Modellismo Più -- Forum
 
  Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Modellazione 2-3D
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

M+ Shop locator

Chi è online
Visitatori:331
Utenti registrati:2
M+ Club chat:
Utenti on-line:333
 Utenti registrati:6900

Utenti collegati:
euro
bar-ma
Ultime visite:
Ka6 da 5'
jEnrique61 da 12'
spillone da 13'
soldier75 da 17'
Luciano Maffeis da 29'
Hoot da 30'
Oberst_Streib da 33'
Gettaponte da 34'
alinus777 da 34'
Silvano da 50'
Doctor da 59'
lagu da 1h 4'
Lu_Be da 1h 12'
Fabrizio1966 da 1h 40'
sabot65 da 1h 54'
matte da 2h 9'
pixi da 2h 17'
massoerratico da 2h 20'
francesco da 2h 32'
F104 da 2h 40'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
/  Indice forum
   /  Guerra del Golfo 2021
/  Un giaguaro nel deserto
Stampa topic 
Visualizza:  Vai a ( 1 | 2 | 3 | Pagina successiva )

Elgabro Un giaguaro nel deserto

Colonnello




Registrato dal: 5/5/2008
Interventi: 1053
Da: Cividale del Friuli (UD)


Offline  

 Livello: 28
0 / 2068
1613 / 1613
53 / 87
Buongiorno.

Mi unirei alla campagna con un Jaguar GR.1 di Sua Maestà.

IL SOGGETTO

Il Jaguar è un progetto congiunto Anglo-Francese per un aereo da attacco al suolo e per un velivolo economico utilizzabile sia come addestratore subsonico che come cacciabombardiere leggero (denominato ECAT= École de Combat et d'Appui Tactique), con buone prestazioni di decollo e atterraggio da piste corte. Per la realizzazione del velivolo venne costituita una società apposita, la SEPECAT, Societé Européenne de Production de l'avion ECAT.

Il primo impiego bellico dei Jaguar della RAF avvenne nella prima Guerra del golfo.

A seguito dell'invasione del Kuwait da parte dell'Iraq, la RAF avviò l'operazione Granby. L'11 agosto 1990 i primi dodici Jaguar GR.1A vennero trasferiti dalla base di Coltishall sulla base di Thumrait in Oman. Durante tutta la guerra i Jaguar, i piloti ed i tecnici impiegati provenivano da diversi reparti ma il distaccamento dipendeva dalla base di Coltishall.

Il 15 gennaio 1991, primo giorno di guerra, quattro Jaguar GR.1A attaccarono delle caserme dell'esercito iracheno in Kuwait con due bombe da 454 kg l'una. Seguirono molte altre missioni di attacco ad obiettivi iracheni sia in Kuwait che in Iraq. La configurazione d'armamento utilizzata per la maggior parte delle missioni includeva missili AIM-9L ai piloni d'extradosso, un pod ECM AN/ALQ-101 ed un pod lanciatore di chaff Phimat.

I Jaguar della RAF rientrarono a Coltishall a marzo dopo avere compiuto complessivamente 618 sortite senza perdite, sganciando 750 bombe e 393 bombe a grappolo e sparando 608 razzi non guidati e 9600 proiettili da 30mm.

I Jaguar impiegati durante la prima guerra del Golfo avevano una livrea interamente rosa deserto.

Nel 2003 alcuni Jaguar GR.3 del No 6 Squadron vennero trasferiti sulla base di Incirlik in previsione dell'invasione dell'Iraq denominata dalla RAF operazione Telic, ma non vennero impiegati perché il governo turco negò l'utilizzo delle proprie basi per questa guerra. Gli ultimi Jaguar britannici sono stati radiati il 31 maggio 2007.

IL MODELLO

Il modello è un classico Italeri in 1/72, con pannellature in negativo, pur con tratti a volte vaghi, e dettagli veramente all'essenziale. Gli interni presentano dettagli in rilievo anche se un po' di fantasia (che mi chiedo quanto ci voglia a fare un po' di ricerca per offrire qualcosa più vicino alla realtà…)

Le stampate del mio modello soffrono di un leggero sfasamento tra le semiparti dello stampo, che costringono ad un lungo e noioso lavoro di pulizia e stuccatura dei denti che si creano su tutti i pezzi a causa di questo disallineamento. Il tettuccio è offerto in due pezzi per poterlo fissare aperto.

Le decals sono essenziali ed offrono insegne per due soggetti:

- un Jaguar GR.1A (XZ364) con base a Muharraq (Barhain) nel 1991. Per questo soggetto le insegne sono errate in quanto stampate in nero invece che in grigio chiaro.

- un Jaguar GR.1A (XZ107) del 41 Sqn di base a Coltishall nel 1988, con indicazioni per una mimetica standard o invernale temporanea.

Di seguito le foto di presentazione:



 



 

Qui il LINK alla Galleria.

Esistono vari set di miglioria per questo modello (in primo fra tutti un set della Pavla per il cockpit) ma per l'idea che avevo in mente utilizzerò essenzialmente le parti della scatola, con poche aggiunte…

Ciao,

Gabriele

--
Mat. M+ 3219
--------------------------
  Le mie Gallerie
--------------------------
A l'è inutil insegná al mus, si piart timp e in plui si infastidis la bestie
(E' inutile insegnare all'asino, si perde tempo ed in più si infastidisce l'animale)
--------------------------
» 25/1/2021 10:44 Profilo


lowland Re: Un giaguaro nel deserto

Colonnel




Registrato dal: 4/11/2008
Interventi: 694
Da: provincia di Brescia


Offline  

 Livello: 23
1295 / 1295
1232 / 1235
61 / 65
Bellissimo soggetto. Avrei intenzione anch'io di partecipare con questo soggetto ma al momento non so quando mi arriverà, per cui mi metto comodo e mentre aspetto la scatola mi godo il tuo.
Buon lavoro
Ciao Elia


--
i miei modelli  
» 25/1/2021 11:12 Profilo


Cesko Re: Un giaguaro nel deserto

Generale di divisione aerea




Registrato dal: 3/11/2009
Interventi: 4282
Da: Chioggia (VE)


Offline  

 Livello: 48
8905 / 8905
4643 / 4645
220 / 245
Anche a me è sempre piaciuto il Jaguar. Seguo.

--
FranCesco 
                          
» 25/1/2021 12:05 Profilo


Oberst_Streib Re: Un giaguaro nel deserto

General der Flieger




Registrato dal: 19/8/2008
Interventi: 5788
Da: Livorno


Offline  

 Livello: 54
12681 / 12681
6416 / 6439
83 / 317
Ciao Gabro, bel soggetto, un aereo che mi è sempre piaciuto non so perchè...

In ogni caso qualche anno fa ho fatto esattamente lo stesso kit (anche se completato nei colori classici nordici e non Desert Pink).
Io avevo sostituito l'abitacolo con un aftermarket in resina.
E ti confermo che, benche ragionevole come resa dell'aereo vero, il kit ha seri problemi di fit delle parti ( e quindi stucco a volontà) e dettagli approssimativi e incisioni poco definitive e un po' casuali.
In più se ricordo bene ha il carrello parecchio semplificato.

Ma può venire fuori un bell'oggetto, nelle tue manine d'oro





--
Alessandro  ( Matricola M+ = 3315 )   

» 25/1/2021 14:13 Visita il mio spazio Profilo


Elgabro Re: Un giaguaro nel deserto

Colonnello




Registrato dal: 5/5/2008
Interventi: 1053
Da: Cividale del Friuli (UD)


Offline  

 Livello: 28
0 / 2068
1613 / 1613
53 / 87
I primi lavori sono al solito sugli interni.

La cabina dei GR.1A RAF era essenzialmente nera. Una spruzzata totale di nero opaco Tamiya ed il lavoro è fatto.

Pulsanti e pannelli sono stati evidenziati con smalti Humbrol ed un leggero drybrush con grigio chiaro Humbrol 64 per evitare il bianco che rischiava di sparare troppo.

Una goccia di trasparente Syntaglass Toffano sugli indicatori degli strumenti ha concluso i lavori sul pannello strumenti.

 













Ciao,

Gabriele

--
Mat. M+ 3219
--------------------------
  Le mie Gallerie
--------------------------
A l'è inutil insegná al mus, si piart timp e in plui si infastidis la bestie
(E' inutile insegnare all'asino, si perde tempo ed in più si infastidisce l'animale)
--------------------------
» 29/1/2021 06:29 Profilo


Jar-Jar Re: Un giaguaro nel deserto

Tenente Colonnello




Registrato dal: 27/7/2011
Interventi: 546
Da: Assemini (Cagliari)


Offline  

 Livello: 21
0 / 1050
983 / 983
28 / 56
Bel soggetto! Non vedo molti Jaguar in giro,e questo italeri tutto sommato non è male come kit!

--

 

Roberto
» 29/1/2021 12:57 Profilo


euro Re: Un giaguaro nel deserto

Legatus Legionis




Registrato dal: 24/1/2007
Interventi: 12884
Da: Taranto


Online!  

 Livello: 70
29172 / 29172
14024 / 14056
250 / 587
Finalmente si muovo qualcosa in questa Campagna,erano giorni che si stava fermi!!
Bell'inizio, semplice ma efficace


--
 
:-P Vincenzo

Se vuoi vivere momenti di puro terrore visita la vera galleria degli orrori:-P la mia galleria

 

Matricola    M+ 2349
» 29/1/2021 18:02 Profilo


Elgabro Re: Un giaguaro nel deserto

Colonnello




Registrato dal: 5/5/2008
Interventi: 1053
Da: Cividale del Friuli (UD)


Offline  

 Livello: 28
0 / 2068
1613 / 1613
53 / 87
Sistemata la cabina di pilotaggio, ho chiuso il tutto. In un attimo di pazzia/folgorazione, il vano del carrello è stato chiuso, stuccato, lisciato e le varie pannellature reincise. Per non fare il solito aereo al parcheggio, considerando anche la scarsità dei dettagli dei carrelli e degli interni ho deciso di dare un po' più di movimento al tutto riproducendo l'aereo in volo, a bassa quota, nel run finale verso l'obiettivo.

Vediamo cosa ne viene fuori ma in questo modo le linee del Jaguar vengono valorizzate al massimo…





Il sensore e designatore laser Ferranti ARI 23231 è offerto dalla Italeri in plastica piena. Per rendergli giustizia è stato accuratamente tagliato e sarà rimpiazzato da un blocchetto in plastica trasparente che sarà opportunamente sagomato e lucidato a ridargli la corretta trasparenza.

 

Sistemati gli interni l'attenzione è passata sul sedile che, nella versione da scatola era parecchio semplice.

Cercando una soluzione, ho trovato un MK.9 della Aeroclub in metallo bianco e fotoincisioni. La base del sedile aftermarket era però troppo larga per stare nella cabina originale quindi ho deciso per un Frankensedile.

Ho sistemato al meglio la base originale, definendo meglio la forma di sedile e cuscini. Per poggiatesta e cannone di lancio ho clonato in resina la relativa parte del sedile Aeroclub, precedentemente dettagliato con le sue fotoincisioni.

Ho fatto poi qualche prova di assemblaggio, per adattare le due parti. Per le altezze e le distanze mi sono basato sul sedile in metallo…









L'ultima verifica è stata fatta con un pilotino, recuperato dalla banca pezzi, a cui ho dovuto togliere le gambe per farlo stare in fusoliera. Non mi convince però l'altezza della seduta. Vediamo nel corso dei lavori se riesco a trovare un pilota migliore, che sia definito ma non sproporzionato…



 

Il pilotino è stato scelto tra due candidati, di probabile derivazione Matchbox. Purtroppo entrambi hanno le braccia in posizione di riposo che dovranno essere modificate adeguatamente.



Sul mercato non ci sono scatole ad iniezione dedicate a piloti "in volo": qualcosa ha fatto Hasegawa nel set di personale di terra 35007 Link (ma con combinazione USAF e casco HGU-55). Il set Italeri 1246 Link offre solo piloti a terra (anche se bellini e ben scolpiti), mentre quello Revell 02402 Link ne ha seduti ma i figurini sono scolpiti davvero male, con pose assurde e tratti anatomici degni di un reparto di traumatologia ortopedica…

In resina ci sono i piloti PJ ma non sono il massimo come scolpitura, non sono esenti da difetti e con pose non movimentabili.

La Air-Graphic models ne ha in catalogo una coppia RAF ma somigliano a dei gorilla piuttosto che a dei piloti moderni.

Dei bei piloti modulari li faceva la Modern Hobbies LLC, ma sembra che abbiano chiuso da qualche anno. Peccato. :-( :-(

Devo verificare dettagli e colori della combinazione di volo e soprattutto il tipo di casco usato dalla RAF nel Golfo…

Per ora è tutto!

Ciao,

Gabriele

--
Mat. M+ 3219
--------------------------
  Le mie Gallerie
--------------------------
A l'è inutil insegná al mus, si piart timp e in plui si infastidis la bestie
(E' inutile insegnare all'asino, si perde tempo ed in più si infastidisce l'animale)
--------------------------
» 1/2/2021 07:13 Profilo


euro Re: Un giaguaro nel deserto

Legatus Legionis




Registrato dal: 24/1/2007
Interventi: 12884
Da: Taranto


Online!  

 Livello: 70
29172 / 29172
14024 / 14056
250 / 587
belle l'idea di rappresentarlo in volo , è inusuale...
cosa userai? un piedistallo tipo quelli trasparenti della supermodel?


--
 
:-P Vincenzo

Se vuoi vivere momenti di puro terrore visita la vera galleria degli orrori:-P la mia galleria

 

Matricola    M+ 2349
» 1/2/2021 08:59 Profilo


Elgabro Re: Un giaguaro nel deserto

Colonnello




Registrato dal: 5/5/2008
Interventi: 1053
Da: Cividale del Friuli (UD)


Offline  

 Livello: 28
0 / 2068
1613 / 1613
53 / 87
Ho comprato delle bacchette tonde in policarbonato, molto sottili e trasparenti. Ad un certo punto dovrò decidere la posa e forare la fusoliera per inserire il supporto...

--
Mat. M+ 3219
--------------------------
  Le mie Gallerie
--------------------------
A l'è inutil insegná al mus, si piart timp e in plui si infastidis la bestie
(E' inutile insegnare all'asino, si perde tempo ed in più si infastidisce l'animale)
--------------------------
» 1/2/2021 09:43 Profilo

Visualizza:  Vai a ( 1 | 2 | 3 | Pagina successiva )

Utenti online: 1 Utenti stanno visualizzando questa discussione
Ci sono 1 utenti online. [ Amministratore ] [ Staff ]
1 Utenti anonimi
0 Utenti registrati:
Stampa topic