Modellismo Più -- Forum
 
  Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Mostre & C.
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Shopping su Amazon
Sapevi che acquistando su Amazon puoi aiutare M+?

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Chi è online
Visitatori:214
Utenti registrati:1
M+ Club chat:
Utenti on-line:215
 Utenti registrati:6574

Utenti collegati:
ModellismoBrocchini
Ultime visite:
Luciano Maffeis da 5'
GP1964FG da 10'
Paolomaglio da 18'
Tomcat71 da 20'
frank1959 da 29'
ABC da 31'
Rizzilla da 32'
grimdall da 41'
maucrifra da 1h 2'
cacciacarri da 1h 8'
BAT21 da 1h 24'
ziochicchi da 1h 32'
joe da 1h 40'
Wanderer da 1h 41'
commissario da 1h 44'
ghello da 2h 13'
Lamb da 2h 18'
matteo44 da 2h 35'
Hoot da 2h 35'
panzer56 da 2h 52'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
/  Indice forum
   /  Altre categorie
      /  Navi & C.
   /  UNA LEGGENDA MONDIALE RACCONTI DI VITA MILITARE
Stampa topic 
Visualizza: 

ThunderboltII UNA LEGGENDA MONDIALE RACCONTI DI VITA MILITARE

Aluf




Registrato dal: 10/11/2006
Interventi: 2607
Da: Genova


Offline  

 Livello: 40
0 / 5277
3062 / 3062
146 / 168

Spero di non aver sbagliato il contesto in cui postare questo articolo preso da Difesa Online. Un paio di giorni fa ravanando tra le pagine e gli articoli, l' ho scovato casualmente, leggendolo mi sono venuti in mente i racconti con cui ci delizia Mauro Uavpredator, al quale chiedo scusa per copiare il modus operandi. Mi sembrava un bel racconto da condividere.


 20/12/18  Fin dalla costituzione della NATO tutte le marine che ne fanno parte usano scambiarsi ufficiali con lo scopo di raggiungere la maggior integrazione possibile, cosa di fondamentale importanza per poter operare in formazioni e flotte composte da navi di tutte le nazioni alleate. Così, come poteva capitare di dover imbarcare un nostro ufficiale su una portaerei americana o una fregata inglese, così poteva capitare che una nostra nave dovesse ospitare ufficiali delle stesse marine.
Una di queste occasioni si verificò agli inizi di questo secolo a bordo di un nostro caccia...

Un baldo capitano di fregata della Royal Navy fu destinato per qualche settimana su una nostra nave per prendere parte ad esercitazioni interalleate. Conosceva poche parole di italiano dato che nella prosopopea anglosassone presupponeva che tutti capissero la sua lingua. Per sua fortuna la nostra gente di mare non solo è abituata a mettere a proprio agio qualsiasi ospite ma mastica anche molto bene l’inglese e così con lui si parlava solo nella sua lingua.
L’ospite, per quanto cordiale si volesse dimostrare, non riusciva a nascondere completamente il suo complesso di superiorità nei confronti degli italiani.
Così, la sera dell’11 novembre di quell’anno si presentò in quadrato ufficiali per la cena in perfetta alta uniforme con tanto di gonnellino. Fu in quell’occasione che tutti seppero delle sue origini scozzesi. Ma nessuno riusciva a capire il perché di quella tenuta da grande cerimonia.
Mentre tutti sorseggiavano il rituale aperitivo lanciando occhiate curiose allo scozzese, il Comandante della nostra nave finalmente gli chiese il motivo di quella tenuta.

Questa sera la Royal Navy festeggia una delle più gloriose vittorie della Seconda Guerra Mondiale” …seguirono attimi di silenzio mentre tutti aspettavano di sapere di quale grande vittoria stesse parlando visto che la sua marina era uscita dalla guerra vincitrice solo per merito degli americani ed aveva perduto un sacco di navi in innumerevoli rovesci alternati da qualche sporadica vittoria in Mediterraneo: “l’operazione Judgement… la mitica notte di Taranto!!!”.

I nostri strabuzzarono gli occhi per la sorpresa. Nessuno si aspettava che un ospite pretendesse così sfacciatamente di festeggiare in casa delle proprie vittime. Nessuno vedeva cosa ci fosse da festeggiare per la morte di decine di marinai sorpresi nel sonno.
Ma siccome l’ospitalità è sacra, durante la cena nessuno ebbe il coraggio di interrompere lo scozzese che celebrava l’avvenimento:
Una portaerei scortata da un’intera flotta di navi e sommergibili, decine di aerei, un gran numero di piloti e qualche migliaio di marinai degli equipaggi. Un enorme dispiegamento di forze e risorse molto bene impiegate (grazie ai servizi segreti) ed anche molto fortunate (condimeteo favorevoli e falle nel sistema difensivo italiano) quella notte avevano sorpreso la flotta italiana all’ancora riuscendo a danneggiare seriamente una nave da battaglia e altre due in modo meno grave. Una specie di facile Pearl Harbour. Bravi!

La serata terminò con un brindisi lanciato dal nostro Comandante a ricordo dei 58 marinai italiani periti nell’attacco. La cosa non fu digerita molto bene dai nostri e il Comandante aveva in serbo una sorpresa per il suo ospite.
Dopo qualche settimana lo scozzese, entrando in quadrato per la solita cena si ritrovò in mezzo ad una quindicina di ufficiali italiani in perfetta alta uniforme: sciarpa, sciabola, decorazioni metalliche ed un calice di champagne in mano. All’apparire dell’ospite tutti lo accolsero con un gran sorriso ed un corale “hip hip hurrà”.
L’espressione flemmatica britannica era sparita dal viso dell’ospite che rimase interdetto per qualche attimo. Poi, con un sorriso forzato chiese cosa mai potessimo festeggiare di cosi importante da giustificare l’alta uniforme per tutti...

Questa sera i marinai italiani festeggiano una delle più gloriose vittorie della Seconda Guerra Mondiale…“ - chiosò il Comandante ripetendo esattamente le stesse parole usate con spocchia dallo scozzese per annunciare la celebrazione della notte di Taranto nella precedente occasione.
L’operazione G.A.3… La notte di Alessandria!!!”. Era il 18 dicembre.

L’ospite sbiancò in viso conscio dello smacco subito non tanto da lui quanto dalla sua celebrata Royal Navy. Scolò rapidamente il suo aperitivo mentre tutti intorno lo guardavano sogghignando e, durante la cena fu il suo turno di ascoltare la celebrazione dell’evento.
Un solo sommergibile, tre vecchi siluri modificati e cavalcati da soli sei uomini coraggiosi in grado di penetrare la più munita base navale inglese e far saltare in aria le due più potenti corazzate della flotta nemica. Un risultato eccezionale raggiunto con risorse insignificanti e che nessuna altra marina del mondo è mai stata capace di eguagliare; frutto non della potenza economica o militare ma soltanto della grande fantasia italiana e dell’ardimento della nostra gente. E pensi che i nostri sei eroi hanno anche consentito di salvare la vita di tutti i marinai inglesi della nave da battaglia da lui minata. Un’autentica leggenda riconosciuta come tale in tutto il mondo. E per rincarare la dose: “si figuri, caro commander, che in Italia non c’era l’uso di celebrare questa come tante altre simili azioni perché sono considerate ordinaria amministrazione e semplice compimento del proprio dovere in ossequio al nostro giuramento, mo proprio lei, il mese scorso ci ha fatto capire il valore assoluto della nostra gente e l’importanza di ricordarlo al mondo.”
Fu così, credo che la consuetudine di celebrare la notte di Alessandria partì da quella nave il cui nome è “Luigi Durand de la Penne”.
Il brindisi finale fu il colpo di grazia per l’orgoglio anglosassone: “quindi non essendoci vittime inglesi da onorare, per merito dell’italiano di cui questa nave porta il nome, il brindisi è in onore del coraggio e della innata cavalleria del marinaio italiano di tutti i tempi… prosit !”

liberamente tratto da un racconto di Marcello Bernard

--
Сергей Санторо "ThunderboltII" (экс CL всея Руси) Sergey Santorowsky "ThunderboltII" "EX CL di tutte le Russie" - EX "Vice CL" Bombardieri & CacciaBombardieri - Vice CL Ricognitori Esploratori & Scout 2017

 
Sergio ThunderboltII ... Chi è il pazzo! Il pazzo o il pazzo che lo segue?  :-o :roll:
   
» 13/3/2019 13:55 Profilo Visita il sito Web


joe Re: UNA LEGGENDA MONDIALE RACCONTI DI VITA MILITARE

Tenente




Registrato dal: 27/10/2004
Interventi: 49
Da:


Offline  

 Livello: 5
10 / 86
810 / 811
11 / 13
Bellissimo, grazie Thunder.
Grandissimi uomini, ricordiamolo sempre, i 6 nostri incursori della Marina...e anche gli sciatori inglesi che su traliccio volanti quali erano gli Swordfish si lanciavano all'assalto delle navi nemiche (vedi Bismarck).
Gente di altra pasta, altri tempi, altro spessore.
» 14/3/2019 08:10 Visita il mio spazio Profilo

Visualizza: 

Utenti online: 1 Utenti stanno visualizzando questa discussione
Ci sono 2 utenti online. [ Amministratore ] [ Staff ]
2 Utenti anonimi
0 Utenti registrati:
Stampa topic