Forum : Veicoli militari

Soggetto : AB 41 Italeri

 Mr. ModelDiscount :

30/1/2006 13:45
 E a proposito di quanto si dice sulla benedetta ab 41,
tutti possono fare sempre di meglio, ma io onestamente guardando il kit ( non condivido la scelta delle gomme ) e seguendo le recensioni ( vedi quella dello stimato Fabio ) che, tutti consideriamo un tecnico d'inestimabile valore, fra l'altro è uno dei pochi che può permettersi di avere sia la cognizione meccanica ha prestato servizio sui mezzi veri ( non l'ab per sua fortuna, è ancora giovane ed arzillo ), infin della fiera ha ritenuto che a monte di un buon modello,con qualche scelta particolare " le gomme,le decals " ed i famosi rivetti ... il problema stava nel prezzo, fosse costata 23/24 € tutto sarebbe stato in linea. Poi abbiamo assistito ad una valutazione ( in una rivista), dove prima si dice tutto il peggio ed anche di piú ( uno short run ) forse ci si riferiva ai pantaloni corti che qualche volta si usano in Africa, sopra tutto i rivetti !!!!!!!!!!!, poi la si trova montata senza tutte queste problematiche e senza rifarsi tutti i famosi rivetti " per inciso il problema esiste ", poi se ne vede un'altra nell'articolo seguente " Giustamente ritenuta migliore " con tutti i rivetti rifatti e va bene cosi!! Mistero!!!!!!!!!!!!!!!( il problema non sta nella la seconda ab ,ma per il criterio di valutazione )
Rimane il fatto che tutti hanno diritto a critiche e valutazioni, resto perplesso quando queste sono monodirezionali, i primi Trumpeter facevano " paura" costavano poco ed andavano bene cosi,non credo che i T55/54/69 ed affini avessero un miglior rapporto qualità prezzo dell'Ab 41 ma , sottolineo nessuno ha fatto tutto questo baccano.
Il destino si accanisce contro i mezzi italiani, lo stesso avenne per il kit dell'Ariete. Ora che è in uscita l'as 42 siamo all'attacco preventivo!!!!
Qualche anno fa Tamiya usci con il Pantera G ( ruote metalliche di fantasia ) ma nessuno ha avuto cosi tanta acredine e, costava circa 90.000 mila lirette che all'epoca erano una cifra considerevole, il T 72 tamiya( altrettanto costoso ) ha la torretta completamente errata ma non vedo tutti i giorni forumisti che se la prendono tanto ( Blast Model ed altri l'hanno rifatta ) e via, il primo Sherman M4A3E8 di dragon ( anni or sono ) era un puzzle modellistico essendo Dragon poteva andare !!

Per anni abbiamo avuto M13/40, 75/18 e si " piangeva " e pedalava , ora che il panorama si allarga .........come quelli che non mangiano da mesi ......sdegnosamente rifiutiamo il cibo. italianamente non siamo mai contenti.
Giuseppe

 Fabio :

30/1/2006 14:19
 Giuseppe,
ti ringrazio per gli immeritati apprezzamenti che mi rivolgi.
Riguardo alla tua valutazione del kit sono tutto sommato d'accordo. Rimango dell'idea che si tratti di uno stampo datato e forse rimasto su di uno scafale per molto tempo prima che l'Italeri decidesse di scommetterci su (vedi ad esempio la scomposizione delle parti piú simile a quella del semovente e del 13/40 - nominale ma + 14/41 nei fatti - di Tamiya o il posizionamento degli estrattori).
Concordo anche sul fatto che produttori molto piú celebrati tirino fuori kit con errori o problemi notevoli ed a prezzi elevati e se ne sentano solo lodi sperticate (tanto per non fare nomi e cognomi leggere M26 Pershing - ottimi dettagli ma grossi problemi ad andare insieme).
Ritornano ai mezzi il mio pensiero da "italianofilo" rimane invariato: ogni kit è il benvenuto e costituisce una buona base su cui poter lavorare (senz'altro meglio di autocostruirselo :-P :-P :-P ).
La critica che muovo a Italeri è che il prezzo non è assolutamente rapportato alla qualità del kit. Se un M47 o un M24, scusate l'incompetenza in altri settori, cubano intorno ai 20 eurini, l'AB dovrebbe cubare lo stesso...
Ciao e buona attesa della Sahariana, sperando che sia un ottimo modello visti i quasi quaranta eurini che ci toccherà pagare per accaparracela senza dover ricorrere ad altrettanto in aftermarket, perdendo un'altra volta la competititvità con le produzione dei "resinari" nostrani e non...
Fabio

 Mr. ModelDiscount :

30/1/2006 14:33
 Sono concorde ( almeno siamo in due ) normalmente noi italici riusciamo ad esser concordi a malapena con noi stessi .
Ciao
Giuseppe

 sabot65 :

30/1/2006 14:45
 Giuseppe, un mio commento anche se non sono un intenditore del genere.
Ma i progettisti dello stampo del M47 (datato 1978)o del leopard 1 sono andati tutti in pensione o si sono lincenziati per andare alla Dragon? Si trattava di soggetti in dotazione al E.I. quindi, suppongo io, facilmente fotografabili, misurabili, verificabili di persona e infatti gli ottimi risultati sono sotto gli occhi di tutti ancora oggi.
Ecco qua.....la questione è tutta qui: da una ditta italiana che gioca in casa proponendo un soggetto italiano era lecito aspettarsi se non la perfezione (che non è di questo mondo) almeno la precisione. Per conto mio, stando a quel che ho sentito e letto, non mi sento di dar torto alle critiche degli italianofili.
Ciao.

 Palestro :

30/1/2006 15:06
 Bravo Gaetano, centrato in pieno il punto!!!!

Giuseppe, non è che uno ha rancori particolari nei confronti della Italeri, il problema è che la documentazione, sia fotografica che cartacea della AB41 è facilmente reperibile proprio perchè stiamo in Italia e, secondo il mio punto di vista è impensabile commettere tanti errori in un pezzo così piccolo e sopratutto proporlo ad un prezzo così alto. Personalmente ho avuto modo di montare tutte e due le AB41 presenti sul mercato e, ti assicuro, che non c'è paragone. Quella in resina è molto piú semplice proprio perchè la sua scompozione è piú logica. In questo caso non parliamo di misure,rivetti ecc ma solo di una errata progettazione che, secondo me, con gli attuali standard, è molto piú grave del rivetto + o - piccolo.

 Wanderer :

30/1/2006 15:09
 Devo confessare che non ho completamente capito lo spirito del contributo postato originariamente  Se la tesi è che Italeri produce modelli tutto sommato onesti anche se con qualche errore ma in fondo di qualità almeno accettabile e che dovremmo quindi evitare stroncature, ripeto se questo è il motivo dell’interessante intervento, lo trovo almeno singolare.
Se da un lato è indubbio il debito che il modellismo italiano deve a Italaerei prima e Italeri dopo, tuttavia andrebbe anche detto per onestà intellettuale che la ditta, al pari di altre ditte italiane ed europee in questo momento storico-economico, non ha saputo o voluto fare un salto di qualità ormai necessario.
Premetto che il mio punto di vista è da settantaduista e per di piú modellista di mezzi militari, e quindi non posso che ringraziare Italeri per la meritoria opera di riedizione del catalogo ESCI, anche se alcune scelte lasciano perplessi, vedi Elefant, Tiger II, Pz. IV o adesso Pz. III, alla luce dei modelli superiori dei medesimi modelli che presenta oggi la concorrenza.
Parlo invece dei kit nuovi: M8, DUKW e SdKfz. 234. In tutti e tre i casi il modello è accettabile, ma o presenta delle soluzioni discutibili (ruote in bassorilievo) oppure propone un kit troppo semplificato per gli standard attuali (SdKfz. 234). In tutti i casi il rapporto qualitá /prezzo è poco attraente, 8.50 EUR nella migliore delle ipotesi per l’SdKfz. 234 Italeri e 9 EUR per lo stesso soggetto Hasegawa. Quindi anche nel price positioning c’è qualcosa che non va 
Sulla AB41 non mi pronuncio visto che non lavoro in1/35 ma devo dire che anche qui non c’è relazione tra l’attesa creata nei modellisti, nostrani e non, per un kit finalmente ad iniezione di questo mezzo, ed il modello uscito a circa 30 EUR al pubblico 
Non a tutti può far piacere dover allargare i cordoni della borsa per acquistare kit di correzione in resina, anche perchÈ alla fine si arriva al prezzo di un kit in resina dello stesso soggetto ma di fattura e finezza superiori 
Sottolineo che in questo sito ed altrove non siamo mai stati particolarmente teneri con i modelli orientali, penso alle scorciatoie di Dragon in 1/72, ma dobbiamo anche dare atto alle ditte cinesi di sforzarsi di correggere i propri errori, ascoltare i modellisti ed arrivare come risultato a dei livelli superiori (vedi 3 in 1 Dragon o recenti Trumpeter).
Mi sembra un tantino capzioso, senza alcuna offesa, rifarsi a vecchi Tamiya o Trumpeter per cui non esistevano all’epoca della loro uscita alternative, oppure all’Ariete Trumpeter, del costo di 16.50 EUR, quindi circa metà dell’AB41 in questione.
Non si tratta infine di avere dei preconcetti quanto di notare quanto e come l’industria , modellistica e non, si sia evoluta, e quanto poco alcune ditte sappiano o vogliano rispondere in modo efficace a queste sfide, difficili, spiacevoli, impegnative quanto vogliamo ma purtroppo reali per molti di noi ogni giorno. In fondo si vorrebbe solo che Italeri avesse un concetto di marketing di prodotto un tantino piú sofisticato di quello che dimostra in qualche situazione.
Sono certo che non mancherebbero coloro disposti, come sempre a seguirla, ma non dimentichiamoci che se oggigiorno ci si chiede di essere consumatori consapevoli è il minimo che si inizi ad applicare il medesimo criterio anche ai nostri acquisti hobbistici.

Ciao

 Hummel :

30/1/2006 15:15
 .. a me e' piaciuta anche se non l'ho ancora montata cosi' come mi e' piaciuta la Criel.

Le ruote in gomma rimangono un mistero e soprattutto rivelano la vecchia concezione del kit (l'M8 ad esempio aveva le ruote in plastica mentre il blitz o l'hork, piú vecchi come kit, le hanno in gomma).

Mi chiedo se non era il caso di fare una sahariana in plastica, sicuramente piú economica, piuttosto che aggiungere parti in resina alzando il prezzo.

L'unica cosa che contesto a Italeri e' che con la concorrenza che c'e' adesso con le ditte orientali, continuano a ritirare fuori i soliti kit con leggere rielaborazioni piuttosto che investire in nuovi stampi per rimanere competitivi.

Tra breve dovrebbe uscire la prima della serie delle blindo a 8 ruote modello per il quale l'Italeri era l'unica a averla in catalogo.
Uscira' sicuramente a un prezzo piú alto ma con interni, portelli tutti apribili, ruote sterzanti e come minimo con una miriade di pezzi in piú per poter realizzare 3 versioni per tipo.

Quante blindo riuscira' a vendere allora la ditta nostrana?

 Lupo :

30/1/2006 17:29
 Perfettamente d'accordo con tutti voi. Io sono piú che altro aereoplanaro, ma faccio anche qualche mezzo. Ero interessato all'AB41, ma, vedendo gli stampi, ho lasciato stare: il modello mi sembra onesto (anche se anche a me gli stampi sono sembrati di "vecchia" concezione), ma il prezzo di 28€ secondo me è spropositato. Stesso discorso, ad esempio, per l'M4A3: un modello non brutto, ma a un prezzo (29€) assurdo! Sopratutto se si tiene conto che è solo l'adattamento dell'M4A1 vecchio come il cucco, ma almeno questo è venduto tutt'ora a 16€. Oltretutto l'Italeri deve fare attenzione al fatto che, se fino ad ora i suoi modelli "onesti ad un prezzo onesto" (come lo Sherman in questione) erano in effetti un'attrattiva, il mercato sta cambiando: ormai ci sono ditte come la Trumpeter che producono non modelli "onesti a prezzo onesto", ma "ottimi a prezzo onesto". E l'Italeri rischia brutto. Guardate poi che nel campo aereonautico, che piú mi si confá , è la stessa cosa: l'Italeri crea grosse aspettative per sfornare poi spesso modelli che sono onesti (ma nulla di piú) e spesso neanche tanto onesti: si veda il caso dell'S79, di cui, come per l'AB41, c'era documentazione a iosa, ma il modello che ne è saltato fuori secondo me è semplicemente non all'altezza dei tempi, progettato in fretta e con poca cura; sarebbe andato bene a fine anni '70 come sostituto dell'Airfix del '67 o giú di lì, ma non certo nel 2004... Il recente A26 è decisamente migliore, ma ancora un pochino sotto i colleghi orientali e comunque venduto ad un prezzo non bassissimo (19€). Avete visto che gioiellini ti sforna, per prezzi analoghi, l'Academy?

 sabot65 :

30/1/2006 18:56
 Lupo avrai di che leccarti i baffi col "nuovissimo" Mig 23 in 1/48 ;-)
Molto spesso leggo le recensioni estrere sulla ditta nostrana e spesso terminano con un " money for value " che tradotto alla spicciolata è " non è un gran che ma non costa molto "....ormai mi son convinto che è questa la vera politica aziendale.
Ciao.

 sherman :

30/1/2006 23:32
 Mi sembra che se andiamo a spulciare tra i vecchi post o visitiamo altri siti le aziende diverse da Italeri sono state "pettinate" benino, ovviamente quando ce n'era motivo. Non vedo favoritismi o al contrario accanimenti nei confronti di qualcuno, ma penso che a noi italiani dispiaccia vedere i produttori esteri aumentare il divario qualitativo e adesso anche monetario.
My two Euro cents,
Daniele

 andreagoffi :

2/2/2006 10:42
 Condivido appieno ciò che dice Daniele,
e gli altri che prima di lui hanno provveduto su questo forum a porre in rilievo non tanto il preconcetto, verso Italeri quanto il legittimo dubbio che accompagna ogni scelta consapevole.
In un altro post mi pare si sia arrivati a misure drastiche e certamente estreme, per le quali esprimo il mio piú profondo rammarico, a protezione dei segreti industriali di Italeri.
D'altro cantro alla stessa Ditta non si può, per onestà intellettuale, non imputare una certa palese mancanza di coraggio, proprio nella misura in cui certe scelte sono state compiute con fastidiosa approssimazione ed evidente spirito sparagnino, confidando comunque nella bonomia di Pantalone. Che poi Cocchi sia andato giú duro ... ci può stare, ricordiamoci che rischia del suo.:-P
Ma noi siamo acquirenti, ancorchè di giocattoli, consapevoli di volerne trarre modelli in scala fedeli e veritieri, forse per questo siamo disposti a spendere piú di quanto non saremmo disposti a fare recandoci in un bazar, chessò cinese, dove con poci spicci di carrarmati ti togli la voglia! Non credo ci siano riguardi di sorta verso altri produttori, piuttosto l'attenzione si innalza certamente qualora questi realizzino modelli cari al nostro immaginario, qui scatta probabilmente una crescita del desiderio che svilito da luogo ad una sensazione frustrante di mancato appagamento del sogno. Ma quanti di noi non sognano immaginando realizzato l'agognato kit in scala ...
andrea
* * * *
Da ultimo vorrei esprimere la mia solidarietà all'amico di Trento, verso il quale mi pare si sia tenuto un atteggiamento eccessivo, sul quale ritengo varrebbe la pena riflettere. :-)

[ Modificato da andreagoffi il 2/2/2006 13:07 ]

 Wanderer :

2/2/2006 13:48
 Ciao a tutti,
concordo anch'io con i due post precedenti che esprimono pacatamente quanto in molti pensiamo.
Allo stesso tempo mi unisco ad Andrea nel manifestare la mia personale solidarietà a mg.
Enzo

 andreagoffi :

3/2/2006 04:08
 E speriamo Enzo,
che entrambi i contendenti siano in grado di tornare sui propri passi; credo che sulla scorta di una certa emotività in quella discussione ci si sia lasciati andare a giudizi ed atteggiamenti viscerali, non sufficientemente ponderati. Peraltro ritengo tra i doveri di un moderatore quello di ... moderare, insomma raggiungere la capacità di smorzare i toni e non enfatizzare i contrasti. In questa occasione non saprei dire quanto ciò è stato fatto sino in fondo.
(Ricordo si parlava dei "segreti di Italeri" , Azienda che vende giocattoli, mica del governo del Paese)
Lungi dal voler entrare in polemica, ma d'altro canto ritenendomi pur parte del consesso, non posso non avvertire i fastidi di un comportamento sbrigativamente votato alla condanna senza appello che appare rinnegare il valore della serena discussione, con debito equilibrio tra le parti in causa.
Ma forse questa non è che una impressione personale, fatto sta che non desidero giacere sordo e muto di fronte a quello che non esito a definire un grave imperdonabile errore, del quale non voglio sentirmi parte. Mi auguro, veramente di cuore che altri se ne avvedano, intervengano e facciano sentire la propria opinione al fine di far recedere dal mantenimento di uno sterile quanto esecrabile atteggiamento di muro contro muro.
Con radiante amicizia, andrea goffi

 Fabio :

3/2/2006 09:23
 Ragazzi scusate se vado un po' off-topic, ma mi pare che stia sorgendo una sorta di leggenda metropolitana.
Quanto è successo, e mi rammarico davvero che il post "incriminato" sia stato cancellato, è forse un attimino diverso. Vi prego di leggere il post Dalla parte delle streghe e di osservare il tutto in un'ottica piú ampia.
Non dimentichiamo anche che in passato, chi su altri siti è un "fiero avversario", qui ha anche inneggiato alla pirateria :-o :-o :-o ...
Ciao
Fabio

2004-2018 www.modellismopiu.it
https://www.modellismopiu.it

URL di questa discussione
https://www.modellismopiu.it/modules/newbb_plus/viewtopic.php?topic_id=10224&forum=4