Modellismo Pi -- Forum
 
  Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Modellazione 2-3D
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novit dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I pi recenti
I pi letti
I pi attivi
I pi recenti (arg.)
I pi letti (arg.)
I pi attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Pi scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

M+ Shop locator

Chi online
Visitatori:163
Utenti registrati:3
M+ Club chat:
Utenti on-line:166
 Utenti registrati:7054

Utenti collegati:
Paolomaglio
Barbarigo
VanBasten
Ultime visite:
Andrea da 8'
nightfly da 19'
SteveS da 22'
rodwolf da 27'
Daniel62 da 30'
campo da 38'
Jimmy da 40'
bar-ma da 1h 12'
e_pieranto da 1h 15'
Gettaponte da 1h 40'
ppozzo68 da 1h 46'
willydav da 1h 50'
lJUCA73 da 2h
Daniele65 da 2h 18'
Ettore da 5h 58'
GP1964FG da 8h 54'
grimdall da 9h 6'
matte da 9h 23'
jEnrique61 da 9h 25'
spillone da 9h 26'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
/  Indice forum
   /  Gli Uomini della Regia
/  Franco Lucchini ed il suo Macchi C 202
Stampa topic 
Visualizza: 

ivancola Franco Lucchini ed il suo Macchi C 202

Coordinatore




Registrato dal: 13/9/2008
Interventi: 4465
Da: Conversano (BA)


Offline  

 Livello: 49
0 / 9459
5017 / 5017
158 / 256

 

 

Il kit è l'Hasegawa in 1:48 con le decals dedicate proprio a Lucchini



Franco Lucchini nacque a Roma il 24 dicembre 1914.[3] La sua passione per il volo fu stimolata dai racconti di due amici di famiglia come Gian Giacomo Chiesa, direttore della scuola di pilotaggio di Cerveteri, e il colonnello Bertolini, comandante dell'aeroporto di Furbara, poi caduto nei cieli d'Etiopia.[4] Lucchini entrò a far parte della Regia Aeronautica come ufficiale di complemento nel 1935. Ottenne il brevetto di pilota militare presso la Scuola Aeronautica di Foggia nel luglio 1936 e venne in seguito assegnato alla 91ª Squadriglia Aeroplani da Caccia del 4º Stormo.
Nel 1937 Lucchini decise di partire volontario per la guerra civile spagnola. Il 22 luglio si imbarcò a Ostia su un cargo diretto a Cadice. Fu assegnato alla 19ª Squadriglia, 23º Gruppo Caccia Aviazione Legionaria, basato a Torridoe ed equipaggiato con caccia biplani Fiat C.R.32.
Durante il conflitto civile spagnolo, a Lucchini vennero accreditare 5 vittorie aeree, nel corso di 122 missioni di volo. Fu a sua volta abbattuto due volte, la seconda – il 22 luglio 1938 – dai Polikarpov I-16 di scorta, dopo aver fatto precipitare un bombardiere Tupolev ANT-40 (Tupolev SB-2). Lanciatosi con il paracadute, venne fatto prigioniero ma riuscì a scappare nel febbraio 1939.[5] Le sue vittorie in Spagna gli valsero la promozione al ruolo di ufficiale di ruolo effettivo ed una Medaglia di Argento al Valor Militare. Tuttavia il numero dei suoi abbattimenti in Spagna è - secondo alcuni storici - sovrastimato, forse nell'intento di farlo apparire, davanti all'opinione pubblica, come il “Baracca della seconda guerra mondiale”. Secondo alcune fonti, in effetti, in Spagna, Lucchini avrebbe ottenuto solo una vittoria confermata, oltre ad altre in collaborazione con altri piloti.[6]
Al termine della guerra civile Lucchini rientrò al suo reparto d'origine per poi passare alla 90ª Squadriglia dello stesso Stormo Caccia nell'aprile 1940.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, Lucchini era quindi in forza alla 90ª Squadriglia, con il grado di tenente. L'unità del 4º Stormo, dopo essere stata riequipaggiata con il nuovo caccia Fiat C.R.42, venne inviata in Africa settentrionale. Qui l'11 giugno 1940, Lucchini volò per la prima missione di guerra a protezione di Tripoli. Il 21 giugno, attaccava uno Short Sunderland, già intercettato senza risultato da un altro Fiat C.R.42 e da due C.R.32 al largo di Tobruk. Lucchini colpì l'imponente (oltre 34 metri di apertura alare) idrovolante inglese, lasciandolo con due motori che fumavano. Non ne rivendicò la distruzione ma due giorni dopo, dalla base navale di Bardia comunicavano che un aereo di quel tipo era stato trovato affondato, con pesanti danni e solo un membro dell'equipaggio sopravvissuto, anche se ferito. Pur essendo una vittoria di Lucchini, l'abbattimento fu attribuito anche agli altri tre piloti (in realtà con ogni probabilità il quadrimotore attaccato da Lucchini era il Sunderland L2160/X del 230 Squadron che rientrò alla base di Alessandria d'Egitto pesantemente danneggiato da pallottole esplosive).[6] Cinque settimane dopo, il 28 luglio, Lucchini (con il sergente Giovanni Battista Ceoletta della 90a Squadriglia e Giuseppe Scaglioni della 84a Squadriglia) decollava da El Adem, per intercettare una formazione di Bristol Blenheim. I tre piloti italiani abbattevano quindi il Blenheim (K7178) del 30 Squadron della RAF, che si schiantò al suolo uccidendo tutto l'equipaggio, e danneggiavano pesantemente un altro Blenheim del 113 Squadron RAF.[6]
Nella grande battaglia aerea del 4 agosto 1940 sulla Ridotta Capuzzo, Lucchini, abbatteva un Gloster Gladiator con 385 colpi, nei pressi di El Adem, molto probabilmente quello pilotato dal Flight Lieutenant Marmaduke Pattle "Pat", destinato a diventare uno dei più grandi "assi" alleati, con circa 50 aerei abbattuti (e con il più alto numero di velivoli italiani distrutti nella seconda guerra mondiale) che del suo abbattitore notò come fosse un eccezionale tiratore, in grado di calcolare con grande accuratezza la traiettoria dei proiettili e quella dell'aereo avversario. Durante questo primo ciclo operativo in Nord Africa, a Lucchini furono accreditate 3 vittorie aeree individuali e 15 in collaborazione, nel corso di 94 missioni e 13 combattimenti aerei.
Fu decorato con una seconda Medaglia d'argento al Valor Militare e due Medaglie di Bronzo al Valor Militare.
Agli inizi del 1941 la 90ª Squadriglia venne inviata in Italia per essere riequipaggiata con i nuovi caccia Macchi M.C.200 e successivamente, il 16 giugno 1941, a Trapani in Sicilia per partecipare alle operazioni contro l'isola di Malta. Lucchini otteneva una nuova vittoria aerea il 27 giugno 1941, abbattendo un Hawker Hurricane. Successivamente condivise molte altre vittorie con i suoi compagni del 4º Stormo.[5]
Nel settembre 1941, Lucchini nuovamente decorato con una Medaglia di Argento al Valor Militare e, nel dicembre dello stesso anno, venne nominato comandante della 84ª Squadriglia, sostituendo il capitano Luigi Monti. Poco dopo la promozione, l'unità venne inviata ad Udine per essere riequipaggiata con i caccia Macchi M.C.202. Il 3 aprile 1942, il 4º Stormo iniziava a tornare in Sicilia, dove era stato basato nel novembre e nel dicembre del 1941, con l'arrivo del 10º Gruppo, proveniente da Roma-Ciampino, a Castelvetrano. L'unità, forte di 26 nuovi Macchi M.C.202, era guidata proprio da Lucchini, al momento accreditato dell'abbattimento di 14 aerei nemici, più uno in collaborazione.[7] Il 9 maggio Lucchini guidò su Malta altri 15 piloti su Macchi 202, di scorta a cinque CANT Z. 1007bis. Trentatré Spitfire attaccarono la formazione. La RAF dichiarò l'abbattimento di 3 bombardieri e un caccia. In realtà tutti gli aerei italiani rientrarono alla base, con solo un "Folgore" colpito da un proiettile da 20 mm. Lucchini (come l'asso Teresio Martinoli e un altro pilota), rivendicò un Supermarine abbattuto, ma la RAF non dichiarò perdite.[8] Il giorno dopo, durante una missione di scorta di 15 Folgore e dieci Reggiane Re.2001 a cinque CANT Z.1007, 18 Spitfire ed altri aerei da caccia britannici attaccarono la grande formazione italiana e Lucchini rivendicò il "probabile" abbattimento di un altro Spitfire.[9] Il 15 maggio, Lucchini decollava con altri 29 Macchi del 9º e 10º Gruppo per scortare tre Savoia Marchetti S.M. 84 diretti a bombardare baraccamenti della Baia di San Paolo. Dopo il bombardamento cinque Spitfire si lanciarono contro i bombardieri ma venivano intercettati dalla scorta e Lucchini ne attaccava uno e lo abbatteva. Subito dopo ingaggiava combattimento con altri Spitfire, mitragliandone "efficacemente" uno.[10]
l 22 maggio 1942 l'intero 4º Stormo, dopo aver riequipaggiato i suoi caccia con filtri di aspirazione tropicalizzati, venne nuovamente inviato in Nord Africa, presso l'Aeroporto di Martuba per partecipare all'offensiva italo-tedesca dal generale Erwin Rommel contro le truppe inglesi. Nel pomeriggio del 4 giugno, Lucchini con altri quattro 202 del 10º Gruppo attacca, nel cielo di Bir Hacheim, una formazione di 30 tra P-40 ed Hurricane: due P-40 (uno da lui) e quattro Hurricane sono abbattuti.[11] Il 17 giugno abbatteva un altro P-40 su Sidi Rezegh.

Il 10 luglio 1942, guidava altri 10 Macchi 202 dell'84a Squadriglia, prima di scorta a dei C.R.42 del 158º Gruppo nell'area di El Alamein, e poi in una missione di caccia libera. Lucchini avvistò una formazione di 15 P-40 e portò la sua formazione all'attacco. I Curtiss formarono un cerchio difensivo Lufbery. Dopo trenta minuti, esaurite le munizioni, i Macchi tornarono alla base. Lucchini rivendicò l'abbattimento di un P-40 (altri sette vennero dichiarati abbattuti dai piloti della sua formazione e della 90ª Squadriglia). Il 5 agosto, guidato dal radar tedesco Freya decollò con una formazione di 12 Macchi della 84a Squadriglia e della 90a Squadriglia, per intercettare dei bombardieri nemici. Venne guidato verso est, fino a 20 km da Alessandria d'Egitto, ma non entrarono in contatto con i bombardieri. Sulla rotta del ritorno, i piloti italiani avvistarono ed attaccarono una quindicina di Hurricane e P-40, abbattendone tre (uno assegnato a Lucchini).[12] Il 2 settembre, alle 06:00, Lucchini era in volo con altri 17 Macchi del 10º Gruppo guidati dal Maggiore Giuseppe D'Agostinis in una missione di caccia libera. Incontrarono due formazioni di 18 Douglas Boston e una di 12, scortati da trentacinque Spitfire sull'area di Bir Mseilikh. Nel combattimento che ne seguì Lucchini dichiarò l'abbattimento di un Boston e di uno Spitfire. Gli operatori del radar Freya, il 20 ottobre tardarono ad identificare una numerosa formazione di aerei alleati e Lucchini, con altri 13 piloti del 4º Stormo, intercettarono 24 Boston e Lockheed Hudson ancora in azione su Fuka, scortati da 30 P-40s e 20 Spitfire. Lucchini danneggiò un Hudson (l'intero 4º Stormo rivendicò l'abbattimento di 24 aerei nemici) ma il suo M.C.202 fu danneggiato da un colpo di cannoncino da 20mm e fu costretto a compiere un atterraggio di emergenza.[13] Il 24 ottobre 1942, Lucchini venne ferito ad un braccio e alle gambe durante una missione di volo. Inviato immediatamente presso l'ospedale di Fuka venne poi rimandato in Italia per un periodo di convalescenza. Durante questo secondo turno in Africa Lucchini meritò una Croce di Ferro di seconda classe conferita dagli alleati tedeschi per il coraggio dimostrato in azione.

All'inizio del 1943 la sconfitta italo-germanica in Nord Africa portò al rischieramento del 4º Stormo in Italia per cercare di contrastare eventuali sbarchi sulle coste siciliane da parte delle forze alleate. Tra i mesi di gennaio e giugno il reparto venne parzialmente riequipaggiato con i nuovi caccia Macchi M.C.205. Lucchini rientrò in servizio nel marzo 1943 e venne promosso al comando del 10º Gruppo. All'inizio di luglio, l'offensiva aerea degli alleati, volta a eliminare ogni opposizione da parte della Regia Aeronautica all'invasione dell'Italia, investe gli aeroporti delle Puglie, della Sardegna e della Sicilia, dove è basato il 4º Stormo. Il 5 luglio 1943, Lucchini, ai comandi di un Macchi M.C.202, decollava alle 10:25, con altri 26 M.C.202 e M.C.205 del 4º Stormo per intercettare 52 bombardieri scortati da una ventina di caccia Supermarine Spitfire, diretti a bombardare gli aeroporti attorno a Catania. Il Capitano Lucchini comandava il 10º Gruppo, formato dall'84a, la 90a e la 91a Squadriglia. Sulla verticale della base aerea di Gerbini, Lucchini, dopo avere abbattuto un caccia di scorta (la sua 26ª vittoria) attaccava la formazione di Boeing B-17 Flying Fortress, che incontrava per la prima volta. Lucchini danneggiava diversi bombardieri, poi veniva visto attaccare un B-17, tra un nugolo di traccianti nemici, prima di precipitare, con il tettuccio chiuso, a pochi chilometri ad est di Catania. Il corpo di Lucchini fu ritrovato due giorni più tardi.
Alla sua morte, Lucchini era stato decorato con cinque Medaglie d'argento al valore militare, una Medaglia di bronzo al valore militare, tre Croci di guerra al valor militare e una Croce di Ferro tedesca di seconda classe. Era stato citato sul Bollettino di Guerra il 5 settembre 1942 e il 6 luglio 1943. Le sue vittorie erano state ottenute in 70 combattimenti aerei nel corso di 262 (secondo altri 294) missioni di guerra.
Nel 1952 venne decorato alla memoria con la Medaglia d'Oro al Valor Militare postuma. La sua salma riposa presso il Sacrario dell'Aeronautica Militare presso il cimitero del Verano, Roma.[14]


 



--
Ivan modellista da sempre (1:48 è la mia scala gli aerei la mia passione)
CMPR
AMMC : IvancolaMaria - matr. n° 3359
 
   
» 8/1/2019 19:07 Visita il mio spazio Profilo Visita il sito Web


angelo Re: Franco Lucchini ed il suo Macchi C 202

Generale di brigata




Registrato dal: 9/5/2004
Interventi: 1754
Da: Belluno


Offline  

 Livello: 35
0 / 3659
2605 / 2605
18 / 130
Anche questo sarà un super soggetto!
Angelo


--
Matricola 80      
» 8/1/2019 19:42 Profilo


3838giuseppe Re: Franco Lucchini ed il suo Macchi C 202

Colonnello




Registrato dal: 3/1/2010
Interventi: 1066
Da: Palmi (RC)


Offline  

 Livello: 28
0 / 2069
1583 / 1583
66 / 87
 Anch'io ho la stessa scatola..., ti seguirò con interesse...!!!


Saluti
Giuseppe



--
“It is not the stronger of the species that survives, nor the most intelligent, but the one most responsive to change.”  
Charles Darwin, 1809-1882 La mia GALLERIA  8-)
» 9/1/2019 20:28 Profilo


Michele Raus Re: Franco Lucchini ed il suo Macchi C 202

Webmaster




Registrato dal: 19/7/2007
Interventi: 10779
Da: Trento


Offline  

 Livello: 66
24010 / 24010
11704 / 11724
291 / 508
Benvenuto nello Speciale, Ivan, e grazie per la lunga presentazione storica, che mi sono letta tutta d'un fiato.
Buon divertimento.



--
» 10/1/2019 11:17 Visita il mio spazio Profilo Visita il sito Web


ivancola Re: Franco Lucchini ed il suo Macchi C 202

Coordinatore




Registrato dal: 13/9/2008
Interventi: 4465
Da: Conversano (BA)


Offline  

 Livello: 49
0 / 9459
5017 / 5017
158 / 256

Quote:
Michele Raus ha scritto: Benvenuto nello Speciale, Ivan, e grazie per la lunga presentazione storica, che mi sono letta tutta d'un fiato.
Buon divertimento.


Grazie Micky


--
Ivan modellista da sempre (1:48 è la mia scala gli aerei la mia passione)
CMPR
AMMC : IvancolaMaria - matr. n° 3359
 
   
» 10/1/2019 12:34 Visita il mio spazio Profilo Visita il sito Web


ivancola Re: Franco Lucchini ed il suo Macchi C 202

Coordinatore




Registrato dal: 13/9/2008
Interventi: 4465
Da: Conversano (BA)


Offline  

 Livello: 49
0 / 9459
5017 / 5017
158 / 256
 prima della sospensione delle attività modellistiche avevo inziato qyesto modello. ora l'ho ripreso



















--
Ivan modellista da sempre (1:48 è la mia scala gli aerei la mia passione)
CMPR
AMMC : IvancolaMaria - matr. n° 3359
 
   
» 21/9/2019 13:01 Visita il mio spazio Profilo Visita il sito Web

Visualizza: 

Utenti online: 1 Utenti stanno visualizzando questa discussione
Ci sono 1 utenti online. [ Amministratore ] [ Staff ]
1 Utenti anonimi
0 Utenti registrati:
Stampa topic