Modellismo Più -- Forum
 
  Home Page   1/72 e dintorni   Aeronautica   Diorami & C.   Figurini & C.   Navi & C.   Veicoli civili   Veicoli militari   Mostre & C.
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!
Shopping su Amazon
Sapevi che acquistando su Amazon puoi aiutare M+?

Menu principale
Home Page
Spazi personali
Ultimi aggiornamenti
Scegli spazio

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Guida Editor
Domande frequenti
Mappa del sito
Guida Editor
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Tabelle colori
Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Mostre
Box art
Altro
App carica Foto

M+ goes Social
Facebook
Twitter

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Club
Utility
Istruzioni
Più scaricati

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Ricerca
Sito: (Avanzata...)
Gallerie: (Avanzata...)
Tabelle colori:

Riviste:

Monografie:

Negozi di modellismo:
Musei:

Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Chi è online
Visitatori:277
Utenti registrati:0
M+ Club chat:0
Utenti on-line:277
 Utenti registrati:6451

Ultime visite:
Paolomaglio da 13'
lagu da 1h 37'
Andrea66 da 2h 16'
stefanoc da 3h 43'
matte da 3h 55'
t-28 da 5h 29'
Fabio da 5h 53'
anto93 da 6h
grimdall da 6h 5'
Lupo da 6h 24'
euro da 6h 59'
Mario Bentiv... da 6h 59'
RobertoC da 6h 59'
Hoot da 7h 35'
Silvano da 7h 42'
Fabrizio1966 da 7h 50'
MaxIT da 8h 1'
Michele Raus da 8h 10'
G55 da 8h 12'
lillino da 8h 15'

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
/  Indice forum
   /  I Gruppi di Interesse Speciale
      /  Regia Aeronautica
   /  Mezzi terrestri della Regia Aeronautica
Stampa topic 
Visualizza: 

syerra Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica






Registrato dal: 22/10/2007
Interventi: 6128
Da:


Offline  

 Livello: 55
13421 / 13421
6691 / 6697
106 / 330
Ricevuto Mauro, nessun problema!

se può essere d'Aiuto ho ripescato nel mio Archivio  questo studio di Evangelista che potrebbe risultare utile....

                      Le targhe ed i Veicoli della Regia Aeronautica

                                    
di Guglielmo Evangelista

 

 

Negli ormai lontani anni in cui iniziai le mie ricerche, le targhe dell’Aeronautica attirarono in modo particolare lamia attenzione a causa della bassissima numerazione che figurava su quelle delle autovetture. Anche se a queitempi non l’avevo ancora capito, questa curiosità era semplicemente il risultato del sistema di targatura in usoe certamente non era un indice di estrema anzianità come invece sarebbe stato per le targhe civili, ma ad ogn imodo una targa con sopra soli tre numeri rappresentò sempre una particolarità che si è perpetuata finoall’introduzione delle targhe interforze: alla fine degli anni ’90 (ma dato che molti veicoli che le portano sonorecenti, questo può capitare ancora oggi e certamente per un po’ degli anni a venire) incontrare, ad esempio,una moderna Fiat Uno targata AM 1xx faceva una certa impressione al confronto non solo delle targhe alfanumeriche dell’Esercito, ma anche delle molto più alte 1xxxx dei Vigili del Fuoco e della Croce Rossa eperfino delle 6xx o 7xx del Vaticano.

I veicoli dell’Aeronautica non sono rari ad incontrarsi, ma la loro presenza varia molto da zona a zona: ad ognimodo l’Arma non ha una diffusione capillare come l’Esercito e in certe regioni la sua presenza è limitatissima; tra l’altro, parlando di veicoli, vi sono due aspetti che vanno tenuti ben separati: sulle strade si trovano quasiesclusivamente autovetture e veicoli commerciali di serie, mentre esiste una nutrita schiera di mezzi che allamaggior parte degli osservatori è quasi sconosciuta poiché trascorrono tutta la loro vita negli aeroporti.

Sono questi i mezzi tecnicamente più interessanti e con le sequenze di targa meno note e spesso fra di essi sonofrequenti i veicoli di modello antiquato perché, muovendosi poco, sono sottoposti attraverso gli anni ad un logorio molto limitato e, come in tutti i casi del genere, la loro vita diviene molto lunga.

Non è stato facile, attraverso il tempo, procurarsi informazioni sull’autoparco e sulle targhe dell’Aeronautica

perché, come accade per la Marina con le navi, tutto l’interesse professionale ed amatoriale è rivoltologicamente ai mezzi tipici dell’Arma, nel nostro caso gli aerei. Questo ovviamente diventa un inconveniente quando si cercano informazioni su altri aspetti della vita della forza armata.

Di conseguenza nella documentazione ufficiale e, soprattutto, nelle raccolte di fotografie, là dove non arrivano lemie esperienze personali – abbastanza limitate perché non ho mai avuto grandi simpatie per il volo e tuttoquello che vi è connesso - è stato molto difficile individuare i tipi di veicoli in servizio, soprattutto prima del 1970 e le targhe che erano ad essi assegnati.

Una curiosità che può essere utile per avere delle assortite osservazioni di veicoli e targhe dell’Aeronautica è data dal fatto che, forse per pura coincidenza, molte ferrovie rasentano aeroporti, depositi e autoparchi: a Parma, Pisa, Monterotondo, Ciampino, Guidonia, Bari, si possono avere dei buoni colpi d’occhio all'interno di questi, permettendo di compensare la scarsa presenza di certi veicoli sulle strade.

 

 

PRIMA DELL’AERONAUTICA

 

La maggior parte dei primi esperimenti di volo in Italia avvennero nell’ambito dell’Esercito e della Marina che poi costituirono dei reparti specializzati che operarono durante la guerra di Libia e durante la Grande Guerra. Giàda allora sorse l’esigenza di destinare stabilmente un nucleo di autoveicoli a servizio della componente aerea(che comprendeva aeroplani e dirigibili) e si cominciò con alcuni autocarri “fuoriserie” equipaggiati con

particolari apparecchiature (depuratori Scrubber, verricelli, generatori di idrogeno); tuttavia dal punto di vista della targa non vi era nessuna particolarità facendo questi parte del normale autoparco delle Forze Armate ed essendo quindi targati Servizio Militare. L’autocarro Fiat targato S.M. 643, attrezzato con alcuni degli

apparecchi sopra citati, è il primo esempio che mi sia noto di veicolo stabilmente destinato al servizio aeronautico.

L’Aeronautica Militare come Arma a sé stante venne istituita solo il 28 marzo del 1923, formalmente nello stesso anno in cui entrò in vigore la normativa che prevedeva per i veicoli militari una targa con una sigla separata per ciascuna forza armata, disposizione prevista dall’articolo 63 del Regio Decreto 3031 del 30.12.1923.

 Peraltro si nota lo sfasamento di nove mesi fra le due date. Si potrebbero al proposito avanzare due possibilità:

A) - Durante i primi mesi di esistenza dell’Aeronautica i veicoli continuarono ancora a portare la targa con la sigla S.M. mentre, dal punto di vista amministrativo, questi venivano gradatamente trasferiti in proprietà alla

nuova Arma. Più o meno contemporaneamente, al termine di questo primo periodo di assestamento, entrò in vigore il Regio Decreto 3023, e in pochi mesi il parco ebbe sostituta rapidamente la vecchia targa con

quella nuova portante la sigla RA (Regia Aeronautica). Secondo me è l’ipotesi più probabile.

B) - Con il trasferimento di proprietà dei veicoli già dell’Esercito e della Marina, questi ricevettero subito la targa con la sigla RA, anticipando ufficiosamente la normativa che sarebbe stata promulgata di lì a poco e che,sicuramente, doveva essere già nota.

E’ comunque molto probabile, accettando la prima ipotesi, che la targa RA sia stata introdotta subito dopo lapromulgazione del R.D. 3031, in forte anticipo rispetto alle altre forze armate che abbandonarono la targa consigla S.M. solo nel 1927, in concomitanza con l’adozione delle targhe civili contrassegnate dalla sigla provinciale.

Il parco veicolare originario venne composto tanto con mezzi già in dotazione ai vari reparti aerei (fra i quali gliimmancabili autocarri Fiat 18BL, di cui esiste documentazione fotografica anche se regolarmente, su di essi,quando ripresi di fronte, non figura la targa anteriore o sono troppo lontani per poterne distinguere la targa),quanto acquistando un lotto di nuove unità per coprire le esigenze del nuovo assetto dei comandi e delle basi.

 

La Targa Regia Aeronautica fino alla Seconda Guerra Mondiale

 

La targa RA, nella sua struttura, rispondeva alle caratteristiche previste per tutte le targhe italiane: formato rettangolare a fondo bianco con a sinistra la sigla in rosso seguita da un numero in nero sulla stessa riga; nel 1932 la modifica del formato comportò il posizionamento della sigla sulla riga superiore a sinistra e del numerosu quella inferiore.

La targa anteriore, che sembra sempre mancare nei veicoli ritratti prima del 1930, figura poi nel solito formatostandard italiano con la sigla anteposta al numero.

La fattura della targa è quasi sempre “artigianale” con le scritte eseguite a mano mediante mascherine. In un’immagine attribuibile all'incirca al 1939 i primi due numeri a sinistra appaiono non in colonna con le lettere della sigla, ma, assieme agli altri due, avvicinati verso il lato destro.

Questa disposizione appare invertita, con i numeri avvicinati a sinistra, per i rimorchi: in questo caso lo spaziorimasto disponibile a destra veniva occupato dalla lettera "r" in rosso.

Dalle immagini che ho potuto visionare risulta che la numerazione, in accordo con le disposizioni del 1923, eraprogressiva e promiscua per ogni tipo di veicolo: non è però da escludere che i numeri più bassi venisseroriservati alle autovetture di rappresentanza, fra cui la famosa Isotta Fraschini fuori serie RA 52 assegnata aGabriele D’Annunzio, tutt’oggi conservata in buone condizioni presso il Vittoriale; le immagini mostranocomunque che gli altri numeri relativamente bassi conosciuti erano assegnati a veicoli degli anni ’20 (la RA 684era un’ambulanza OM), per poi arrivare a superare il numero 6000 (quello più alto che mi è noto è 6065) più omeno in concomitanza con lo scoppio della Seconda Guerra mondiale. Fra questi sono intervallati numeri dirimorchi, troppo elevati e lontani fra loro per lasciare spazio all’ipotesi di una numerazione separata.

L’appena ricordata Isotta Fraschini ha tanto la sigla che il numero posizionati al centro delle due righe dellatarga posteriore ed anche su quella anteriore le diciture insistono verso il centro: a parte il fatto che sicuramente la targa è stata rifatta nel 1932, si può ipotizzare che questa fosse la normale disposizione delle scritte sulle targhe delle autovetture di rappresentanza, anche se mancano altri esempi per fare confronti.

Attorno al 1940 sembra che sia stata introdotta un’anomalia nella numerazione, apparentemente inspiegabile: compare infatti una nutrita schiera di targhe con numeri da 13000 a 14000, assegnata ad autocarri pesanti 666e 626. Potrebbe trattarsi di una prima applicazione sperimentale del sistema che divenne generalizzato neldopoguerra, così come potrebbe spiegarsi con la normale progressione raggiunta con lo scoppio del conflitto,anche se questo sembra strano, considerata l’assoluta assenza di tracce di numeri intermedi fa 6000 e 13000.

Durante la guerra si ricorse anche alle requisizioni e, per targare questi veicoli, venne introdotto lo stesso sistema utilizzato dall’esercito, cioè una numerazione con lo zero anteposto alle altre cifre, probabilmente progressiva. Conosco un unico esempio, una Fiat 508 a tre marce con targa RA 074.

 

 Parco Veicoli

 

I mezzi appartenevano ai soliti tipi in dotazione alle Forze Armate, con l’abituale prevalenza della produzione Fiat.

Nel complesso, alla vigilia della guerra, l’Aeronautica non disponeva di un parco troppo imponente: se si considera che la targa superava di poco le 6000 unità (cosa che naturalmente indica un parco circolante moltoinferiore a quel numero perché a quell’epoca molti dei veicoli più anziani dovevano essere già stati radiati), chegli aeroporti importanti erano almeno una cinquantina fra madrepatria e colonie, e che in più esistevano icomandi di regione aerea e numerosi depositi e stabilimenti distaccati, ne deriva che la dotazione per ciascunainstallazione non era molto elevata, e lo confermano le fotografie, nelle quali compaiono raramente veicoli:

forse l’Aeronautica era un’arma moderna in quanto a velivoli, ma tutti gli altri servizi venivano svolti in modo abbastanza primitivo: il carrettino a mano a un asse con attrezzi antincendio, gruppi elettrogeni o materiale d'officina sembra il mezzo più diffuso sulle piste.

Rispetto alle altre forze armate sembra però essere stata più consistente la dotazione di autobus, giustificata dalla lontananza degli aeroporti dai centri abitati e dalle dimensioni delle aree interne aeroportuali, che richiedevano lo spostamento frequente di militari e altro personale su distanze abbastanza lunghe.

La guerra in Africa Orientale nel 1935-36 richiese un notevole impegno perché l’aviazione seguiva di pari passo l’avanzata dell’Esercito, così che bisognava costruire sempre nuovi campi d’atterraggio e provvedere al rifornimento e manutenzione degli aerei sempre più lontano dalle basi di partenza e dai depositi di materiale.

Per far fronte nel modo migliore a questa situazione disagiata furono rapidamente progettati ed allestiti in parecchi esemplari alcuni rimorchi particolari:

 

- L’officina aeroportuale composta di tre rimorchi attrezzati

- i laboratori fotografici autotrainabili composti da due o tre rimorchi intercomunicanti,  importantissimi per sviluppare le immagini prese durante la ricognizione aerea

- Le centrali delle comunicazioni (due rimorchi abbinati)

- Rimorchi serbatoio coibentati da 4000 litri e carri miscelatori di combustibile avio rimorchiabili

- Rimorchi frigoriferi da 32000 frigorie

 

Questi rimorchi hanno targhe RA 30xxr e 31xxr, cosa che testimonierebbe il punto raggiunto dalla progressionenumerica in quel periodo.

Le unità appartenenti ad uno stesso complesso avevano numeri consequenziali.

Con l’entrata in servizio degli autocarri di tipo unificato cominciarono a comparire le versioni costruite secondole specifiche tecniche richieste dall’Aeronautica, che vennero contrassegnate dai costruttori dalla sigla RA. Daidati a disposizione sembrerebbe che la caratteristica degli autocarri di queste forniture fosse la maggiore velocità rispetto agli esemplari costruiti per altri clienti.

Va comunque notato che i mezzi pesanti dell’Aeronautica, anche prima dell’adozione dei modelli unificati, hanno sempre avuto caratteristiche “borghesi”, nel senso che, a differenza dell’Esercito, non veniva richiesta una carrozzeria spartana, ma questa restava quella commerciale: in particolare la cabina era sempre quella chiusa di serie, mentre l’Esercito richiedeva normalmente un allestimento alleggerito e semplificato, con il tetto in tela.

 

Autovetture Anni di produzione

 

- Fiat 501                               1919-1926 Versione cabriolet

- Lancia Lambda/Dilambda      1922-1933

- Isotta Fraschini 8°                1924-1930

- Fiat 1500                              1936-1940

- Fiat 508C                              1937-1939

 

 Autocarri Anni di produzione

 

- Fiat 18 BL                      1914-1921       Cassonato

- Fiat 618                          1934-1937      Cassonato, autogrù soccorso aerei e autopompa

- Fiat 666 NM RA              1940-1945       Cassonato e autopompa

- Fiat 626 N                      1939-1948       Cassonato

- SPA 38 RA                     1936-1944       Cassonato

- Lancia Esarò                  1943-1948       Cassonato. Fornite 866 unità

- Bianchi Mediolanum        1934-1950       Cassonato

- Ceirano 47                      1925-1931      Attrezzato per osservazioni metereologiche

 

 

Altri Anni di produzione

 

- OM 469                       1922-1934 Ambulanza

- Autobus Ceirano 47C    1925-1931

- Autobus SPA 25C12     1925-1934

 

E’ da sottolineare, nell’autoparco dell’Aeronautica, la costante presenza di tutta una serie di veicoli speciali o con allestimenti speciali che non trova riscontro nelle altre Forze Armate, progettati per le particolari necessità di accudienza degli aerei, per i lavori di manutenzione degli aeroporti e per alcuni servizi gestiti dall’Arma, comeil Servizio Meteorologico.

Anche le autogrù erano diverse, essendo per la maggior parte attrezzate – e lo sono tutt'oggi – per ilsollevamento degli aerei o di loro parti.

Ho notizia anche dell’esistenza di altri veicoli appartenenti ad alcuni altri tipi, in quell’epoca molto diffusi presso l’Esercito, come i Lancia Ro e gli SPA Dovunque: la loro utilizzazione nell'Arma sarebbe una cosa verosimile,ma la fonte è dubbia e non ne ho mai visto qualcuno nelle fotografie dell’epoca.

Non ho rintracciato alcun tipo di documentazione che testimoni, nell’anteguerra, l’esistenza di motocicli: ad ogni modo, verosimilmente, le loro targhe avevano le dimensioni di mm.165x165 e la loro numerazione era promiscua a quella degli altri mezzi.

;-)

 

 

 



--
        un siculo saluto !!!
                                Gianni.


   



    
 
"non ti fidar d
i me se il cor ti manca...!!"            

       * Le ciofeche di 
syerra * 
» 26/11/2009 12:48 Profilo

Risposte Mittente Data
   Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 26/11/2009 13:13
      Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica PIASE 27/11/2009 00:26
         Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 30/11/2009 19:51
            Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica PIASE 1/12/2009 01:08
               Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica AndRoby 1/12/2009 01:13
         Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Ariete 1/12/2009 07:25
            Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 1/12/2009 10:29
               Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica PIASE 2/12/2009 01:06
                  Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 2/12/2009 09:33
                     Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 2/12/2009 18:27
                        Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 2/12/2009 18:30
                           Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 2/12/2009 18:31
                              Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica PIASE 2/12/2009 22:57
                                 Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 3/12/2009 10:08
                                    Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 3/12/2009 11:49
                                       Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 3/12/2009 11:51
                                          Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 3/12/2009 11:53
                                             Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Ariete 3/12/2009 14:10
                                                Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 3/12/2009 16:57
                                                   Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 3/12/2009 17:50
                                                      Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 4/12/2009 13:33
                                                         Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica hueyfan 4/12/2009 13:44
                                                            Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Ariete 4/12/2009 14:07
                                                            Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 4/12/2009 14:58
                                                               Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Sagittario 4/12/2009 18:59
                                                               Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 8/12/2009 19:10
                                                                  Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Riccardo La Barbera 8/12/2009 20:14
                                                                     Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 9/12/2009 09:11
                                                                        Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Simone1311 9/12/2009 10:21
                                                                           Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 9/12/2009 10:29
                                                                              Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Simone1311 9/12/2009 11:34
                                                            Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 9/12/2009 11:49
                                                               Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 9/12/2009 14:25
                                                                  Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 9/12/2009 14:59
                                                                     Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 9/12/2009 18:26
                                                                        Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica PIASE 9/12/2009 23:06
                                                               Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 10/12/2009 08:29
                                                                  Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 10/12/2009 08:32
                                                               Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 10/12/2009 10:24
                                                                  Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Blackbird 10/12/2009 11:07
                                                                  Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 10/12/2009 11:20
                                                                     Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 10/12/2009 12:22
                                                                        Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 10/12/2009 12:28
                                                                           Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 10/12/2009 12:31
                                                                              Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 10/12/2009 12:34
                                                                        Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Blackbird 10/12/2009 13:20
                                                                           Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica AndRoby 11/12/2009 20:01
                                                                              Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica PIASE 11/12/2009 22:52
                                                                                 Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica PX 17/1/2010 13:05
                                                   Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 4/12/2009 10:40
                                                      Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 4/12/2009 10:44
                                                         Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 4/12/2009 10:50
                                                   Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica Sagittario 4/12/2009 12:56
                                                      Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica hueyfan 4/12/2009 13:09
                                                         Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica uavpredator 4/12/2009 13:17
                                                            Re: Mezzi terrestri della Regia Aeronautica hueyfan 4/12/2009 13:25

Visualizza: 

Utenti online: 1 Utenti stanno visualizzando questa discussione
Ci sono 2 utenti online. [ Amministratore ] [ Staff ]
2 Utenti anonimi
0 Utenti registrati:
Stampa topic