Modellismo Più -- Forum
 
  Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Modellazione 2-3D
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

M+ Shop locator

Chi è online
Visitatori:357
Utenti registrati:2
M+ Club chat:
Utenti on-line:359
 Utenti registrati:6928

Utenti collegati:
GP1964FG
yago
Ultime visite:
Pierpaolo da 12'
Francesco92 da 15'
Gigi3osei da 20'
spillone da 24'
alinus777 da 26'
marcellodandrea da 28'
ta152h da 30'
frank1959 da 32'
Silvano da 40'
sKizzo da 40'
tapiro da 42'
Portos da 51'
joe da 54'
centauro66 da 1h 15'
Oberst_Streib da 1h 16'
arie56 da 1h 25'
Tomcat71 da 1h 29'
mporreca da 1h 35'
maurozn da 1h 49'
F104 da 1h 53'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
/  Indice forum
   /  W.I.P. Aerei ed elicotteri
/  IA-58 Pucarà di Kinetic in 48
Stampa topic 
Visualizza:  Vai a ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 8 | Pagina successiva )

Paolomaglio IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Generale di squadra aerea




Registrato dal: 9/3/2014
Interventi: 7208
Da: Riccione


Offline  

 Livello: 58
15843 / 15843
7589 / 7600
153 / 373
Ed ora qualcosa di completamente diverso, so che ne avrete visti a bizzeffe su altri siti ma mi pare di essere il primo su queste pagine...
Il modello è a poche ore di distanza quindi comincio con un pochito di storia.
Nell'agosto del 1966 la Fuerza Aerea Argentina emette una specifica per un aereo COIN, la data è molto importante e spiega tante cose: la specifica fu emessa a meno di due mesi dalla presa del potere dei militari con uno dei tanti golpe che ahnno afflitto quella nazione. Dico questo, che è un parere personale, perchè l'Argentina non aveva nessun bisogno di difendersi dalla guerriglia, non c'erano vietcong nelle foreste o indios da sterminare, lo scopo neanche tanto nascosto era quello di poter avere un velivolo da poter usare contro la popolazione in caso di rivolte!
Furono presentati due progetti realizzati da ufficiali dell'Aeronautica, uno era una copia quasi esatta dell'OV-10 americano, l'altro, quello che fu scelto, aveva ala bassa e stabilizzatore di coda molto alto.
Per studiare la formula aerdinamica fu realizzato un "planeador" in legno, un aliante della cui realizzazione si occupò nientemeno che l'ing. HORTEN, il padre dei velivoli tutt'ala della Luftwaffe!



Il planeador consentì di affinare il disegnoe il brutto anatroccolo iniziale cominciò a trasformarsi in un cigno molto elegante. Mancavano tuttavi aancora tutti i componenti interni...

I buoni rapporti con la Turbomeca, i cui motori equipaggivano già diversi velivoli della FAA, portarono alla selezione dell'Astazou come propulsore, la potenza era buona e consentiva il volo anche con un solo motore, la possibilità poi di invertire il passo consentiva atterraggi corti senza necessità di aerofreni che avrebbero aumentato il peso della cellula.

Inutile dire che gli USA tentarono di bloccare lo sviluppo del Pucarà proponendo il Bronco, ma il velivolo argentino, sensibilmente più grosso, era molto più veloce, dotato di armamento fisso più pesante e con una autonomia 4 volte maggiore, il Bronco gli era superiore solo nella capacità di trasporto di carchi di caduta.

Per i sedili eiettabili all'inizo si utilizzarono i SAAB 29, quelli del Tunnan! In verità erano presi dallo GNAT inglese ma si trattava comunque di uno sviluppo dei sedili SAAB. Dal terszo prototipo in poi si passò tuttavi ai più moderni Martin Baker APO-6A.
» 20/5/2021 07:20 Profilo


Mirco Re: IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Maggiore




Registrato dal: 8/5/2004
Interventi: 220
Da: Gallarate


Offline  

 Livello: 13
0 / 392
1069 / 1069
26 / 30
Ollellè ollallà faccelo vedè...
Bello il Pucarà mi è sempre piaciuto.
Da quello che ho visto in rete sembra proprio un bel modello.
Ciao
Mirco

--
"Quelli che si innamorano di pratica senza scienza, son come il nocchiere, ch’entra in un navilio senza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada. Sempre la pratica deve essere edificata sopra la bona teorica.” Leonardo da Vinci
» 20/5/2021 07:55 Profilo


Paolomaglio Re: IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Generale di squadra aerea




Registrato dal: 9/3/2014
Interventi: 7208
Da: Riccione


Offline  

 Livello: 58
15843 / 15843
7589 / 7600
153 / 373
Dal volo del primo prototipo motorizzato alla consegna del primo esemplare di serie ci vollero altri 5 anni di ricerca e sviluppo e fu solo l8 novembre del 1974 che spiccò il volo l'A-501 che mostrava un muso più ungo di 35 cm, certamente più accattivante.
La produzione andò avanti, con alti e bassi, sino al 1993 con la consegna del'esemplare A-603. Fu una produzione molto "atigianale" tanto che nel novembre 1976 risultavano consegnati solo 4 velivoli!



Nel dicembre del 1975 ci fu il primo impiego operativo e, quasi a voler smentire le mie considerazioni iniziali, fu proprio del tipo anti-guerriglia per sedare rivolte nella regione di Tucumàn nella foresta amazonica argentina.
Con 4 Browning da 7,7 e due cannoni da 20 mm il Pucarà si rivelò uno starfer formidabile contro truppe non protette.
Ne seguì un tour di quasi tutti i paesi del sud e centro America per tentare di vendere l'aereo che sembrava l'ideale per i bisogni di quelle nazioni.
Tuttavia, anche con l'aggiunta di un radar, di sistemi IFF e avionica avanzata, negli anni settanta e ottanta il Pucarà non riscosse alcun successo, costava troppo in un momento nel quale erano disponibili tantissimi residuati del Vietnam a prezzi ben più competitivi. Inoltre la presenza di componenti inglesi (sedili e tettuccio), svizzere (cannoni da 20), australiane (pneumatici), americane (avionica e mitragliatrici) e francesi (motori ed eliche) non facilitava l'esportazioni verso paesi considerati a rischio come il Nicaragua.
» 20/5/2021 08:21 Profilo


matte Re: IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Dirigente Superiore




Registrato dal: 14/9/2009
Interventi: 5924
Da: pisa


Offline  

 Livello: 54
12694 / 12694
6387 / 6391
219 / 317
Seguo con piacere, ho fatto diversi anni fa il fratellino in 72 airfix, di questo aereo che mi è sempre piaciuto..... ;-)

--
Ciao
Paolo




mai uonderful galleri
» 20/5/2021 16:06 Profilo


ThunderboltII Re: IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Aluf




Registrato dal: 10/11/2006
Interventi: 2915
Da: Genova


Offline  

 Livello: 42
6046 / 6046
3497 / 3509
109 / 186
Pierpaolo sono mooolto curioso ed intrigato da questo tuo nuovo progetto. "Che da tempo frullava anche nella mia testolina" da quando ho visto gli annunci del modello.
Solo che a differenza tua io ho una produzione parecchio più lenta. Per cui ho lasciato perdere per il momento in attesa di momenti più tranquilli per dedicarmici.
Avendo poi una passione modellistica per le Forze Aeree Argentine, non vedo l' ora di vedere il modello e la sua lavorazione.




--
Сергей Санторо "ThunderboltII" (экс CL всея Руси) Sergey Santorowsky "ThunderboltII" EX "CL di tutte le Russie 2014"      EX "Vice CL" Bombardieri & CacciaBombardieri 2015 - EX "Vice CL Ricognitori Esploratori & Scout 2017"  - Vice CL Velivoli Russia/URSS 2021

  

Sergio ThunderboltII ... Chi è il pazzo! Il pazzo o il pazzo che lo segue? 

 
   
» 20/5/2021 16:52 Profilo Visita il sito Web


euro Re: IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Legatus Legionis




Registrato dal: 24/1/2007
Interventi: 13076
Da: Taranto


Offline  

 Livello: 70
29191 / 29191
14053 / 14064
442 / 587
bello e inusale, ti seguirò


--
 
:-P Vincenzo

Se vuoi vivere momenti di puro terrore visita la vera galleria degli orrori:-P la mia galleria

 

Matricola    M+ 2349
» 20/5/2021 17:31 Profilo


Paolomaglio Re: IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Generale di squadra aerea




Registrato dal: 9/3/2014
Interventi: 7208
Da: Riccione


Offline  

 Livello: 58
15843 / 15843
7589 / 7600
153 / 373
Bene, sono molto contento di vedere molti vecchi lettori e anche qualche new entry su questa pagina, spero di non deludervi, il modello non è stato consegnato ieri come speravo ma oramai è apochi chilometri e confido di averlo nel pomerigio di oggi... nel frattempo vediamo di completare la parte di storia che mi interessa.
Il secondo impiego operativo del Pucarà fu in Patagonia, due Squadron furono inviati alla "fine del mondo" nel dicembre del 1978 quando Cile a Argentina sfirarono la guerra epr una disputa sulla navigabilità del canale di Magellano, per fortuna la tensione si risolse in questo caso senza colpo ferire.

Arriviamo quindi al 1982 e al conflitto delle Falkland. Qui premetto che sono di parte, di parte UK, di parte democrazia contro dittatura militare. Infatti a mio parere l'unico motivo che ebbero i militari al potere in Argentian per invadere le Falkland era quello di unire una nazione prossima alla guerra civile e alla ennesiam rivoluzione. Storicamente non c'è mai stato nulla che legasse quell'arcipelago all'Argentina, era sempre stato inglese, però geograficamente vicino all'argentina e lontanissimo dall'UK. Dal punto vista economico c'erono molti legami con l'Argentina da cui ovviamente provenivano gran parte dei beni di consumo, inoltre molti pastori argentini anavano a lavorare alle Falkland per i propietari terrieri inglesi che avevano bisogno di personale per gestire i grnadi greggi di pecore. Restava il fatto che gran parte degli abitanti fosse inglese e tutte le proprietà fossero inglesi. In Argentina però tutti sentivano (e sentono) quelle isole chiamate Malvinas come una sorta di provincia ribelle da conquistare quanto prima. Così nell'aprile del 1982 le Falkland furono invase confindando sul fatto che la Sig.ra Thatcher aveva da poco decimato la Royal Navy dismettendo l'ultima grande portaerei e il suo gruppo imbarcato composto da Phantom e Buccaneer.
Sulle Falkland esisteva un solo aeroporto appen decente Port Stanley sul quale poterono essere distaccati gli MB339 della Marina e i Pucarà dell'aviazione. I primi 4 Pucarà arrivarono scortati da un Mitsubishi Mu-2, i bimotori da attacco non avevano infatti una strumentazione atta a compiere lunghe traversate oceaniche, il Mu-2 civile servì quindi a trovare le isole...
Grazie al lungo carello con doppie ruote il Pucarà era in grado di operare anche da campi semi-preparati, si riuscì quindi a creare altri due distaccamenti: uno a Goose Green e uno a Pebble Island, un grosso scoglio posto nella parte più settentrionale delle isole.
Dapprima i Pucarà furono usati per riconignizioni a vista cercando di trovare i parà inglesi sfuggiti alla cattura, il terreno molto accidentato e il climma pessimo non facilitarono le operazioni e nessun inglese fu scovato.
In totale arrivarno sulle isole 24 Pucarà, i primi erano stati verniciati in patria in maniera abbastanza accurata con colori tenui, a simulare i licheni, un verde e un sabbia pallidissimi e opachi mentre il ventre era in azzurro acceso.
Di seguito cominciaro ad arrivare macchine ancora nella livrea più diffusa nella FAA ovvero in alluminio anodizzato. Questi aerei spiccavano nettamente sul terreno e non c'era modo di mimetizzarli con alberi o teli, si fecero quindi arrivare vernici con un C-130. Questi colori erano stati rastrellati ove possibile, per lo più da carrozzieri, le tinte spesso erano lucide e non mimetche, il perosnale di terra fece le mescole sul posto cercando di imitare le sfumature usate sui primi esemplari ma ne vennero fuori schemi diversi, dati a pennello, colori più scuri, spesso semilucidi e, causa mancanza di scale, la parte alta della deriva e lo stabilizzatore di coda spesso era lasciato in alluminio. Anche il ventre non venne vernciato per la difficolt di lavorare sotto ai velivoli.
» 21/5/2021 06:44 Profilo


Paolomaglio Re: IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Generale di squadra aerea




Registrato dal: 9/3/2014
Interventi: 7208
Da: Riccione


Offline  

 Livello: 58
15843 / 15843
7589 / 7600
153 / 373
Nel corso del conflitto i Pucarà volarono per 307 ore in in 186 missioni per 46 giorni, tutti andarono persi, distrutti a terra o abbattuti in volo (3 da Sea Harrier e altri dai missili aria-terra), conseguirono un abbattimento aria-aria, un elicottero Wasp, e furono molto efficaci nel respingere gli assalti delle truppe di terra con razzi e napalm, ma soffrirono molto per la mancanza di strumentazione adeguata per il volo in condizioni climatiche avverse. Persero la vita 7 piloti, e 7 meccanici mentre altri 14 rimasero feriti.
Poco noto il fatto che gli inglesi stimassero in maniera particolare i Pucarà, non solo li temevano per l'impatto che avrebbero potuto avere se avessero intercettato degli elicotteri Commando carichi di truppe, ma desideravano anche imposesarsene per poterli usare contro gli argentini perchè anche loro avevano il problema di non poter disporre di velivoli da appoggio tattico sulle isole. Per quanto sopra un reparto dello Special Air Service fu inviato nottetempo a Pebble Island con il compito specifico di spezzare il carrello anteriore dei Pucarà ivi basati. Di seguito i marines si sarebbero impossessati dell'isola e i Pucarà sarebbero stati riparati con carrelli appositamente acquistati dalla Cessna, i motori revisionati da tecnici abilitati ai Jetstream T.1 che montavano le stesse turbine Astazou. Sfortuna volle che i 22 uomini del SAS la notte del 15 maggio trovassero una opposizione superiore al previsto su Pebble Island, i 6 Pucarà furono quindi distrutti senza tante cerimonie per accelerare i tempi del disimpegno.
Alla fine del conflitto almeno 3 esemplari (recuperati a Port Stanley) furono importati in UK, uno fu anche testato in volo e la RAF andò vicina ad emettere una specifica per un velivolo simile, non tanto nel ruolo di appoggio tattico leggero quanto piuttosto in quello di caccia-elicotteri.



Qui una foto dell'esemplare testato a Boscom Down e poi donato al museo di Cosford, dei tre esposti in UK è ovviamente il più integro.
» 21/5/2021 07:08 Profilo


ta152h Re: IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Tenente Colonnello




Registrato dal: 19/4/2009
Interventi: 510
Da: Roma


Offline  

 Livello: 20
944 / 944
1058 / 1061
44 / 52
Ciao Paolo ci sono anche io a seguirti
Bellissima la storia di questo velivolo

Ciao Luca
» 21/5/2021 07:40 Profilo


matte Re: IA-58 Pucarà di Kinetic in 48

Dirigente Superiore




Registrato dal: 14/9/2009
Interventi: 5924
Da: pisa


Offline  

 Livello: 54
12694 / 12694
6387 / 6391
219 / 317
Quello della foto messa da Paolo se non sbaglio è quello che permette di fare la scatola airfix, e che quindi ho fatto me.

--
Ciao
Paolo




mai uonderful galleri
» 21/5/2021 19:39 Profilo

Visualizza:  Vai a ( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 8 | Pagina successiva )

Utenti online: 1 Utenti stanno visualizzando questa discussione
Ci sono 2 utenti online. [ Amministratore ] [ Staff ]
2 Utenti anonimi
0 Utenti registrati:
Stampa topic