale di 615 (729 totali) velivoli costruiti, le consegne per la RN furono esaurite.








T Mk20
Nel 1947 il governo l’Iraq, espresse un certo interesse per una versione biposto da addestramento del Sea Fury, in vista di un possibile ordine per la versione “terrestre” del caccia. Considerato che la variante poteva interessare anche la RN, la Hawker trasformo in biposto un FB11 ed il prototipo volò nel Gennaio del 1948 armato con due cannoni invece di quattro.
Oltre alla cabina, con allievo-istruttore in tandem, le modifiche includevano il ruotino di coda fisso e non più retrattile e l’installazione di un vistoso periscopio per l’abitacolo dell’istruttore, constatato che la visibilità posteriore era nulla. 61 T20 furono costruiti, e il trainer venne giudicato in maniera molto positiva da tutti gli istruttori che lo impiegarono.



Impiego Operativo

Gran Bretagna
I Sea Fury inglesi salirono alla ribalta durante la guerra di Corea. Il conflitto che vide la Royal Navy impegnata in modo pesante, fu curiosamente snobbato dai media inglesi, in patria era considerato alla stregua di una operazione di polizia. Le portaerei HMS Theseus, Glory, Triumph, Ocean, Unicorn e HMAS Sidney furono impiegate e tutte con a bardo Sea Fury e Fairey Firefly..
I primi Sea Fury ad arrivare in Corea furono quelli della Theseus che il 5 Ottobre 1950 rimpiazzarono i Supermarine Seafire della Triumph. Gli squadron prima di essere rimpatriati compirono 3489 sortite perdendo sortite 8 aerei e 6 pilotii fra cui un comandante di Sqd.
Il 9 Agosto 1952, si svolse uno dei pochissimi combattimenti in cui il Sea Fury ebbe a che fare con il Mig15, e l’esito a sorpresa, viste anche le forze in campo, fu merito oltre che alle ottime caratteristiche di volo manovrato del Sea Fury, anche dal superiore addestramento dei piloti inglesi rispetto ai loro rivali. 8 Mig15 attaccarono una formazione 4 Sea Fury. Il combattimento fu breve, i Sea Fury riportarono due vittorie senza subire perdite, una sola venne confermata ed accreditata al Lt Paul Carmichael sul Sea Fury WJ232-114-O, il secondo Mig fu considerato probabilmente abbattuto.
Il 1 Settembre 1952 la Glory rileva la Ocean effettuando in questo turno operativo 1666 missioni ma perdendo 6 aerei e d i loro piloti, di cui la metà ad opera dei Mig15.
Anche a causa delle pesanti perdite, dal Gennaio del 1953 fino all’armistizio il 26 Luglio dello stesso anno fu in servizio di nuovo la Ocean, che perse due Sea Furysolo un aereo.
Il 28 Aprile 1951 arrivò il turno della Glory, 2892 sortite e 6 aerei persi.
Il 1 Settembre 1951 tocca agli australiani della Sidney, 1623 missioni dieci aerei persi e tre piloti uccisi.
In attesa della Ocean, la Glory ebbe un nuovo turno rimpiazzando la Sidney dal 1 Febbraio 1952, con 689 missioni.
Il 2 Maggio 1952 arriva la Ocean, 2900 sortite sei aerei e due piloti persi, fino al termine del conflitto.

Il Sea Fury si dimostrò un ottimo assaltatore, buon incassatore e avversario di rispetto anche per i più moderni MIG15,il rateo di lanci e rientri era di circa 50 aerei al giorno, il tempo di riarmo e rifornimento tra una missione e l’altra era inizialmente di tre ore, e scese a meno della metà alla fine della guerra

Canada
Il Canada scelse l’FB11 per riequipaggiare i suoi due Sqd da caccia imbarcati, nel Gennaio del 1948 tre MkX furono consegnati per le prime prove. Accettato l’aereo, 39 Fb11 furono ordinati e consegnati. I Sea fury canadesi videro un brevissimo impiego imbarcato sulla HMCS Magnificent e sulla HMCS Hearwater, vennero basati a terra fino al 1956 quando furono rimpiazzati dagli Mdd F2H Banshee. Nessun Sea Fury Canadese fu perso in incidente, tre esemplari furono venduti a civili con marche canadesi, altri tre negli Stati Uniti.

Australia
13 FB11 furono consegnati ed imbarcati HMAS Sidney nell’Agosto del 1948 equipaggiando lo Sqd 805, altri tredici consegnati nell’Aprile 1950 per lo Sqd 808. Entrambi gli Sqd furono impiegati in combattimento in Corea nel 1951. Gli aerei superstiti furono tutti radiati fra il 1954 ed il 1958.

Olanda
Nell’anteguerra, la marina olandese in virtù anche delle vaste colonie asiatiche all’epoca possedute, era una forza molto consistente. Alla fine della guerra, una delle priorità fu quella di ricostituire tale forza, e per la componente aerea imbarcata, di cui l’Olanda si dotava per la prima volta, venne scelto il Sea Fury. Nell’ottobre del 1946 10 Fb11, ribattezzati FB50, furono consegnati ed imbarcati sulla HrMs Nairana, seguiti quattro anni dopo da altri 13 esemplari, a cui vanno sommati altri 23 aerei costruiti su licenza dalla Fokker. In servizio fino al 1959, furono rimpiazzati dall’Hawker Sea Hawk.

Pakistan
Il primo Sea Fury Pakistano, fu ordinato nel 1947 al momento della dichiarazioni di indipendenza del paese, ma solo tre esemplari erano stati consegnati alla fine del 1949 su un ordine di 50. Alla fine del 52,l’ordine era stato aumentato ad 86 apparecchi tutti consegnati. Nel 1953 altri 5 FB11 ex RN piu 5 T20 nuovi furono acquisiti, con 3 Sqd equipaggiati sul caccia.
Fra il 1956 ed il 1957 furono rimpiazzati del NA F86E Sabre e dal Lockheed F104A Starfighter.

Iraq
L’Iraq ordinò nel Dicembre del 1946 30 FB11 e quattro T20. L’ordine fu evaso del Dicembre del 1951, i t20 furono ridotti a due esemplari, gli altri due girati al Pakistan.
I Sea Fury Iracheni erano diversi dagli altri, in quanto completamente denavalizzati e ribattezzati Bagdad Fury. Questi aerei furono in servizio fino al 1960, rimpiazzati dagli Hawker Hunter. Quattro di essi furono donati al Marocco e rimasero in servizio dal 1960 al 1962, rimpiazzati da Mig 17.
Nel 1970 una decina di questi aerei furono acquistati da due privati americani David Tallichet ed Edward Jurist, per un loro impiego civile come racer.

Egitto
12 Fb11 furono acquistati nel 1951, furono tutti distrutti al suolo nel 1956 dalle forze anglo-francesi durante la crisi di Suez

Burma
Nel 1957, Burma ricevette 18 FB11 e due T20, tutti ex RN. Tre monoposto furono convertiti in traino bersagli, furono tutti rimpiazzati nel 1966 da Lockheed T33.

Cuba
Nel 1957, il governo del dittatore Batista ordinò 17 FB11 e 2 T20, tutti ex RN ricondizionati dalla Hawker. Con l’avvento di Fidel Castro, i Sea Fury Cubani ebbero diversi problemi, dipendenti dal fatto che molti piloti e specialisti della FAC erano mercenari che avevano lasciato il loro “datore di lavoro”. Dopo un periodo di re-istruzione, gli aerei erano ancora in servizio nel 1961 all’epoca del tentato sbarco contro-rivoluzionario nella Baia dei Porci, è certo che uno di essi riportò una vittoria su un A26 Invader “ribelle”, ed in un attacco coi razzi il Maggiore Carrera-Rolas, danneggiò gravemente il mercantile Houston che fungeva da base logistica per i ribelli anti-castristi. Un A26 riusci’ durante un combattimento a danneggiare un Sea Fury., un altro B26 venne “salvato” dall’intervento di un A4 Skyhawk privo di insegne, decollato dalla USS Essex, che fece desistere il pilota castrista da ogni tipo di velleità offensiva.
Una curiosa vittoria la ottene un Curtiss C46 Commando ai danni di un FB11, dopo aver sganciato rifornimenti ai ribelli, il C46 fu attaccato, ma il pilota scese fino a pelo degli alberi, e sapendo di avere una velocità diu stallo inferiore a quella del Sea Fury, rallentò fino al punto che il pilota castrista stallò e cadde in mare. La vittoria non è a mio avviso da attribuire alle capacità del pilota del trasporto, quanto all’incapacità del pilota castrista il Cap. Ulloa, di usare il proprio aereo.
Due di essi sono preservati in Museo a Cuba.

Germania
10 T20 furono ordinati nel 1958 dalla Luftwaffe e consegnati nel 1960 come traino bersagli, tutti presi in carico dal ministero dei trasporti tedesco e recanti matricole civili, montavano un apparato per il traino bersagli di fabbricazione Svizzera, montato sugli aerei dalla Hawker.
Altri 6 FB11 ex olandesi arrivarono nel 1962. Tutti gli aerei, tranne 5 monoposto persi in incidente erano operativi nel 1975, anno in cui furono radiati.
Sono stati tutti rivenduti a privati in Inghilterra e Stati Uniti, due conservati in Museo.

I Racer

Il Sea Fury ha una solida fama e lunga storia come racer (aereo da corsa), iniziata nel 1962 e che ancora continua. I racer basati sul Sea Fury sono uno diverso dall’altro ed incorporano tutti modifiche più o meno pesanti rispetto all’originale, Aerei come “Miss Mercedes”, “Critical Mass”, “Dreadnought”, “September Fury”, “Riff Raff”, “Furious”, “Cottonmouth”, sono famosi fra gli appassionati delle gare aeree che ogni anno si tengono a Reno negli USA, e sono i rivali da sempre dei Mustang modificati.

Caratteristiche tecniche:
I dati si riferiscono alla versione Fb11

Motore: 1 Bristol Centaurus XVIII da 2480 hp
Equipaggio: 1 Pilota
Apertura Alare: 11,71 m, 4,90 con le ali ripiegate
Lunghezza:10,57 m.
Altezza:4,46 m.
Velocità max: 736 Kmh a 5500 m.
Tangenza:10920 m.
Autonomia: 1600 km senza serbatoi esterni.
Armamento: 4 cannoncini Hispano da 20 mm, 2 bombe da 250 kg oppure otto razzi non guidati.

 

Link correlati

· Contenuti relativi all'argomento Aerei ed elicotteri : Schede tecniche
· Contenuti sottoposti da Giulio_Gobbi

Contenuto più letto relativo all'argomento Aerei ed elicotteri : Schede tecniche:
· Schede tecniche: Fiat G55 Centauro

Ultimi contenuti sull'argomento Aerei ed elicotteri : Schede tecniche:
· De Havilland DH106 Comet

Visualizza pagina stampabile  Segnala questo contenuto ad un amico



  • I sostenitori di Modellismo Più

  • I sostenitori di Modellismo Più sono quegli operatori del settore che, a titolo non oneroso per il sito, mettono a disposizione i kit che come premio vanno ai vincitori delle nostre Campagne, ci consentono di organizzare i nostri eventi o ci concedono uno stand dove i nostri Utenti possono ritrovarsi durante lo svolgimento di alcune manifestazioni a carattere modellistico.