Forum : Veicoli militari

Soggetto : Panzer IV - F2 Dragon Kit n. 9019 - FINITO -

 Rizzilla :

10/11/2020 08:38
 salve a tutti.
Come prossimo kit vorrei far eil mio primo Panzer IV. In stock ho il kit Dragon 9019.
Ci sono particolari cose a cui devo stare attento?

Ho visto che e' stato impiegato (poco) in Nord Africa e poi anche nel teatro occidentale. Non vorrei farlo nella versione fronte orientale.
Quindi opterei per il monocolore Dunkelgelb o Grau.
entrambe le opzioni sono presenti nelle istruzioni.\Per il teatro Africano 15 Panzer Division unita' n. 8, per il fronte Occidentale la LAH Divisione con numeria 315 o 316.

giusto?

 Lamb :

10/11/2020 10:16
 Ciao Riz,
 ho fatto vari Panzer IV Dragon anche se non proprio il tuo kit comunque...
a parte la scomposizione un po' spinta, ma c'e' di piu' complicato (Bronco),  vai tranquillo, solo attento alla canna col freno di bocca scomposta in due pezzi, e' sempre un problema.

Circa la versione, la F2 e' stata una versione di gap perche' era identica alla precedente F1 col 75 corto eccetto che montava il 75 lungo con il freno di bocca globulare poi sostituito da un tipo piu' efficiente nelle versioni successive che entrarono in linea gia' in Tunisia con la 10' Panzer.
Utilizzata in Africa ad ElAlamein dalla 15' e dalla 21' Panzer,  era l'unico carro superiore agli Sherman per cui, indovina un po', quale farei?

Qui sopra la canna sembra grigia, probabilmente montata in fretta su un modello F1
interessante, qui sotto, il telaio fissato al cannone che serviva ad abbattere l'antenna poi eliminato 






 jEnrique61 :

11/11/2020 12:29
  Ciao Lamberto, ma sei un enciclopedia viaggiante...  Saluti

 

 GP1964FG :

11/11/2020 13:37
 Il kit Dragon 9019 è un Gunze Sangyo reinscatolato, vedi su scalemates.
Io ho fatto il panzer III ausf. M di quella famiglia di kit.
Sono kit buoni ma non semplici; a volte restano selle fessure, da riempire con striscioline di plasticard e/o stuccare. Le istruzioni non sono il massimo, bisogna studiarsi bene le foto e la documentazione.
La Dragon ha poi tirato fuori i suoi nuovi kit, che sono molto migliori come dettagli, anche se a volte eccessivamente scomposti in una miriade di pezzetti.
Comunque, il tuo Dragon è indubbiamente migliore del vecchio Panzer IV ausf. F1/F2/G Italeri, nato vent'anni prima.

https://www.track-link.com/reviews/394

Ciao
Gianfranco Pesola

 sandro :

11/11/2020 13:55
 Ciao
ho anche io il Pz IV F da fare, ma quello a canna corta, l' F1. L'unica cosa forse da stare attenti, per la macroscopicità della cosa, è il portello del vano motore con o senza griglie di ventilazione, stasera ti verifico sulla documentazione per togliere ogni dubbio.
Ciao!
Sandro

 sandro :

12/11/2020 09:42
 Ciao
ho dato un'occhiata all'Achtung Panzer dedicato al PZ IV, qui ti ho fotografato la sezione dedicata all'F2, nulla di particolare, il portello del vano motore ha le griglie di ventilazione, scusa per le immagini, ho fatto le foto con il cellulare...
Come ha detto Lamberto, hai poche alternative al fronte russo, puoi ambientarlo in Tunisia, con una mimetica giallo sabbia scuro.
Ciao!

Immagini inserite ai soli fini della discussione













 Hal9001 :

12/11/2020 11:38
 Allora,
il Panzer IV F2 è stata la prima versione a canna lunga del panzer IV, prodotta nella prima metà del '42 con la canna lunga 43 calibri (L43) e il freno di bocca sferico, sostituito presto dalla versione più lunga L48 con freno di bocca cilindrico (che sarebbe l'Ausf. G anche se la distinzione è più sfumata e complessa).
Comunque l'Ausf. F2 è stato usato su tutti i fronti da Febbraio/Marzo '42 fino a inizio '43 quando ci fu un programma di ammodernamento dei panzer iv che vennero tutti o quasi riarmati con il 75mm L/48.
Si trovano facilmente immagini di Pz.IV F2 in Russia durante il Fall Blau, in Africa e anche in Francia impegnati nell'operazione Anton e le mimetiche possono essere molto varie dal grigio panzer ai vari Tropen e anche Dunkelgelb (ma molti meno di quanto si pensi).
Detto questo il kit ehm... non è dei migliori, anzi forse è meglio l'Italeri degli anni '70. Questo kit come già correttamente detto è derivato dai Gunze degli anni '80 e non ha nulla a che fare con i kit di Pz.IV prodotti dalla Dragon dopo il 2005. Non possiedo il kit ma vedendo qualche immagine e le istruzioni si notano un po' di errori grossolani (cominciando dalla box art parecchio cannata) e anche senza analizzare a fondo i dettagli o le dimensioni del kit, si capisce che per correggerlo e avvicinarlo a qualcosa di produzione più recente ci vuole parecchio lavoro e anche una considerevole spesa in aftermarket (se non si ha una fornita scatola con pezzi di avanzo). Premesso che non sono un grosso esperto di Pz. IV (e la cosa aggrava le carenze del kit se anche io noto certe magagne):
- cingoli sbagliati
- ruota dentata di fantasia (una caricatura cicciona)
- coperchi della trasmissione finale (dove ci sono i perni delle ruote motrici) sbagliati (sono più simili a quelli dell'Ausf H)
- la geometria (o meglio le proporzioni) delle corazze frontali
- ganci di traino anteriori enormi
- visore pilota enorme e posizionato troppo al centro
- portelli di pilota e radio-operatore sbagliati (sono quelli montati sui modelli successivi, quelli dell'F2 si vedono nei disegni postati da sandro)
- piastra posteriore imprecisa. in particolare le flange
- la torretta mi sembra tutta "gonfia" con troppo margine tra i portelli laterali e il bordo inferiore, ma senza aver il kit tra le mani è difficile capire cosa fa sballare le proporzioni
infine le colorazioni proposte sono a dir poco imbarazzanti, cioè sbagliare pure il grigio panzer indicandolo come field gray ce ne vuole!!! Non ho cercato i veicoli specifici ma di sicuro i colori indicati non hanno niente a che fare con i carri, se lo vuoi fare grigio usa una panzer grey, per la mimetica africana lo schema dovrebbe essere il Tropen 2, quelli russi erano o in Tropen o in grigio ma anche con mix "originali", c'è tanta ricerca ancora sull'argomento, prendi questo F2 con scafo in Tropen2 e torretta grigia

 Rizzilla :

16/11/2020 07:55
 Grazie a tutti.

Domanda stupida. Ma il tropen due e' un mix fra gaillo sabbia e verdino (miscelato a giallo) o grigetto (miscelato a giallo).
Perche' il tropel 2 dovrebbe essere un giallo marrone e un grigio verde (2/3-1/3) ma tutte le foto che ho trovato mi riportano colori molto piu' tenui. puo' essere l'effetto del sole?

Quindi un giallo integrale e' da scartare, ma un grigio integrale no (o LAH in Francia o fronte Russo).

 Lamb :

16/11/2020 11:00
 Ciao Riz,
premetto che non sono ne' un esperto ne' un maniaco della precisione colori, tantomeno in Africa dove la variante del clima (tempeste di sabbia e sole), delle improvvisazioni (con vernici e diluizioni di recupero) etc... rendono il tutto piuttosto aleatorio.

In teoria
TROPEN1 17/03/1941 (2/3 yellowbrown gelbbraun RAL8000, 1/3 graygreen graugrun RAL7008) 
TROPEN2 25/03/1942 (2/3 sandybrown braun RAL8020, 1/3 sandgray grau RAL7027)
con numerose eccezioni, che fanno la regola, nelle quali non veniva applicato il terzo di rottura.

individuare il tono dei colori dalle foto originali in bianconero e' impossibile e le rappresentazioni che se ne danno sulle pubblicazioni sono varie all'interno della stessa pubblicazione, comunque eccone un po'...

foto accluse per sola discussione modellistica

TROPEN 1


TROPEN 2




ECCEZIONE    tutto RAL8020 con trasparenze sul precedente DARK GRAY RAL 7021



poi fai un po' tu...

 Rizzilla :

16/11/2020 11:50
 GRAZIE

 Hal9001 :

16/11/2020 15:54
 Ehm...
non voglio essere un rompi, ma mi sa che le illustrazioni postate da lamb sono sbagliate (praticamente invertite).
Questo scritto da lamb è giustissimo:
"In teoria
TROPEN1 17/03/1941 (2/3 yellowbrown gelbbraun RAL8000, 1/3 graygreen graugrun RAL7008) 
TROPEN2 25/03/1942 (2/3 sandybrown braun RAL8020, 1/3 sandgray grau RAL7027)
con numerose eccezioni, che fanno la regola, nelle quali non veniva applicato il terzo di rottura."
Ma poi le figure sono sbagliate
- Tropen1 è la mimemica più scura marroncino e khaki, con bassissimo contrasto tra i due colori tanto da essere praticamente indistinguibili nelle foto in bianco e nero. Un esempio classico è il Tiger I di Bovington
- Tropen 2 è più chiara, marroncino sabbia e grigio verde, questi due colori sono più contrastanti (vedi la foto del cannone postata da sandro) anche se come si vede nella foto che ho già postato le chiazze possono essere parecchio sfumate.
L'ultima illustrazione la trovo poco credibile, tutti i veicoli destinati al teatro africano (a parte i primi inviati a inizio '41) uscivano di fabbrica "tropicalizzati" e quindi dipinti in tropen, nessun panzer IVf2 è arrivato in africa gigio e poi ridipinto, anzi molto spesso i mezzi tropicalizzati finivano in russia.
 Per le esatte tonalità dei RAL, beh divertiti a leggere questo

https://www.tapatalk.com/groups/missinglynx/ral-8000-ral-7008-ral8020-ral-7027-comparison-amon-t324686.html

tieni presente che i RAL di oggi possono essere diversi da quelli degli anni 40, il Tropen 1 è abbastanza facile prendendo a riferimento il già citato Tiger che è abbastanza fedele, per il Tropen 2 propendo per un marrone sabbia più chiaro del giallo panzer adottato nel '43 e un grigio verde vagamente simile al RLM02, ma questo è moolto personale e opinabile.

 Lamb :

16/11/2020 16:56
 Ciao Hal,
Come Volevasi Dimostrare...  e' un bel casino

Io mi sono limitato a riportare da  'Workhorse Panzer III in North Africa' e da 'DAK Profile guide AK Interactive' le loro interpretazioni ed errori (nel secondo profilo la didascalia non quadra)
Volutamente non ho riportato le chip di colore che sappiamo significano poco ma eccole

e sono d'accordo con te che servono solo a stabilire (SIC) che il TROPEN 1 e' piu' scuro e meno contrastato del TROPEN 2

Poi e' tutta questione di interpretazione  e non intendo estro personale ma incidenza luce, usura, etc.etc.etc.  io per esempio il tropen 2 l'ho fatto recentemente cosi' ma che non serva come esempio


 Rizzilla :

17/11/2020 12:31
 Bene ancora piu' confuso.

Ho iniziato. Ma adesso vengono le scelte.

 Rizzilla :

18/11/2020 07:43
 Ok ho provato a dare il colore. Che ve ne pare? Si vede ancora troppo il preshading? E' troppo scuro? ho provato a schiarire qua e la con un po' di modulazione ma si vede poco?

Ho dato solo tre mani di colore. Nient'altro. 8/1 Gunze/Tamiya.



 Lamb :

18/11/2020 09:20
 A me pare indovinato    e pure le trasparenze

 sandro :

18/11/2020 10:03
 Ciao!
E' una buona base di partenza, ora puoi sbizarrirti con lavaggi selettivi e qualche tocco in più di modulazione sulle superfici orizzontali, bel lavoro!
Ciao
Sandro

 Rizzilla :

23/11/2020 13:24
 Cotot e mangiato. Probabilmente il kit realizzato nell'arco di tempo minore fra quelli da me fatti.

Carino nonostante telaio deformato, decal da brivido.

















 Lamb :

23/11/2020 16:20
 Ciao Riz,
bel lavoro di chipping, purtroppo le maledette decal che finiscono sui portelli di visione sono sempre un problema e poi occorrerebbe dare il lucido sempre (io me ne scordo spesso) per evitare silvering.

Lo stampo come ti hanno detto e' un po' obsoleto e carente ma hai fatto un bel lavoro, solo mi permetto di suggerire che nei mezzi terrestri il plus e' dato dal caricamento aggiuntivo che contestualizza e personalizza il kit (Jerrycan, cavi, sacchi, teli, rulli e cingoli di scorta) magari ripresi da foto, tutte cose che differenziano, a mio parere, il modo di fare carri dal modo di fare velivoli, se no e' lo stesso .

 sandro :

24/11/2020 08:13
 Ciao, bel lavoro davvero, ti consiglio di fare un lavaggio selettivo, per portare in rilievo i particolari.
Io uso gli olii della Abt 502 diluiti con il loro diluente, diciamo al 90-95%, passi con un pennello fine (diciamo 00) su tutti i punti dove vedi un dettaglio, un bullone, una scanalatura, una saldatura, l'eccesso lo togli con un altro pennello asciutto, per assorbimento.
E' un lavoro tedioso e molto lungo, ma ripaga molto!
"Con un lavaggio ben mirato, rendi vivo il carro armato!" :-D :-D :-D :-D

eccoti un esempio.
Ciao!

 GP1964FG :

24/11/2020 12:26
 Bello questo panzer IV, anche se onestamente pensavo fosse un kit migliore... ci sono dei particolari mancanti, secondo me, come per esempio i fori che consentivano di ribaltare i parafanghi posteriori: le luci entravano in tali fori e si poteva ripiegare completamente la parte mobile del parafango, bloccandola sulla parte fissa con dei fermi (che pure non vedo...). Questi fori erano coperti dall'interno con una sorta di "doppio parafango" in gomma, per cui, nella posizione in cui tu li hai montati, attraverso i fori si vedeva il nero della gomma....
Un altro problema secondo me è la rappresentazione della cupola del capocarro con le protezioni dei visori tutte chiuse...se posso, ti consiglierei di aprire almeno i portelli della cupola, ipotizzando una situazione non di combattimento, quando di sicuro il capocarro doveva poter guardare all'esterno attraverso gli iposcopi.
Infine, secondo me dovresti montare sotto il cannone quel sistema di "sbarre di ferro" tipico di questi primi panzer IV con il cannone lungo: l'arma interferiva durante la rotazione con l'antenna, per cui quel telaio serviva ad abbattere l'antenna evitando urti direttamente con il cannone.
Questo sistema venne eliminato sugli ausf. G late e ausf. H, quando l'antenna venne spostata nella parte posteriore, a lato del cofano motore, sul lato opposto.

Per la verniciatura mi unisco ai complimenti ed ai consigli degli altri. A quelli io aggiungerei solo la ruggine sui cingoli...
Mi piace moltissimo "lo scarico" del motore (il cilindrone sul retro), arrugginito in modo molto realistico.

Complimenti
Gianfranco

 Rizzilla :

24/11/2020 12:36
 Grazie dei complimenit e dei consigli soprattutto.

Lavaggi. Un po' ne ho fatti ma di certo non su tutti i rilievi. Tendenzialmente ho il 'braccino' e cmq non gradisco mezzi molto contrastati nei colori.

Per i portelli del capocarro li ho tenuti chiusi perche' all'interno non c'e' nulla. Ovvio che sarebbe piu' realistico tenerli aperti e aggiungere un po' di cariche come taniche di acqua e bagagli.

Supporto per ribaltare l'antenna. Si e' vero l'ho visto in molte foto. Dovrei autocostruirlo.

 euro :

24/11/2020 13:46
 il risultato finale non mi dispiace, è venuto bene secondo me
Sicuramente un lavaggio selettivo farebbe risaltare i dettagli ma va bene ancge cosi

 Lamb :

24/11/2020 14:37
 Magari come mio solito sbaglio pero' a mio parere...

il telaio per ribaltare l'antenna era su tutti gli F1 ma rarissimamente su F2 e probabilmente perche' la canna lunga lo rendeva ridondante
il sistema per ribaltare i parafanghi posteriori descritto da Giancarlo era tipico del Panzer III non del Panzer IV F2

oh... si fa per dire (chattare)

 GP1964FG :

24/11/2020 16:39
 Lamberto, nessun problema! Io non sono un superesperto, e non ho nessun problema ad ammettere gli errori, se del caso. L'importante è sempre l'educazione e il beneficio del dubbio...
Per il "deflettore dell'antenna" guarda tra le foto e i disegni postati da Sandro. Il problema si ebbe proprio con il cannone più lungo, le versioni precedenti che montavano un cannone più corto da 75 mm L24 non avevano questo dispositivo perché l'arma non interferiva con l'antenna.
Il problema venne temporaneamente risolto dal deflettore, quindi si provvide a spostare l'antenna.
Come sempre, non ci sono regole fisse, e sicuramente qualche F2 non avrà montato tale deflettore. Ovviamente anche il cannone, sbattendo dell'antenna, poteva farla ripiegare (era montata su una base elastica e rotante), però il rischio che l'antenna si piegasse o si incastrasse era troppo alto.

Per i parafanghi, credo che tu abbia ragione...Non ho trovato foto di panzer IV con i fori nei parafanghi posteriori. È strano che il "fratello maggiore" del panzer III non abbia ricevuto tale sistema; probabilmente le misure erano diverse e non c'era necessità di quel sistema per alzare i terminali dei parafanghi.

Ciao
Gianfranco

 izzuB :

24/11/2020 18:18
 Se posso aggiungere un'ulteriore informazione: la funzione del deflettore (presente come dotazione di fabbrica su tutte le versioni iniziali del panzerIV) essendo fornito di superfici isolanti, era quella di impedire il contatto metallo contro metallo del cannone con l'antenna che avrebbe potuto causare disturbi alle trasmissioni.
Inoltre, per discutere delle istruzioni della Dragon, mi sembra che in tutte le fotografie postate si veda chiaramente la presenza di una protezione corazzata del visore esistente a destra del cannone e, questo meno chiaramente, che lo scovolo del cannone era diviso in quattro parti raggruppate a due a due.

sperando di non essere stato invadente

ciao

 Lamb :

24/11/2020 18:29
 Figurati Giancarlo, l'avevo premesso.

Intendevo aiutare Rizzilla perche' secondo me poteva omettere il telaio deflettore in quanto non sempre  montato sugli F2 ( le mie tre foto ad inizio post mostrano uno senza e due con ) 

Circa le versioni E ed F1 a cannone corto solitamente lo montavano mentre le successive a cannone lungo no (sempre salvo eccezioni)
Foto accluse per amichevole discussione modellistica

Panzer IV E  con


Panzer IV F1  con



Panzer IV F2  senza



Panzer IV G con   (eccezione alla regola e con un telaio diverso)



salvo errori ed omissioni per le quali saro' felice di essere corretto
bye

 GP1964FG :

24/11/2020 20:59
 Mi arrendo! 😁

Gianfranco

 Hal9001 :

26/11/2020 10:30
 Come già detto da me all'inizio del thread il kit è terribile e le foto postate non fanno che aumentare il numero di errori anche madornali e, a quanto pare, si monta pure male, quindi sposo in pieno l'impostazione di Rizzilla di non perderci troppo tempo e concentrarsi solo sulla colorazione per fare esperienza (praticamente un kit cavia).
La colorazione mi piace, il Tropen2 è abbastanza convincente e l'invecchiamento generale è riuscito, soprattutto le scrostature e lo scarico. Forse avrei usato un verdino un po' più contrastante e accentuato di più luci e ombre, soprattutto le luci schiarendo ulteriormente il colore base, ma probabilmente le foto non rendono giustizia al lavoro. I mezzi impolverati, tipici del deserto, secondo me richiedono una colorazione base con un po' più contrasto poichè è inevitabile che l'invecchiamento a base di velature color sabbia smorzi il tutto. Nel tuo caso, e sempre considerando questo modello come un esperimento per fare pratica, proverei ad aumentare i contrasti anche con pin wash(scuri) e un po' di dry brush "morbido"(charo) e poi velature color sabbia per uniformare e smorzare, simulerei accumuli random di polvere e sabbia negli angoli con wash o pigmenti e soprattutto sulla parte bassa darei una spruzzata leggera di sabbia molto diluita per dare l'effetto di un veicolo che si è mosso nel deserto e per smorzare il nero troppo nero delle ruote.
Per dare varietà cromatica potresti anche fare scrostature e graffi leggeri con un sabbia più chiaro e aggiungere qualche colatura di benzina o grasso, tieni presente che i tappi dei serbatoi sono i due sportellini tondi sul fianco tra le ruote e  irulli guidacingolo.
I cingoli secondo me richiedono un po' di lavoro, sono troppo scuri e "monotoni", con una spugnetta applica un po' di toni color terra e ossido per variare il tono di base, poi ancora lavaggi e pigmenti per uniformare e simulare accumuli, e poi dry brush. Io faccio tre passaggi, uno leggero con un terra o sabbia nelle parti con dettagli ma non soggette a sfregamento tipo la zona incassata della faccia esterna della maglia o sul fianco, uno per le zone in rilievo con un colore simile a quello usato da te per i cingoli e le scrostature (quindi metallo scoperto invecchiato ma non arrugginito), e nel tuo caso forse non serve, e infine un terzo con poco metallo lucido per i punti con sfregamento costante come il bordo esterno della faccia della maglia e qualche spigolo dei denti all'interno.
Nota: il deflettore dell'antenna serviva a far piegare correttamente l'antenna, che era rigida e montata su un perno rotante, nel suo alloggiamento (il profilato con sezione a U sul fianco), sia il deflettore che l'alloggiamento era in legno con attacchi al telaio in metallo per evitare che l'antenna "cortocircuitasse" a massa interrompendo le comunicazioni. In varie fogge era presente su tutti i Panzer IV tranne i primi A e B e poi eliminato quando con gli ultimi G l'antenna è stata spostata sul retro del carro. Quando fu avviata la produzione dell'F2 col cannone lungo probabilmente non fu contemporaneamente adattato il disegno del deflettore al nuovo mantelllo+canna e quindi diversi esemplari ne erano sprovvisti e si ebbero poi soluzioni transitorie, tipo con sbarre lungo tutta la canna. Quindi il modello può andare anche senza deflettore, tanto più che manca completamente l'antenna e il suo supporto!!! Che kit di m...
Panzer IV F2 con deflettore lungo


senza deflettore, ottimo spunto per l'invecchiamento, in particolare dei cingoli

questo è bruciato

questo è grigio, nuovo di zecca e con i cingoli lucidati dai san pietrini e anche i denti della ruota motrice sono lucidi

 GP1964FG :

26/11/2020 12:06
 Hal9001 ha ragione, pensavo che questo Dragon ex Gunze fosse solo un po' datato e quindi semplificato nei particolari, ma che non fosse così scarso.
Come detto, io ho montato il panzer III ausf. M della stessa famiglia di kit, e non era affatto male, a parte gli schurzen più spessi della corazzatura dello scafo.

Come dice Hal, anche se è un kit montato per puro divertimento e per fare esperimenti (un kit cavia...), con un po' di "arte pittorica" si può usare per renderlo più interessante e mettere in secondo piano i difetti.

Infine, il discorso del deflettore dell'antenna...che non c'è! Sinceramente non avevo notato la mancanza; pensavo che Rizzilla l'avesse montata ripiegata nel "binario" di legno sul parafango. Nella seconda foto del modello mi sembrava di vedere il supporto dell'antenna ruotato...
Sul deflettore, ho trovato un post di Tom Cockle, uno dei massimi esperti di panzer, autore di libri e, se non mi sbaglio, collaboratore di Dragon per le ricerche storiche, dove si dice che esso era in metallo con applicato del materiale non conduttore.

https://www.tapatalk.com/groups/missinglynx/why-did-the-panzer-iv-have-an-aerial-deflector-t318351.html

Ricordo di aver trovato varie foto in cui si vede il deflettore realizzato con profilato ad L, saldato al mantello e alla protezione lungo la canna alla base del cannone. Sui primi ausf. G con il 75 L 48, tale deflettore era un tubo piegato a U; credo che sia difficile realizzarlo in legno.

Ciao
Gianfranco

 Lamb :

26/11/2020 12:18
 Belle discussioni ! Si impara qualcosa o ti fanno notare qualcosa che ti e' sfuggito!

Per esempio manca l'apparato fumogeni posteriore e i cavi di traino (anche questo magari non c'era sempre pero' il kit ha risparmiato parecchio)

 Hal9001 :

26/11/2020 17:48
 Lamberto magari fossero solo questi i problemi del kit! Qualche particolare si può aggiungere o correggere, ma qui c'è da rifare quasi tutto, a occhio salverei solo le ruote. Non mi voglio dilungare nella disamina perchè davvero non ne vale la pena e sarei anche off topic, ma vi invito a guardare le foto della carro vero e del modello, può essere un utile esercizio per la nostra attenzione!! A volte ci perdiamo in minuzie e non vediamo l'elefante nella stanza, molte proporzioni di torretta e scafo anteriore sono sbagliate, anche perchè il modello è un panzer IVH camuffato alla bell'e meglio da F, ad esempio che fine ha fatto il secondo visore sulla piastra anteriore della torretta? I raggi della ruota motrice sono larghi il doppio di quelli reali, il faro notek è alto la metà (non supera in altezza i due ganci di traino stivati sul parafango!!)

 GP1964FG :

26/11/2020 19:23
 Nella recensione del kit su track-link, di cui avevo postato il collegamento, si parla di un kit creato con pezzi provenienti da altre realizzazioni Gunze Sangyo o Dragon; in particolare lo scafo e la torretta sono di kit di panzer IV ausf. H e J, ruote sospensioni di uno Jagdpanzer IV, ecc.
Ci sono degli errori, o comunque dei pezzi non appropriati per un F2, ma la cosa peggiore sembrano essere le istruzioni, difficili da seguire, soprattutto per il posizionamento dei particolari.
Sembrerebbe ad esempio che la copertura del secondo visore, a lato destro del cannone, ci sia nel kit, ma non è indicata nello schema di montaggio! Però è rappresentata nel disegno sulla scatola...
Parimenti, mi sembrava molto strano che nel kit manchino i fermi dei portelli di accesso alla torretta, molto caratteristici e ben visibili... ed in effetti ci sono (pezzi E52 ed E53).
C'è poi la complicazione di dover rasare dei "rivetti" conici e di doverli incollare sopra e sotto i portelli dei visori laterali della torretta (questo deriva dal fatto di dover "retrodatare" la torretta creata per il modello dell'ausf. H, che non aveva più tali visori). E varie altre pecche...
Secondo il sito scalemates, il kit è stato creato da Gunze nel 1991 come un ausf. G, reinscatolato da Dragon con alcune parti nuove (cannone, schurtzen...) per fare un ausf. J late nel 1994 e quindi proposto come ausf. F2 nel 1996 sostituendo il cannone e qualche altro pezzo.
Dragon ha poi fatto i suoi nuovi stampi; il nuovo F2 è del 2007.

La recensione ovviamente non dice "il kit fa schifo"...però si intuisce che non è il massimo. Il recensore conclude dicendo che esso rappresenta uno step importante nell'evoluzione del panzer IV... e che, se si ha a disposizione l'analogo kit Italeri, si può, prelevando alcuni pezzi (!!!) tirare fuori un bel F1 (!!!).

Va beh, detto questo, sicuramente Rizzilla non voleva fare un modello da concorso...volendo poi, alcuni dettagli si possono ancora montare o modificare. Per le proporzioni sbagliate, come dice Hal...amen, è un vintage, e secondo me come tale va visto e valutato.

Ciao
Gianfranco

 sandro :

27/11/2020 07:26
 Andando leggermente off topic, quali sono le impressioni del kit Dragon Ausf. F2 Smart Kit? Stessi problemi del Gunze?

Avrei in progetto di convertirlo in F1, avendo un Dragon Ausf D Smart kit.....
Lo so, è complicarsi la vita direte, esiste già l'F1 pronto, ma ho questi kit e vorrei utilizzarli.

Ciao!
Sandro

 Hal9001 :

27/11/2020 10:23
 Allora definiamo i kit col loro numero per evitare confusioni:
- Dragon 6360 Pz.Kpfw.IV Ausf.F2(G) - Smart Kit
- Dragon 6873 Pz.Kpfw.IV Ausf.D (Smart Kit)
Se i modelli che hai sono quelli indicati sopra ti posso dire:
- 6360 modello eccezionale che "un c'incastra nulla" col Gunze! Ancora oggi uno dei migliori PzIV in circolazione, l'unico problema sono le istruzioni che non spiegano le varie opzioni dei dettagli disponibili per realizzare differenti lotti prodotti dalle varie fabbriche, ma con un po' di studio (non facile perchè l'unica bibliografia valida e aggiornata è quella prodottta da Craig Ellis ecco un link https://www.blurb.co.uk/user/8wheels-good?filter=bookstore) è quanto di meglio si può ottenere. Per me belle e interessanti anche le colorazioni/decal offerte nella scatola. Se non hai già letto questa review è sempre valida
https://www.perthmilitarymodelling.com/reviews/vehicles/dragon/dr6360.html   
Lo cerco da un po' ad un prezzo "ragionvole"

- 6873 bah... nasce da un collaborazione con Platz per il manga Girls und Panzer, e dovrebbe essere questo
http://lstfazz.blogspot.com/2016/01/148-platzdragon-gp-18-ivd-work-i.html
poi reinscatolato dalla stessa Dragon
https://www.super-hobby.it/products/Pz.Kpfw.IV-Ausf.D-Smart-Kit.html
ecco se il modello è questo, e anche se non l'ho studiato bene, ti dico subito che siamo 2 gradini sotto rispetto al 6360. Si vede che il kit è molto semplificato con dettagli quasi dozzinali(tipo i gancetti per sollevare la torretta stampati direttamente sulla torretta stessa e quindi senza "fori" o la cupola del capocarro stampata in pezzo unico con visori chiusi e senza alcun dettaglio all'interno), non mi sembra malvagio, ma non è affatto il miglior PzIVD disponibile. !!!Caveat: non so giudicare la correttezza dimensionale del kit e considerando il precedente abominio creato da Dragon col PzIVD kit numero 6265 non metterei la mano sul fuoco...

Conclusione: costruisciti il 6360 come F2 e goditi le finezze anche studiando un po' il soggetto, il 6873 usalo per puro divertimento come lavoretto easy senza troppe pretese o per sperimentare con la colorazione

 sandro :

27/11/2020 14:04
 Grazie Hal, no, il Pz IV Ausf D è proprio il 6265 3 in 1, non lo smart kit. Ho letto da qualche parte (un sito nipponico del quale non ricordo l'indirizzo) che ha grossi problemi di dimensioni dello scafo (interasse rulli reggicingolo sbagliati, ecc).
Il modello che mi hanno regalato è stato montato da un modellilsta poco esperto e ha fatto un macello, forse si salva il cannone e qualche particolare, è da usare come banca dei pezzi....

Pensavo di usare il cannone del D sull'F2, come fu fatto all'epoca, in modo da convertire l'F2 in F1, ho diverse foto dello stesso carro preso da diverse angolazioni e penso che potrebbe venire fuori un bel modello.
Poi i Panzer IV vanno presi uno per uno, avevano talmente tante variabili che sono difficili da standardizzare.

Ciao e grazie!
Sandro

 Hal9001 :

27/11/2020 15:48
 E allora a maggior ragione non rovinare il kit buono!!! Costruisci il kit 6360 come da scatola, che poi secondo me il PzIVF2 è molto più interessante dell'F1, e dimenticati del D che il il 6265 è proprio bacato...
Non ti mancherà l'occasione di costruire un bell F1, anche se non trovi il Dragon sono usciti o stanno per uscire tutti i nuovi kit di PzIV di RFM, Miniart, Border(Takom) e sicuramente prima o poi tutti copriranno anche questa versione, quindi perchè complicarsi la vita e rischiare di guastare un ottimo kit? Se proprio non vuoi buttare il IVD che hai, usalo come banca pezzi per migliorare un altro kit scarso

 GP1964FG :

27/11/2020 16:04
 Se posso, aggiungo che proprio il cannone da 75 L24 del D Dragon è una delle parti peggiori, essendo più corto di circa 1,5 mm con conseguenti errori nella sezione in prossimità della scudatura.
C'è una dettagliatissima recensione e confronto su Perth Military Model

https://www.perthmilitarymodelling.com/reviews/vehicles/misc/pz4d/pz4d3.htm

Se proprio vuoi un F1, ti conviene non usare la canna del cannone del tuo ausf. D e comprarla di aftermarket.

Ciao
Gianfranco

 sandro :

27/11/2020 16:34
 Grazie per le dritte, in realtà avrei anche un cannone intero L/24 in surplus del Panzer III ausf N sempre Dragon Smart Kit, il 6474, l'ho montato e mi sembra ben dettagliato, al limite uso quello, o alla peggio, Hal, ti vendo l'F2 e mi cerco un F1 :-P

Ciao!
Sandro

© 2004-2018 www.modellismopiu.it
https://www.modellismopiu.it

URL di questa discussione
https://www.modellismopiu.it/modules/newbb_plus/viewtopic.php?topic_id=142015&forum=4