Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Mostre & C.
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Shopping su Amazon
Sapevi che acquistando su Amazon puoi aiutare M+?

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook
Twitter

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Chi è online
Visitatori:285
Utenti registrati:2
M+ Club chat:1
Utenti on-line:287
 Utenti registrati:6450

Utenti collegati:
Silvano
Fabio
Ultime visite:
Pierpaolo da 5'
ABC da 13'
anto93 da 16'
wazovski da 17'
Hoot da 20'
BEPPEPANZER da 25'
ivancola da 29'
RobertoC da 29'
ayrton da 35'
Luciano Maffeis da 43'
Ettore da 44'
Francesco92 da 50'
Daniel62 da 52'
lowland da 52'
Jetstream da 1h 3'
2S6M da 1h 7'
AAV7 da 1h 9'
alberto66 da 1h 28'
Oppiogod da 1h 30'
Barbara da 1h 36'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
Veicoli civili : Articoli : Ferrari 312 B3 (1974) 1/43
Inviato da Giulio_Gobbi il 11/5/2004 14:51:42 (2365 letture)

Veicoli civili : Articoli
La 312 B3 del 1974 era senza ombra di dubbio la vettura migliore della stagione di F1 del 1974, la coppia di piloti composta da Clay Regazzoni e Niki Lauda era forte e affiatata, entrambi venivano dalla BRM, per cui avevano gareggiato l'anno precedente, per Regazzoni si trattava di un ritorno a Maranello, Lauda era un giovane austriaco sconosciuto, ma fortemente voluto da Regazzoni in squadra.




Comunque non riusci’ a vincere il titolo, Regazzoni lo perse per un soffio all'ultima gara, a favore della McLaren-Ford M23 di Emerson Fittipaldi. L'ultima gara si disputava nel mitico, veloce e pericoloso circuito americano di Watkins Glen, arrivarono in quella gara in testa alla classifica con 52 punti, Regazzoni e Fittipaldi, terzo Jody Schekter, sulla Tyrrell-Ford 007 con 45, e teoricamente in grado di vincere il titolo.
La gara per la Ferrari fu un disastro, vinse la Brabham-Ford BT 44 di Carlos Reutman, Fittipaldi fu quarto, Regazzoni solo undicesimo, Scheckter ritirato.
Inspiegabilmente sia durante le prove che in gara, entrambe le monoposto furono afflitte da problemi agli ammortizzatori e alle gomme.
Il 1974 fu l'anno del ritorno alla competitività della Ferrari, l'anno del debutto di Luca Montezemolo come Direttore Sportivo, del ritorno di Mauro Forghieri alla direzione tecnica della squadra, della scelta di impegnarsi solo sulla F1.
In quella stagione il binomio Lauda/Ferrari si dimostro quello piu' veloce, l'austriaco infatti, vantava il record dei numeri di giri in testa, 338 in quindici gare, ma in solo due occasioni Lauda riusci a vincere, diversi furono i ritiri dovuti alla sua irruenza, alla fine fu solo quarto in classifica.
Regazzoni fu secondo con 80 giri in testa, una vittoria, ed un numero impressionante di piazzamenti, Fittipaldi campione del mondo con appena 67 giri in testa ma con ben tre gare vinte,
Scheckter vinse due gare, fece 77 giri al comando e fu terzo.
La 312 B3 del 1974, era frutto di una estesa riprogettazione della B3 del 1973, era propulsa da un motore boxer a 12 cilindri da 490 CV, il telaio originario era di tipo monoscocca progettato e costruito in Inghilterra per conto della Ferrari da John Thompson, Forghieri lo riprogettò completamente e tornò alla tipica soluzione costruttiva Ferrari, un telaio in tubi di alluminio irrobustito con fazzoletti di lamiera chiodata. I radiatori che nella B3 originaria erano nel muso, furono allungati, e disposti trasversalmente sulle fiancate, la presa d'aria del motore venne rialzata e profilata, in modo da non interferire con l'alettone.
Questa vettura permise di acquisire tutta una serie di esperienze che culminarono nelle successive vetture della serie "T", che fra il 1975 e il 1980 portarono a Maranello quattro titoli mondiali costruttori e tre piloti.

Il modello
Sono entrato in possesso, durante una visita da Criel Model a Roma, di un modello in metallo bianco della CAR, risalente credo agli anni 80. Sono rimasto positivamente sorpreso dalla pulizia dello stampo e dalla finezza dei pezzi, all'altezza nonostante gli anni, dei modelli attuali, in modo particolare dagli interni e dal blocco motore, le bave di stampaggio sono ridotte al minimo, e comunque nulla che non possa eliminato con limetta e carta abrasiva, l'uso dello stucco è nullo, assolutamente zero.
Certo, non si tratta di un pezzo super high-tech, ma è di quelli che personalmente prediligo, perché offrono una base di partenza valida e corretta, e permettono di dare sfogo alle mie velleità di dettaglio autocostruito.
Con una buona documentazione fotografica, facilmente reperibile su internet, è possibile fare un ottimo lavoro di superdettaglio degli interni e del motore, mancano i vari cavetti elettrici di cui io mi sono limitato a rifare in filo di rame e sprue filato solo quelli principali, e un paio di scatole nella zona motore, ma comunque nulla di stratosferico, ho sostituito i dischi dei freni con altri in plasticard realizzati con una fustellatrice, e i terminali dei tubi di scarico con dei tubicini ricavati dalla guaina esterna di un doppino telefonico.

C'è anche un minuscolo foglio di fotoincisioni, relativo alle paratie esterne delle ali, quattro pezzi in tutto, ben fatti e coretti come il resto.
Molto belle le ruote in gomma, ottimo nonostante gli anni il foglio di decals della Cartograf, stampato a registro e molto nitido, le decals si sono staccate tranquillamente dal loro supporto e hanno reagito bene ai soliti emollienti. Per posizionare le varie scritte ed altri dettagli minori, conviene fare affidamento sulle foto, le scritte ed alcuni particolari aerodinamici cambiavano di Gran Premio in Gran Premio, quindi occhio!!!!
Data l'eseguità delle superfici, il modello è stato dipinto a pennello utilizzando gli ottimi acrilici della Gunze, e lucidato con più mani di cera per pavimenti pure a pennello.

Le ali in metallo naturale non sono verniciate, sono state lucidate prima con del polish per metalli specifico per l’argento, e poi trattate con la cera, che sigillandole ne previene l’ossidazione.
Il modello adesso non è nella mia vetrina ma fa parte di una collezione privata.
Considerata la qualità di questo pezzo, sto cercando di procurami anche il resto della produzione della CAR, (pochi pezzi in tutto) sicuramente all'altezza di questa Ferrari.

Altre immagini sono nella galleria dei modelli.

 

Link correlati

· Contenuti relativi all'argomento Veicoli civili : Articoli
· Contenuti sottoposti da Giulio_Gobbi

Contenuto più letto relativo all'argomento Veicoli civili : Articoli:
· Due veterane Harley “diverse”

Ultimi contenuti sull'argomento Veicoli civili : Articoli:
· Due piloti e un Record: La “Thunderbolt” e il record di velocità su terra.

Visualizza pagina stampabile  Segnala questo contenuto ad un amico



  • I sostenitori di Modellismo Più

  • I sostenitori di Modellismo Più sono quegli operatori del settore che, a titolo non oneroso per il sito, mettono a disposizione i kit che come premio vanno ai vincitori delle nostre Campagne, ci consentono di organizzare i nostri eventi o ci concedono uno stand dove i nostri Utenti possono ritrovarsi durante lo svolgimento di alcune manifestazioni a carattere modellistico.