Forum : Diorami

Soggetto : 1° Reggimento Ussari Cisalpini

 yago :

3/11/2018 12:12
 Ciao a tutti,per questo nuovo lavoretto userò dei figurini della Italeri in 1/35.
Non sono il massimo della scultura però considerando la mia scarsezza nella pittura almeno non saranno stati sprecati due bei soggetti :-D
Dai 4 soggetti presenti nella scatola ho scelto i due che a mio avviso sono migliori , mentre per i cavalli la scelta è stata dettata dalla loro espressione



infatti ho scelto i due che trasmettono l atmosfera di tensione anche tra cavalli cosa non infrequente durante una carica tra il caos generale e rumori dello scoppio delle granate, il cavallo più a destra con il suo collo allungato e soprattutto le orecchie tirate in dietro ( che nella realtà corrisponde ad un chiaro segno di nervosismo o sfida ) dimostra un " ingarellamento" con l altro cavallo che nel frattempo inarca il collo e alza la zampa anteriore in un atteggiamento di reazione alla attacco
Ai soggetti modificherò , sostituirò , toglierò alcuni particolari per cercare di renderli più fedeli al vero
Un pò di storia del 1° ussari, vi avviso nonostante abbia cercato di riassumere potrebbe essere lunga..... perciò fate voi se continuare a leggere o no :-D
Durante il dominio francese nel 1796 con l entrata a Milano di Bonaparte venne istituita la Guardia Nazionale e la Legione Lombarda con lo scopo di difendere l ordine interno e i confini delle terre conquistate , alla Legione Lombarda fu consegnato il primo tricolore che sventolò in testa alle truppe Cisalpine
Nel '97 vennero ad aggregarsi reparti provenienti dalla Repubblica Cispadana, ussari bergamaschi, cremaschi,formando il Reggimento Ussari Cisalpini
La gestione di tali reparti creò non pochi problemi in quanto gli ussari erano un corpo di arruolati volontari che eleggevano i propri ufficiali direttamente per votazione , propensi alla rissa e di chiara estrazione Giacobina
Il 10 giugno del ' 98 venne ufficialmente costituito il 1° Reg Ussari Cisalpini costituito da 4 squadroni , a luglio ricevette gli stendardi e il gen Campagnola cominciò a inquadrarlo come un corpo regolare, tale nuovo ordinamento e con gli ussari oramai non più un corpo di volontari si aveva la propensione a considerarlo più come un corpo di cacciatori ma gli ussari fedeli alla loro indole di natura "rivoluzionaria", tant'è che sulla bandiera di guerra del 2°reg costituito più avanti tra il tricolore spicca un fascio littorio sormontato da un berretto rosso giacobino, mantennero il loro nome e il potere di eleggere direttamente i propri ufficiali direttamente su elezione delle compagnie
Durante la campagna del '99 il 1°reg venne decimato e poi ricostituito nel 1800 a Versailles da Campagnola in due squadroni,per essere poi diviso in due semireggimenti il !° reg appartenente alla Legione Italica Lechi di stanza Como con uno squadrone e il 2° reg appartenente alla Legione Cisalpina Pino di stanza a Bologna con l altro squadrone
Nel 1805 i due reggimenti vennero trasformati in dragoni il 2° assunse il nome di Napoleone probabilmente in onore al fatto che fu l unico reggimento a ricevere direttamente dalle mani di Bonaparte lo stendardo (a rigor di logica tale nome sarebbe dovuto spettare al 1° essendo in ordine numerico precedente al 2°) per il secondo venne suggerito di chiamarlo Giuseppina ma lo stesso Bonaparte rifiutò il suggerimento e designo il nome Regina ,
L importanza dei nomi non decretò una inversione di rango tra il 1° ed il 2° ma fu mantenuta la vecchia precedenza del 1° sul 2°
L uniforme da ussaro venne sostituita con quella da dragone dopo circa un anno dalla trasformazione del reggimento in dragoni
Scusate il pippotto ma ho creduto potesse essere interessante o quantomeno curioso saperne di più

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

3/11/2018 13:48
 Ciao a tutti , iniziato a fare qualcosa , cominciata la pulitura dai segni dello stampo e scolpita la suola del piede anteriore sinistro mettendo in evidenza il fettone, poi aggiungerò il ferro autocostruito...





stasera si va avanti( a voglia a modificare cose... :hammer: )

Ciao
Gianfranco :-)

 merki41 :

3/11/2018 16:14
 Sembra essere un lavorone, credevo che Italeri questi soggetti li stampasse meglio, ci farai una scena o lasci il solo piedistallo?
Lucio

 yago :

3/11/2018 19:06
 Ciao Lucio, in effetti molti particolari sono un pò tozzi, " impastati", paradossalmente in confronto quelli in 1/72 sono più definiti...va anche detto che il loro prezzo allora , perchè non so se siano ancora in produzione , era molto basso per una scatola che contiene 8 soldatini 8 cavalli con 4 pose diverse.
L idea è di fare una scenetta con i due soggetti più o meno nella posizione della foto , mi sarebbe piaciuto fare un soggetto del 1° e l altro del 2° ma non ho trovato riscontri in cui furono impiegati sullo stesso scenario di guerra tale da poter giustificare il loro abbinamento.

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

3/11/2018 21:44
 Ciao a tutti, stasera altro passetto avanti; asportati tutti i finimenti, l imboccatura e la coda solo la testiera l ho lasciata perchè nella zona del muso è troppo fitta e toglierla sarebbe stato troppo complicato. usando la treccia di massa di un cavo TV fatta la coda saldando un capo, poi la modellerò a piacere





prossimo passo modificare lo sciabracco , è troppo esile nella zona dell arcione della sella dovrò renderlo più pronunciato aggiungendo materiale ....domani.....

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

3/11/2018 21:58
 Bravo Gianfranco !!!
Vedo che ti stai appassionando ai figurini Napoleonici !!!
Io li dipingo in 1:72, mi stai facendo tornare la voglia di dipingerne nuovi e fare un 'dioramino' !!!
:-)

Questi Ussari sono in 1:35 mi pare di capire..

Avanti così !!!
Buon lavoro
ciao
mario
:-)

 yago :

3/11/2018 22:04
 Ciao Mario! :-)
Il periodo napoleonico come quello rinascimentale sono dei periodi che mi affascinano da sempre.
Si sono in 1/35 e non mi sono potuto "allargare " oltre due soggetti ( lo spazio :-( ....)
Forza , cedi alla tentazione di fare un dioramino... ;-)

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

3/11/2018 22:13
 
Quote:
yago ha scritto: Ciao Mario! :-) Il periodo napoleonico come quello rinascimentale sono dei periodi che mi affascinano da sempre. Si sono in 1/35 e non mi sono potuto "allargare " oltre due soggetti ( lo spazio :-( ....) Forza , cedi alla tentazione di fare un dioramino... ;-) Ciao Gianfranco :-)




Ottimoi Gianfranco !!!
eh..ne ho un bel poò dipinti ...in attesa di essere inseriti in un diorama...oltre i Napoleonici un altro periodo che mi piace tanto è la Guerra Civile Americana, uniformi molto belle e variegate.
:-)

Domani magari faccio qualche foto dei figurini già dipinti così ti fai un'idea!!! (tutti in 1:72)
:-D
un salutone
ciaaoo
mario
:-)

 enrico63 :

3/11/2018 23:51
 Tra uno sciabracco ed un arcione, che per me potrebbero anche essere una melanzana e un peperone, mi metto qui buono buono a vedere cosa combini!!
Ciao

 yago :

4/11/2018 10:15
 Ciao Mario e d Enrico! :-)
Sii Mario posta , li vedrò con molto piacere! :-)
Enrico , hai ragione :-D ,l arcione è il componente principale della struttura portante della sella



ci sono poi il seggio e paletta che fanno capo all arcione



Lo sciabracco in pratica è il coprisella in pelle di montone il nome ormai in disuso è in pratica un italianizzazione del termine francese shabraque con cui veniva chiamato tale accessorio della bardatura del cavallo

con dello stucco per marmo aiutandomi con delle sgorbiette da dentista ingrossato l arcione e l imbottitura anteriore dei quartieri e scolpito per simulare la pelliccia









con una fresetta a grana fine montata su un trapanino ho cercato di spianare la sgrossatura dei finimenti asportati e rimodellato la muscolatura del cavallo







Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

4/11/2018 14:45
 
Quote:
yago ha scritto: Ciao Mario e d Enrico! :-) Sii Mario posta , li vedrò con molto piacere! :-) Enrico , hai ragione :-D ,l arcione è il componente principale della struttura portante della sella  ci sono poi il seggio e paletta che fanno capo all arcione  Lo sciabracco in pratica è il coprisella in pelle di montone il nome ormai in disuso è in pratica un italianizzazione del termine francese shabraque con cui veniva chiamato tale accessorio della bardatura del cavallo con dello stucco per marmo aiutandomi con delle sgorbiette da dentista ingrossato l arcione e l imbottitura anteriore dei quartieri e scolpito per simulare la pelliccia     con una fresetta a grana fine montata su un trapanino ho cercato di spianare la sgrossatura dei finimenti asportati e rimodellato la muscolatura del cavallo   Ciao Gianfranco :-)


Ciao Gianfranco
grazie, con la tua autorizzazione...posto le foto e ...'invado' (dato che siamo in tema napoleonico :-D ) il tuo topic!!!
Ecco le foto :

Questo è un piccolo diorama che ho realizzato anni fa , postazione difensiva inglese a Waterloo

LINK all'album completo







Questo un altro piccolo diorama che avevo fatto ma ho smantellato tutto per il terreno che non mi piaceva...lo rifarò a breve (con due Ussari simili a quelli che stai realizzando proprio tu :- ) ) :



Questo il LINK all'album .


Questi invece, ancora da ambientare..alcuni terminati, alcuni a metà , alcuni dato solo il fondo nero o il primer:

































LINK all'Album

...e questi sono solo una minima parte..ne ho tanti altri...ma tanti...(Napoleonici e della Guerra Civile Americana ACW ) nelle stesse condizioni.
Il problema...è solo il tempo  e lo spazio.

Spero di non averti 'disturbato' con tutte queste foto nel tuo topic.

Finito !!! Lo giuro !!!
:-D

Sperando ti siano piaciute ti saluto e ti auguro buon lavoro !!!
Ciaoo
mario
:-)




 yago :

4/11/2018 18:45
 Cavolo Mario. sono bellissimi!
Molto molto bello quello della postazione d artiglieria inglese. i figurini sono dipinti molto bene gli highlander poi non è certo una passeggiata a dipingerli.... nel mucchio riconosco molti soggetti che ho anch io in sala d aspetto :-D , compresi gli artiglieri inglesi in plastica " moscia" :-D le ruote di un pezzo di artiglieria di quelli lo usai per fare il carretto per il rifornimento del Roland nella campagna dell anno scorso...
Gli ussari nella 4 foto sono gli stessi che dovrò fare io ( non i cavalli)
Non hai assolutamente disturbato, anzi se hai altro materiale sei il benvenuto!

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

4/11/2018 21:49
 
Quote:
yago ha scritto: Cavolo Mario. sono bellissimi! Molto molto bello quello della postazione d artiglieria inglese. i figurini sono dipinti molto bene gli highlander poi non è certo una passeggiata a dipingerli.... nel mucchio riconosco molti soggetti che ho anch io in sala d aspetto :-D , compresi gli artiglieri inglesi in plastica " moscia" :-D le ruote di un pezzo di artiglieria di quelli lo usai per fare il carretto per il rifornimento del Roland nella campagna dell anno scorso... Gli ussari nella 4 foto sono gli stessi che dovrò fare io ( non i cavalli) Non hai assolutamente disturbato, anzi se hai altro materiale sei il benvenuto! Ciao Gianfranco :-)

Ciao Gianfranco
grazie per l'apprezzamento per i miei figurini!!!
:-)
...e soprattutto..di non averti dato 'fastidio' con tutte le foto che ho inserito.

:-D

Eh, ne ho tanti in 'catena di montaggio'...purtoppo è il tempo che mi manca per poter fare tutto ciò che ho in 'testa' come idee per dioramini vari.
Spero di poter concludere qualcosa a breve.
Un salutone e aspetto tue foto degli avanzamenti dei tuoi Ussari!
ciaoo
mario
:-)

 yago :

5/11/2018 22:02
 Ciao a tutti.
Bene Mario in attesa che tu concluda qualcosa , manda bambini a letto ( se ne hai in giro per casa) attiva il parental control sul telecomando che lo spettacolo che segue è indecente....si inizia la pittura:
primer e iniziata la parte sinistra del collo e anteriore sinistro , la testa e l altro lato dell " avantreno" :-D sono solo imbastiti









Ciao
Gianfranco :-)

 grimdall :

5/11/2018 23:02
 Interessante... seguo da vicino... però un appunto a Mario lo DEVO fare... il diorama a Waterloo, va bene che è un "peccato" giovanile (immagino)... ma gli Highlander mescolati ai fantaccini di linea!!!!!!!!!! ARGHHHHH!!!!!!!  Wellington si starà rivoltolando nella tomba!!!!!!
.... la prossima volta stai più attento!!!!! O al limite dipingi i pantaloni dei fanti col tartan, alcuni reggimenti erano così.... ma se puoi tieni ben distinti scozzesi e il resto....

Per Yago... sono curioso di vedere come rifarai i finimenti....

 yago :

6/11/2018 14:13
 Ciao Giacomo :-)
...per i finimenti , tanto lavoro di lamierino... :-D

Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

6/11/2018 14:25
 Bel lavoro sul cavallo...ma sto stucco per marmo è un prodotto davvero versatile. Mi sa che dovrò provarlo.

 Mario Bentivoglio :

6/11/2018 14:30
 Gran bel lavoro Gianfranco, mi piace tanto come hai migliorato il cavallo!!!
Avanti così !!!
:-)
buon lavoro
ciaoo
mario

 Mario Bentivoglio :

6/11/2018 14:32
 
Quote:
grimdall ha scritto: Interessante... seguo da vicino... però un appunto a Mario lo DEVO fare... il diorama a Waterloo, va bene che è un "peccato" giovanile (immagino)... ma gli Highlander mescolati ai fantaccini di linea!!!!!!!!!! ARGHHHHH!!!!!!!  Wellington si starà rivoltolando nella tomba!!!!!!
.... la prossima volta stai più attento!!!!! O al limite dipingi i pantaloni dei fanti col tartan, alcuni reggimenti erano così.... ma se puoi tieni ben distinti scozzesi e il resto....

Per Yago... sono curioso di vedere come rifarai i finimenti....


...'orca...chiedo perdono !!!
:-D

come hai giustamente scritto, errore di 'gioventù', mi ero documentato ben poco e..malamente!!!
:-(

Non ripeterò più l'errore!!!
grazie ancora
un saluto
ciao
mario

 Barbarigo :

6/11/2018 14:58
  Bel lavoro, complimenti!
Lo seguo con interesse.

Paolino

 yago :

6/11/2018 18:49
 Ciao Enrico , Mario e Paolino, grazie! :-)
Enrico io oramai lo uso da tempo ( è il sintolit) e devo dire che effettivamente è molto versatile ha un tempo di lavorazione di un paio di minuti ( anche più rapido se si aumenta l induritore) una volta asciutto diventa duro come ceramica ma si lascia carteggiare molto facilmente ma sopratutto non ritira in fase di essiccazione ( altri stucchi classici ti fanno fare la stessa stuccatura anche tre volte... :-x ), un chilo costa intorno ai 10 euro ma se lo chiudi bene e magari a contatto con lo stucco nel barattolo ci metto della pellicola trasparente per alimenti , ci arrivi fino alla pensione....

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

7/11/2018 21:40
 Ciao a tutti, tomo tomo , cacchio cacchio, passetto avanti....









Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

11/11/2018 13:50
 Ciao a tutti , andato un po avanti;
la maggior parte delle tavole indicano il colore dello sciabracco in bianco, però mi sono imbattuto in un documento dell epoca relativo al regolamento del vestiario di un Ussero e pè li cavalli dove ci sono alcune diversità rispetto alla maggior parte delle tavole tipo il colore della pelliccia della pelisse in nero invece del bianco e il colore appunto dello sciabracco in nero anzichè bianco concordando sul colore rosso dei denti di lupo ... questo documento mi ispira fiducia perciò ho deciso di seguirlo senza la presunzione di essere sicuramente nel giusto....
Ecco le foto dell avanzamento









Sulla valigia a tenere la coperta piegata ci sono in realtà tre cinghie le due mancanti le metterò poi quando farò i finimenti
Ciao alla prossima, a cavallo finito ( senza finimenti)

Gianfranco :-)

 grimdall :

12/11/2018 00:40
 Gianfranco ti rompo ancora... ma il cavallo bianco sei sicuro? Mi pare di ricordare che i cavalli bianchi erano (almeno di solito) riservati ai trombettieri, anche se devo ammettere che su questi Ussari qua non sono molto preparato.....

 yago :

12/11/2018 13:17
 Ciao Giacomo,non rompi...
Da varie tavole d epoca credo di poter dire che i cavalli grigi per gli ussari cisalpini non fossero montati solo dalle trombe
IMMAGINI POSTATE SOLO A SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA





non ho potuto estrapolare le foto dal file così le ho fotografate ma si capisce che nell immagine sono grigi, è vero che questi sono cacciatori della repubblica cispadana , ma non dimentichiamo che due squadroni il 1° Bolognese ed il 2° Modenese appunto cispadani, insieme ad uno squadrone Lombardo formarono nel 1796 l embrione di quella che diverrà la legione lombarda all interno di cui poi nasceranno gli ussari cisalpini, nella prima foto in secondo piano si vede un cacciatore su di un grigio , nella seconda foto il cacciatore monta un grigio
Passando poi ad un ussaro vero e proprio , nella tavola successiva un ufficiale e lo si nota non solo dall uniforme e la bardatura del cavallo ma anche dal fatto che il cavallo abbia la coda tagliata; infatti i cavalli di truppa( parliamo sempre secondo regolamento per gli ussari Cisalpini )) dovevano avere la coda . solo il secondo cavallo degli ufficiali poteva avere la coda tagliata,
IMMAGINE POSTATA AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA



infine cronologicamente, anche dopo la trasformazione del reggimento da ussari a dragoni della Regina (1°) e Napoleone(2°) la truppa sembra montare grigi
IMMAGINE POSTATA AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA



Ciao
Gianfranco :-)

 grimdall :

12/11/2018 22:24
 Immagino che anche se ci fosse un regolamento (e c'era sicuramente) le situazioni contingenti portavano a fare "di necessità virtù"... quindi probabilmente i cavalli bianchi (o grigi) venivano affidati in prima istanza ai trombettieri, poi se ce n'erano ancora a chi capitava... non penso davvero che scartassero degli animali adatti (oltretutto mi pare di aver letto da qualche parte che ci fosse una certa penuria) solo per il colore....
vai così che son curioso di vedere il risultato...

 yago :

13/11/2018 12:45
 Ciao Giacomo :-) esatto, il tuo ragionamento è correttissimo ,i grigi venivano assegnati innanzitutto alle trombe per una questione di visibilità , daltronde le stesse loro uniformi erano diverse nei colori rispetto alla truppa proprio per questo motivo; scusa se da cavallaro mi intigno a chiamarli grigi e non bianchi :-) , questo perchè il fattore che determina la differenza tra un cavallo grigio e uno bianco non è il colore del pelo ma della pelle che nei cavalli è di norma sempre grigia, perciò un cavallo per quanto possa avere un manto bianco candido viene chiamato grigio ; per le pochissime eccezioni in natura di cavalli con la pelle rosa ( albini) è corretto chiamarli bianchi , ma ripeto sono eccezioni assai rare.... :-)
Sulla penuria poi, era cronica , quasi sempre il numero di cavalieri era maggiore dei cavalli ,nel 1800 il 2° cacciatori a cavallo che era di stanza insieme al 2° ussari a bologna , a parte gli ufficiali che avevano cavalli di proprietà, era praticamente appiedato ed erano chiamati " nudi, scalzi e disarmati" dal resto dei ranghi....

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

14/11/2018 11:15
 Ciao a tutti, finito , adesso c è da ferrarlo e fare i finimenti...













Ciao
Gianfranco :-)

 grimdall :

16/11/2018 01:29
 Direi notevole....

 yago :

16/11/2018 21:07
 Grazie Giacomo! :-)
iniziati i primi finimenti, nel particolare , la cinghia della valigia, fatta con due strisce di alluminio sovrapposte nella zona della fibbia , in tal zona ho creato un collo d oca che corrisponde al perno della fibia



poi applicati i due lati della fibbia visibili







..lavoretto da fare a tutti i finimenti... :hammer:

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

18/11/2018 13:18
 Ciao a tutti, sempre per i finimenti da delle stampate della mitica historex ho clonato il pendente a mezza luna per la capezza e il cuore per il pettorale ( mentre per gli ufficiali avevano l effige dlla testa di Medusa)





iniziata la "ferratura":
ho sagomato del filo di acciaio in base al piede


una volta raggiunta la forma , battuto con un martelletto



tagliato a misura e ulteriormente "aggiustato" al piede; come nella realtà la prima regola della mascalcia è che il ferro deve adattarsi al piede e non il contrario



"inchiodato" :-D









Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

21/11/2018 12:43
 Sempre più bello !!!
Ottimo lavoro Gianfranco !!!

Avanti così !!!
:-)
ciao
mario

 yago :

21/11/2018 18:06
 Grazie Mario! :-)
Piano piano dividendomi tra un lavoretto e l altro si procede :-D

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

21/11/2018 19:59
 ... a proposito Mario mi hai fatto venire voglia di andare un po avanti....
separato il fregio del pettorale ,pulito e fissato





terminate le cinghie del portamantello , sotto coda e sciabracco







Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

21/11/2018 22:47
 
Quote:
yago ha scritto: ... a proposito Mario mi hai fatto venire voglia di andare un po avanti.... separato il fregio del pettorale ,pulito e fissato   terminate le cinghie del portamantello , sotto coda e sciabracco    Ciao Gianfranco :-)


....contento di essere servito a spronarti a continuare !!!
:-D

Ottimo lavoro...stai facendo un lavorone!!!
Le cinghie sono fantastiche, sembrano vere in scala 1:1 !!!
Complimenti !!!
Avanti tutta e non mollare!!!
....forza che lo vogliamo vedere finito !!!
:-)
un salutone
ciao
mario

 yago :

22/11/2018 22:08
 Ancora grazie Mario! :-)
iniziato i finimenti della testiera.
Molto spesso viene omesso un finimento nelle riproduzioni , il capezzone che era indossato insieme alla testiera, a cui era fissata una longhina in cuoio usata per condurre il cavallo a mano o per legarlo alle poste.
fatta una parte del capezzone e la longhina legata ad esso con una allacciatura a fibbia realizzata come le altre già fatte





ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

22/11/2018 22:27
 Mamma mia quanti particolari!!! I ferri...una vera chicca!!!!

 yago :

23/11/2018 18:16
 Ciao Enrico Grazie! :-)
Bene, applicata la parte fatta a completare il capezzone e longhina





pulito e sfinato il pendente a mezza luna, aggiunto dei montati



applicato il pendente alla testiera









alla prossima si inizia l imboccatura...

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

23/11/2018 22:45
 Grande !!!

Bravissimo Gianfranco !
:-)

 yago :

24/11/2018 14:44
 Grazie Mario ! :-)
..la tua pazienza nel seguirmi è confortante :-D ....ora però voglio dedicare qualche oretta futura di lavoro di manine al gobbo....

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

25/11/2018 00:14
 Gianfranco
davvero...complimenti per questo tuo lavoro , stai trasformando un cavallo in plastica (senza offesa...dal costo di pochi soldi)  in un piccolo capolavoro di miglioria !!!
:-)

Una domanda..ma quale colla usi per incollare quel tipo di plastica difficilissima da unire tra loro con le colle in commercio?

Forza ...che voglio\vogliamo vedere gli sviluppi !!!
...e dalle descrizioni tecniche che usi...si evince anche che sei un appassonato di cavalli...o sbaglio?
:-)

A presto allora!!!
Buon lavoro
ciao
mario
:-)

 yago :

25/11/2018 12:53
 Ciao Mario e grazie! :-)
Nessuna offesa per l economicità del soggetto... anzi volutamente per i miei lavori uso materiale a basso costo( più lavoro da fare per migliorare più divertimento :-D )
La colla che uso è principalmente cianoacrilato , l unica accortezza che uso per rinforzare l incollaggio specie dei pezzi più piccoli , è una passata di vernice trasparente opaca ( o lucida a seconda che il pezzo debba essere opaco o lucido)diluita, dopo l incollaggio con la ciano.
Infine , si Mario, la mia conoscenza riguardo i cavalli è il frutto di trent ' anni passati tutti i giorni a montare a cavallo , e non solo, anche a passare ore in loro compagnia al pascolo, e devo dire che adesso che tutti i miei compagni quadrupedi di quei trent anni sono di La ad aspettarmi , mi mancano molto...

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

25/11/2018 23:41
 
Quote:
yago ha scritto: Ciao Mario e grazie! :-) Nessuna offesa per l economicità del soggetto... anzi volutamente per i miei lavori uso materiale a basso costo( più lavoro da fare per migliorare più divertimento :-D ) La colla che uso è principalmente cianoacrilato , l unica accortezza che uso per rinforzare l incollaggio specie dei pezzi più piccoli , è una passata di vernice trasparente opaca ( o lucida a seconda che il pezzo debba essere opaco o lucido)diluita, dopo l incollaggio con la ciano. Infine , si Mario, la mia conoscenza riguardo i cavalli è il frutto di trent ' anni passati tutti i giorni a montare a cavallo , e non solo, anche a passare ore in loro compagnia al pascolo, e devo dire che adesso che tutti i miei compagni quadrupedi di quei trent anni sono di La ad aspettarmi , mi mancano molto... Ciao Gianfranco :-)


ciao Gianfranco
ahhahaah
:-D
avevo 'sospettato' tu fossi appassionato di cavalli, visti tutti i termini tecnici ad hoc che usi !!!
:-)
Grande!!!
per la colla...un esempio...i figurini della Zvezda in 1:72 della fanteria tedesca della 1GM sono praticamente incollabili!!! Neanche con la cianoacrilica si attaccano braccia o zaini...sto diventando matto a trovare qualche colla adatta.
:-(

A presto allora con nuovi aggiornamenti!!!
un salutone
ciao
:-)

 yago :

26/11/2018 13:12
 Ciao Mario :-)
Non ho mai avuto occasione di "tastare" la plastica dei figurini Zveda ( prima o poi ce ne sarà l occasione) probabilmente è un problema di incompatibilità però un a domanda; il primer che usi aggrappa bene sui figurini ?
Perchè se si, potresti aggirare l ostacolo , dando una passata di primer sulla zona dove devi incollare il pezzo e poi usare la colla sopra il primer ...magari funziona .... :roll:

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

9/12/2018 12:14
 Ciao a tutti, si comincia con l imboccatura;il tipo di imboccatura è a " briglia completa" ; esistono due tipi di imboccature ( in realtà ce ne anche una terza l Hackmore, che non è un imboccatura vera e propria che agisce trasmettendo i comando al cavallo attraverso la pressione sui seni nasali del cavallo e viene usata molto poco solo su soggetti particolarmente delicati di bocca) e sono: i morsi che agiscono prevalentemente nella zona delle barre della bocca e hanno un effetto di cessione della mascella e della nuca del cavallo , ed i filetti che invece agiscono meno sulle barre e più nella zona posteriore della bocca e hanno un effetto di cessione e rilevazione della base dell incollatura del cavallo di solito per un equitazione di base oppure di campagna, vengono montate una o l altra o al massimo un imboccatura "ibrida " tipo il pelham molto simile alla briglia completa ma meno efficace nelle " sfumature " sull equilibrio del cavallo che si possono ottenere , nell equitazione superiore però con una mano ben cosciente di quello che fa e moooolto delicata vengono usate insieme dosandone l interazione tra loro a seconda di ciò che si vuole ottenere.
Il finimento che comprende tutte e due le imboccature viene chiamato " briglia completa", generalmente nonostante la maggior parte delle truppe di cavalleria dell epoca usasse tale imboccatura le redini più usate erano quelle di morso mentre quelle di filetto spesso venivano lasciate " lasche" sul collo , questo probabilmente perchè l imboccatura di morso è un imboccatura più severa che consente un controllo del cavallo più " corto" infondo non dimentichiamo che non andavano a fare una scampagnata e dovevano usare una sola mano nell altra c era la sciabola....e le redini di filetto probabilmente erano un " freno di emergenza da aggiungere in caso di bisogno" :-x , in più va fatta un altra considerazione tali cavalli erano cavalli da rimonta destinati ad una ( purtroppo :-( ) non lunga carriera, e pensate che per " mettere una manovra dentro ad un cavallo" come si dice in gergo indicando con questo, portarlo a compiere una determinata figura dopo un lungo periodo di esercizi e paziente , costante lavoro , può passare anche un anno... decisamente troppo per un cavallo da guerra, perciò bastava insegnargli ad andare alle tre andature girare e soprattutto fermarsi e via....
Bene dopo sto pippotto vediamo di imbrigliare il grigione;
preparate le guardie e gli anelli dove vanno fissate le redini e i montanti di testiera



appiattite le guardie e incollati gli anelli



il cannone ( la parte del filetto interna alla bocca) è già presente sul figurino ne escono i due estremi dagli angoli della bocca , a contatto con queste ho incollato le guardie




infilato il montante di testiera nell anello dell imboccatura





ripiegato e tagliato a misura, poi applicato anche il cinghiolo di regolazione del frontalino della testiera



infine incollato l anello della redin di filetto e fatte le fibbie dei montati di testiera









Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

9/12/2018 12:17
 Ueillaaa !!!!
GRANDE Gianfranco!!!


Sta venendo uno spettacolo !!!!!!!!!!!!!!

COMPLIMENTI !!!!
Avanti ...tutta !!!!!!!
:-)

aspetto altri avanzamenti a breve...con l'Ussaro!!!
ciaoo
mario
:-)

 yago :

9/12/2018 18:11
 Ciao Marione :-)
I effetti ci siamo quasi , manca l altra guardia ,un ferro e per il momento solo le redini di filetto che lascerò sul collo mentre quelle di morso dato che saranno impugnate le farò ad ussaro finito e piazzato in sella ed il primo cavallo sarà pronto....

Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

9/12/2018 18:17
 Che lavorone Gianfranco!! Da abile modellista ma anche da grande appasionato di cavalli!! Vero!??

 yago :

9/12/2018 18:38
 Ciao Enrico grazie.....verissimo, i cavalli sono stati la mia vita e adesso che non ci sono più, vivo normalmente ,come uno zombi sereno, perchè un giorno ( senza fretta :-) ) ci ritroveremo :-)

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

10/12/2018 21:39
 Ciao a tutti, stasera terminato il grigione:
dopo aver fatto e applicata l altra guardia ho fissato la redine di filetto infilando prima un capo nell anello del filetto sulla sinistra



ripiegata l estremità e incollata come se avessi infilato la fibbia, poi stessa operazione sull altro lato



dopodichè dato il giusto " movimento" alle redini













come già detto le redini di morso le metterò a cavaliere finito
Adesso c è da cominciare a fare un bel po di modifiche all ussaro......

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

10/12/2018 21:54
 Grande Gianfranco!!!
Avanti così, veramente uno splendido lavoro di dettaglio !!!
:-)
ciao

 yago :

10/12/2018 22:04
 Grazie Mario! :-)

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

11/12/2018 21:29
 Ciao a tutti , allora stasera iniziati i primi passi sull ussaro ; asportata la plumette, la placca ( se fosse stato del 2°sarebbe andata bene , il primo non l aveva ma al suo posto portava solo una coccarda tricolore) tolte anche le staffe e staffili, sabretache con le sue cinghie e cintura che regge il fodero della sciabola tolto anche lui e la prossima che parte sarà la sciabola perchè sia lei che fodero e sabretache sono un po sotto dimensionati



messo ad asciugare lo stampo per la sciabola



Ciao alla prossima
Gianfranco :-)

 alberto66 :

11/12/2018 23:51
 Cavoli Gianfranco.....sempre meglio, complimenti....!!!

Ciao Alberto

 yago :

12/12/2018 22:12
 Grazie Alberto :-) !
Un altra modifica è stata quella di variare la postura del braccio sinistro; infatti il braccio in quella posizione è innaturale perchè comporterebbe delle redini molto lunghe , e anche ammettendo delle redini di tale lunghezza , imporrebbe un contatto molto severo con la bocca del cavallo che cercherebbe di neutralizzare incappucciandosi o rovesciando l incollatura e il grigio non ha un tale atteggiamento, perciò ho tagliato l avambraccio



"spinato "



e poi incollato infilando l altro capo della spina in un altr foro fatto nella pelisse in una posizione più avanzata e naturale



il filo di acciaio mi sarà anche di rinforzo per lo stucco nella ricostruzione del gomito...

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

12/12/2018 23:21
 ..e si comincia alla grande anche con l'Ussaro !!!

Bravissimo Gianfranco!!!
Forza che sono veramente curioso di vedere come lo trasformerai !!!
:-)
a presto
ciaoo
:-)

 yago :

13/12/2018 20:20
 Grazie Mario :-) !
un po di trucco e parrucco....usando la calza di massa di un cavo TV, intrecciata , fatte le due trecce laterali del giovane...







gli orecchini li metterò una volta dipinto il viso

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

13/12/2018 22:43
 Bravissimo Gianfranco !!!
:-)
e sempre incollati con la colla cianoacrilica...vero?
ciaoo

 yago :

14/12/2018 13:30
 Ciao Mario :-)
Si sempre cianoacrilato rinforzato poi con una passata di trasparente opaco.
Devo fare però due precisazioni;
la prima sul trasparente, io non uso colori specifici per modellismo a seconda dell occorrenza me li faccio partendo da delle basi neutre di smalti professionali per decorazioni a cui aggiungo i coloranti miscelandoli per ottenere il colore voluto ( niente di extraterrestre si comprano nei normali negozi di colori e vernici) mentre per i colori primari uso smalti per belle arti e tra questi anche i trasparenti compatibili per un uso di decoupage quindi con un buon potere adesivo oltre che di finitura
la seconda riguarda la ciano, non uso la classica attak ma della ciano che compro presso una catena di negozi specializzati in modellismo dinamico , ( vende anche on line) spesso nel "dinamico" si ha la necessità di assemblare tra loro materiali di diversa natura e in catalogo hanno vari tipi di ciano e collanti per materiali vari a prezzi normalissimi tra l altro i negozi sono distribuiti in varie città italiane ( ce ne è anche uno dalle parti di Milano)
Siccome ancora non ho capito se si può nominare apertamente il nome di un negozio in un post tipo questo , per non sbagliare ti mando per mp il nome dei negozi

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

14/12/2018 21:52
 Ciao a tutti, altro lemento dello shakò, la plumette;
in una tavola recente la plumette è di colore verde con la sommità rossa , tale tavola però mi lascia delle perplessità anche su altri elementi se confrontata con altre tavole più " antiche " tra cui le Cenni dove la plumette in alcune è di tale colore mentre in molte altre è di colore rossa... per di più nel documento già citato in precedenza dell " equipaggiamento delli Usseri" si trova " Pennacchio Sultano diritto a colore rosso"
Per farla ho grattuggiato su della carta vetrata a grana grossa della gomma piuma per ottenerne delle briciole



poi con un filo metallico imbevuto di vinavil ho incollato le briciole fino a ricoprirlo





dopo aver impregnato la spugna con del colorante concentrato diluito , nella tonalità più scura di quella che dovrà essere la finale, riempiti i punti vuoti con altre briciole posizionate e modellate con il pennello, il colorante aiuterà a tenere le briciole e al tempo stesso permetterà di dare la forma al tutto,



colorati anche i rattoppi e poi con il trasparente citato nel post precedente data una passata su tutta la plumette e asciugato tutto con un phon



come ultimo passaggio lumeggiatura delle cime dei barbigli





Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

14/12/2018 21:54
 ....sarò ripetitivo....BRAVISSIMO !!!!!!!!
:-)

 yago :

14/12/2018 21:59
 Sempre grazie Mario :-) !

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

16/12/2018 12:50
 Ciao a tutti, impalato e primerizzato l ussaro per oggi mi sono dedicato a fare la sciabola ( solo la lama , l elsa lascerò quella impugnata dal figurino)
presi i due cloni e puliti dalla sbavatura di stampo



assottigliati facendoli sfregare delicatamente su della carta vetrata fina



incollate le due semilame con il trasparente opaco assoluto ( non diluito ha la densità del vinavil)



con della carta brasiva pulito il filo della lama e affilata...





Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

18/12/2018 22:18
 Ciao a tutti, sempre consultando il solito documento , risulta che il cordone dello shako fosse tricolore, perciò partendo da un filo elettrico spellato e colorato tre capillari
nel tricolore



poi attorcigliati ottenuto il cordone da dividere in due e poi fissare allo shako...



per fare la nappina sulla sinistra alla giunzione superiore dei due cordoni , intrecciata la calza di massa del cavo TV poi un po prima dell estremità fatta con una goccia di vinavil la nappina e poi tagliata a misura





per le raquettes sulla destra stesso procedimento per la nappina inferiore e poi per fare la raquettes vera e propria schiacciata con delle pinzette la parte subito sopra alla nappina



orecchino ( 2)



mi manca ancora da fare la coccarda e ferma coccarda ....









Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

18/12/2018 23:58
 Spettacolare come lo stai dettagliando !!!
:-)

Bravissimo!!!
Avanti così !!!
:-)
ciaoo

 yago :

19/12/2018 20:55
 Grazie Mario! :-) ...e allora andiamo un po avanti, coccarda:
ho usato della carta stagnola per alimenti dipinto un pezzo di bianco per fare il primo strato quello più basso




ritagliato un cerchietto e poi con la punta di un stecchino increspato il bordo





incollato allo shakò



stesso procedimento per fare lo strato successivo quello rosso usando un cerchietto leggermente più piccolo



avanti così col verde e fatte anche le due stanghette in metallo verticali







Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

19/12/2018 21:08
 Nooooo....l'orecchino noooooo

 yago :

19/12/2018 21:14
 :-D :-D Ciao Enrico!
...e per fortuna che come noi Granatieri li portavano alle orecchie e no al naso :-P :-P :-P :-P

Ciao
Gianfranco :-)

 Mario Bentivoglio :

19/12/2018 22:46
 Grande Gianfranco..ma cosa hai usato per realizzaere l'orecchino? un diametro infinitesimale...
:-o

complimenti !!!
Bravissimo !!!!

 yago :

20/12/2018 14:16
 Ciao Mario grazie! :-)
Per gli orecchini ho usato il capillare di un comune filo elettrico, nello specifico quello di filo per il cablaggio degli antifurti , simile a quelli che si trovano un po in quasi tutti gli elettrodomestici tipo computer , radio , ecc che sono leggermente più sottili , poi arrotolato intorno ad una siringa da insulina tagliato in modo da ottenere un cerchio aperto da restringere con delle pinzette a piacere...andrebbero bene anche quelli della calza di massa del cavo TV ma è un po troppo " fru fru" si presta bene per particolari che devono dare un effetto movimento tipo capelli , code, nappine ecc

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

26/12/2018 12:59
 Ciao a tutti, finito di vestire l ussaro, ora c è da metterlo a cavallo e armarlo....







Ciao
Gianfranco :-)

 stephaneT :

26/12/2018 20:48
  Wow!!! gran bel lavoro. Mi piace molto l'utilizzo di materiali "diversi" per creare i modelli 

 yago :

27/12/2018 13:19
 Ciao Stephane grazie :-)
Mi diverte usare materiali di risulta, e poi è "ecologico" :-D :-D

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

27/12/2018 19:46
 Ciao a tutti, messo a cavallo , ma gli servono gli speroni....
con del capillare di un filo di terra da 5 ( sono leggermente più spessi dei fili più comuni da 1,5 e 2,5) sagomati e saldati tra loro





dato che così sono color rame, piuttosto che verniciarli mi sembra più realistico che siano già di loro color metallo bianco, perciò stagnato tutto il pezzo



incollati , non avranno le cinghie in quanto ( quasi sempre) gli speroni erano inchiodati direttamente sui tacchi degli stivali







Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

27/12/2018 19:58
 

 yago :

27/12/2018 21:20
 Grazie Enrico! :-)
...penso che avrò seri problemi quando dovrò fare le zollette di zucchero in scala... :-P :-P :-P :-P

Ciao
Gianfranco :-)

 dj :

28/12/2018 09:03
 Quote:
yago ha scritto:   ...   orecchino ( 2)      Ciao Gianfranco :-)

Fantastico Gianfranco ... l'orecchino mi era scappato ! 
Giuseppe

 enrico63 :

28/12/2018 09:22
 
Quote:
yago ha scritto: Grazie Enrico! :-) ...penso che avrò seri problemi quando dovrò fare le zollette di zucchero in scala... :-P :-P :-P :-P Ciao Gianfranco :-)


Perchè??? La tua macchina rimpicciolitrice non funziona con lo zucchero??

 yago :

28/12/2018 18:58
 Ciao Giuseppe ed Enrico :-)
Giuseppe sei scusato, è un po come sulla settimana enigmistica "aguzzate la vista" :-D
Enrico , il problema è che la macchina quando rimpicciolisce un po scalda, e me li fa caramellati :evil: :evil: :evil: :-P :-P :-P

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

29/12/2018 13:24
 Ciao a tutti, staffe;
partendo da un filo telefonico spellato con un martelletto l ho appiattito leggermente insistendo in una zona in particolare in modo da creare un ovale che sarà la panca della staffa



con un paio di pinzette usate contemporaneamente data la forma alla staffa e poi chiusa con un punto di saldatura





inserito il traversino per il passante dello staffile





la staffa di per se è finita, sulla parte superiore della panca non ho incollato nessun rivestimento lasciandola " a metallo" questo perchè le staffe erano , a maggior ragione all epoca, " comode " e che permettessero di poter far scivolare via il piede facilmente, in quanto uno delle situazioni più spiacevoli in cui si potrebbe trovare un cavaliere sarebbe quella di cadere rimanere " staffato" cioè con il piede incastrato nella staffa venendo trascinato col rischio di finire sotto gli zoccoli del cavallo mentre corre... oggi si usano materiali che permettono un buon grip del piede ma anche la facile estrazione dello stesso in caso di necessità , esistono anche delle staffe di " sicurezza dove il montante laterale esterno non è in metallo ma sostituito da un robusto elastico in pratica una staffa aperta di lato che in caso di caduta il peso del cavaliere fa staccare l elastico lasciando un lato della staffa aperto liberando il piede , ma vengono usate poco generalmente con principianti perchè comunque non danno un buon " contatto" e anzi in alcune discipline tipo il salto ostacoli paradossalmente possono divenire anche controproducenti se non pericolose...
Incollate al piede e fatti gli staffili compresa la fibbia per la regolazione della lunghezza dello staffile





fibbia e relativo spinotto date le misure si notano di più da vivo e in determinate angolazioni...



Ciao
Gianfranco :-)

 stefanoc :

29/12/2018 14:34
 Mamma mia :-o ...ma sei un mito!!!

 yago :

29/12/2018 18:30
 Ciao Stefanoc :-) !
Grazie mille , ma esageri, sono un semplice modellista come tutti voi!

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

30/12/2018 13:49
 Ciao a tutti, sulla sabretache ho dovuto prendere una decisione;
ci sono molte raffigurazione diverse della sabratache, in alcune tavole porta le due lettere RC in cui si suppone stiano per Repubblica cisalpina, altre le lettere RI per Repubblica Italiana, e ne ho trovata anche un altra che poi alla fine di un mio raggionamento , magari sbagliato, ho scelto
Allora ho scartato la RC perchè anche gli ussari della Repubblica Cispadana in alcune tavole le portano , mi sono domandato possibile che sia la Cisalpina che la Cispadana avessero le stesse insegne? Forse, ma non mi convinceva
Scartate anche la RI soprattuto per una ragione cronologica, infatti quelli che sto facendo io saranno ambientati in una scenetta della battaglia di Marengo nel 1800 ( ne riparlerò più avanti con il lavoro) ma i la trasformazione da Repubblica Cisalpina in Repubblica Italiana avvenne il 26 gennaio 1802 quindi dopo la battaglia ( tra l altro ci furono cambiamenti nei colori delle uniformi del 2° reg mentre il 1° mantenne gli stessi con piccole variazioni tipo il colore dei cordoni da tricolori a bianchi e la plumette acquista la punta di colore verde) dal 1802 in poi le RI ci starebbero tutte
Così alla fine , non dico che sia quella giusta, sulla sabretache ho dipinto il simbolo che si trova sulla bandiera di guerra del 2° ( ancora oggi esistente) ricevute il 9 luglio 1798 che ha come simbolo un fascio Littorio sormontato da un berretto Giacobino
a rappresentare la chiara origine rivoluzionaria del reparto
Disegnata la sabretache su carta lucida poi usando la carta lucida come carta carbone l ho riportata su cartoncino , ritagliata e incollato un altro pezzetto di cartoncino sul retro per dare lo spessore della tasca in cui venivano posti documenti









dipinta e aggiunti gli anelli per il fissaggio delle cinghie che la legano alla cintura



Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

31/12/2018 12:59
 Ciao a tutti , ancora un passetto avanti , per il fodero della sciabola come per la sciabola si tratta di unire due semi foderi e rifinirli



una volta ripuliti dallo stampo assottigliati strofinandoli su della carta vetrata



tolti gli anelli originali e rifatti , per eventuali ritocchi di stucco va bemissimo lo stucco francese ( il comunissimo stucco pronto che trovate in ferramenta)



dipinta



inizia il delicato lavoro di fare le cinture sempre usando due pinzette contemporaneamente, passaggio della cintura





affibbiate le cinghie del fodero





affibbiate anche quelle della sabretache e poi posizionata











Sia le cinghie del fodero che della sabretache le ho modellate in modo che i due componenti risultassero abbastanza verticali rispetto al suolo perchè l atteggiamento del cavallo è quello come di un arresto del moto in avanti con conseguente spostamento in avanti degli stessi...

Ciao e Buon Anno a tutti!
Gianfranco :-)

 merki41 :

31/12/2018 13:17
 :-o che dire, puro spettacolo, bravissimo
Lucio

 yago :

31/12/2018 14:13
 Grazie Lucio! :-)

Auguri!
Gianfranco :-)

 merki41 :

31/12/2018 14:17
 Quote:

yago ha scritto:

Grazie Lucio! :-)

Auguri!
Gianfranco :-)


Augurissimi anche a te

 yago :

15/1/2019 13:55
 Ciao a tutti, bandolera porta moschetto:



capillare di rame per fare il moschettone di aggancio del moschetto











verniciato e infilato nella semi bandolera già incollata al figurino poi fatta e incollata l altra semi bandolera con relativa fibbia e passante











Ciao
Gianfranco :-)

 anto93 :

15/1/2019 18:09
  Uao che lavoro strepitoso 

 yago :

15/1/2019 22:01
 Ciao Michele , grazie mille! :-)
fatto il moschetto con lo stesso sistema usato per sciabola e fodero, ecco il pezzo ancora da rifinire



asportato il para dito del grilletto



rifinito e verniciata di fondo e applicato il nuovo paradito





seconda passata



aggiunta la cinghia



stasera lo finisco e domani le foto...

Ciao
Gianfranco :-)

 merki41 :

15/1/2019 22:04
 bellissimo il fucile, bellissimo tutto, wow, da non perdere
Lucio

 yago :

15/1/2019 22:10
 Ciao Lucio , grazie anche a te! :-)
Adesso lo fisso alla sella, do la sciabola al ragazzo e finisco questo primo tassello del diorama :hammer:

Ciao
Gianfranco :-)

 Oberst_Streib :

15/1/2019 22:26
        ....... non ho parole , spettacolo .....


Quote:
yago ha scritto: verissimo, i cavalli sono stati la mia vita e adesso che non ci sono più, vivo normalmente ,come uno zombi sereno, perchè un giorno ( senza fretta :-) ) ci ritroveremo :-) Ciao Gianfranco :-)


Scusa, Gianfranco, che vuoi dire?
Lavoravi con i cavalli?

 Barbarigo :

16/1/2019 09:35
  Eh, ma qua siam a livelli interstellari!!!!!

Complimenti!
Paolino

 yago :

16/1/2019 14:12
 Ciao Alessandro e Paolino grazie veramente troppo buoni! :-)
Alessandro, il lavoro ( quello vero che serve per vivere ,pagare
l affitto bollette ecc :-x ) ho sempre fatto in modo che fosse part time per poter dedicare tutti i pomeriggi ai cavalli ( lavorare di più per poter guadagnare di più e permettermi cose che tutto sommato sono superficiali e non mi servono non mi interessa , preferisco avere meno in tasca ma più tempo per me da trascorrere all aperto ;-) ) iniziai da giovane facendo la guida per escursioni a cavallo e davo lezioni ai bambini e principianti, poi iniziai l attivita agonistica nel salto ad ostacoli per poter ottenere le patenti FISE necessarie per poter frequentare il corso istrutturi federale, le spese me le pagavo in virtù del fatto che i cavalli per poter mantersi in salute hanno bisogno di movimento soprattutto se fanno attività agonistica e che molta gente monta solo il fine settimana , montavo cavalli degli altri per mantenerli in allenamento e riaddestravo cavalli " difficili"... ma nella vita come nel monopoli c è il mazzo con gli " imprevisti" cosi dopo molti anni dovetti lasciare l attività agonistica e iniziai a dedicarmi a casa solo al al lavoro in 'piano dei miei due interi e il castrone e delle due cavalle delle due mie amiche dell epoca e che tutt ora frequento...ma finiamo quest ussero:
arrotolata una strisciolina di alluminio per fare il bicchierino dove si infila la punta della canna del moschetto tale bicchierino era fissato tramite due cinghie alla sella sotto lo sciabracco mentre nella parte superiore il moschetto era fissato all arcione sempre tramite una cinghia che passava intorno al calcio





messe anche le redini di morso e incollata la sciabola





come in ogni pubblicità che promette un addome con una tartaruga da urlo in una sola notte con una pomata miracolosa, ecco un
PRIMA



DOPO





















Ciao alla prossima che c è ancora molto da fare ... :hammer:
Gianfranco :-)

 frank1959 :

16/1/2019 17:09
  Ciao, faccio figurini da 20 anni ma ti assicuro che questo è un lavoro di conversione con fiocchi e controfiocchi (e perchè no anche velaccino). 
Francesco  

 matte :

16/1/2019 18:05
 Hai decisamente un 'ottima mano, il lavoro che hai fatto è a dir poco strepitoso.......  

 yago :

16/1/2019 19:43
 Ciao Francesco e Paolo grazie mille! :-)
Francesco se ho potuto spiegare tutte quelle vele è perchè sono stato fortunato di avere il vento a favore :-D
... comunque c è ancora molto da migliorare :roll: ...
il prossimo pezzo del diorama per cambiare non sarà subito un ussaro ,il diorama che ho in mente vorrebbe rappresentare un istantanea della battaglia di Marengo sabato 14 Giugno 1800...
Faccio un piccolo riassunto della battaglia:mentre gli austriaci dopo aver riconquistato l Italia settentrionale tenevano in assedio Genova ancora in mano ai francesi con il gen Messena, Napoleone decise di attraversare le alpi presso il gran S Bernardo per prendere alle spalle gli austriaci mentre erano impegnati sul fronte contro Messena , solo che Genova dovette capitolare svincolando così il grosso delle truppe austriache ; Napoleone pensò che tali truppe avrebbero dirottato verso le fortezze del Quadrilatero così mentre lui avanzava verso ovest dopo aver riconquistato Milano fece l errore di dividere il suo esercito mandando Desaix a tagliare la strada agli austriaci di Melais .
Pensando di essere nel ruolo dell inseguitore il 13 giugno giornata molto piovosa si attestò presso Marengo ma la mattina del 14 gli austriaci uscirono da Alessandria e attraversato il fiume Bormida attaccarono le forze francesi presso il fosso del Fontanone.
Napoleone ancora lontano dal campo di battaglia presso Torre Garofoli era convinto che si trattassero di attacchi diversivi per coprire la fuga del grosso dell esercito , solo verso metà mattinata si rese conto della gravità della situazione e cercò di porvi rimedio inviando dei rinforzi ma il rapporto delle forze rimaneva sempre di 2:1 per gli austriaci, mandò a richiamare Desaix ma verso le tre la situazione era molto compromessa e la disfatta sembrava ormai inevitabile tanto che i francesi dovettero abbandonare la linea di Marengo per arretrate a S Giuliano, quando, giunse Desaix con le sue truppe fresche tra cui vi erano 150 ussari del 1° reggimento Cisalpino che rovesciarono le sorti della battaglia, durante questi scontri Desaix morì per un colpo di moschetto al cuore , per volontà di Napoleone venne imbalsamato e sepolto presso la chiesa del passo del Gran S Bernardo dove ancora oggi riposa
Tutto sto pippone che spero non abbia annoiato troppo, per concludere che la scenetta sia ambientata durante la carica degli ussari mentre trovano sulla loro strada una postazione di artiglieria austriaca....quindi adesso ci vuole un pezzo d artiglieria austriaco ;-) ....

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

18/1/2019 13:52
 Ciao a tutti allora , cominciato a gettare le basi per la costruzione del cannone;
il pezzo in questione è un cannone da 3 libbre perchè per precisione gli ussari non furono impiegati nelle fasi risolutive della battaglia verso in reparti di granatieri austriaci che vennero battuti e messi in fuga dalla carica della cavalleria più conosciuta , di Kellerman bensì i reparti di cavalleria di Desaix avevano il compito di osservare e attaccare le riserve dell esercito austriaco costituite principalmente dai Dragoni di Liechtenstein e artiglieria leggera appunto dotata di cannoni da 3 libbre e non so se sia vero , ma mi fa piacere crederlo, si dice che la maggior parte di loro fuggirono senza combattere alla sola vista della cavalleria...
Non ho disegni con le misure originali , perciò in questi casi mi affido oltre che alle varie tavole che si trovano in giro , anche ai vari quadri dell epoca che possono aiutare , tra i vari questo mi ha permesso di ottenere la misura più o meno esatta o quantomeno probabile della ruota del cannone

IMMAGINE POSTATA AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA



da questo quadro e altri visionati (( nel quadro i cappelli degli artiglieri fanno capire che siamo già qualche anno dopo il 1800 ma parliamo da tre anni in su)la ruota arriva a "petto d uomo"; ora questa misura empirica è ancora oggi usata ad esempio come punto di riferimento per l altezza da terra cui si misura il diametro del fusto degli alberi quando vengono catalogati ,e corrisponde a 130 cm per convenzione e per mia scelta l ho usata anche come riferimento per la ruota , a quel punto per proporzione ottenute tutte le altre misure del cannone che non saranno la scala precisa di quello reale ma molto vicine e soprattutto i vari componenti del cannone saranno proporzionati tra loro...
Disegni quotati



ora c è da riportarli su compensato e traforare...

Ciao
Gianfranco :-)

 matte :

18/1/2019 14:01
 Ottimo progetto, bella la storia che hai raccontato.

 frank1959 :

18/1/2019 15:00
  Ottimo lavoro ti seguo, 
Francesco 

 Duval :

18/1/2019 15:44
  Gran bel lavoro sopratutto lo studio nella ricerca dei particolari,complimenti.

Duval

 enrico63 :

18/1/2019 17:35
 Non c'è paragone.........




Quello blu è fantastico


Bellissimo Gianfranco, un grande lavoro!!

 yago :

18/1/2019 18:41
 Grazie Paolo, Francesco, Duval ed Enrico! :-)
Paolo , credo che oltre a mostrare il lavoro possa essere interessante parlare un pò della storia che ha alle spalle...
Enrico .. ma quello blu è l elaborato!!.. ho postato tutte le foto dei lavori al contrario :-P :-P :-P

Ciao e grazie a tutti, adesso vado a fare qualcosa per lo schioppo...
Gianfranco :-)

 enrico63 :

18/1/2019 19:51
 
Quote:
yago ha scritto: Grazie Paolo, Francesco, Duval ed Enrico! :-) Paolo , credo che oltre a mostrare il lavoro possa essere interessante parlare un pò della storia che ha alle spalle... Enrico .. ma quello blu è l elaborato!!.. ho postato tutte le foto dei lavori al contrario :-P :-P :-P Ciao e grazie a tutti, adesso vado a fare qualcosa per lo schioppo... Gianfranco :-)


Ah.....  ho capito!!!!  Ne hai preso uno bello e lo hai smontato

 yago :

18/1/2019 20:22
 Eeesatto Enrico ;-) :-P :-P
Per stasera poca roba:
disegnati e traforati i due lati dell affusto




cominciati ad incollare partendo dalla coda







adesso lo lasciamo seccare bene nella notte e domani si va avanti...

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

20/1/2019 12:21
 Ciao a tutti, aggiunti le due traverse all affusto e traforati i cerchi e i centri delle ruote





su un foglio disegnate le dime delle ruote con l andamento dei dodici raggi



poi fissati i cerchi sul disegno con del nastro carta mentre il centro è appuntato con una micro goccia di vinavil , non importa se al momento di togliere la ruota finita si tira dietro un po di carta tanto quella sarà la faccia interna



gli stuzzicadenti hanno un diametro a cecio , sembrano proprio i loro raggi, quindi tagliati degli spezzoni a misura di raggio



poi usando il taglierino a mo di raschietto appiattite due facce contrapposte lasciando le altre due semi tonde , per fortuna che non è un cannone francese Gribeauval che ha i raggi curvi :-x



a questo punto seguendo le linee guida della dima incollati i raggi aggiustandoli uno ad uno , incollandoli con una sequenza a croce per non rischiare di deformare il tutto spostando il centro , non devono andare a forzare ma precisi...





Ciao
Gianfranco :-)

 dj :

20/1/2019 12:34
 Altro che Autocad, 3D o vattelappesca!! Bravo Gianfranco !!! 
Giuseppe 

 yago :

20/1/2019 12:43
 Ciao Giuseppe Grazie! :-)
Se il buon Dio ci ha fatto dieci dita , è perchè vuole che le usiamo tutte , altrimenti ci avrebbe fatto solo l indice per premere "ENTER" :-D

Ciao
Gianfranco :-)

 dj :

20/1/2019 12:51
  Quote:
yago ha scritto: ... Se il buon Dio ci ha fatto dieci dita , è perchè vuole che le usiamo tutte , altrimenti ci avrebbe fatto solo l indice per premere "ENTER" :-D Ciao Gianfranco :-)

 ... 

 yago :

20/1/2019 13:00
 ;-)

 yago :

24/1/2019 20:38
 Ciao a tutti,terminate le due ruote con della balsa fatti quattro tondini e applicati alle ruote





da un quadrello ricavata la parte conica del mozzo







per ottenere il perno della ruota ho usato uno spiedino a cui ho fatto un foro in cui andrà infilata la coppiglia che tiene calettata la ruota al perno





terminata questa parte lignea adesso c è da dare una verniciata e poi passare alle piastre di rinforzo in metallo..

Ciao
Gianfranco :-)

 matte :

24/1/2019 23:26
 Belle, bravo 

 frank1959 :

25/1/2019 07:45
 Ottimo lavoro 
Francesco 

 yago :

25/1/2019 21:53
 Ciao Paolo e Francesco, grazie! :-)
Allora iniziato a dettagliare le ruote;
tagliate delle striscioline di alluminio e incollate al mozzo e ai distanziali, e fatte con il taglierino le fessure di unione delle sezioni che compongono il cerchio della ruota



poi con una striscia di alluminio più spesso fatta la cerchiatura



infine una prima sporcata , alla fine verrà ulteriormente sporcato perchè come detto quel sabato e i giorni prima aveva piovuto molto , e satinatura della cerchiatura









Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

25/1/2019 22:36
  Gianfranco falegname

 yago :

26/1/2019 12:14
 Ciao Enrico e grazie! :-) ...sempre viva Mastro Geppetto l unico uomo che con una sega è riuscito a fare un figlio.... :-x a proposito, procedi col tuo macinino da caffè sulla neve?? Dai su..forza :hammer:

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

27/1/2019 13:12
 Ciao a tutti, iniziato a rivestire l affusto



la lastra metallica l ho fatta leggermente più larga del legno





poi usando una limetta delicatamente in modo che oltre a limare una piccola parte in eccesso allo stesso tempo schiaccia il lamierino lungo il profilo dell affusto





Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

28/1/2019 19:52
 Ciao a tutti andato un po avanti con la " borchiatura"; per prima ho fatto quella sulla parte finale dell affusto , tagliata da un lamierino




verniciata e incollata



a questo punto forato anche il tallone dell affusto



aggiunte le borchie del lato sinistro, ancora ne mancano come mancano le cavicchie che le fissano , alcuni ganci ecc , non finiscono mai sto cannone ha più borchie del cantante dei Sex Pistol...



Ciao
Gianfranco :-)

 Barbarigo :

29/1/2019 08:42
  Sei a livelli inarrivabili per me: COMPLIMENTI!!!

Paolino

 dj :

29/1/2019 08:47
 Bene, bene, bene ... quanto me piace sto wip
Giuseppe

 yago :

29/1/2019 12:01
 Ciao Paolino e Giuseppe ,grazie! :-)
Paolino ,non esageriamo , sono sicuro che se ti " intigni" puoi fare anche di meglio :-)
Giuseppe , allora stasera continuo... :hammer:

Ciao
Gianfranco :-)

 frank1959 :

29/1/2019 12:18
 Fantastiche le ruote, ti ruberò il wip .... per il resto splendido come sempre. Attendo con ansia la canna per scoprire come la farai, finora ho litigato con n soluzioni diverse, tornitura, fusione, assemblaggio di pezzi differenti e stuccatura, ma sono convinto che tu hai un asso nella manica !! 
Francesco  

 yago :

29/1/2019 20:00
 Ciao Francesco grazie! :-)
Ruba pure è tutto gratis!!! :-D :-D
Per la canna ho un paio di idee nebulose intesta , ma stasera una in particolare sta prendendo il sopravvento.... :-D

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

30/1/2019 19:25
 Ciao a tutti, allora tolgo un po di curiosità a Francesco, sospendo per un attimo l affusto e faccio la parte principale della canna tanto ci vogliono a farla 5 minuti di orologio nel vero senso della parola;
Partiamo da questo:



ovviamente la parte a "tromba sarà la bocca con già due anelli di rinforzo presenti ( a noi ne serve uno quello più arretrato verrà spianato.
Poi per dare la forma troncoconica avvolgo del nastro da carrozziere a spirale partendo da un pò dopo la curvatura della bocca



lo stucco oltre a dare la forma conica serve come supporto per la prima passata di stucco francese



dopo passato lo stucco una leggera " sphonata" per asciugarlo senza farlo seccare completamente.
A questo punto con il pollice e l indice della mano sinistra leggermente inumiditi faccio quello che farebbe un qualsiasi vasaio con le sue mani; faccio rotare lo stop con la destra e con le dita spiano e modello lo stucco.



Altra " sphonata" e ripeto l operazione posando stucco






leggera asciugatura , modellazione e dopo due mani si ottiene questo







Ovviamente siamo solo all inizio ; va accorciato a misura ( si vede il segno della matita) l orlo della bocca va leggermente ridotto fatti i maniglioni gli anelli di rinforzo la volata e la parte posteriore , ma so già come ....
...ci vuole meno a farlo che a descriverne il procedimento.....

Ciao
Gianfranco ;-)

 matte :

31/1/2019 00:22
 Ma chi sei, Macgyver  ? Ottima idea, e ottima realizzazione 

 frank1959 :

31/1/2019 08:12
  Non ci avrei mai pensato, geniale ! 
Francesco 

 dj :

31/1/2019 09:32
 Quote:
matte ha scritto: Ma chi sei, Macgyver  ? Ottima idea, e ottima realizzazione 

  ...

 enrico63 :

31/1/2019 09:59
 Tu sei uno che sa cogliere l'essenza delle cose che lo circondano!!"

 Barbarigo :

31/1/2019 13:04
  Spettacolare!!!!

Complimenti!
Paolino

 yago :

31/1/2019 13:52
 Ciao Paolo, Francesco,Giuseppe,Enrico e Paolino grazie a tutti! :-)
Paolo e Giuseppe , Mac ogni tanto mi telefona per avere qualche dritta e sapere se nei bucatini all amatriciana ci va il guanciale o la pancetta ( sti americani ...)
Francesco, compro spesso " la settimana enigmistica" aiuta a mantenere allenato il cervello :-D
Enrico :" nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma" ;-)
Paolino , e pensare quegli stop non valgono una cicca ....
A proposito... il fatto che abbia "rollato" il nastro per fare il cannone non vi faccia pensare male... 8-) giuro che non fumo neanche le sigarette :-P :-P :-P

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

1/2/2019 21:53
 Ciao a tutti , allora a questo punto sospendo un attimo l affusto e finisco la canna;
mi servono queste:



in realtà solo la siringa da 5 e lo stantuffo di quella da insulina





per prima cosa forato lo stantuffo nella parte posteriore



ridotto il diametro dello stop e dello stantuffo forato facendo in modo che lo stantuffo sia leggermente più piccolo dello stop e tagliata una porzione dello stantuffo







infilato il pezzo di stantuffo dentro lo stop creando un piccolo scalino tra la differenza di diametro dei due pezzi





adesso tagliato il beccuccio della siringa





poi tagliata la faccia anteriore della siringa a da questa ritagliata ulteriormente un disco del diametro leggermente superiore a quello della canna del cannone



adesso ci serve il bottone di culatta, eccolo qua;





tagliata la punta dello stantuffo , infilato da dietro incollandolo all interno del dischetto




incollato il pezzo così ottenuto alla canna poi stuccato con lo stesso sistema usato per fare la canna e con delle striscioline di alluminio fatte le nervature di rinforzo



con due pezzettini di stagno sagomati e schiacciati fatti i maniglioni







una passatina di primer per vedere quello che c è da ritoccare





Ciao
Gianfranco :-)

 Barbarigo :

2/2/2019 08:44
 TOP!!!!!

Paolino

 yago :

2/2/2019 10:20
 :lol: :-) Grazie Paolino!

Ciao
Gianfranco :-)

 matte :

2/2/2019 17:14
 Non poteva venire meglio (ed a costo zero) 

 yago :

2/2/2019 18:49
 grazie Paolo ! :-)
..sempre rigorosamente in " green economy" :-D

Ciao
Gianfranco :-)

 grimdall :

2/2/2019 22:26
 Gran lavoro, e soprattutto grande intuito nell'usare materiali di recupero... che fantasia!!!! Però un piccolissimo appunto mi sento di fartelo, mi pare che la bocca del cannone abbia un diametro leggermete troppo elevato, un pochino il periodo lo conosco e mi pare di ricordare che non avessero svasature così ampie.... assomiglia un po' a un trombone (inteso come fucile) ...

 yago :

3/2/2019 02:11
 Ciao Giacomo grazie! :-)
E' verissimo quello che dici riguardo la svasatura della bocca che era più piccola , ma non nel caso del cannone austriaco da tre libbre, mi spiego;
le foto successive sono di una riproduzione storica e di due esemplari museali





la prima come riproduzione col beneficio del dubbio , anche se in genere sono fedeli , la seconda a mio avviso più attendibile anche se vista da dietro lascia intravedere una svasatura abbastanza pronunciata.
Pero se vogliamo fare un discorso più storico allora diamo un occhiata a questa



questa tavola derivata da disegni originali mette a confronto cannoni di vario calibro di diversi eserciti ,si nota che il cannone austriaco da tre ha una svasatura molto più pronunciata degli altri , questo perchè ad esempio a parità di libbraggio con quello sassone è più corto ma non solo per questo; infatti se lo confrontiamo con il cannone francese da quattro libbre vediamo che i diametri della bocca di volata non sono proporzionali , cioè se il tre libbre ha un diametro di 7,5cm il quattro libbre francese in proporzione dovrebbe avere un diametro di circa 10 cm mentre il diamtro è di 8,5cm ; il motivo sta nel fatto che l unità di misura della libbra variava da stato a stato nell austria una libbra corrispondeva a 560g in italia 301g in francia 490g in inghilterra 454g perciò a parità di libbraggio corrispondeva un peso e quindi una grandezza diversa delle palle sparate.
Nel caso austriaco per via del fatto che la libbra era più pesante risptto a quella degli altri stati le palle sparate erano più grandi e quindi il cannone anche per il fatto di essere più corto necessitava di una bocca più robusta quindi più grande in confronto agli altri
Forse avrei potuto farla appena leggermente più piccola quello si però mi accontento

Ciao e grazie
Gianfranco :-)

 yago :

4/2/2019 21:22
 Ciao a tutti , tornato all affusto aggiunti i rinforzi interni, non avendo del plasticard della misura giusta ho usato delle fascette da elettricista





applicate le traverse su cui poggia il piano che sostiene il sistema di alzo



incollato il piano e con un profilo di plasticard a U fatta la guida su cui scorre il cuneo di alzo tramite un sistema a vite senza fine





preparato il primo dei due golfieri per il sollevamento del cannone nelle manovre a mano che si trovano sul tallone dell affusto sollevamento che si otteneva infilando una sbarra che li attraversava entrambi , per gli spostamenti laterali si usavano altre due sbarre una per lato infilate a delle staffe poste in testa all affusto



poi aggiunto il collarino che si trova alla base su cui era fissata la catena di sicurezza che durante il trasporto veniva agganciata con l altro capo al rimorchietto che fa parte del tiro completo

 frank1959 :

5/2/2019 07:34
  Mi sto godendo questo lavoro passo dopo passo, bellissimo, mi stai facendo venire la voglia di rimettermi dietro ad un progetto di bocca da fuoco rinascimentale  i cui schizzi giacciono da tempo nella cartella. Ho i lanzi già dipinti ma non ho mai messo mano al cannone... chissà ...  
Francesco 

 Barbarigo :

5/2/2019 08:28
  Che dire...sempre più bello!

Apprezzo poi molto i tuoi passo passo, che sicuramente sono d'aiuto qualora qualcuno desideri "scopiazzare" i tuoi lavori.

Paolino

 yago :

5/2/2019 11:53
 Ciao Francesco e Paolino grazie :-)
Francesco per il tuo progetto facci un pensierino , hai tutto il mio appoggio morale :-) ! il periodo Rinascimentale è un l altro dei periodi che mi intrigano molto
Paolino mi fa piacere se quello che faccio può essere di spunto per qualcuno!
Piccoli progressi ;
incollato il collarino del secondo golfiere



incollato il golfiere fatto con del filo più sottile ( il primo era quello soggetto a maggior sforzo ) e di forma leggermente diverso



avanti con gli "ammennicoli di servizio"
i due ganci a corna li ho fatti partendo da un filo schiacciato in un piccolo settore utilizzando una piastrina metallica come punzone per fare la parte piatta della piastra





con le pinzette poi data la forma delle corna e aggiunto in cima una goccia di vinavil








ancora avanti fino a fare la maniglia laterale per gli spostamenti a mano











Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

7/2/2019 21:17
 Ciao a tutti , prima di passare a fare i due supporti anteriori per la movimentazione manuale devo fissare le ruote ma prima ancora devo per comodità finire l affusto ; i bollettoni che corrispondono alle traverse interne li ho fatti con dei chiodini per il navale



poi iniziato a fare le prime chiodature con delle gocce di vinavil



anche sul dorso , ma solo fino ad un certo punto



questo perchè da li in avanti c è una piastra doppia di rinforzo del dorso dell affusto , piastra che ho fatto con il solito lamierino lavorandone l estremità con una limetta per decorarla





verniciate e andato avanti con le chiodature



Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

8/2/2019 20:51
 Ciao a tutti , andato un po avanti applicati i perni di bascula alla canna




e iniziato il sistema di alzo ; da un listello navale tagliato il cuneo



incollata sull a faccia superiore e parte della frontale una striscia di alluminio



con del lamierino di ottone di risulta ( non si butta niente :-D ))fatta la piastra che blocca la manovella sulla parete anteriore



poi con un gira punte fatto un foro in cui andrà infilato il perno della manovella fatto con un chiodino per il navale





completata la manovella



aggiunti i rinforzi



montato , al cannone ho dato solo una mano di fondo ...







Ciao
Gianfranco :-)

 maurozn :

8/2/2019 21:34
  Semplicemente fantastico!!!

 yago :

8/2/2019 22:22
 Grazie Mauro! :-)

Ciao
Gianfranco :-)

 matte :

9/2/2019 00:43
 Davvero ben fatto........

 yago :

9/2/2019 13:23
 Grazie Paolo!

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

14/2/2019 21:30
 Ciao a tutti, fatta la contropiastra del perno di basculamento



prima di montare le ruote lavaggi alle parti metalliche per le ombre e lumeggi, poi del dry brush per le luci del metallo e polveri sull affusto













Ciao
Gianfranco :-)

 frank1959 :

15/2/2019 09:39
 Ma che bello !!!!! Grande lavoro di dettaglio e grande conoscenza del pezzo di artiglieria. 
Fantastico  

 yago :

15/2/2019 22:03
 Ciao Francesco , grazie ! :-)
Faccio quello che posso ... :-D

Ciao
Gianfranco :-)

 alberto66 :

17/2/2019 10:28
  Ciao Gianfranco......
 fai quello che puoi ...!!?? 

Sei troppo forte......davvero complimenti è un lavoro bellissimo....!!

Ciao Alberto

 yago :

17/2/2019 13:59
 Ciao Alberto, grazie! :-)
....ma si potrebbe fare di meglio :-( magari col tempo miglioro :-D
Bene montate le ruote ( ancora da sporcare) iniziate le staffe per lo spostamento a mano
fatte con del lamierino arrotolato intorno ad uno stuzzicadenti le quattro sezioni cilindriche in cui si infilano le due stanghe per il movimento



infilate le prime due a distanza giusta ( libere di scorrere sullo stuzzicadenti) a quella più interna dopo averle incollato la gamba della staffa , incollata all affusto



preparato poi la seconda gamba e incollata alla sezione cilindrica esterna ; in questo modo le due sezioni si trovarenno coassiali



fissata la terza gamba che parte dalla piega della seconda e scende all angolo inferiore dell affusto



una volta ben asciutte si sfila lo stuzzicadenti





Ciao
Gianfranco :-)

 e_pieranto :

17/2/2019 20:55
 Caro Gianfranco, anzi mastro Gianfranco,

non sai quanto apprezzo questo lavoro da artigiano modellista e, soprattutto, quanto lo comprendo, con il gusto e la soddisfazione di vedere il pezzo che un microbino dopo l'altro viene fuori da un'accozzaglia eterogenea di materiali e attrezzi.

Però una cosa non posso fare a meno di dirtela.
Rispetto senza riserve il tuo principio di partire da una base modesta (o anche meno che modesta) e trafficarci sopra fino ad ottenere un risultato egregio però, però ...

Non posso fare a meno di chiedermi cosa renderebbero la tua pazienza e il tuo talento applicati a una base di qualità già di per sé elevata.

Mi rispondo da solo: il divertimento sta nel percorso, non nella meta ... lo so, però la curiosità mi resta.

E, sempre, comunque, alla fine della fiera: bravo, bravo, bravo.



:-)

 yago :

17/2/2019 21:30
 Ciao Eros ! :-)
Ti ringrazio tantissimo per il mastro , ma magari lo fossi! :-)
E ti ringrazio anche per per la tua riflessione più che appropriata sull eventualità di usare basi di partenza migliori e anzi ne approfitto per dire che non è che non le uso per presunzione ma solo perchè come hai centrato tu, è il percorso l importante, la meta da la direzione :-) !
Poi c è anche un altra componente più " sentimentale" :-D : ho la tendenza a antropomorfizzare le cose e l idea di migliorare delle cose mediocri riscattandole nei confronti di altre più blasonate mi cattura , mi piace usare cose semplici perchè sono la base , in fondo le cose complesse non sono altro che un insieme di cose semplici unite tra loro.... ce ne di materia per strizzacervelli eh ? :-D ..sto diventando rompimaroni... :-P :-P

Ciao e ancora grazie mille :-)
Gianfranco :-)

 e_pieranto :

17/2/2019 21:56
 ;-)

 frank1959 :

19/2/2019 09:06
 Ciao Gianfranco 
è sacrosanto quello che dici, però lasciami aggiungere che se le cose complesse sono in fondo un insieme di cose semplici bisogna avere la capacità di dividerle in cose semplici ed affrontarle nel giusto ordine. Poi anche le cose semplici richiedono capacità ed, a volte, inventiva, ed in questo sei maestro. 
Francesco 

 matte :

19/2/2019 11:49
 È meraviglioso, tout court 

 yago :

19/2/2019 19:59
 Ciao Francesco e Paolo :-) molto , troppo buoni!
Grazie !

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

25/2/2019 21:22
 Ciaoa tutti, ormai col pezzo d artiglieria sono quasi alla fine mancano pochi particolari , nel frattempo iniziato il secondo cavallo asportando i finimenti



visto cfhe la parte lavorata andrà stuccata per eliminare i segni ne approfitterò per modellare la muscolatura ; prima mano di stucco



poi con un pennello umido spianato lo stucco



a questo punto inizia la scultura della muscolatura applicando piccole quantità di stucco che vengono poi lavorate e sagomate con il pennello



i pettorali e i muscoli della spalla erano un po rachitici nel soggetto originale ,ingrossato un po anche il flessore del collo











Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

25/2/2019 21:27
 Ma che stucco usi che si attacca così bene a quell'ostrega di materiale di cui sono fatti i cavalli!!

 yago :

26/2/2019 12:10
 Ciao Enrico! :-)
In questo caso . Può sembrare strano , ma ho usato dello stucco francese ,in pratica lo stucco in pasta per legno e muri , ne ho trovato uno che è abbastanza forte anche su superfici diverse( considera che se si lascia la spatolina d acciaio sporca una volta secco per toglierlo devi usare un altra spatola a raschiare con l unghia come di solito avviene non ci si riesce), oltre tutto lo si può anche "rinforzare" un po aggiungendo appena una punta di vinavil
Per la sella invece userò come per l altro cavallo il sintolit per marmo , questo per via delle due proprietà diverse degli stucchi; infatti il sintolit ha un essiccamento più rapido ( non adatto perciò alla modellazione con pennello delle forme che richiede un pò di tempo e aggiustamenti),però la sua rapidità è d aiuto per fare l effetto pelle di montone usando questo procedimento: con la spatolina depositato lo stucco, quando è "barzotto" mezzo secco appoggio un pennello a setole dure sullo stucco e delicatamente lo tolgo , lo stucco si incolla alle setole e viene rialzato assumendo una superficie scabrosa similpelliccia, mentre l altro stucco nella fase barzotta tende a sgranare e se troppo fresco non viene risucchiato dalle setole...
Un ultimo suggerimento anche per altre situazioni in cui l adesione di stucchi o colle non è facile; io tendo a usare in questi casi delle " interfacce" tipo dare del primer efficace per quella superficie e poi sul primer usare lo stucco o la colla ....
Mi sono dilungato ma spero di essere stato chiaro
:-)

Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

26/2/2019 13:21
 Chiarissimo, grazie!!
Non pensavo che lo stucco francese potesse restare aggrappato con tale tenacia....

 yago :

26/2/2019 18:51
 Ciao Enrico :-) , in genere non sono fortissimi ma questo va oltre la media... :-D
Hai un mp

Ciao
Gianfranco :-)

 frank1959 :

27/2/2019 08:02
 Se ne scopre sempre una nuova  !! 
Francesco 

 yago :

27/2/2019 13:19
 Per quel poco che vale metto a disposizione i miei " inguacchi" magari tornano utili :-)
Hai un mp anche tu

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

15/3/2019 09:24
 Ciao a tutti , in questi giorni non ho trascurati i miei cavalli ho lavorato ulteriormente sulla muscolatura del collo ( flessore) e petto, punta della spalla e bicipite lisciando alla meglio che potevo e scolpendo i fettoni dei piedi
nel posteriore aggiunta la coda , e "rimpolpata" la punta d anca e gluteo in modo da demarcare un po di più "la linea della fame"


riempita anche la sella. Oggi complice il fatto che non si lavora primerizzato il tutto







la parte sinistra mi soddisfa mentre la destra assolutamente no....



perciò a primer ben asciutto si riprende in mano pennello e stucco.... Ciao Gianfranco :-)

 yago :

23/3/2019 19:03
 Ciao a tutti, sistemata la parte destra del collo




con l occasione ho definito anche maglio la spalla e ingrandito mascella e barbozza del mento







Sto anche iniziando a pensare alla basetta; a tuttoggi esiste ancora in località Lobbio un manufatto dell epoca probabilmente un lavatoio , attiguo a quello che era il corso del fosso del Fontanile ( un canale di irrigazione) che in quei giorni per via delle forti piogge era straripato , e insieme al terreno allagato creò non pochi problemi ai due eserciti....
eccolo:
FOTO POSTATA AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA




devo ancora studiarmela ma una mezza idea me la sto facendo...

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

7/4/2019 19:31
 Ciao a tutti , prime botte di colore al baio scuro ( parte sinistra )










il solco sulla guancia non è un problema ; lì ci andrà la sguancia( montante) di filetto che coprirà tutto quando farò i finimenti...

Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

7/4/2019 23:05
 E vai di cavalli!! Ma alla fine quanti ne devi fare che nn ricordo??

 matte :

8/4/2019 00:07
 Ottimo il colore.

 yago :

8/4/2019 19:29
 Ciao Enrico e Paolo :-) grazie
Enrico , ne devo fare solo due, non mi fermerei più a farli, ma nel diorama ci saranno due cavalli un cannone e prevedo almeno tre artiglieri ( da autocostruire) e lo spazio è tiranno :-(

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

20/4/2019 14:22
 Ciao a tutti , avanti col cavallo , lato destro e sella







Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

23/4/2019 20:50
 Ciao a tutti , finito di pittare il lato destro













iniziato anche a imbastire la scenetta con la prima traccia del lavatoio



rispetto alla foto del reale la proporzione degli archi rispetto al resto della struttura sembra errata , ma va considerato ( scritto nell articolo da cui ho tratto la foto) che ad oggi la struttura risulta interrata tanto che la vasche interne sono quasi totalmente scomparse

Ciao
Gianfranco :-)

 frank1959 :

23/4/2019 21:01
  Ottimo, curiosissimo di vederlo finito.
Francesco

 enrico63 :

23/4/2019 22:16
 L'uomo che parlava a......i cavalli  Avanti al galoppo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

 alberto66 :

24/4/2019 12:00
  Ciao Gianfranco

che lavori.....!! nell'attesa di vederlo finito rinnovo i miei complimenti ...!! 

Ciao Alberto

 Lamb :

24/4/2019 12:46
 Ciao Yago,
complimenti per questa tua realizzazione, lavoro pregevole e certosino, per me sarebbe anche istruttivo se non fosse che come dice la mia professoressa ( moglie ) io non apprendo comunque apprezzo !

Una curiosita'... perche' dipingi facendo pause col corpo cavallo a quarti (anteriore sx dx e posteriore sx dx), verrebbe piu' logico separare il corpo da finimenti e criniera, zoccoli o al limite dorso e pancia....
magari ti piace cosi' e non c'e' spiegazione, va bene lo stesso...

 yago :

24/4/2019 14:17
 Ciao Francesco, Enrico,Alberto e Lamberto, grazie mille a tutti voi! :-)
Francesco e Alberto ci vorrà un po di tempo per vedere il tutto finito , ormai si è capito che sono uno che va mooolto piano :-)
Enrico , non solo ci parlavo , ma mangiavo e dormivo insieme ;-)
Lamberto in effetti una ragione "tecnica " precisa non c è e il tuo modo di suddivisione del lavoro è molto logico;
nel mio caso preferisco usare questa procedura perchè mi permette con delle sessioni di lavoro brevi di lavorare su parti del cavallo avendole sempre sott occhio; esempio se lasciassi da fare tutto il manto dovrei girare continuamente il soggetto perdendo di vista il particolare su cui sono focalizzato a meno di non avere un bel po di tempo per dipingere tutti i quarti consequenzialmente... il fatto che ci sia la sella a separare il corpo in due e che sulla groppa spesso ci sia la " striscia di mulo ( quella parte di manto più scura) e la criniera sul dorso del collo, mi aiuta a non avere problemi di " attaccatura " nella pittura in più riprese

Ciao e grazie ancora
Gianfranco :-)

 yago :

26/4/2019 22:58
 Ciao a tutti , guardando il pezzo d abbozzo del lavatoio c era qualcosa che non mi convinceva sulle proporzioni non tanto delle luci degli archi ma piuttosto il rapporto di questi con lo spessore dei pilastri , così ho rifatto uno schizzo variando le proporzioni





alla fine ho deciso anche di aggiungere una zoccolatura alla base dei pilastri



...così mi garba di più , via si rifà il pezzo

Ciao
Gianfranco :-)

 e_pieranto :

27/4/2019 09:06
 Ciao Mastro Gianfranco,

anche quando non mi faccio vivo seguo sempre con grande attenzione i tuoi progressi e, da addetto ai lavori, mi permetto un suggerimento relativamente all'edificio.

Anche negli edifici più semplici come un pubblico lavatoio, se era presente qualche decorazione architettonica come, nel tuo caso, le paraste e la trabeazione, venivano rispettati i canoni caratteristici degli elementi.

Il suggerimento è, quindi, di prendere un edificio reale o, almeno, un disegno "da manuale" per la corretta riproduzione dell'ordine architettonico che, nel tuo caso, mi pare di capire vorrebbe essere dorico.

Aspetto sviluppi e - sempre - buon divertimento!

:-)

 yago :

27/4/2019 13:15
 Ciao Eros :-)
Grazie!!!!
il tuo è un ottimo suggerimento e la foto postata mi sarà utilissima!
Avevo infatti dei dubbi sul timpano laterale dato che nella foto ( che purtroppo è un po piccola e a ingrandirla si sfoca molto ) si vede che il tetto e parte delle sovrastrutture sono crollate lasciandomi delle lacune "documentative"...probabilmente ometterò le gronde ( non so perchè ma mi viene da pensare che forse ne fosse sprovvisto) e lo farò un po più basso rispetto all edificio da te postato.

Ciao e grazie ancora!
Gianfranco :-)

 Andrea :

27/4/2019 18:11
 Eros ha perfettamente ragione: all'epoca qualsiasi architetto che si rispettasse conosceva bene gli ordini architettonici e come disegnarli correttamente, per cui la riproduzione in scala dovrebbe essere perlomeno prossima alla realtà delle cose. Senz'altro i capitelli che hai disegnato vanno rivisti...

 yago :

27/4/2019 20:02
 Ok ragazzi sarà fatto!
...daltronde era solo uno schizzo ...e comunque approfondendo la ricerca ho trovato altre foto che mi devono far riverdere ancora una volta il tutto....
IMMAGINI POSTATE AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA





vediamo che si può fare...

Ciao
Gianfranco :-)

 maurozn :

27/4/2019 20:08
  Gianfranco questo tuo lavoro mi lascia senza parole...se ormai ho fatto l'abitudine alla maestria delle tue autocostruzioni ,scopro che sei anche un raffinato pittore di miniature...sei un modellista fantastico !

 yago :

27/4/2019 20:29
 Grazie Mauro , troppo buono! :-)
... e siccome quando si impadronisce di me la parte da segugio ti scopro che tale struttura nasce come fonte ( usata nei primi dell ottocento anche come lavatoio) poi divenuta solo fonte una volta che il paese si fu allargato inglobandola , niente tetto , niente timpano , ma terrazza con balaustra colonnata ( e i capitelli delle
lesene,in fondo in fondo non erano neanche tanto meno squadrati rispetto a quelli che avevo disegnato)

IMMAGINI POSTATE AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA





Ariciao
Gianfranco :-)

 grimdall :

28/4/2019 00:03
 Però che scempio e che peccato, una così bella struttura lasciata a marcire... tipico esempio italiano della cura per un patrimonio storico-culturale invidiato da mezzo mondo....

 yago :

28/4/2019 09:42
 Ciao Giacomo :-) , sono pienamente d accordo e purtroppo è solo uno di un infinità ,;viviamo in un paese dove ogni sasso è intriso di storia, pieni di opere d arte, con paesaggi naturalistici mozza fiato ma spessissimo non solo non vengono valorizzati ma lasciati andare di proposito ( visto che magari almeno sulla carta un vincolo c è e non si possono toccare ) "...tanto a che serve? Li sarebbe molto più utile utile il parcheggio per il centro commerciale..."

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

1/5/2019 12:05
 Ciao a tutti , allora dalle cartoline usando le persone come riferimento e calcolando un altezza media delle persone per l epoca in cui le foto sono state scattate di circa 170cm mi sono calcolate le misure di massima dell edificio, poi presentati i disegni all Ufficio Tecnico e ottenuto il permesso ho iniziato la costruzione :-D
Traforate le aperture , (usando il traforo per tagliare il carton gesso si fa pochissima polvere , il taglio viene pulito ed è morbidissimo da tagliare)



la parte sulla destra è più sottile perchè quello sarà l angolo della struttura e a differenza del pilastro centrale che ha una lesena centrale e due spazi che sono il proseguimento dell arco verso il basso, l angolo ha lo spazio dell arco e ,le due lesene dei due lati hanno un lato in comune a formare una falsa colonna, quindi ho lasciato lo spazio calcolato per l intestatura dell altro lato, mentre la parte sinistra ha una misura che corrisponderà alla fine allo spessore di una lesena più la larghezza dell arco , mancherà l altra parte di spessore/arco perchè ho pensato di troncare li la scena per avere un profilo estremo più pulito ( altrimenti avrei dovuto iniziare il piede dell arco e poi troncarlo subito... invece così si finisce a filo lesena...)
Preparate le lesene e l architrave




incollate



ovviamente questo è solo lo scheletro , il tutto andrà " intonacato" e poi decorato , anche la parte interna dei pilastri andrà ispessita con una sagoma uguale alla facciata in compensato...

Ciao
Gianfranco :-)

 dj :

9/5/2019 16:12
 ora anche ingegnere, architetto e muratore ... ma bene !!
... bel lavoro Gianfra 
Giuseppe 

 yago :

9/5/2019 22:03
 Ciao Giusè grazie :-) ...al giorno d oggi bisogna arrangiarsi a fare tutto :-D
Il manufatto edile procede; all Ufficio Tecnico l ho presentato come "capanno attrezzi"... speriamo non vengano i vigili... :-P :-P
Fatti gli spessori principali , ora sono da rifinire e riquadrare a stucco



Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

9/5/2019 22:08
 Basta che correggi in "Capanno Attrezzi di Prestigio"

Bel lavoro Gianfranco!!

 yago :

9/5/2019 22:11
 Domani mattina corro in comune!

:-D :-D :-D

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

16/5/2019 13:37
 Ciao a tutti riquadrato con l aiuto di un listello quadrato con sopra incollata una striscia di carta vetrata





si inizia a dettagliare ; partiamo dalla zoccolatura usando degli stuzzicadenti





Ciao alla prossima
Gianfranco :-)

 yago :

19/5/2019 13:13
 Ciao a tutti allora terminata la zoccolatura





si inizia il peduccio in cima al piedritto, segnando l ingombro del peduccio finito



poi inizio a costruirlo partendo dal basso applicando il primo elemento



aggiunto il secondo



per il terzo, che ha la forma di un quarto di tondo uso uno stuzzicadenti che però è troppo spesso , quindi lo ho spianato nella parte posteriore



tagliati i pezzi con "sguincio" di 45° e incollati





infine aggiunto l ultimo elemento la mensolina superiore





stuccatina ....











Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

19/5/2019 21:17
 Bel lavoro Gianfranco. Li fai uno ad uno o li replichi con un calco?

 yago :

19/5/2019 22:16
 Ciao Enrico , grazie! :-)
Mah , inizialmente ero intenzionato a procedere con la duplicazione a mezzo calco , però considerando che comunque i pezzi clonati vanno stuccati nelle giunture , magari vanno fatti dei piccoli aggiustamenti, la parte all interno che comunque dovrò fare è costituita da un pezzo con questa profilatura ma più lungo e che dovrei fare giuntando due cloni ( poi da raccordare e e stuccare) una cosa e l altra ,il guadagno di tempo alla fine non è tantissimo , considera che per fare questo ci ho impiegato circa una mezz oretta ....con un due / tre orette di lavoro ne dovrei venir fuori e farli tutti , ci si può stare :-D

Ciao
Gianfranco :-)

 maurozn :

19/5/2019 22:23
  Gianfranco sei ferratissimo su qualsiasi branca del modellismo statico , ma come fai? 

 frank1959 :

20/5/2019 12:52
  Ma le fondamenta le hai incluse nel progetto ?? la SCIA ce l'hai ? Scherzi a parte grande lavoro, molto preciso e d'effetto. Che te lo dico a fa' .... complimenti !
Francesco  

 Barbarigo :

20/5/2019 13:05
  Straordinario!

Paolino

 yago :

20/5/2019 13:46
 Mauro, Francesco e Paolino grazie di cuore! :-)
Mauro , sono tendenzialmente molto curioso specie per le cose "vecchie" l unica cosa che proprio non mi interessa è lo spazio, nun me ne pò fregà de meno... e tanto bella la terra e sarebbe infinitamente più bella se avessimo l intelligenza di preservarla , che non mi interessa di andare a scoprire cose nuove lassù quando ci sono una marea di cose che non conosco ancora qui....
Francesco ,tutto abusivo 8-) .......
Paolino , ancora grazie!

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

26/5/2019 14:12
 Ciao a tutti , mentre procedo con la costruzione dei peducci oggi ho fatto il master per le colonnine della balaustra ( ne devo fare 21) ; sono partito da una colonnina per modellismo navale che però va modificata perchè un po troppo " panciuta " mentre come si vede nelle foto quelle originali hanno un collo e una base più sfinata
FOTO POSTATA AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA



segnata la zona da sfinare al piede della colonnina , poi asportata poco per volta alternando l uso di taglierino e carta vetrata, stesso procedimento per il collo





aggiunti i collarini fatti con del filo metallico





bene adesso si fa il calco ...

Ciao
Gianfranco :-)

 e_pieranto :

26/5/2019 14:21
 Aspetta!!! :-o

Fagli anche la base inferiore e superiore, sennò poi devi aggiungerle ad ogni balaustrino!

Ciao Mastro Gianfranco!

 yago :

26/5/2019 19:44
 Ciao Eros Grazie!!!!
In realtà avevo pensato di aggiungerle separatamente e non avevo preso in considerazione il fatto di farle comprese nel calco :oops: ...grazie per l ottimo suggerimento!

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

3/6/2019 22:20
 Ciao a tutti , terminati i peducci ora rimane da "intonacarli" con lo stucco e poi si passa agli archi...







nel frattempo sto facendo le colonnine della balaustra in modo che ora che arriverò sul terrazzo dovrei essere quasi a quota ventuno , tante ne servono per tre sezioni
Fatto il calco della mezza colonnina master , poi clonata e incollate le due semi colonne



stuccata e rifinita





anche il cannone ha ricevuto gli ultimi particolari e ora è finito
coppiglie dei mozzi fatte con dei fili di acciaio e lamierino







l altro dettaglio è la catena che fungeva da freno di stazionamento quando veniva fatta passare attraverso i raggi della ruota "incappiando " il cerchione







Anche il cavallo sta ricevendo i suoi finimenti e nella scenetta che prende sempre più forma nella mente ho trovato lo spazio per un terzo ussaro , un ufficiale... vedremo...

Ciao
Gianfranco :-)

 matte :

4/6/2019 00:26
 Era un pò che non venivo a controllare gli sviluppi, bravissimo Gianfranco........ 

 frank1959 :

4/6/2019 11:08
 Ottimo, avanti tutta !
Francesco 

 yago :

4/6/2019 19:51
 Paolo e Francesco grazie!
Francesco vado avanti come posso , purtroppo in questa stagione il tempo libero mi si riduce drasticamente...

Ciao
Gianfranco :-)

 Barbarigo :

5/6/2019 08:50
  I complimenti non bastano più, sei di un livello superiore!

Paolino

 yago :

5/6/2019 19:46
 Ciao Paolino grazie !
...esageri, troppo buono... :-)

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

30/6/2019 13:25
 Ciao a tutti , per cercare di superare questa empass( o si scrive empasse? :-? va be avete capito)termica oggi mi sono dedicato a un lavoretto senza impegno , più che altro una prova ; dato che nel diorama saranno presenti anche degli artiglieri austriaci che non ho e devo costruire , ho provato a fare per ora la testa dell ufficiale austriaco,dalla testa di un soldatino historex fatto il calco del viso e clonato



per l elmo che nel 1800 era pressochè uguale a quello dei carabinieri francesi a parte piccole differerenze clonato da un carabiniere in piombo ( che prima o poi dipingerò)



pulite ed eliminate le zone da sostituire e rifare



per unire le due parti tra loro ho usato lo stesso sintolit per la clonatura, niente di meglio dato che serve proprio per incollare e restaurare marmo..



pulita dallo sbordo del sintolit e primo riempimento delle giunture



a questo punto iniziato a lavorare sul viso



ridotta nella forma in modo da poterla inserire nell elmo





poi col solito sistema dell aggiunta di piccole porzioni di stucco francese modellato con un pennellino umido riempiti gli spazi vuoti





a questo punto variata la forma della visiera , meno a punta rispetto a quella francese e aumentato un po il mento e gli zigomi per dare un po più di volume al viso e variare quell espressione un po piatta e fessa tipica dei soggetti historex



altra differenza tra le due nazionalità e la placca frontale più grande in quella austriaca ; rifatta









Ulteriori rifiniture, con calma nel tempo, mano a mano che il soggetto prebderà forma...

Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

30/6/2019 14:06
 Gran lavoro con la testa Gianfranco!! Lo devo provare sto sintolit. Lo stampino con cosa lo fai che non me lo ricordo più

 dj :

30/6/2019 17:36
 Ciao Gianfranco se questa è stata una prova direi che è stata superata brillantemente!
Bellissimo lavoro pieno di spunti modellistici.
Giuseppe 

 yago :

30/6/2019 19:42
 Ciao Enrico e Giuseppe grazie! :-)
Enrico il sintolit lo trovo un materiale molto versatile e robusto... lo stampo in questo caso l ho fatto con della classica gomma siliconica bicomponente , per particolari più grandi tipo le colonnine, visto il costo non proprio economico della gomma siliconica, lo stampo lo faccio con del comune silicone



ottenuto in questo modo:
in un piattino di plastica metto del borotalco ammonticchiato tipo come quando si fa con la farina nell impasto del ciambellone poi sopra ci metto la quantità di silicone necessaria per il calco ( il rapporto tra borotalco e silicone deve essere circa di 2dosi borotalco 1 di silicone .
Prima di iniziare ad impastare ( usate guantini di lattice se no vi imporcaiate le mani in un a maniera indecente :-D )aggiungete un altro po di borotalco sopra il montarozzo...cominciate a impastare avendo cura di non aprire la noce di silicone se no vi si incolla ai guanti e diventa un problema, ma ricoprite la noce girandola e premendola delicatamente più volte di seguito continuando a "infarinarla" con il borotalco nel piatto ; continuate a impastare senza fretta finchè il silicone non ha perso completamente il potere adesivo grazie all inglobamento del borotalco a questo punto la pasta è pronta e si può usare per il calco.
dopo qualche ora è perfettamente asciutto e si può togliere il master , l unica differenza tra i due materiali ( gomma siliconica e silicone acetico mi raccomando non usate l acrilico non funziona) è che il calco in gomma siliconica rimane più morbido, quello in silicone leggermente più rigido , ma assolutamente gestibile....
Dopo sto pippotto , ciao

Gianfranco :-)

 frank1959 :

1/7/2019 09:30
 Ottimo, sia il lavoro sulla testa che il "pippotto" sugli stampi in silicone. Molto interessante, da provare. Ti seguo sempre con grande attenzione. 
Francesco 

 yago :

1/7/2019 20:26
 Ciao Francesco grazie! :-)
Per quel poco che vale cerco di mettere a disposizione ....

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

11/10/2019 21:20
 Ciao a tutti , piano piano rimetto mano anche a questo lavoro;
rivestimento archi:
Con una fascetta da elettricista fatta la parte più esterna del rivestimento che è piatta



subito a ridosso internamente incollato un filo elettrico



con stucco francese chiuse le fessure





aggiunto un filo elettrico spellato che sarà l anima della modanatura centrale





rivestito con lo stucco a spatola prima e modellato con pennello poi







va ancora rifinito ma potrò farlo solo dopo una prima mano di tinta , adesso non essendo di colore omogeneo non si vedono bene tutte le magagne...

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

21/10/2019 13:42
 Ciao a tutti, fatti gli archi adesso ci sarà da pensare al cornicione....









Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

21/10/2019 13:49
 Ti seguo sempre Gianfranco....bel lavoro!! Mi hai fatto venire in mente quando stavo edificando la stazione del mio (fu) plastico.

 Andrea :

21/10/2019 14:10
 Ma considerando il fatto che è una scena di combattimento, il viso dell'artigliere austriaco non è un pò troppo... neutro? Voglio dire, manca dell'espressione del momento...

 yago :

21/10/2019 14:43
 Ciao Enrico ed Andrea grazie! :-)
Enrico:sono contento che segui i miei "impiastri" a proposito di plastico in questi giorni il mio mi sta portando via un bel po di tempo perchè dopo più di dieci anni la manutenzione ordinaria non basta più ; l armamento li dimostra tutti e forse sarebbe più facile rifare tutto piuttosto che fare manutenzione... ma resisto alla tentazione di quella vocina diabolica che dice "smantella , smantella...e rifai..."di sicuro però dovrò sostituire uno scambio che mi costerà contorsioni da "circo de soleil" :-D
Andrea ; hai perfettamente ragione , infatti ha la classica faccia fessa da figurino Historex, si tratta comunque come detto di una prova ... al momento giusto ( ispirazione :-) ) cercherò di modificarla lavorando un pò sulle sopracciglia , gli zigomi e magari storcergli un po le labbra ( roba impegnativa almeno per me , apposta aspetto l ispirazione :-D )

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

22/10/2019 21:41
 Ciao a tutti , prima di attaccare col lavoro sul cornicione che abbellisce l architrave vanno fatti i capitelli delle lesene
Da un listello navale ridotto alle dimensioni giuste tagliati i pezzi per la parte più alta del capitello



per il quarto di tondo subito sotto , usato uno spiedino





con un lamierino fatta la base per il decoro inferiore





applicato un filo per fare la parte a mezzo tondo sopra la base



prima stuccata di massima , poi una volta fatti tutti i capitelli , solita passata di bianco "spia"per evidenziare le magagne da stuccare con pennello , stucco e sgorbietta...







Ciao
Gianfranco :-)

 matte :

22/10/2019 23:15
 Noto con piacere lo stesso utilizzo dei materiali piu disparati per giungere al (bel) risultato come fai nei trenini, bravo 

 yago :

23/10/2019 19:21
 Grazie Paolo ! :-)

Ciao
Gianfranco :-)

 e_pieranto :

23/10/2019 20:27
 Buonasera Mastro (o, come si dice qui: sor Mae') :-)

ti avrei visto bene, fino agli anni '40-'50 con modani e colletta di grassello di calce e pozzolana finissima a "tirare" le modanature degli elementi decorativi, oggi scomparsi o, al massimo, prefabbricati.

 yago :

23/10/2019 22:23
 Ciao Eros, grazie mille! :-)
...vero oramai all esterno non esistono più facciate così decorate ( i tempi e le mode cambiano, è normale, ma vuoi mettere la bellezza e armonia di tali architetture?) negli interni ormai non ci sono più controsoffitti a camera a canne, e il polistirolo e poliuretano imperversano...per fortuna però ogni tanto ( con grande divertimento e soddisfazione) mi capita di restaurare o ricostruire parti di capitelli e fregi decorativi in gesso ;-)

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

26/10/2019 13:27
 Ciao a tutti , stamattina briciolo di "ispirazione"
Si parlava con Andrea dell espressione un po "paciosa" del figurino





scavate un po le guance evidenziando un po di più gli zigomi , espressione causata dall apertura della bocca



scavata la fossa orbitale verso il setto nasale , cresciuta leggermente l arcata sopracciliare verso le tempie aperta leggermente la bocca con conseguente ricostruzione del labbro inferiore e del mento che va abbassato per via della bocca aperta





Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

2/11/2019 23:24
 Ciao a tutti , preparati usando degli stampi al silicone , i semi arti per il corpo dell ufficiale



dopo una pulita grossolana incollate le rispettive coppie



per incollarli ho usato lo stesso sintolit , i pezzi non sono precisi a metà e si creano dei vuoti , ma poco male vengono riempiti con stucco francese







i pezzi non sono definitivi , infatti andranno tagliati alle giunture , spinati e variati nella postura, poi raccordati e rifiniti con lo stucco...

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

10/11/2019 12:30
 Ciao a tutti , un po avanti con Franz;
dopo aver stuccato e rifinito la gamba destra il primo particolare da modificare sono gli stivali che non avevano il risvolto, quindi carta vetrata e limetta...



stesso lavoro per la sinistra



alla quale ho modificato anche un po l angolo di rotazione dello stinco tagliando la parte bassa dell arto lungo il bordo superiore dello stivale e poi rincollato leggermente rivolto verso l esterno


incollato il busto leggermente girato e inclinato in avanti per cercare di dare una impressione di " movimento"









altra modifica va fatta all abbottonatura della giacca che arrivava fino alla cintola , così riempita con dello stucco la parte mancante su cui poi farò i bottoni con delle gocce di vinavil ( anche se poi tale zona verrà coperta dalla fusciacca visto che si tratta di un ufficiale)





evidenziate un po le pieghe esistenti e fatte di nuove ( dietro il ginocchio e spianate le pence in vita che non c erano sui pantaloni e sostituite con delle pieghe che si creerebbero chinando il busto in avanti...)







Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

16/12/2019 20:43
 Ciao a tutti , avanti con i capitelli passo passo
mensole



stondatura con spiedino rastremato leggermente posteriormente







fascia per la modanatura inferiore





guarnitura della modanatura















bon facciamo asciugare bene il tutto poi si stuccano ...

Ciao
Gianfranco :-)

 enrico63 :

16/12/2019 20:48
 Tanta attenzione al soggetto quanto al contorno!! Un ottimo modo di procedere. E poi mi piace il tuo utilizzare qualsiasi mezzo e materiale per raggiungere l'obbiettivo finale.

 yago :

16/12/2019 22:03
 Ciao Enrico :-)
Si , secondo me la scenetta deve meritare la stessa attenzione che si da al soggetto durante la costruzione in modo che questo risulti integrato , anzi forse direi che se la scenografia è più dettagliata il tutto risulta più naturale , se osserviamo una persona in un contesto è più facile che noteremo ciò che circonda la persona piuttosto che la persona stessa....
L uso di materiale povero lo chiamo " divertimento matrjoska " ; un divertimento nel divertimento :-D

Ciao e grazie
Gianfranco :-)

 yago :

8/1/2020 19:58
 Ciao a tutti , iniziato il cornicione
FOTO POSTATA AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA



prima me lo sono mangiato e adesso lo uso per il modello





primo elemento fascia bassa





secondo elemento fascia bassa





modanatura subito sopra



mensolina







primo elemento dello sguscio concavo





Lo sguscio vero e proprio lo devo fare , penso di costruirlo in gesso :hammer: è sicuramente più lavorabile di eventuali tubi di plastica da tagliare modellare a misura ed è più compatibile con gli altri materiali presenti , tutto sommato si può fare ne ho ricostruiti tanti...

Ciao
Gianfranco :-)

 Andrea :

9/1/2020 11:07
 Hai anche il riferimento per la colorazione originale dell'edificio... il solito rosso mattone! Attento a non sbagliare...

 yago :

9/1/2020 14:29
 Ciao Andrea grazie! :-)
Sto facendo però delle considerazioni, eccole;
osservando la foto seguente
IMMAGINE POSTATA AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA



per ora lasciamo stare ciò che riguarda i capitelli e archi ; osservando attentamente la parte in alto a sinistra tra l arco e la base del cornicione si notano due tonalità di ocra e il rosso ora se si osserva bene nel punto in cui si passa dalla malta grezza al colore rosso più vivo subito sotto il cornicione si nota una sottile striscia di ocra scuro che per come si presenta può essere solo sotto il rosso quindi antecedente...dalle cartoline che posto di seguito ( le posto in ordine cronologico )
IMMAGINI POSTATE AL SOLO SCOPO DI DISCUSSIONE MODELLISTICA






si vede, anche se in bianco e nero, che in quegli anni non era rosso , quindi il rosso è più antico.. perciò credo che i colori abbiano avuto tale sequenza; ocra scuro primitivamente poi rosso scuro e ocra chiaro negli ultimi anni
per gli archi e capitelli troviamo tre colori sulla rovine; ocra scuro , ocra chiaro e bianco il bianco appare come l ultimo colore apposto , sempre secondo me gli abbinamenti furono ; pareti ocra scuro archi ocra chiaro ;pareti rosse archi ocra chiaro ; pareti ocra chiaro archi bianchi :roll: ...mi divertirò a fare un po di ricerca su quadri dell epoca che anche se non riproducono l edificio specifico magari se coevi possono dare un idea sui colori " in voga " :-D in quel periodo

Ciao
Gianfranco :-)

 Andrea :

9/1/2020 15:08
 Io lascerei perdere la prima cartolina, è evidentemente colorata a mano. Ad occhio e croce sembrano esserci due soluzioni:
- due colori: un bel rosso tra arco e trabeazione ed un giallo ocra su tutto il resto.... (che faceva da base, in origine, anche alla parte rossa)
- un solo colore rosso dato su base gialla, poi in larga parte andato perduto e conservato solo nelle parti protette
Guardando anche la foto in cima alla pagina 19 propenderei per la prima soluzione...

 yago :

9/1/2020 18:14
 Ciao Andrea! :-)
Infatti le cartoline lasciano il tempo che trovano , le ho postate solo per evidenziare che in tempi recenti (( relativamente) non erano rosse
Mi trovi daccordo con la tua prima ipotesi ( rosso e ocra), io l avevo messa come seconda ipotetica pitturazione , ; l ocra che si vede in sotto fondo potrebbe , trattandosi di pitture minerali tipo grassello di calce , essere un fondo dato per l imprimitura del rosso successivo , data la notoria tendenza dei colori forti ( rosso, verde blu ) a non coprire bene su fondo bianco ( un eventuale imprimitura a calce bianca sull intonaco grezzo) però di un ocra leggermente più scuro di quello usato poi per il resto dell edificio( con quei colori " difficili" più il fondo è scuro più il colore finale viene compatto)

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

9/1/2020 18:32
 ... comunque Andrea , alla fine,della fiera ; ma chi sene frega di colore era il fondo?
mica devo fare i ruderi :-D
Come detto, daccordo con la tua prima ipotesi : rosso sopra l arco e modanature sparse in ocra ;-)

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

4/2/2020 19:49
 Ciao a tutti , nel frattempo con l ufficiale ausrtiaco ero rimasto al busto e le gambe; clonate le semi braccia



ripulite sommariamente e incollate



dal braccio destro tagliata la mano da modificare nella posa



la postura che vorrei dargli è quella di avere nella mano sinistra il fodero , nella destra la sciabola( diciamo sciabola, in effetti gli ufficiali di artiglieria austriaci avevano più correttamente una spada a lama dritta , ma nel tempo la denominazione sciabola fu estesa dalle spade a lama ricurva anche a quelle dritta)alzata







in realtà questo più che il figurino è il manichino del figurino,infatti adesso c è da raccordare i volumi del corpo , vestirlo nell uniforme ...

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

5/2/2020 22:00
 Ciao a tutti , fatto qualcosina ancora sull ufficiale;
riempiti i vuoti e aggiustate le proporzioni delle spalle



iniziato a guarnire la divisa , il colletto fatto con una striscia di alluminio



aggiunto il codino sopra il colletto fatto con dello stucco







con della carta stagnola accartocciata fatta la parte di camicia merlettata alla Meat Loaf ( chi di voi se lo ricorda ? )



con uno spicchio di alluminio poi aggiunto il lembo della giubba sbottonato rifacendo i bottoni con del vinavil





nell ultima foto la prospettiva lo fa con un capoccione :-o ... ma è solo un impressione :-D per la realizzazione delle pieghe della divisa, più avanti , per adesso vado piano piano a scendere verso il basso nell aggiunta dei particolari....

Ciao
Gianfranco :-)

 yago :

8/2/2020 13:44
 Ciao a tutti , procede la vestizione...
fatti i polsini



per i "battichiappe" tagliato un rettangolo di alluminio a misura



disegnati i risvolti



piegati







incollato





fatto anche il destro









per ora sono molto dritti , per dargli un po di movimento aspetto che la colla sia ben secca ....

Ciao
Gianfranco :-)

© 2004-2018 www.modellismopiu.it
https://www.modellismopiu.it

URL di questa discussione
https://www.modellismopiu.it/modules/newbb_plus/viewtopic.php?topic_id=138837&forum=3