Forum : W.I.P. Aerei ed elicotteri

Soggetto : JA 37 Jaktviggen, 1/72, Tarangus

 Paolomaglio :

12/11/2018 08:15
 Ho cominciato con il ricco cockpit composto da vasca, consolles laterale su due piani cloche, manetta, pedaliera e pannello strumenti, il tutto vernciato in Gunze H 308 e poi dettagliato con i Vallejo:



la vasca del cockpit è uno dei pochi pezzi ad avere un incastro preciso all'interno della fusoliera superiore, l'ho incollato dall'interno





il seggiolino eiettabile non sarebbe malaccio se non fosse che ha i fianchi esageratamente spessi, andrebbero ridotti di 2/3 almeno per poi ricostruire la seduta e lo schienale più larghi, troppo lavoro per me, in attesa di un rimpiazzo in resina vedrò di dipingerlo al meglio...

 Paolomaglio :

12/11/2018 08:31
 

la fusoliera posteriore si assebla in maniera facile e precisa, da notare che il kit è predisposto per l'abbattimento della deriva per stivaggio in caverna. In tutti i Viggen la deriva poteva essere piegata a 90 gradi, non tanto per entrare nelle caverne ma perchè, una volta dentro, riarmati e riforniti, i Viggen venivano appesi ad una ferrovia sul soffitto della caverna, in questo modo potevano essere spostati avanti e indietro passando sopra a quelli in manutenzione che dovevano stare al suolo per ovvie ragioni... ;-)



la fusoliera anteriore invece comporta non poche difficoltà di assemblaggio: innanzi tutto occorre fare attenzione ai tronconi interni delle pre d'aria, anche se non si nota hanno un verso e se inseriti sotto sopra non peretteranno una buona chiusura, questi tronconi poi vanno inseriti alla giusta profondità per trovarla è meglio fare un montaggio a secco inserendo anche la parte esterna delle prese d'aria... ricordatevi di aggiungere almeno 5 grammi di peso nel radome, lo spazio non manca! ;-)

 Paolomaglio :

12/11/2018 08:42
 

sotto alla fusoliera anteriore occorre aprire i 4 fori per i piloni e poi aggiungere l'anello di allungamento fusoliera tipico della versione da caccia.



le prese d'aria sono state stuccate, carteggiate e lisciate per eliinare la linea di giunzione centrale ma non state ad impazzire perchè sono talemnte profonde che non si vedrà proprio niente!



sul lato sinistro della fusoliera ho aperto il pannello della RAT e inserito la sua scatola interna, fate molta attenzione alla posizione di quest'ultima perchè può andare a cozzare con l'anello di allungamento della fusoliera, anche in questo caso è bene fare un montaggio a secco in quanto la posizione non è perfettamente delimitata sul modello.

 Paolomaglio :

12/11/2018 08:54
 

le ali sono probabilmente la parte meglio riuscita del kit, valva superiore e inferiore combaciano alla perfezione, occorre solo aggiungere un paio di attuatori per gli elevoni, il caccia infatti doveva manovrare a G più alti e fu necessario passare da 6 a 8 attuatori,



L'assemblaggio fra fusoliera posteriore e ali è molto buona ma, anche in questo caso, consiglio prima un montaggio a secco per capire ove mettere la colla, sopratutto all'interno, fra lo scarico del motore e la fusoliera inferiore



prima di aggiungere colla poi è indispensabile aggiungere il cono di coda (che in foto manca) altrimenti non entrerà più.
Ora prima di incollare tutti questi pezzi è bene cominciare a vernciare: alluminio per prese d'aria e pozzetti carello, acciaio per scarico e interno cono di coda. ;-)

 gizpo :

12/11/2018 09:02
 Bell'inizio Paolo, ultimamente ti stai dedicando alla 1/72, bravo !

 Paolomaglio :

12/11/2018 09:13
 Grazie Luca, in verità serco di non farmi influenzare dalla scala, sono solo interessato a certi soggetti e prendo quello che passa il convento...





ultimo montaggio a secco mostra che ci sarà qualche criticità ma nulla di insormontabile....

 daniele RN :

12/11/2018 09:37
  Non hai perso tempo!! Ma ti capisco, il kit sembra un buon modello dal punto di vista della montabilita' e ottimo dal punto di vista dei particolari. Aspetto la versione biposto che mi e' sempre piaciuta,sin da quando montai l'Heller!!
Che tu sappia , faranno le mascherine della mimetica anche per il biposto?
Buon lavoro, ti seguo!!

 Paolomaglio :

12/11/2018 09:42
 Ciao Daniele, l'Sk 37 è previsto da Special Hobby a Maggio, la Maestro Model è di proprietà di uno dei due soci di Tarangus, quindi non credo si dedicherà alle maschere per il biposto (non lo ha fatto nemmeno in 48), ad ogni modo al 90% sono le medesime, dovrai arrangiarti solo per la zona del secondo abitacolo. 8-)

 daniele RN :

12/11/2018 09:54
  Grazie Paolo. Sicuramente non sara' difficile arrangiarsi per quelle mancanti!!

 ABC :

12/11/2018 09:57
 Uao! Noto anch' io che non hai perso tempo! Non sono un "modernista" ma questo wip non me lo perdo proprio.

Alessandro :-) :-) :-)

 Oberst_Streib :

12/11/2018 14:30
 Bello!!
Ovvio che appena arriva anche il mio kit ti copio, ne' piu' ne' meno  , per cui scrivi, scrivi tutto!
Ma lo fai nella mimetica tipica dei Viggen o in qualche livrea piu' recente o commemorativa?


 Paolomaglio :

12/11/2018 15:46
 Ciao Alessandro, io lo farò da scatola così:



se penso che in 48 avrei una scelta di decals infinita ma mangio le mani! Spero di trovare qualche foto in cui appare più invecchiato e sporco ma dubito perchè questo qua è stato l'ultimo Viggen costruito e stava di base a Lulea dove in sole non lo vedeno nemmeno d'estate...

 Oberst_Streib :

12/11/2018 16:27
 Bello bellissimo!
Viggen tosto e usurato, ci piace.

 lillino :

12/11/2018 23:02
  Non aggiungo altro 

 stephaneT :

13/11/2018 00:30
 Che bel kit! anche se in 1/72. Complimenti e grazie per le spiegazioni step by step. Buon proseguimento. Seguirò con molto interesse le varie fasi. sarà d'aiuto per fare lo stesso kit in 1/48.

 Paolomaglio :

13/11/2018 07:23
 Grazie per i commenti ragazzi, i fà piacere il fatto di non essere solo in questa avventura...

Ora una brutta notizia: come detto fino ad ora il kit in 71ì2 corregge quasi tutti i difetti di quello in 48, quasi, appunto



purtroppo i due soci di Tarangus non sono modellisti e non mi hanno fatto asaminare i test shot. Un errore grossolano è rimasto: sul cono di coda è presente un pannello spessorato che non deve esistere, il peggio è che da un lato c'è anche una grossa depressione, manco fosse una presa d'aria, va lisciato tutto! Lì al massimo ci deve stare un pannello di ispezione quadrato con gli angoli stondati, ma è praticamente invisbile nelle foto.
Ora il consiglio è di non fare come me, non assemblate il kit prima di aver fatto sparire il pannello spessorato ed aver colmato la depressione davanti ad esso, chiaro no? :-P
Io ho già incollato e faticherò non poco a rimediare senza rovinare il dettaglio circostante....

 Paolomaglio :

13/11/2018 07:38
 Ed ora una buona notizia: oltre che in seno all'F21 di Lulea, il 37449 ha servito a lungo anche con lo Stormo F4 di Froson, nella Svezia centrale.





le foto mostrano che ha sofferto vari gradi di usura tipici degli aerei svedesi, sottoposti all'azione del ghiaccio in inverno a a 20 ore di sole in estate. Da notare che i numeri a volte appaiono rossi (come da decals) altre volte sbiaditi verso l'arancio o il rosa fluo.



la scoperta più significativa è notare come i numeri furono dipinti di fresco sul velivolo molto sbiadito, è quindi corretto usare le decals da scatola anche se lo vogliamo invecchiare



Altra interessante scoperta è che in tutte le foto che ho trovato finora il 37449 appare come JA 37D (D=Digital) ovvero nell'ultima variante operativa che si distingueva per la sostituzione degli Sky Flash con gli AMRAAM, ciò renderà olto più facile il riperimento di missili dalla scatola dei pezzi avanzati. Vice-versa non sono sicuro che nel kit siano presenti le lunghe antenne a lama per il dorso fusoliera, anche queste erano caratteristiche solo del D e, se dovessero mancare, bisognerà autocostruirle.

 Paolomaglio :

13/11/2018 08:54
 

continuiamo con l'analisi del soggetto: nella foto sopra compare l'insegna di Flygdivisionen rossa, assente nel kit, quindi in questo periodo non è riproducibile da scatola, notate però il lanciatore dell'AMRAAM: è lo stesso che l'F-16 monta alle tip, quindi sappiamo ove reperirlo...



qui sopra lo vediamo nella sua dimora attuale. il museo dell'F4! Da notare come l'insegna di Flygdivision sia diventata bianca (l'F4 aveva due gruppi=Flygdivisonen con 15 JA 37 cadauno), anche questo stemma è assente in scatola, si notano inoltre i lanciatori per gli Sky Flash inerti (verde è il colore svedese per inerte) che sono gli stessi usati dai nostri F-104 per gli ASPIDE e i lanciatori per gli AIM-9L che sono gli stessi in uso in tutto il mondo per questo missile.



qui sopra in decollo ha la zona dedicata alle insegne di FLygdivisionen ripitturata di fresco ma i numeri sono molto aranciati non riproducibili con le decals da scatola.... :-x

 Paolomaglio :

13/11/2018 08:59
 

in questa foto si intravede appena il pannello quadrato che deve andare a sostituire l'area in rilievo sul kit



qua invece lo vediamo quando era assegnato all'F16 e prima della conversione in D (antenne sul dorso piccole)

 Paolomaglio :

13/11/2018 09:02
 

forse la foto più straordinaria di tutte: ancora in seno all'F16 ma con modifica in D e, sopratutto con lo scarico mimetico!!!
Se trovo uno stemma dell'F16 a prezzo onesto penso che lo farò così!!!

 Paolomaglio :

13/11/2018 09:02
 

forse la foto più straordinaria di tutte: ancora in seno all'F16 ma con modifica in D e, sopratutto con lo scarico mimetico!!!
Se trovo uno stemma dell'F16 a prezzo onesto penso che lo farò così!!!

 Freccia154 :

13/11/2018 12:24
 Mmm che bell'aereo il Viggen. ..
Paolo ma le pannellature della fusoliera nella zona anteriore come sono? Da alcune foto mi sembrano larghe e poco profonde? O è una mia impressione?
Ciao Roby :-D

Comunque grigio è fichissimo

 Oberst_Streib :

13/11/2018 12:38
  
Mah, ora non ricordo bene Paolo, ma mi pare che le decals del Draken che ho appena finito includessero lo stemma del F16... quando torno a casa guardo.
Se e' cosi' te le spedisco in busta quanto prima.
Il soggetto mi pare a dir poco intrigante!

 Oberst_Streib :

13/11/2018 12:52
  
Pero' JAKTVIGGEN, non JACKTVIGGEN come hai scritte nel titolo del topic.... 

 Paolomaglio :

13/11/2018 15:25
 Grazie Alessandro, ho corretto, in effetti l'abitudine di scrivere in inglese mi ha fatto sbagliare, tra l'altro in svedese la Jay non si pronuncia come una G ma come una I lunga.

At Freccia154: le pannellature sulla parte anteriore di fusoliera sono molto profonde ma spariranno tutte, le sto rifacendo proprio ora: il montaggio delle prese d'aria esterne del radome e, soprattutto, delle due valve, è molto impreciso e lascia brutti fuori squadro da carteggiare, occorre reincidere tutto! Io per evitare un lavoro del genere riprendo le pannellature esistenti man mano che carteggio.... :-(

 Oberst_Streib :

13/11/2018 21:33
  
Se questi ti vanno bene, te li mando. 
Dovrebbero essere del F16.


 Paolomaglio :

14/11/2018 07:24
 Grazie Alessandro, lo stemma è senz'altro quello, dammi fino a domenica per verificare un paio di cosette prima di spedire... ti faccio sapere io, grazie ancora.

 Oberst_Streib :

14/11/2018 22:43
 Arrivato anche il mio Viggen da mr. Tarangus! 
  


(nota: un kit niente affatto facile... confermo, molto complesso)

 Paolomaglio :

15/11/2018 08:53
 

ho rimontato la light box, indispensabile in inverno, ne approfitto per mostrarvi che non sto procedendo di molto, sempre in fase di liascatura e re-incisione della parte anteriore di fusoliera

 Paolomaglio :

15/11/2018 09:03
 

sul retro ho portato a filo il pannello spessorato e colmato la depressione con il white putty di Tamiya

 Paolomaglio :

17/11/2018 07:18
 

Rieccomi! Dopo tante sofferenze per rimediare al cono di coda e all'assemblaggio e reincisione della fusoliera anteriore un po' di buone notizie: tutto il resto del modello si monta senza il minio problema e senza uso di stucco!



in particolare temevo che le Canard non combaciassero più con le prese d'aria perchè in quella zona ho carteggiato parecchio, invece aderiscono come un gunato da chirurgo.
:-D

 Paolomaglio :

17/11/2018 07:24
 

ottimo anche il fitting dei dettagli sul ventre, la lunga gondola del cannone va a coprire molti bei pannelli di ispezione in fusolier ma per un JA 37 non ci sono alternative: il cannone ci vuole! I piloni sotto le prese d'aria hanno un aggancio un poco debole, per questo motivo consiglio di aggiungerli ora, prima di verniciare, anche se complicheranno un poco la fase di vernciatura, almeno avranno una presa più solida....



sono presenti anche 4 minuscoli raccordi fra prese d'aria e fusoliera, la difficoltà sta solo nel rimuoverli dall'albero di colata perchè poi si posizionano perfettamente



le macchie biancastre che vedete sugli elevoni sono dovute ad un poco di Surfacer che si è reso necessario per colmare lievi ritiri nella plastica.

 Paolomaglio :

17/11/2018 07:32
 

ultimo problemino riscontrato: manca, ancora, una volta l'antenna del RWR!!! :-x purtroppo il sistema RWR è segreto e viene smontato prima della museizzazione dei caccia, in Svezia rimuovono anche le antenne esterne e i produttori di kit lasciano il vuoto! ho rimediato con la testa di una bomba da esercitazione in 48, ma va bene qualsiasi semi-sfera di dimensioni adeguate, anche una pallina di polistirolo espanso incollata con la ciano...



Bene, è tutto per ora, vado a studiare cosa si deve fare per la trasformazione in Digital.... 8-)

 matte :

17/11/2018 14:59
 Mica male quanto hai fatto finora,  bravo Paolo 

 Oberst_Streib :

17/11/2018 15:27
 Fantastico! 
Mi sa che metto mano anche al mio.... troppo intrigante!

Ma scusa, e' una mia impressione o il sedile sporge dall'abitacolo ?!? 
E come si fa a chiudere il tetto?

 Paolomaglio :

17/11/2018 16:08
 Esatto! Il sedile sporge di quasi 2 mm e va ribassato limando da sotto, il canopy va modificato per chiuderlo, è nato per stare aperto, per poterlo chiudere occore eliminare le due stanghette posteriori, comunque la cosa più difficile è staccarlo dall'albero di colata!!! A domattina per le foto! 8-)

 Paolomaglio :

18/11/2018 08:01
 Come prima cosa ho aggiunto la maniglia di espulsione a sinistra del poggiatesta del sedile autocostruita con filo di rame verniciato di nero (le strisce gialle sono talemnte sottili che non si vedono quasi nemmeno nel vero)



Le istruzioni non lo dicono ma la struttura del sedile di tutti i caccia svedesi fino al Gripen (che ha sedile inglese) è in metallo naturale... Il sedile è poi stato ribassato di circa 1,5 mm, fino a lasciare liberi i i due fori alle sue spalle.
Questi fori servono ad inserire le sporgenze che consentono al canopy di restare aperto, con dettagli così spogli ho preferito chiudere tutto e, per farlo, occorre rimuovere le due sporgenze posteriori dal canopy.



Solo se si intende costruire il modello coe D per Digital, ovvero l'ultima variante capace di impiegare gli AMRAAM, occorre autocstruire due antenne a lama da porre sul dorso, la prima, più piccola, va al posto dell'antenna radio esistente nel kit, la seconda, più grande, va posizionata più indietro. Infine ho tagliato un tondino con la fustellatrice dal nasto 3M blu, bello spesso, con il bottone ricavato ho simulato l'antenna del GPS, presente solo sui Di.

 Paolomaglio :

18/11/2018 08:16
 

poi ho steso il grigio più chiaro sul ventre, Gunze H338, per evitare di sporcare gli interni dei vani carrelli già dipinti in alluminio, ho usato un pezzo di cartoncino, poi ho posizionato anche i portelli ma, come vedete, non coprono bene a causa delle sporgenze che serviranno ad incollarli



senza Primer avevo un po' paura per le pannellature laterali ma mi sembrano venute bene

 Paolomaglio :

18/11/2018 08:23
 

al pomeriggio ho potuto capovolgere il modello e spruzzare anche il grigio scuor, Gunze 307, sempre diluito con il Laquer, or ache comincia a fare freddo l'impiego del Laquer thinner è fondamentale per ridurre i tempi di aciugatura dei colori.



dopo 10 minuti ho potuto cominciare l'invecchiamento con Panel Liner Tamiya nero per le incisioni (messo direttamente sul grigio senza lucido protettivo) mentre le lumeggiature le ho ottenute con il Mr. Color 307 che dovrebbe essere la stessa tinta del Gunze ma appare lievemente più chiara.



anche sotto ho iniziato l'invecchiamento, da notare che i vani carrelli proncpali hanno un rivestimento in gomma nera nella sezione di riposo dei pneumatici, l'ho simulata con nero Vallejo diluito con la FUture per maggiore scorrevolezza del colore che è stato applicato con un pennellino.



lo stesso nero va a rivestire la punta dei due corni delle antenne ECM sul bordo di entrata alare.

Nel frattempo ho cominciato a lavorare ai carelli, veramente ben fatti, a 6 pneumatici in scala 1/72 sono una tortura per occhi e mani!!! :-o

 Oberst_Streib :

18/11/2018 10:25
 Beh Paolo, che dire se non: Superbe! 
Che bell'aereo...

Ora mi ci metto pure io, ma siccome sono masochista, devo fare quello "splinter".
che dici, sono meglio le Maestro Model di mascherine oppure queste:
https://www.ebay.it/itm/Saab-37-Viggen-1-72-Splinter-Camouflage-Paint-Mask-Set-1-72-by-DN-Models/223198776329

G
razie 

 Paolomaglio :

18/11/2018 11:11
 Fai bene a farlo a foglie morte, è senz'altro pià bello e un kit così costoso merita che ci si perda qualche settimana in più.
Non conosco il produttore di Evil Bay, quelle maschere mi sembrano in vinile, forse più facili da staccare e riattaccare ma rognose da applicare sulla fusoliera curva, specie con tutte le prese d'aria e gli sfoghi che il Viggen ha sul dorso. Le Maestro sono in Kabuki tagliato da Edurad-
Considera poi che da Rebell.com le Maestro ti arrivano in 2 giorni mentre dagli USA ci vorranno almeno 2 settimane...

 Paolomaglio :

19/11/2018 07:33
 

il kit, dopo le difficoltà iniziali nell'assemblaggio della fusoliera anteriore riserva solo belle sorprese, in particolare il carrello, complicatissimo bel Viggen, ritengo sia uno dei migliori mai realzzati su qualsivoglia kit in scala 1/72



in questa foto noterete come ho aggiunto una barra antitorsione sul lato interno, nel mio caso ho utilizzato una senzione di filo d'argento, per il resto il carello ho tutti gli attuatori e i servomeccanismi, compresi quelli per i portelloni principlai e secondari e l'assemblagggio è estremamente preciso e solido.

 Paolomaglio :

19/11/2018 07:38
 



fate attenzione al compasso del carrello anteriore che non sta dietro (come più consueto) ma su fianco sinistro



il dielettrico dorsale è fornito in decals in due colori: bianco per il D, nero per il classico JA, okkio che le istruzioni questo non lo specificano. La punta della deriva andrà allo stesso modo vernciata di bianco o nero.

 Paolomaglio :

19/11/2018 07:43
 

poichè la prima decals è andata a posto senza silvering, ho continuato ad applicarne alte, senza lucido sul modello, la finitura liscia dei Gunze è stata sufficiente e mi ha fatto risparmiare una giornata :-)
Le decals sono pressochè perfette, ricche di colla e reattive a SOL e Set, solo sui numeri fluo si nota un leggerissimo fuori squadro con un filino di bianco che appare ma, una volta applicate sul modello non si nota più. Anche il colore fluo assume un tono più sbiadito una volta che la decals si è seccata insede, sono contento! :-D

 Paolomaglio :

19/11/2018 07:55
 

un difetto che ritengo non correggibie sta nello scalino formato all'interno delle prese d'aria fra sezione interna ed esterna, in attesa che escano dei tappi in resina o fotoincisione ci accontenteremo...



volendo il sistema di inversione della spinta può avere i 3 petali tutti chiusi ma, di solito, si parcheggiava con lo scarico aperto, poi i petali cominciavano a cadere per mancanza di pressione ma non si chiudevano del tutto



non ho finito il kit, sia perchè gli stencils sono numerossimi e bisogna far asciugare alcuni prima di poterne aggiungere altri, sia perchè ho dovuto ordinare il Pitot alla Master in quanto quello da scatola non è proprio rimediabile....



vi lascio con questi disegni originali SAAB che mostrano le varie versioni del Viggen e vi auguro buona settimana!

 gizpo :

19/11/2018 08:47
 Mi sembra che tu non ti sia smentito come al solito, fino ad ora bellissimo lavoro...

 Michele Raus :

19/11/2018 10:35
 Molto molto bello, non ho altri commenti.

 matte :

19/11/2018 12:21
 Mi limito ad un laconico ma meritatissimo bravo 

 lillino :

20/11/2018 00:09
 Complimenti Paolo come al solito ottimo modello e interessantissimo w.i.p. che ho salvato nei preferiti 

 Paolomaglio :

20/11/2018 07:11
 Grazie a tutti, spero di non deludervi, causa maltempo e buio fisso sto andando molto piano con 2-3 stencils alla volta in pausa pranzo... ;-)

 Andrea66 :

20/11/2018 11:50
 Bello!!!!!

 Paolomaglio :

21/11/2018 07:30
 Grazie Andrea.



Sto vivendo un momento di confusione totale, mi sto incasinando da solo! Problema: il kit ha solo un 4 giallo per velivolo mimetico e io mi sono venduto tutti i numeri svedesi in 72 almeno dieci anni or sono, convinto che avrei abbandonato questa sclaa per sempre! Ho quindi rimediato un 4 canadese e l'ho tagliato per farso somigliare ad un numero svedese, con la forma ci siamo quasi ma il tratto è un pelo troppo largo, cosa ne pensate?



altro problema riguarda la mancanza della scritta sotto alla luce di formazione sotto la presa d'aria sinistra, avrei dovuto pensarci prima della conversione in Digital! Mannaggia!!!

 gizpo :

21/11/2018 08:40
 In effetti il 4 è leggermente più spesso dell'originale ma penso che se non lo avessi detto tu difficilmente qualcuno se ne sarebbe accorto....

Per la scritta purtroppo non ho nessuna idea, in ogni caso è sempre meglio....

 combatmedic11 :

21/11/2018 10:34
  Concordo con gizpo, invisibile se non l'avessi detto tu...

 matte :

21/11/2018 14:59
 Per me, va bene 

 Mirco :

21/11/2018 17:50
 Ciao Paolo bel lavoro!
Secondo me le dimensioni del numero 4 possono andare però
non mi convince la posizione: nel tuo modello sembra
troppo avanzato, per metà è più avanti dell'inizio del canopy mentre nella foto ci sta completamente "sotto".
Anche la luce di formazione sembra troppo in basso: nel modello si trova sotto alla punta del triangolo con la scritta FARA, viceversa nella foto è sopra.
Per la scritta secondo me potresti cercare in qualche foglio decals avanzato qualcosa che ci somigli, in 1/72 dovrebbe essere abbastanza piccola da essere praticamente illeggibile e quindi passare inosservata.
Ciao
Mirco

 Paolomaglio :

22/11/2018 07:36
 Grazie a tutti per i commenti.
La posizione della SLIME LIGHT sulla presa d'aria è obbligatoria, proverò a staccare la scritta FARA con acqua bollente, questi sono gli errori che succedono quando si seguono le istruzioni e non si tengono le foto su tavolo da lavoro, ho molti libri ma ho paura ad appoggiarli sul tavolo da lavoro perchè potrebbero sporcarsi o bagnasi, così alla fine mi stampo delle foto dal WEB ed uso quelle!



ieri sono riuscito a stamparmi le scritte sotto la Slime Light sinistra, vi sembreranno sfocate perchè sono minuscole, il carattere è Helvetica a 2 pixel!!! Manca un trattino sopra la J iniziale ma per il resto sembrano molto simili, poi, ripeto, ci vuole il microscopio per leggerle!

 Mirco :

22/11/2018 14:27
 Ottimo, non pensavo si riuscisse a stampare roba così piccola.
Forse lo avevi gia detto in altri post ma puoi indicarmi la marca del foglio decal vergine e che tipo di stampante hai usato? Tempo fa avevo provato a stampare delle scritte rosse con una ink jet proteggendole con l'apposito liquido della Microscale ma non erano venute molto bene e poi non si attaccavano...avrebbe fatto comodo il nuovo prodotto Tamyia!
Ciao
Mirco

 stephaneT :

22/11/2018 14:38
  Complimenti Signor Paolo, è veramente bello . Certo che dopo avere visto questo mi è venuta voglia di fare il mio in 1/48.. La seguo con molta attenzione, i suoi interventi sono sempre molto istruttivi e chiari. Grazie per la condivisione. 

 Paolomaglio :

22/11/2018 16:19
 Grazie a Mirco e a Stephane.

Il foglio decals era un ritaglio non so più dire se Tauro o Wave, ho solo queste due marche, comunque basta comprare fogli specifici per stampanti a getto d'inchiostro (forse i Tauro vanno meglio con le laser? non ricordo più).
La stampante è una multijet HP 6950.

 Michele Raus :

22/11/2018 16:28
 @Pierpaolo
Complimenti per l'autoproduzione delle decal. Concordo che per quella dimensione non ha senso impazzire sulla precisione della riproduzione.

@Stephane
Qui nel forum siamo tra amici e siamo abituati a darci del "tu" 

 Paolomaglio :

24/11/2018 06:45
 Ho dato a pennello un velo del prodotto Micro per proteggere l'inchiostro solubile in acqua, poi ho applicato la scritta ala presa d'aria sinistra, nessun problema e tanta soddisfazione. In passato usavo il lucido a spruzzo per fissare le decals ma devo dire che il prodotto della Micro è molto più efficace. Mi sono avanzate nuerose scritte, che comprasse il modello e volesse convertirlo in Digital mi contatti pure per avere la scritta.



 Paolomaglio :

24/11/2018 06:59
 Su Facebook amministro un gruppo con oltre 10 mila membri, per lo più svedesi, è saltato fuori un pilota delo stormo F16 che ha volato spesso su questa macchina e mi ha chiesto di finirla con le insegne dell'F16. Siccome lui non ha foto ho dovuto ricorrere all'unica di cui dispongo che mostra il 49 con un terminale di coda sostitutivo. Da notare che nei SAAB il terminale non contiene la matricola (coe sul 104) quaindi è possibile scambiare i pezzi senza remore di sorta, la matricola rimane sul troncone centrale di fusoliera...



dapprima ho mascherato per bene la zona intressata, sono andato serenamente anche sopra le decals Tarangus, non si smuovono nemmeno con le cannonate! Purtropo, infatti non sono riuscito a spsotare la scritta FARA



ho quindi spuzzato una mano leggera di verde acido Gunze H 58 diluito con il Laquer.

 Paolomaglio :

24/11/2018 07:04
 

in pochi minuti sono stato in grado di mascherare con ritagli di Kabuki e spruzzare il verde abete, in questo caso tinta svedese della MRP, sempre alla nitro, poi nuove maschere e nero Tamiya diluito col Laquer



tutta l'operazione ha richiesto solo 40 minuti, stamattina metto il tan, l'ultimo colore mimetico. :-D

 gizpo :

24/11/2018 07:29
 Questa era la chicca che mancava, bellissimo Paolo !

 Cesko :

24/11/2018 08:25
 Paolo anche questo è un modello molto interessante e da prendere come spunto. E come tuo solito si tratta di un soggetto particolare che solo la tua sterminata cultura aeronautica poteva trovare. Però stavolta hai corso troppo e in alcuni punti il modello mostra il frutto della fretta o della poca luce invernale. Parlo di qualche decal non centrata o qualche fessura sugli aerofreni. 

 Paolomaglio :

24/11/2018 08:54
 hai ragione Cesko, assolutamente, purtroppo mi mancano 11 diottrie, ho lenti spesse, con luce artificiale vedo solo riflessi e faccio una fatica enorme, soprattuto non riesco a coprendere nè l'allineamento dei pezzi e delle decals e neppure la profondità di campo, in inverno dovrei lavorare solo in scale più grandi....

 Paolomaglio :

24/11/2018 09:01
 

per il TAN ho voluto usare il colore di Hataka, cos' su questo modello ci sono tutti i miei Laquer: Gunze, Tamiya, Mr Color, MRP e Hataka. Il comportamento di questi ultimi è simile agli altri ma con il problema che necessitano di diluizione e non si può fare nella boccia col contagoccie anche perchè non c'è spazio per liquido e dubito si conserverebbero bene troppo diluiti. Ho diluito direttamente nella coppa dell'aerografo ma poi non sono più stato in grado di rimettere l'avanzo nella boccetta, tecnica da perfezionare...



come vedete la macchia in TAN è una sola e mi ha facilitato molto, ora finisco con le decals, finchè c'è luce....

 Paolomaglio :

24/11/2018 09:01
 

per il TAN ho voluto usare il colore di Hataka, cos' su questo modello ci sono tutti i miei Laquer: Gunze, Tamiya, Mr Color, MRP e Hataka. Il comportamento di questi ultimi è simile agli altri ma con il problema che necessitano di diluizione e non si può fare nella boccia col contagoccie anche perchè non c'è spazio per liquido e dubito si conserverebbero bene troppo diluiti. Ho diluito direttamente nella coppa dell'aerografo ma poi non sono più stato in grado di rimettere l'avanzo nella boccetta, tecnica da perfezionare...



come vedete la macchia in TAN è una sola e mi ha facilitato molto, ora finisco con le decals, finchè c'è luce....

 Cesko :

24/11/2018 11:19
  Quote:
Paolomaglio ha scritto: hai ragione Cesko, assolutamente, purtroppo mi mancano 11 diottrie, ho lenti spesse, con luce artificiale vedo solo riflessi e faccio una fatica enorme, soprattuto non riesco a coprendere nè l'allineamento dei pezzi e delle decals e neppure la profondità di campo, in inverno dovrei lavorare solo in scale più grandi....


Intanto, scusami. Non avevo capito che stavi lavorando con queste difficoltá. Quindi considerando tutto cio, capisco che hai lavorato alla cieca, e quindi hai fatto un gran modello in questa scala. Io in condizioni migliori nonriuscirei a far meglio. Invidio la tua passione infinita e la tua capacitá di lavorare anche con grandi difficoltá. 

 matte :

24/11/2018 14:55
 La coda "modificata" è la ciliegina sulla torta, bravissimo 

 combatmedic11 :

24/11/2018 17:36
  Riuscirai mai a farne uno da scatola 🤣🤣🤣? Bello bello bello...

 stephaneT :

24/11/2018 22:32
  Meraviglia!!!... se il mio venisse bene anche la metà di questo sarei contento.

 Michele Raus :

24/11/2018 23:23
 Bellissimo soggetto e ottima realizzazione, come sempre.
Grazie anche per tutte le indicazioni utili, che rendono i tuoi WIP particolarmente interessanti per chi si volesse cimentare con lo stesso soggetto.

 Paolomaglio :

25/11/2018 07:37
 Grazie a tutti ragazzi, siete stati molto gentili ed è bello sapere che i propri sforzi sono apprezzati.
Ieri ci ho lavorato dall'alba alle 20, ho finito di mettere gli stencils, davvero minuscoli ed infiniti, ci sono anche quelli per i cerchioni delle ruote, mai visti in 72! Credo che Tarangus usi una colla fatta con ossa di alci bollite perchè non c'è modo di rimuovere le decals una volta asciutte! Nemmeno col nasro adesivo americano! Ho rischiato di togliere la vernice...



spero che le insegne dell'F16 che mi sta mandando Oberst-Steib riescono a coprire quelle dell'alce dell'F4 in cima alla deriva



I tubi di Pitot da scatola sono una schifezza, sto aspettando una spedizione dalla Master che li sostituirà entrambi oltre ad aggiungere l'antenna per l'angolo d'attacco.
Ho rimediato due soli lanciatori per missili ho quindi potuto aggiungere solo 2 AMRAAM, purtroppo non ho altri pezzi avanzati in 72 perchè mi sarebbe piaciuto aggiungere anche 2-4 Sidewider, i missili li rimedio ma i lanciatori proprio no ! :-x

 Paolomaglio :

25/11/2018 07:48
 

mentre applicavo le decals sulla pancia mi sono reso conto che il terminale di coda mimetico dovevaa vere la stessa mimetica anche sotto, quindi ho nuovamente mascherato e dipinto col blue-gray SwAF di MRP. Già che c'ero ho dato lo stesso colore anche al serbatoio supplementare che spesso si nota in colore grigio più scuro. In questa foto il serbatoio è tutto storto, il motivo è che ha incastri poco solidi e non si riesce ad incollarlo, ho aggiunto due piloncini in plastcard ed ho forato il pilone ricevente ma aspetterò la luce del giorno per fissarlo in squadro perchè non vedevo bene, per ora sta su a secco.
Due parole sui freni aerodinamici inferiori: a differenza di quelle laterali questi calavano un poco, senza mai aprirsi del tutto, a causa della perdita di pressione idraulica. Ho provato a forare tutti i 56 buchini che ciascun aerofrano ha con una punta da 0,000xx ma non ne vale la pena, quando si va a dipingere non si nota differenza fra freno forato e freno con fori incisi dal fabbricante, è sufficiente limare un poco la faccia interna se li si vuole lasciare aperti. Come colore è una sort adi mistero! Sono fra l'arancio e il rame, io ho mischiato il rame di Tamiya con poco giallo e rosso di Vallejo.

 Paolomaglio :

25/11/2018 07:49
 

fate molta attenzione alle infinite luci e lucine che costellano l'aereo come un albero di Natale cui, in fondo, assomiglia non poco!!! :-D :-D :-D :-D

 gizpo :

25/11/2018 08:19
 Io continuo a seguire i tuoi progressi, certo che con l'ultima foto e Photoshop potresti veramente fare una cartolina natalizia !
Scherzi a parte mi piace il livello di sporcatura che hai dato all'aereo, credo che in questa scala sia ancora più difficile perchè se eccedi si vede moltissimo.....

 maurozn :

25/11/2018 09:57
  Stupendo! Una vera dimostrazione di arte modellistica. 

 Lu_Be :

25/11/2018 10:33
  Bellissimo, complimenti!

 Andrea66 :

25/11/2018 11:18
 Paolo lavoro fantastico, non ho parole.

 Paolomaglio :

25/11/2018 13:28
 Grazie ancora a tutti amici!
Purtroppo stamattina non ho passato il walkaround dei piloti!
Sopratutto a causa delle istruzioni sbagliate:



cominciando dall'alto: RAT turbina incollata alla rovescio (mea culpa), luce gialla dietro carello presente solo su versioni corte, luce blu e rossa sulle ali presente solo su versioni corte, da dipingere di grigio e far sparire, aerofreni, sul JA erano SALDATI!!! quindi chiuderli e via, non potevano cadere... Luci di posizione da rimpiazzare con micro pezzetti trapsarenti da aggiungere alle estremità alari.

 matte :

25/11/2018 18:37
 Vabbè, dai, con poco lavoro sistemi tutto, meno male che te ne sei accorto.

 Paolomaglio :

29/11/2018 12:18
 

corretto errori evidenziati dai piloti



aggiunto decals stormo F16 gentilmente donata da Oberst_streib!



aggiunto lavaggio con colori ad olio sulla mimetica
di coda, ora di vuole una mano di opaco sigillante



sempre in attesa di Pitot decenti... ;-)

 matte :

29/11/2018 16:30
 Bello, bello e ancora bello....... 

 Oberst_Streib :

2/12/2018 16:17
 Eh! certo che con "decals stormo F16 gentilmente donata da Oberst_streib" e' venuto tutto un'altra cosa! 
  

 matte :

2/12/2018 19:01
  Quote:
Oberst_Streib ha scritto: Eh! certo che con "decals stormo F16 gentilmente donata da Oberst_streib" e' venuto tutto un'altra cosa! 
  


Gli ha dato quel qualcosa in più che altrimenti non avrebbe avuto.......  

 ziochicchi :

2/12/2018 19:06
 Mazza Paolo che lavoro !!…..è venuto magnifico

 Paolomaglio :

23/12/2018 06:45
 

finalmente sono arrivati i tubi di pitot dalla Polonia, purtroppo le dimensioni corrette in scala 1/72 sono infinitesimali ed è estremamente difficile fotografarli, ad ogni modo il realismo ne guadagna parecchio



il set della Master comporta 3 antenne: una sulla deriva, una sul muso e l'indicatore di angolo d'attacco sulla fusoliera sinistra, occorre avere una punta di trapano sottile come un capello per installarle!

Per ora finisce qui,, in futuro spero di riediare dei lanciatori per AIM-9L in questa scala...

 gizpo :

23/12/2018 07:59
 Bravo Paolo, anche senza lanciatori penso tu possa ritenerti piu' che soddisfatto...

 Paolomaglio :

15/2/2019 06:40
 Avviso che la nuova produzione di questo kit e di nuovo dispoibile da oggi presso Tarangus, Rebell.com.
La prima mandata fu esaurita in meno di due settimane, quindi.... sapevatelo ! ;-) ;-)

 ivancola :

15/2/2019 08:08
 Che bello! 

© 2004-2018 www.modellismopiu.it
https://www.modellismopiu.it

URL di questa discussione
https://www.modellismopiu.it/modules/newbb_plus/viewtopic.php?topic_id=138869&forum=49