Modellismo Più -- Forum
 
  Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Modellazione 2-3D
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

M+ Shop locator

Chi è online
Visitatori:424
Utenti registrati:5
M+ Club chat:
Utenti on-line:429
 Utenti registrati:6855

Utenti collegati:
ziochicchi
Jar-Jar
G55
stefanoc
VanBasten
Ultime visite:
sandro da 7'
matte da 9'
macchianera da 12'
kicco64 da 17'
euro da 26'
GP1964FG da 28'
caragd da 30'
PhantomPhan da 31'
willydav da 32'
Andrea da 34'
grimdall da 36'
cacciacarri da 40'
kekko79 da 45'
Lamb da 48'
lagu da 52'
anto93 da 56'
nr11 da 1h
alessio64 da 1h
vista85 da 1h 8'
andrea81 da 1h 8'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
/  Indice forum
   /  Altri Work In Progress...
      /  W.I.P. Veicoli militari
   /  Mk IV Male - Tamiya 1/35
Stampa topic 
Visualizza:  Vai a ( 1 | 2 | 3 | Pagina successiva )

Pierantonio Mk IV Male - Tamiya 1/35

Colonnello




Registrato dal: 30/6/2004
Interventi: 1043
Da:


Offline  

 Livello: 28
2067 / 2067
1799 / 1801
43 / 87
Oggi ho iniziato il montaggio del nuovo kit che Tamiya ha dedicato al ben noto carro inglese della Grande Guerra Mk IV.
La storia del veicoli è presente in una miriade di siti internet per cui non sto qui a ripeterla e passo subito al mio progetto.

Il modello rappresenterà una delle tre opzioni offerte dalla scatola ovvero il carro B28 battezzato "BLACK ARROW II" che aveva il numero di registrazione 2080 e combattà durante la battaglia di Cambrai del novembre 1917.
Il carro fu immobilizzato e catturato dai tedeschi il 23 novembre 1917 presso l'abitato di Fontaine Notre Dame a pochi chilometri durante uno dei violentissimi scontri seguiti allo sfondamento del 20 novembre e che ebbero luogo presso questo paesino e il vicino Bourlon Wood.
Il carro apparteneva alla 5 Compagnia della 6^ Sezione. In base al lavoro di Ian Verrinder nel suo libro "Tank Action in the Great War: B Battalion's experiences 1917", l'equipaggio era così composto e questa fu la sua sfortunata sorte:

Sottotenente carrista J.O. Evans, capocarro, caduto in combattimento il 23/11/1917 a Fontaine Notre Dame,
Carrista A. Bates, pilota, caduto in combattimento il 23/11/1917 a Fontaine Notre Dame,
Sergente carrista F. Bailey, cannoniere, caduto in combattimento il 23/11/1917 a Fontaine Notre Dame,
Carrista W. Campbell, cannoniere, caduto in combattimento il 23/11/1917 a Fontaine Notre Dame,
Carrista E. Russell, cannoniere, caduto in combattimento il 23/11/1917 a Fontaine Notre Dame,
Carrista W. Wilson, cannoniere, caduto in combattimento il 23/11/1917 a Fontaine Notre Dame,
Carrista L. Hullett, addetto al cambio secondario, caduto in combattimento il 23/11/1917 a Fontaine Notre Dame,
Carrista G. Hackney, addetto al cambio secondario, disperso in combattimento il 23/11/1917 a Fontaine Notre Dame e mai più ritrovato.

A bordo di Black Arrow II aveva preso posto anche il caposezione, Tenente carrista W.J.G Birnie, anche lui caduto in combattimento il 23/11/1917 a Fontaine Notre Dame.

Desidero dedicare questo lavoro alla memoria di questi carristi caduti nell'adempimento del proprio dovere.

Di questo carro sono presenti alcune immagini in rete ma sul libro delle Tankograd "Beute-Tanks - British Tanks in German Service Vol. 1" ce ne sono ben quattro che lo rappresentano da tutti i lati, ormai in mani tedesche.
A queste farò riferimento precisando fin da subito che sul lato destro sarà presente l'identificativo B28 anche se nelle foto apparirebbe cancellato (forse per motivi di censura?)

Passiamo al modello.
Il kit è già stato recensito su alcuni siti esteri e anche per questo non mi dilungo sulle stamapate che vedete di seguito.
Solo quelche foto dell'assieme, delle istruzioni e del foglio allagato con le livree e alcune informazioni storiche.











Come alcuni sapranno il kit è predisposto per una curiosa motorizzazione ma ovviamente il mio sarà statico.
In ogni caso non ci sono problemi a costruirlo in tal modo tanto che, ad esempio, sia la ruota motrice che di rinvio sono presenti in plastica e vengono indicate nel kit come da non usare a favore di quelle metalliche che servono al movimento. In realtà non è ben chiaro come montarle per cui penso opterò solo per quella di rinvio mentre la motrice resterà in metallo.
Il kit destinato all'espostarzione contiene anche la scatola di figurini dedicata ai fanti inglesi. Devo però dire che la loro qualità non mi ha entusiasmato rispetto ad altre realizzazioni in plastica per non dire di quelle in resina.
Altra cosa che non mi fatto una bella impressione è la forma delle mitragliatrici Lewis che non mi sembra colga bene la caratteristica forma svasata della volata.
Inoltre alcune parti sono in puro stile Tamiya semplificate nella forma o stampate troppo spesse per permettere l'apertura dello scafo per le operazioni sul motore fornito.
La cosa veramente fastidiosa è la mancanza degli estensori dei cingoli che erano invece presenti su Black Arrow II e sicuramente su almeno un altro dei veicoli proposti da Tamiya.
Ho quindi dovuto acquistare il recente kit della Friulmodel dedicato al modello della Hemar ma che vanno anche sul Tamiya dato che la differenza di larghezza dei congoli delle due case e di un solo decimo di millimetro.





Per il momento mi sono limitato a studiare il modello e in base alla documentazione individuare una serie di intreventi da fare e che saranno descritti man mano che la costruzione andrà avanti. Per oggi ho solo dato separato la miriade di ruote e a breve inizierò il lungo lavoro di pulizia e di montaggio del treno di rotolamento edegli estensori.
Fate attenzione perché le parti A3 e A4 hanno un bordo molto sottile ed è molto difficile pulirle senza danneggiarlo. Nel caso fate in modo di allinearle in modo che la parte danneggiata sia all'interno delo scafo.



Attualmente ho anche in arrivo dal Giappone il nuovo modello della Takom dedicato allo stesso carro. Dato che è mia intenzione realizzarlo come un Supply Tank, quindi disarmato, molto probabilmente cederà al modello Tamiya le mitraglitarici Lewis e i loro supporti.
Dal modello Tamiya invece ricaverò delle copie in resina delle dei portelli dei visori anteriori (D19 e D20) perché nel modello Takom sono rappresentati in un sol pezzo mentre solitamente venivano entrambi aperti.

A seguire.

Ciao
Pierantonio
» 19/8/2014 20:12 Profilo Visita il sito Web


vista85 Re: Mk IV Male - Tamiya 1/35

Group Captain




Registrato dal: 7/6/2014
Interventi: 761
Da: Bergamo


Offline  

 Livello: 24
1429 / 1429
989 / 991
63 / 68
Soggetto molto interessante, seguirò con interesse!
Sono curioso anche del confronto di questo kit con il Takom, da quel che vedo con il Leopard sembra che queste due case lavorino in modo molto simile; ottima plastica e incastri, istruzioni chiarissime, scomposizioni intelligenti ma qualche semplificazione sul dettaglio di troppo.
Ovviamente su Tamiya è una certezza mentre con i Takom bisognerà valutare le prossime uscite.

Buon lavoro!

--
» 19/8/2014 22:27 Profilo


Pierantonio Re: Mk IV Male - Tamiya 1/35

Colonnello




Registrato dal: 30/6/2004
Interventi: 1043
Da:


Offline  

 Livello: 28
2067 / 2067
1799 / 1801
43 / 87
Sembra che il Takom non sia tutto rose e fiori.
Mi viene la pelle d'oca pensando a quando inizierò il mio
:-( :-( :-(

Takom Mk IV

Intanto sto andando avanti e inserirò novità appena avrò qualcosa di corposo.
Per il momento posso dire che per qualità di incastri e tipo di plastica siamo al top della Tamiya.
Purtroppo stanno venendo fuori un sacco di punti dove intervenire vuoi perché Tamiya è solita tralasciare alcuni particolari, vuoi perché per consentire la motorizzazione e i conseguenti montaggi e smontaggi, alcune parti hanno spessori inaccettabili.
Penso che in futuro ci sarà mercato per un set di fotoincisioni

Ciao
Pierantonio
» 21/8/2014 19:59 Profilo Visita il sito Web


Pierantonio Re: Mk IV Male - Tamiya 1/35

Colonnello




Registrato dal: 30/6/2004
Interventi: 1043
Da:


Offline  

 Livello: 28
2067 / 2067
1799 / 1801
43 / 87
Questa settimana dovrebbero arrivarmi i due modelli della Takom (Male e Female) e quindi potrò verificare meglio la differenza tre i prodotti delle due case produttrici.
Dubito però Takom possa arrivare alla perfezione degli incastri del Tamiya che mi hanno lasciato veramente impressionato.
Una cosa che salta immediatamente all'occhio confrontando le stampate. è la presenza sul modello Takom degli otto fori posti sulle fiancate interne.



(foto della stampata Takom dal sito Armorama.com)

Di questi fori (nella realtà avevano un diametro di 5,5 pollici) si è discusso alcune volte su Landship Forum senza però risucire a giungere ad una risposta definitiva.
Essi sono presenti sui progetti originali conservati a Bovington ma sui carri consenrvati sembra siano assenti. Poco o nulla si è riusciti a capire dalle foto dell'epoca perché non raffigurano mai chiaramente la zona
Alla fine ci sono solo supposizioni se fossero o meno previsti, se lo fossero e poi eliminati, se alcune fabbriche lo realizzassero e altre no.
Per quanto riguarda i modelli, le fiancate resteranno come le hanno previste i produttori anche perché penso che siano praticamente invisibili a modello finito

Come già accennato ho preparato gli stampi in silicome per i portelli anteriori in modo da poterli inserire sui modelli Takom. Dato che al loro interno erano piatti, per riprodurli basta fissarli su di una base e poi versarci sopra il silicone.



Ho montato la ruota motrice prevista per la motorizzazione (fissate i pezzi con il cianoacrilico altrimenti scappano da tutte le part) e per simulare l'ultima della riduzione finale, che è visibile attraverso il foro d'ispezione, ho adattato quella in plastica che Tamiya prevede come da non utilizzarsi. Takom prevede l'intera riduzione e la trasmissione a catena e nel loro modello la ruota ha il corretto diametro (minore della motrice). Per questo modello penso questo sia sufficiente.
Nella realtà la ruota era doppia ma io riprodurrò solo quella posta vicino al foro.



Per la ruota di rinvio ho utilizzato quella in plastica perché verrà montata nella posizione più avanzata possibile come avveniva in alcuni carri che evidentemente avevano i cingoli un po' lunghi.
Per adattarla al sistema di fissaggio a spina di quelle metalliche è necessario alesare il foro fino a 4 mm.
Probabilmente sarà necessario montare sul cingolo una maglia in più ma questo non è un problema dato che Tamiya fornisce 15 maglie oltre il necessario (87 maglie per cingolo).






Sulla parte superiore dei due cassoni laterali, dove è posta l'unica ruota guidacingolo, si deve riprodurre la chiodatura interna con la piastra verticale cacciafango che ha forma trapezoidale e le cui dimensioni devono essere misurate sul modello in modo da evitare interferenze con il cingolo.







Tamiya ha basato il proprio modello sul rilievo effettuato sul carro di Bovington che ha la carratteristica di avere due portelli sul dorso (freccia rossa nella foto) che i sui carri della Grande Guerra erano assenti. Nessuno sa quando e perché siano stati installati sul veicolo conservato. Takom invece, basandosi sostanzialmente sui disegni per il suo modello, correttamente non li ha riprodotti.
Bisogna quindi procedere fresandoli e spianando il cielo del cofano. Togliete anche i riscontri per la cassa (freccia blu nella foto) dato che non si devono vedere a modello finito.
Se si intende riempire la cassa superiore questo lavoro può essere evitato perché i portelli diventano invisibili.
Se fresando i portelli salta qualche chiodo o bullone, potete recuperarne di nuovi dal ventre del carro dove sono in posizione praticamente invisibile.





Dato che avrei intenzione di inserire alcuni uomini dell'equipaggio, la botola superiore resterà aperta e quindi è necessario assottigliare la plastica ai lati in modo da simulare l'effettivi spessore delle lamiere (in quel punto mi risulta 8 o 12 mm) e poi ricostruire la chiodatura interna. Purtroppo il lavoro di lima rende la parete tindeggiante e quindi bisogna un po' adattare le altre parti ma penso che alla fine la cosa sia accettabile.







La parte posteriore del carro necessita di un certo lavoro soprattutto perché gli spessori della palastica sono a mio parere incompatibili con quelli in scala delle lamiere reali.
Alla fine si tratta di riprodurre i pezzi Tamiya in lamina più sottile facendo però attenzione alla documentazione che si trova facilmente in rete perché i progettisti giapponesi hanno semplificato alcune parti e omesso altre tra cui il supporto del tubo di scappamento, la luce rossa posteriore che fungeva anche da telegrafo ottico per la fanteria al seguito (per ora manca il filo che va fino al foro posto vicino alla sommità della porta laterale) e il carter laterale a protezione della griglia di raffreddamento





Ho iniziato anche ad operare sui due "sponson" laterali in attesa che mi arrivi il Male della Takon dal quale preleverò alcune parti e altre ne clonerò in resina.
Intanto ho riscostruito il labbro delle lamiere e la chiodatura della parte interna delle aperture dei cannoni dato che Tamiya le ha riprodotte del tutto piatte per poterle estrarre dallo stampo.
Diciamo che se da un lato ritengo un'ottima idea aver riprodotto lo sponson in un solo pezzo, dall'altro poca fatica avrebbe costato inserire separatamete le parti orizzontali.
Tra l'altro ci sono anche alcuni ritiri della palstica che costringono a passare prima con lo stucco.







Ora sto lavorando sulla cabina anteriore che avrà i portelli aperti e quindi necessaità di un minimo di riproduzione del lamierato interno e della chiodatura.
Questo sarò oggetto di un prossimo messaggio.

Ciao
Pierantonio
» 24/8/2014 14:37 Profilo Visita il sito Web


Pierantonio Re: Mk IV Male - Tamiya 1/35

Colonnello




Registrato dal: 30/6/2004
Interventi: 1043
Da:


Offline  

 Livello: 28
2067 / 2067
1799 / 1801
43 / 87
Penso che le parti peggiori del kit siano le due rotaie sulle quali scorreva la trave di disincagliamento. Anche sul modello Takom hanno uno spessore norevole ma quelle del Tamiya sono inaccettabili. Ritengo che lo spessore sia dovuto alla necessità di realizzare delle parti suffcientemente robuste per permettere l'apertura del modello per accedere alla motorizzazione. Per far questo Tamiya si è anche inventata un sopporto delle stesse nella parte posteriore che nella realtà non esisteva.
Comunque alla fine ho scelto di sostituire almeno la lama orizzontale che è la più visibile con un listello da 2 mm. Giuntare i tre pezzi non sarà semplice ma vedremo in seguito.













Per gli stessi motivi ho ricostruito anche i supporti delle rotaie posti sul cofano.





I supporti postriori delle reti mimetiche sono stti realizzati con fotoincisioni di recupero. Questi sono i pezzi che Tamiya pensa servissero a reggere le rotaie ma così non era. Servivano per reggere dei pali di sostegno delle reti mimetiche.



Ruota motrice e riduzione finale dipinte con il colore Vallejo Cavalry Brown che in genere ritenuto il miglior compromesso per il primer rosso.



La cabina di guida necessitò di un po' di stucco. Vanno eliminati i supporti laterali delle rotaie e pareggiata la corazza.



Dato che il carro avrà due uomini dell'equipaggio (forse tre) ho dettagliato l'interno della cabina che, a differenza del Takom, presenta un abbozzo dei visori e delle porte per le pistole.





I due visori laterali sono copie in resina di quelli, ottimi, inseriti da Tamiya in altre zone.







Stessa cosa per le sfere dove venivano montate le mitragliatrici Lewis. Il calco è stato realizzato dalle parti Takom.





Stessa cosa per la porta per la pistola per un progetto futuro realtivo al Male della Takom.



Ciao
Pierantonio
» 2/9/2014 22:02 Profilo Visita il sito Web


Pierantonio Re: Mk IV Male - Tamiya 1/35

Colonnello




Registrato dal: 30/6/2004
Interventi: 1043
Da:


Offline  

 Livello: 28
2067 / 2067
1799 / 1801
43 / 87
Prima cosa: il portello anteriore del kit Tamiya va anche sul Takom



Le sfere di supporto delle Maxim della Takom invece si possono montare sul Tamiya



I nuovi visori all'interno della cabina di guida che ora può essere dipinta



Completati i due cassoni lateriali







Usando come dima una riproduzione al CAd dei profili delle rotaie ho giutato i vari pezzi





Altri piccoli interventi sulla cupola posteriore, silenziatore etubo di scarico















Ciao

Pierantonio
» 7/9/2014 10:34 Profilo Visita il sito Web


Hoot Re: Mk IV Male - Tamiya 1/35

Webmaster




Registrato dal: 11/10/2007
Interventi: 16016
Da: Milano


Offline  

 Livello: 75
36838 / 36838
17512 / 17517
228 / 699
bellissimo!
davvero un gran bel lavoro di dettaglio



--
"La vecchiaia incipit"


HootMaria
Campione del Mondo 2011 di Biliardino di Milano e San Mauro a Mare!!!!
Campione del Mondo 2012 di Biliardino GML 2012!!!!
NON Campione del Mondo 2012 di Biliardino di Milano e San Mauro a Mare!!!!
Campione del Mondo 2013 di Biliardino GML 2013!!!!
Campione del Mondo 2014 di Biliardino GML 2014!!!

Galleria
 
» 7/9/2014 11:23 Profilo


Pierantonio Re: Mk IV Male - Tamiya 1/35

Colonnello




Registrato dal: 30/6/2004
Interventi: 1043
Da:


Offline  

 Livello: 28
2067 / 2067
1799 / 1801
43 / 87
Terry Ashley at PMMS ( http://www.perthmilitarymodelling.com/reviews/vehicles/takom/takom2008-9.html ) ha segnalato alcuni problemni dimensionali alla cupola posteriore del modello Takom.
Ho quindi deciso di tentare di adattare una copia in resina di quella Tamiya anche se si avrà un blocco pieno.
Prima di tutto ho preparato il calco in silicone







per realizzare il calco in resina con base piatta uso un vecchio contenitore per rullini 35mm a base piatta dato che la sua plastica non si attacca alla resina







si ottiene così la base piatta



ottenuta la copia ho provato il montaggio a secco che comunque richiederà un minimo di stuccatura. Per pareggiare le superfici ho inserito due spezzoni di plasticard di spessore 0.5 mm







Tamiya ha scordato alcune file di chiodi







Nella costruzione dei due sponson ho trovato dei problemi nel fissare corretamente lo scudo del cannone che presentava una notevole fessura in alto dato che è bloccato solo in basso.





Taglio del perno e limatura della parte superiore che non si sono rivelate sufficienti





ma alla fine ho dovuto comunque incollare lo scudo.

Lion Marc ha immesso sul mercato una copia metalloca con rigatura dei cannoni ( http://www.perthmilitarymodelling.com/newkitnews/lionmarc.html ) e quindi ho deciso di riprodurre qualcosa del genere con una fresa conica. la lavorazione, date le dimensioni finali, non mi sembra indispensabile ma forse qualcosa si vedrà.





Ciao
Pierantonio
» 16/9/2014 18:30 Profilo Visita il sito Web


Lav Re: Mk IV Male - Tamiya 1/35

Generale di brigata




Registrato dal: 3/6/2004
Interventi: 1630
Da: Genova


Offline  

 Livello: 34
0 / 3389
2408 / 2408
18 / 124
Grande e preciso lavoro di dettaglio ...
Sei sempre un punto di riferimento..
;-) ;-) ;-)
Paolo LAV

--
 

DROIT QUOI QU'IL SOIT

www.genovaest.com

Gallery

Campagna deserto 2014

Campagna 100° WWI
» 16/9/2014 19:17 Profilo


caragd Re: Mk IV Male - Tamiya 1/35

Tenente Colonnello




Registrato dal: 22/3/2006
Interventi: 416
Da: Torino


Offline  

 Livello: 18
0 / 753
1113 / 1113
44 / 45
Proprio una bella descizione accurata della costruzione, bravo Pierantonio.


Dario

--
Dario


www.cmtonline.it
» 18/9/2014 14:54 Profilo Visita il sito Web

Visualizza:  Vai a ( 1 | 2 | 3 | Pagina successiva )

Utenti online: 1 Utenti stanno visualizzando questa discussione
Ci sono 1 utenti online. [ Amministratore ] [ Staff ]
1 Utenti anonimi
0 Utenti registrati:
Stampa topic