Forum : Velivoli Russia/URSS 2021

Soggetto : Sukhoi SU-35S, GWH 1/48 Un errore evitabile ...

 Cesko :

29/12/2020 09:24
 Sciolta la riserva e visto che il materiale per le altre campagne non ne vuole sapere di arrivare, mi iscrivo alla campagna con un Sukhoi Su-35S Great Wall Hobby... e conscio dell'attentato di lesa Maestà nei confronti del modello di Skyraider invoco subito la protezione dell'Arcangelo Michele  Il quale oltre a proteggere me durante questa costruzione molto impegnativa è anche il patrono delle forze Aerospaziali Russe, oltre che anche di altre forze aeree. (In Italia ad esempio è il Santo Patrono dei paracadutisti della Folgore) E questo è il soggetto che andrò a riprodurre (tentare di riprodurre...)  Foto di Nikolay Enin, tutti i Diritti riservati. Riprodotta a scopo discorsivo. E qui il noto modello     Ammetto da subito di essere decisamente intomorito di fronte ad un modello così grande e così complesso da rendere al meglio. Le parti metalliche specialmente mi mettono in agitazione.  Intanto lo presento e ci medito su ancora un po. Foto Russian MoD. tutti i diritti riservati. Riprodotta solo a scopo discorsivo. Inserisco un altro Simbolo della MadrePatria Foto inserita a scopo salvifico e protrettico del modellista... LINK: www.modellismopiu.net/m+gallerie/main.php  

 ThunderboltII :

29/12/2020 11:34
  BENVENUTO tovarish Ceskorosky Un modello meraviglioso di cui "come giustamente hai già accennato abbiamo avuto un esempio di realizzazione da (estiquatzi). 
La Madre Patria e l'Arcangelo Michele impongono le loro mani sulla tua testa, benedicendo la tua impresa. "Che detto tra noi una benedizioncina non farebbe male visto il confronto con Vincenzinov Skyraiderenko "
come dicevano l' antichi Siberiani della Steppa nel loro tipico dialetto: (Mò sò Kazzoski tui tovarish).  Va da se che il Comitato Dirigente la Campagna non accetterà un eventuale rifiuto o ritiro in corso d'opera

L' onore della patria va preservato a prescindere!!!!... Micapisti! " Sempre in dialetto siberiano stretto 


Giusto per non lasciare nulla al caso, se mai ci fossero problemi di qualsivoglia natura e Tu Tovarish Ceskorosky tradissi le aspettative del Popolo e la sua degna dirigenza........

Questa ti condannerebbe alla crocifissione in Sala Mensa del Cremlino ed alla successiva esposizione pubblica sulla Piazza Rossa. Per terminare poi con la deportazione a congelostok siberia Centrale A VITA!!









 Cesko :

29/12/2020 12:29
 Mi sono messo in un mare di guai come mio solito... 😬
Compagni Modellisti, se qualcuno di voi avesse disponibiltá di foto ravvicinate delle aree metalliche dei piani di coda e delle gondole dei motori mi farebbe una vera grazia. Ho molte foto del Su-35 ma nessuna ravvicinata delle parti metalliche.

 ThunderboltII :

29/12/2020 12:59
  Ciao FranCesko posso provare a guardare se la monografia di Yefim Gordon e Komissarov,hanno foto esaustive di quelle parti del 35. Nel caso le scansiono e te le invio.  
 Intendi immagini come queste che ti posto a solo scopo di discussione modellistica 




















Prova a guardare anche 
RUSSIAN NEWS AGENCY
ci sono alcune belle immagini, forse possono aiutare.

Dasvidania tovarish


....ricordati che in Siberia a gennaio "cifaunkazzodifreddo" 


 Cesko :

29/12/2020 13:39
 Grazie Sergio, sia per le immagini che per il link decisamente utili. Le immagini sono molto simili a quelle che ho, ma comunque più ne ho e meglio è. Certo se trovassi una foto fatta a qualche metro dalle aree metalliche... come quelle degli ugelli per capirci. Quelle sono perfette e ne ho tante anche più ravvicinate. Ma dei piani di coda. Niet!
E ... sto guardando e riguardando 'sto modello e niente, mi intimorisce. Sará che è tanto grande.

 fabrix67 :

29/12/2020 14:15
 Bah, che dire, se non che mi aspetto un altro gran bel Su-35!
A questo punto il mio lo tengo ben nascosto, per evitare figuracce.

A proposito di piani di coda... li ho rifatti per ben 3 volte lavandoli ad ogni giro con la tappo giallo. D'altra parte usando le lacche alla nitro, lo sgrassatore non basta.
Non sono ancora soddisfatto ma in assenza di foto sufficientemente chiare di questo dettaglio non ho altro modo per verificare la fedeltà al vero.
C'è da dire che tra le poche foto in pianta del velivolo, non si vedono 2 aerei uguali tra loro; credo dipenda molto da come la luce colpisce queste superfici metalliche e dal grado di usura delle stesse. Il che lascerebbe una buona dose di libertà di azione a noi modellisti.

Inutile aggiungere che ti seguo da vicino ;)

fabri

 ThunderboltII :

29/12/2020 14:40
  
.....mi intimorisce. Sará che è tanto grande.  

Questo è grande 


 
Un Patriota Russo non ha timori dinnanzi alla mole del nemico. 

Ricordati che Non sono le dimensioni che contano ..... (chissà perchè se lo dici a una donna ride fino al giorno dopo  


 

 Cesko :

29/12/2020 15:40
 Si, in effetti il B1 in scala 48 é molto grande... 😅
Per il colore delle aree metalliche sui piani di coda, mi sono fatto un'idea. Che ovviamente sará sbagliata. Ho trovato due foto di esemplari nuovi di fabbrica che mostrano una superfice metallica apparentemente priva di aree colorate. E allora può essere che le aree assumano i toni colorati solo quando vengono esposte alla luce con certe angolazioni? Se si, ma solo se, si potrebbe ottenere l'effetto usando l'Alclad Holomatic Spectral Chrome... sopra ad una base alluminio.
Discorso diverso per le gondole motore, che invece appaiono di tutti i colori dell'arcobaleno giá da fabbrica. In molte foto prese a Komsomolsk-na-Amure si notano gli aerei in costruzione tutti gialli (primer) con le gondole in metallo naturale. Ma purtroppo non ho foto dei piani di coda in costruzione. E poi, perché lasciarli cosí? Nei Su-30 e 33 le aree metalliche solo limitate alle sole aree punte delle superfici inferiori dei piani di coda. Stesso discorso per i Su-34 con un'area un po più grande ma sempre solo sotto. Poi ci sono i Su-35 con l'area estesa a tutto il bordo d'attacco e fino a metà piani sia sopra che sotto.

 Cesko :

29/12/2020 15:43
 Fabri, ma come li hai rifatti tre volte? A me sembravano belli come li avevi fatti a parte una apparente ruvidezza forse accentuata dalle foto.

 giangyskan :

29/12/2020 16:07
 Hai scelto un’ altro soggetto facile facile... ( dopo il Viper greco...) da realizzare. Indubbiamente le parti metalliche sono il fiore all’occhiello di questo splendido aereo... cosa non semplice da realizzare.... ti seguo

 lillino :

29/12/2020 16:41
 Ciao Francesco splendido soggetto ma sopratutto kit spettacolare 

Come ti ha già ampiamente informato il compagno segretario Sergey (sulle eventuali conseguenze) non è assolutamente ammesso il fallimento o il ritiro dalla missione da te dichiarata.



Sono sicuro che farai un' ottimo lavoro ciao e buona campagna 



 Cesko :

30/12/2020 07:06
 Sono sempre meno convinto... più lo guardo e meno mi convince. Preparo le valige per Congelostok, se sono ammesse. 😰😝

 matteo44 :

3/1/2021 17:29
 Ciao Francesco, questo è un kit che mi incuriosisce moltissimo (ammetto che l'ho già nel carrello pronto  per l'acquisto)...
Ti dico solo che ho già matita e block notes pronti sulla scrivania...

Buon lavoro

 Cesko :

3/1/2021 17:59
 Ciao Matteo ti ringrazio per la fiducia, ma se vuoi prendere buoni appunti vai nella sezione aerei a vedere quello che ha fatto Skyraider. Io posso solo dirti che il modello GWH alias Lion Roar, è splendido. La cura delle forme del Su-35 è magistrale. Se lo confronti con l'aereo vero troverai qausi pari-pari ogni pannello e rivetto. Ma è la forma generale ad essere impeccabile.
Per quanto mi riguarda sono vicino a non iniziarlo nemmeno. Come disse Stoner a Rossi (forse a torto, non lo so) la mia ambizione è più grande delle mie capacità. Sto studiando per bene il Su-35 e mi rendo conto che è un soggetto che nasconde difficoltà in ogni comparto della colorazione a partire dalle aree metalliche.
Congelostok, arrivo ! :-D

 Cesko :

4/1/2021 08:17
 E comunque al di la del costuire o no questo modello, condivido con voi quello che ho trovato in rete. Non so se esistono libri specifici sul Su-35 (tipo quelli della Daco su F-16, F-15...) per intenderci e quindi sono andato di Internet. Il mio scopo principale consisteeva nel riuscire a capire quali fossero i toni metallici dei piani di coda e delle gondole motore. E credo di averlii individuati in linea di massima.
Ora, la questione è che si vedono foto di Su-35 in volo con le parti metalliche che sembrano avere tuti i colori del mondo, variando dall'oro all'azzurro al blue, rosso violetto e arancio - verde. Bene. Mi sono convinto che quei colori sono solo effetti del riflesso della luce a vari angoli d'attacco delle superfici. 
In questa foto si notano i vari riflessi. i Pian di coda appaiono dorati azzurrati etc... Foto tratta da Internet ed inserita a scopo discorsivo


Un altra foto in volo. stesso caleidoscopio. Foto inserita a scopo discorsivo


Questa è molto interessante e viene da uno studio fatto sul sito arc modeller. Anche qui l'apoteosi cromatica. Foto tratta dda Internet inserita a scopo discorsivo.



Ma... ecco che le superfci non sono esse stesse dei colori che vediamo. Sembra che i colori siano, invece, solo i riflessi delle luci sul soffitto della sala all'interno della quale è esposto l'aereo. E così che si generano gli aloni dorati e per decadenza i vari blu, vioa etc.



E quindi se non ci fosse la luce solare di che colore sarebbero queste aree?  Probabilmente così: In questa foto i piani di coda purtroppo molto di scorcio, non sono investiti direttamente dalla luce solare (che non c'è a causa del cielo coperto) ma solo da luce diffusa e a parte le linee di saldatura e di chiodatura le superfici appaiono color titanio. Discorso diverso invece per gli ugelli che hanno realmente toni bluastri dovuti a cottura da calore

Foto inserita a scopo discorsivo


Questa foto che ho trovato solo oggi è straordinaria. e mostra le gondole del motore in luce diffusa. si nota come i rifelssi siano molto attenuati. Questo dovrebbe essere il loro colore "naturale" che molto più uniforme rispetto a quanto appare nelle foto in volo.
Foto tratta da Internet inserita a scopo discorsivo





E con ciò rimane il problema. Come rendere modellisticamente quelle aree? simulo i riflessi iridati come se l'aereo fosse esposto in pieno Sole, oppure realizzo il modello come se fosse in luce diffusa? Boh... 
Oppure lo si realizza come nell'ultima foto e poi si passa una mano di holomatic chrome alclad che da l'effetto iridato quando colpito dalla luce?








 

 fabrix67 :

4/1/2021 08:34
 Eh, bel dilemma questo.
La cosa che personalmente ho notato nelle varie foto è che c'è molta meno regolarità e geometria di quella che generalmente si tende a riprodurre in queste aree. Gli effetti di cottura delle gondole e il caleidoscopio dei piani di coda sono irregolari, e fin qui ci siamo, ma lo sono anche le sporcature e le linee di rivetti, che invece sul mio Su-35 in 72 avevo appunto reso troppo regolari e innaturali.
Però anche farli a pennello, con bordi frastagliati, non mi avave dato i risultati sperati, da qui il rifacimento per la terza volta.
Posterò le foto, appena mi ricordo di farle, ma credo che alla fine opterò per dare una passata velata di qualcosa di molto trasparente (tipo lo smoke tamiya) per attenuare ulteriormente i contrasti ed ottenere un effetto più simile alle condizioni di luce diffusa che di pieno sole.
Però son gusti personali ed entrambe le situazioni rispondono al vero, a giudicare dalle foto. Se i riflessi in pieno sole ci sono, e piacciono, è giusto riprodurli, anche se l'effetto ottenuto non è dato dalla luce che colpisce le superfici ma da una simulazione fatta ad aerografo.

In ogni caso sto modello devi farlo, è spettacolare

fabri

 Cesko :

4/1/2021 08:56
 Giuste osservazioni Fabri. Qui è tutto irregolare e frastagliato e sovrapposto. Sembrano gli scarichi delle moto da corsa nei quali ai toni dovuti alle lavorazioni si aggiungon quelli dovuti all'uso.
Per cui vale certamente il principio che vuole che ognuno interpreti a modo suo. Sia chiaro che io non discuto sulle scelte personali. Il mio scopo era di individuare quelli che sono i colori di base. Quelli dovrebbero essere uguali per tutti. Poi che uno li voglia virare ad oro o a blu o ad arcobaleno ognuno fa per gusto e capacità.
Diciamo che già ottenere la condizione base va al di la delle mie attuali capacitá, figuriamoci fare effetti cromatici come quelli che avete fatto tu e Skyraider... 🤣... 😭

 fabrix67 :

4/1/2021 09:04
 Francesco, ti ringrazio per avermi associato a Skyrider, ma, ahimè, sono anni luce dai suoi risultati.
Detto questo, ti ritengo pienamente all'altezza del compito, quindi fossi in te procederei senza troppi indugi

fabri

 Cesko :

4/1/2021 11:32
 Grazie per la fiducia Fabrizio. Un altra scemenza che ho fatto è che ho voluto troppo. Un F-16 Greco e un Su-35 assieme non li posso fare. E neanche uno dopo l'altro perchè ci mette cinque sei mesi per ognuno. E quindi non so quale scartare. Mi piacciono tanto tutti e due...
Ma andiamo avanti con il discorso. Altre tre belle foto. Questa è molto bella e mostra, come sottolineato da Fabrizio, che anche le "targhette" sui petali degli ugelli orientabili non sono squadrate ma come "spennellate" o grattate.   

Foto presa da ARC Forum e inserita a scopo discorsivo




Qui una bella veduta della pancia in luce diffusa.  
Foto presa da ARC Forum e inserita a scopo discorsivo


Una vista del dorso. Qui l'aereo è preso durante una manovra e la luce solare arriva dal fianco sinistro lasciando in "ombra" l'aereo. I riflessi ci sono tutti ma appaiono meno colorati.




Altra foto molto interessante. Qui si nota come il metallo dei piani di coda sia lucidissimo. Uno specchio quasi. Mentre le linee di saldatura sono opache. Questo probabilmente genera l'effetto a griglia composto da linee scure (ma sembrano molto più scure perchè opache) contro pannelli lucidi e colorati.

Foto tratta da Internet e inserita a scopo discorsivo.

 matteo44 :

4/1/2021 20:38
 Quote:
Cesko ha scritto: Ciao Matteo ti ringrazio per la fiducia, ma se vuoi prendere buoni appunti vai nella sezione aerei a vedere quello che ha fatto Skyraider...


Visto visto... Diciamo che è stato proprio il modello di Skyridere a farmi decidere di mettere nel carrello il kit...

Ti faccio i complimenti per l'accuratissima documentazione e ricerca che hai fatto per il discorso delle parti metalliche. A mio parere, credo che un colore "vero e proprio" non c'è perchè basta anche solo guardare le zone nello stesso momento, ma da due angolazioni diverse, che cambia tutto.
Quindi io andrei a "sentimento" e gusto personale spaziando dal dorato al viola-blu...

 lillino :

4/1/2021 21:06
 Condivido quanto detto da matteo44 non esiste una colorazione giusta dipende dalla luce, dall'angolazione da cui lo guardi e secondo me non ci sono 2 aerei uguali.
Buttati e basta.

 Cesko :

4/1/2021 21:37
 Iniziato. A presto con un po di foto. Speremo ben.

 ThunderboltII :

5/1/2021 02:16
  Ciao Francesco. Prima cosa.... Belin era ora che ti buttassi (a modellare intendo ) Non stare a guardare i lavori degli altri come se fossereo muri insormaontabili. Il SUI-35 di Vincenzo, certo toglie il fiato ed indubbiamente mette soggezione, ma lo spirito del forum è quello di confrontarsi "non agonisticamente" ma produttivamente.  Prendilo come spunto per fare quello che potrai come saprai. nulla di più. 

Seconda cosa Cesko, ti avevo detto "alla presentazione del modello" che avrei consultato il testo sui SUKHOI di Gordon & Kommisarov. L'ho fatto. In ritardo (chiedo venia) ma l'ho finito adesso di risogliare quelle 700 pagine.

Allora, per quanto riguarda i motori, che si tratti di SU-27/30/33/34 o 35,  (fanno tutti parte della stessa famigliaa dirla proprio brutta sono praticamente uguali) e tutti presentano le stesse variazioni di colore, ma ovvio non sono "standard"  ogni motore ha le sue. Addirittura già in catena di montaggio si vedono velature di colore sia sui petali che dietro ad essi. In oltre come ormai già citato da altri intervenuti, le variazioni cromatiche e la loro intensità è frutto della rifrazione della luce che li colpisce. (Le foto del libro ad esempio non mostrano mai la luminosità che si nota nelle immagini in rete. 
Per i piani di coda ti dò le stesse indicazioni.  Le foto dei velivoli in volo con le parti in questione sono poche e di dimensioni non grandi, le aree si vedono bene, ma il colore è quasi totalmente Bronzo dorato con alcune zone "rettangoli" più scure, bluastre per lo più". Anche in questo caso i tonoi sono piuttosto opachi e poco accesi. Considerando che sono riprese dal terra. Per cui dal basso non godono di luce diretta.  Su internet si trovano immagini per lo più scattate in volo da altri velivoli, quindi in quota e con luce solare diretta, questo indubbiamente fornisce immagini molto diverse. 
Per ora non riesco a postare le immagini del libro, perchè sono a casa e quì non tengo lo scanner.  ho provato col cellulare, ma vengono foto di m... 
Per chiudere Francesco, quello che posso dirti "consigliarti" se posso.  Guarda foto video e modelli di altri che prima di te ci si sono cimentati.  Poi decidi come vuoi rappresentare quelle parti e muoviti di conseguenza. 
Hai la fortuna di non dover seguire "una ricetta precisa". Pui usare la tua immaginazione e creare le tue personali tonalità. 


Stupiscici 


 

 Cesko :

5/1/2021 05:52
 Ciao Sergio e grazie per il supporto e per l'intervento. Mi scuso se ho dato l'impressione di voler entrare in competizione con il modello di Skyraider. Non è mia intenzione farlo. Io continuo a fare riferimento a quel modello solo perchè è bellissimo e mi piacerebbe riuscire a farne uno cosí bello. Se c'è competizione quella è con me stesso. Io tenderei ad essere uno che inizia bene e finisce male o neanche finisce. E quindi quel modello mi serve come riferimento, come punto di arrivo per superare i miei limiti. La competizione è tutta con me stesso, con la mia pigrizia e incapacitá nel mantenere l'attenzione durante tutta la costruzione.
Fra l'altro io non volevo fare un Su-35 inizialmente. Volevo fare un Su-34 Kitty Hawk. Ma il pacco con il modello è andato perso nei magazzini SDA mandando me e chi lo ha spedito fuori di testa nel tentativo di capire come recuperarlo. Impresa ardua e infruttuosa. Lo stesso è accaduto con l'F-16 per la campagna Egeo. Volevo iniziare l'anno con quello, ma le decals spedite dalla California si sono perdute 20 gg fa appena arrivate alla Malpensa... stupido io che ho ordinato materiale in pieno periodo natalizio con il covid che infuria in mezzo mondo.
In ogni caso le chiacchere sono finite. Il modello è sul tavolo e sto lavorando sull'abitacolo 😜 .

 Skyraider :

6/1/2021 16:28
 In questi giorni ho letto più di una volta le tue considerazioni e sinceramente mi piace tantissimo l'approccio al "problema" :-) Anche io mi ci sono arrovellato tanto tempo in ragionamenti e tentativi di standardizzare un modus operandi per ottenere un risultato apprezzabile con mesi, nel vero senso della parola, di prove e sopratutto fallimenti ma ad un certo punto ho fatto i conti con il tempo, con le mie capacità e sopratutto con il fatto che questo è un gioco, un hobby, un forma di divagazioni mentale e , come ha detto Sergio, non è nessuna forma di competizione/esibizione ma solo voglia di divertirmi quindi ho, a cuor leggero, ho fatto quello che hai visto. Il fatto che vengano fatti dei paragoni o riferimenti con il mio modello mi fa molto piacere ma non per egocentrismo ma solo perche, indirettamente, ho forse contribuito a dare degli spunti per mettere in evidenza quella zona assolutamente peculiare del velivolo in fondo, una camo a tre toni è abbastanza semplice, quello che caratterizza questo aereo è il "metallo cotto". Sono contento che alla fine hai deciso di porte avanti il modello, come sono contento che anche Fabrizio lo abbia fatto cosi, oltre a divertirvi sicuramente altri potranno prendere spunto da voi per fare un lavoro ancora migliore :-)

 Cesko :

6/1/2021 18:44
 Grazie Vincenzo di essere intervenuto, hai preso in pieno lo spirito con il quale faccio riferimento al tuo modello. Diciamo che per me è come se in una compagnia di amici si sta facendo un gioco. Che ne so, i salti con la bici in un campo. Ad un certo punto uno fa un salto acrobatico... porca miseria, tutti muti esterrefatti e giù di bravo e pacche e cosí via. Ma poi ... e vuoi vedere che io non ci riesco, e via si prova a fare il salto acrobatico. Poi qualcuno ci lascia un dente, ma fa parte del gioco. Vediamo se ne lascio due di denti su questo Su-35 . Adesso sto costruendo l'abitacolo e quindi fra qualche giorno potrò farvelo vedere. :-D :-D

 matteo44 :

9/1/2021 16:38
 Quote:
Cesko ha scritto: Iniziato. A presto con un po di foto. Speremo ben.


Oooohhhh là! Son contento de questa tua decision!

 Cesko :

9/1/2021 17:08
 :-D

 Cesko :

11/1/2021 09:06
 E quindi sono partito ecco il risultato attuale.
Abitacolo fotografato in condizioni di luce pessima...














 

 

 

Per il colore ho utilizzato e porvato per la prima volta gli acrilici a base acqua Akan Paint. Sono prodotti da DuPont in Belgio (credo) ma progettati in Ukraina sulla base di campioni orginali di colore a detta del produttore. In ogni caso a me il colore sembra molto vicino a quello che ho visto nelle poche foto dell'abitacolo che sono riuscito a trovare. Il colore è diluito con Tamiya laquer e si è rivelato un prodotto molto buono. Simile ai Gunze e Tamiya. Credo che si posso lavorare anche l'alcol bianco senza problemi.


Questo è il piano che chiude la fusoliera alle spalle dell'abitacolo.










Il sedile da scatola non è male. Ma si può migliorare. Vedremo cosa mi riesce di fare, tanto lo inserirò alla fine.





Oggi se riesco chiudo le fusoliere e mi preparo per le pati metalliche. In pratica sono già al dunque...

 

 fabrix67 :

11/1/2021 09:38
 Direi che sei partito già alla grandissima, altro che timore reverenziale verso questo kit!
La scala aiuta, rispetto alla 72, ma quest'abitacolo è strepitoso, complimenti.
Sono certo che ne verrà fuori qualcosa di molto bello, anche dalle parti metalliche

fabri

 Cesko :

11/1/2021 10:14
 :-D Grazie Fabrizio. Diciamo che ci do, che ci do finchè il ferro è caldo 8-)

 euro :

11/1/2021 15:03
 nonostante la pessima luce, ma lo hai detto tu , la finitura di questo colore mi sembra ottima, il cockpit è bellissimo!

 Cesko :

11/1/2021 17:55
 Si Vincenzo i colori Akan hanno un'ottima finitura e tieni presente che sono a base acqua. Non hanno alcun odore. Li fanno anche a base nitro comunque e li ci vuole il respiratore per resistere e per non farsi del male. Quanto a fedeltá ... mi sono informato girando sul web e confrontando foto (per quello che vale) e mi sono convinto che al momento siano i migliori per gli aerei russi. Anche Hataka ed MRP sono ottimi, ma questi mi sembrano più "centrati" rispetto al reale. Comunque il colore dell'abitacolo è stato schiarito un po con una miscela di trasparente satinato + grigio perchè mi sembrava troppo scuro e l'ufficio del Su-35 non è così arioso come immaginavo. Pensavo fosse tipo F-16 e invece è piccolo e chiuso. Non si vede molto li dentro. La parte del protagonista la fa il sedile che sporge abbastanza dalla fusoliera.

 Cesko :

13/1/2021 07:34
 Sui colori Akan ho detto una scemenza colossale. Ho detto che sono prodotti da DuPont ... 😰 ... in Belgio ... 😵 ...
Non è vero. Sono prodotti da qualcuno in Finlandia per Akan che è Ucraina. Scusate per l'informazione sbagliata, ma avevo in mente qualcosa altro.

 yago :

13/1/2021 12:48
 Ciao Francesco :-) !
Stendiamo un velo pietoso sulle tue vicissitudini postali... ho seguito fin qui in silenzio perchè come sai di jet posso solo seguire e imparare nozioni , però sulla fattura del cockpit posso intervenire e dire che è uno spettacolo!
.. il preludio di ciò che sarà il modello finale ;-)

Ciao
Gianfranco :-)

 maurozn :

17/1/2021 19:02
 Anch'io come l' amico Gianfranco mi limito ad ammirare il lavoro svolto e qui c'è da rifarsi gli occhi ! Grande Cesko !

 Pierpaolo :

17/1/2021 19:16
 Davvero bello il cockpit :-o

 Jar-Jar :

17/1/2021 19:38
 Al di là della luce e della percezione del reale colore che hai usato, la cura di quello che hai realizzato è notevole!

 Cesko :

17/1/2021 19:39
 Grazie dei commenti. Al momento sto lavorando sugli scarichi e sui piani di coda. Ma è un lavoro lungo anche solo colorare le parti interne degli ugelli. E quindi vi farò vedere qualcosa fra una decina di giorni quando dovrei avere almeno un po di sub assemblaggi completi e colorati.

 matteo44 :

22/1/2021 10:59
 Porco can che spettacolo!!!
Bellissimo quel cockpit!! Molto interessante anche questo tipo di colore... ne avevo sentito parlare della Akan... guardando il tuo abitacolo, il colore pare veramente perfetto... Bello

 Cesko :

22/1/2021 19:18
 Grazie Matteo. Si il colore è quello, Akan fornisce le tinte più simili agli originali per quanto riguarda gli aerei Russi. Dopotutto giocano in casa.
Intanto io sto già nei guai con i metallici. Non tanto per le sfumature iridate (che non ho neanche iniziato 😙) ma già con le base. Questo a causa del fatto che la plastica è ruvida... e anche se ho cercato di carteggiare per ridurla sotto ai colori metallici si vede 😢 Ho provato anche con i primer specifici AK e Alclad e niente. Sono giá alla seconda sverniciatura e adesso ho provato a dare una semplice base di colore Gunze semilucido che provvederò a lucidare. Vediamo come va.

 Cesko :

23/1/2021 11:44
 Vi dicevo dei problemi incontrati con le aree metalliche dei piani di coda e con i vari colori. Riepilogo. L'intento era di usare base metallica specifica Ak colore nero e alluminio Alclad. Risultato, obbrobrio. Schifezza ruvida e inguardabile. E così ho sverniciato tutto provando una nuova via che vi faccio vedere.
E finalmente ecco che mostro qualcosa.  Qui abbiamo i piani al naturale. Ho ripreso le chiodature perchè erano molto belle ma decisamente leggere e qui ci saranno un po di strati di colore.  Si nota chiaramente quanto la plastica è ruvida.



A questa foto sono seguiti i fallimentari tentativi con gli Alclad  Qui abbiamo i piani di coda sverniciati lucidati con panni Alclad con grana progressiva 3000, 4000, 6000, 8000, 20000... Poi ho applicato una base di colore Gunze H.307. Perche H.307 ... perchè avevo quel grigio. Quindi ho lucidato anche la base e questo è il risultato migliore che sono riuscito ad ottenere
La ruvidità è un po diminuita ma non sparita.



Un paragone fra un piano di coda di F-16 Hasegawa al naturale e il piano di coda del Su-35 Colorata e lucidata. Vince Hasegawa.



Ed ecco il risultato finale. Ho dato almeno cinque strati mooolto leggeri di alluminio bianco AK Xtreme Metal. Lo Xtreme Metal è meno prestante rispetto all'Alclad, ma anche più facile da usare e più "grezzo" il che aiuta in questo caso al punto che la finitura sui due piani di coda è quasi identica anche se la base Hasegawa è decisamente migliore rispetto a quella GWH. Se avessi usato l'Alclad col pip che avrei ottenuto lo stesso risultato. Avrei avuto il piano dell'F-16 perfetto e quello del Su-35 ruvidissimo.  Con ciò voglio dire che gli Alclad sono si straordinari, ma molto difficili e sensibilissimi alla finitura della base. 




I due piani assieme. Ammetto di essere soddisfatto del risultato. Le foto sono molto scure per far risaltare al meglio la finitura. Se le facevo in piena luce non si sarebbe apprezzata la finitura. SOno anche contento perchè la chiodatura ripassata si vede bene.



Poi ho cambiato pezzi per sviarmi un po. Questi sono gli anelli orbitanti che permettono la rotazione degli ugelli. Hanno una corona di bulloni incassati in fori molto evidenti tutt'attorno. GWH li ha realizzati con mano leggera e quindi con una punta da 0,4 mm li ho ripresi. A sinistra il pezzo da scatola e a destra i fori allargati.


Ho provato a segnarli in nero per vedere l'effeto che fa. Anche qui sono soddisfatto.





In questa foto tratta da ARC Forum e inserita a scopo discorsivo si nota bene che i fori originali erano troppo piccoli. Anzi forse dovrei allargarli un altro po.  
Bene. Il meno è fatto. E adesso come faccio ad ottenere tutte le variazioni di tono tipiche dei piani di coda del Su-35S? Boh... ci penso sopra e vediamo cosa riesco a fare. Ciao a tutti intanto.


 

 Cesko :

2/2/2021 08:25
 Procedo cautamente nella lavorazione preparando le basi in metallo delle gondole dei motori e del cannone.

Subito un problema. Gli stampi di tipo "scorrevole" usati per fare questi pezzi incredibili hanno come controindicazione che lasciano qualche bavetta. Qui si nota una linea in rilievo lungo tutta la gondola. La linea è presente sia a destra che a sinistra. Il che mi fa pensare che lo stampo sia composto da tre parti. Il pezzo ottenuto è incredibile, ma quella parte va in metallo e quindi bisogna eliminare le linee di stampaggio.


La linea di stampaggio evidenziata fra le frecce nere


La gondola destra già carteggiata e lucidata, la sinistra ancora da fare.

Ancora parti da preparare. La rivettatura delle piastre del cannone è bella precisa, ma appena evidente. La ho ripassata con una punta da compasso.



Qui si nota bene la differenza fra i rivetti ripassati (a sinistra) e quelli da fare (a destra).



Anche l'incisione del bordo delle piastre ha avuto bisogno di un incoraggiamento. E quindi è stata reincisa.


A questo ha fatto seguito la lucidatura con carte da 800, 1000, 1200, 2000, 2500, 3000, 4000, 6000, 8000, 20000 poi seguirebbero le paste lucidanti ma ciao e arrivederci. Mi sono fermato qui. Anche perchè comunque non riesco ad eliminare del tutto la leggera ruvidità della plastica. Ho anche provato a dare un primer ma niente rimane comunque un po di ruvidità e quindi l'ho tolto. In ogni caso queste parti metalliche non sono tirate a specchio, per fortuna.



A quel punto ho dato come base un bel nero Gunze.



Che ho lucidato un po



Solo colore e niente carteggiatura per le gondole sul dorso della fusoliera a causa della presenza di rivetti (bellissimi) in rilievo. Non volevo eliminarli. Ho lucidato solo il colore.

Poi ho dato la base metallica con Alluminio bianco Ak Xtreme Metal. E trovo il tempo oggi continuo a dare il metallo anche nelle altre parti già preparate.



Ciao intanto

 

 Cesko :

2/2/2021 10:11
 Ed ecco i pezzi colorati con Alluminio Bianco AK Xtreme Metal
Gondola motore sinistra



Entrambe le gondole. Rispetto alla parte superiore della gondola qui si nota che il metallo è più liscio. Questo è dovuto al fatto che le gondole inferiori sono state lucidate per eliminare le tracce e i graffi provocati dall'eliminazione delle linee di stampa.


e infine la zona di fronte al cannone. Adesso la rivettatura è ben definita. Forse anche troppo, ma il contrasto è evidenziato dalla foto volutamente scura. 


Per ora è tutto. Posso dire che il meno è fatto, la base metallica è pronta  Adesso devo sul serio pensare a come fare per realizzare i cromatismi del metallo... 




 

 euro :

2/2/2021 10:20
 le parti "metalliche" sono strepitose!! Che lavorone stai facendo!!!!

 Nicobarkero :

2/2/2021 11:41
  Wow, ho visto ora di questo progetto... complimenti per le finiture e i dettagli del Cockpit! 

 

 Cesko :

2/2/2021 12:04
 Grazie Vincenzo, e grazie Nico. Ho messo molto attenzione per preparare le basi metalliche. Ma fin qui era la parte facile, il difficile viene adesso con gli arcobaleni. Devo capire e/o decidere che colori usare, dove metterli, come metterli, e chi va prima chi va dopo e così via... boh? 8-)

 fabrix67 :

2/2/2021 14:25
 Fin qui gran bel lavoro... e chi ben comincia...
Come dici tu stesso, questa era la parte facile, ma ti stai muovendo bene e soprattutto con un'attenta pianificazione dei vari passaggi. Ammiro chi, come te, riesce in questo intento, poichè io procedo quasi sempre di istinto e i risultati, com'è giusto che sia, talvolta non sono quelli sperati.
Non vedo l'ora di vedere il seguito di cotanto lavoro.
Il mio Su-35 giace invece nella sua scatola, ben protetto, in attesa di nuove ispirazioni, non sia mai che lo rovino dopo tutta la fatica che mi è costata.
Nel frattempo ho anche ricevuto un pò di materiale dalla Russia, roba che ormai davo per dispersa. Seggiolino, personale di terra, piloti e ruote, tutto in resina di eccellenta fattura. Le ruote manco mi ricordavo di averle prese, tant'è che avevo già incollato quelle del kit...

fabri

 Cesko :

2/2/2021 15:30
 Io pianifico? 😁 Magari ... la realtà è che sto lavorando tenendo il freno. Fosse per me incollerei a tutta forza di tutto. Mi diverto come un matto a staccare pezzi e incollare, molto meno a colorare. Ma con questo modello è meglio andare con ordine. Io volevo incollare tutti i pezzi e poi colorare, ma poi come mi muovevo fra le derive o fra le gondole dei motori vista la quantitá di accessi tondi e ovali e rettangolari che c'è da mascherare. E quindi mi tengo a freno.

 lillino :

2/2/2021 21:06
 Fino ad ora stai facendo un'ottimo lavoro continua così e ricordati che il Politburo anche se in silenzio ti guarda sempre 

 corale :

7/2/2021 19:27
 Qui si va a lezione di Modellismo :-o

 yago :

7/2/2021 20:34
 Ciao Francesco :-) in silenzio ma ci sono ... stai facendo un lavoro da carrozziere Lamborghini 8-)

Ciao
Gianfranco :-)

 Cesko :

7/2/2021 21:00
 Grazie per i commenti. Spero di mantenere le buone premesse. Fin qua sono contento del lavoro. Adesso sto affrontando le zone "colorate" delle parti metalliche e ... e son dolori, è tanto difficile per me fare qualcosa di buono. Vi farò vedere il risultato appena pronto, ma ci vorrá un bel po.
Grazie a tutti i seguitori 😘💫

 Cesko :

8/2/2021 07:53
 tra i tanti lavori microlavori questo è il più visibile. La calotta ha una bella linea di stampaggio sul centro e andava eliminata. E così ho provveduto.
Prima ho eliminato la linea con una lama affilata e poi via di carteggiatura dalla 1000 in su fino alle paste lucidanti e...



non avendo la future ho provato con il Gauzy Agent Ak. Ed ha funzionato alla grande. Ho immerso tutto il pezzo e poi l'ho lasciato scolare su un tovagliolo di carta. Questa operazione mi preoccupava perchè con la calotta dell'F-16I Kinetic ho carteggiato e lucidato tantissimo senza arrivare ad un buon risultato. Qui invece in mezz'ora il pezzo era splendente. 

 

 Skyraider :

8/2/2021 21:06
 Stai facendo davvero un gran lavoro! :-)

 bar-ma :

9/2/2021 08:08
 Ottimo lavoro sul vetro.
Quello della riga nel mezzo è uno dei miei incubi peggiori, fortuna non mi è ancora capitato, ma con le descrizioni come la tua, se capiterà non brancolerò nel buio.
Buon proseguimento, WIP da tenere in evidenza per tutti gli spunti interessanti.
'Sti sukhoi stanno facendo scuola, uno più bello dell'altro!

Maurizio

 Cesko :

9/2/2021 20:04
 Grazie Maurizio e Vincenzo per i vostri interventi. Sto cercando di lavorare concetrato sulle aree che per me sono più difficili. Spero di riuscire ad imparare come fare le varie sfumature metalliche. Non é semplicemente questione di mascherare e cambiare colore come pensavo. Qui ci sono sfumature, scrostature, velature... c'è di tutto.

 lillino :

9/2/2021 21:11
 Bravo Francesco stai facendo un'ottimo lavoro prendo appunti che con il mio Su-27 mi vengono comodi.

 Cesko :

15/2/2021 08:03
 Non so se ti conviene prendere appunti. Gli si procede a tentoni e molto lentamente. Ho continuato il lavoro sulle gondole dei motori. Tanto pensare tanto lavoro poco avanzamento.
Con una punzonatrice ho mascherato gli accessi rotondi che dalle foto hanno un colore apparentemente diverso rispetto al resto delle superfici. In alcune foto sembra color acciaio grigio, in altre metalo bruciato. Io faccio fatica a capire i toni dei colori. Li vedo bene ma come dire... non li capisco.





Comunque questo è il risultato. 






A questo punto dovevo iniziare ad affrontare la parte più difficile. Le sfumature di colore. Dopo alcune ore passate a mascherare ho iniziato con l'area centrale delle gondole cercando di crearmi una base che riproducesse quelle che leggo come lievi ondulazioni della suprficie metallica. Efetto tentato con velature leggere di Ak blu trasparente, Metallo cotto Alclad e Fumo trasparente Alcla


 




E adesso? E adesso devo pensare come fare gli evidenti segni delle saldature che lasciano delle linee dritte di colore viola bluastro.  Ciao a tutti e abbiate pazienza se vi metto avanzamenti da lumaca assonnata.



 

 Cesko :

16/2/2021 08:01
 Leggendo i nostri "wip" si ha l'impressione che il lavoro scorra veloce, preciso e professionale. Senza errori.  Bene ecco le foto della vergogna  Circa giovedì scorso avevo una di quelle giornate in cui non si dovrebbe far niente. Arrabbiato e frustato causa lavoro, con la testa piena di pensieri e con atteggiamento tendente al furente mi sono accanito sul modello. Sapevo che non dovevo farlo, ma l'ho fatto lo stesso... ed ecco il grande risultato:
Vi spiego come funzionano questi due pezzi altrimenti non capite cosa ho combinato. Quello a destra è la prima parte dell'ugello di scarico. Quella fissa. L'anello a sinistra è "l'orbitante" che permette allo scarico di ruotare variando l'asse di spinta dei motori. Nel modello GWH il meccanismo di rootazione è stato riprodotto lasciando al modellista la decisione di mettere gli ugelli in posizione libera. E bisogna ammettere che ci sono riusciti benissimo a parte qualche limitazione. Bene sta di fatto che l'acoppiamento anello scarico è molto preciso e l'anello deve essere leggermente forzato in posizione. Insomma operazione da fare con calma e pazienza.




Io che di calma non avevo e di pazienza neanche ho forzato l'incastro e CRACk! L'anello mi è esploso in mano in tre pezzi. Vi lascio immaginare le scene, le esclamazioni etc... Ritrovata la calma (il giorno dopo) ho cercato di incollare i pezzi e mi sembrava che l'operazione fosse andata anche bene, ma...



Ma no. Ogni volta che cercavo di mettere in posizione il pezzo qiesto continuava a spaccarsi. E visto che questi pezzi vanno colorati in metallo ho dovuto alzare bandiera bianca.



La fortuna ha girato dalla mia parte sotto forma di un buono di spesa che avevo accumulato da uno dei miei fornitori e che mi ha permesso di avere a costo zero un pezzo in verità molto costoso e secondo me non necessario in un kit come questo. E cioègli scarichi in resina ResKit





Niente da dire. Tutti pezzi stampati in 3D con risoluzione altissima ben impacchettati senza distorsioni e ... insomma perfetti.



E così visto che ormai li avevo li ho comparati con gli originali in plastica. E devo dire gli quelli in plastica reggono il confronto alla grande anche se prorpio qui mostrano  alcuni limiti dovuti alla scelta di renderli mobili. Si nota infatti come la parte finale dell'ugello (quella a geometria variabile) sia un po più corta nel modello in plastica.



E si nota anche come l'angolo massimo raggiungibile dal pezzo originale sia minore rispetto a quello in resina. Ma questo è dovuto al fatto che il pezzo in resina non è mobile come l'originale. Nel confronto con la realtà è il pezzo in resina a vincere fra i due anche se forse i petali sono stati riprodotti come dire... troppo chiusi.




E adesso ritrovata la calma devo tornare a capire come fare tutte le sfumature metalliche. MORALE: Quando siete fuori fase, non toccate i modelli !!



 

 ThunderboltII :

16/2/2021 17:54
 Dai Cesko non mollare, ti capisco. E' uno dei motivi per cui non riesco a dedicare il tempo che vorrei al modellismo.
Ho imparato che quando c'è li hai INKIANATI (che ti girano come un Lyulka AL-31 al 110%) è meglio non sedersi alla postazione oppure 90 volte su 100 pianti un casino.
comunque fin quì lavoro ecccezziunale vereamente.

...E dire che non lo volevi nemmeno iniziare

 Cesko :

16/2/2021 19:18
 E infatti hai ragione Sergio. E comunque i liulka la settimana scorsa giravano al 110% con il postbruciatore a mille... e cosa più importante non mi ricordo neanche per quale motivo preciso tanto ho cercato di cancellare. Forse sono pronto per il ricovero... ma vi dirò se il ricovero è il bel posto come si vede nei film e mi porto dietro i libri e i modelli, allora preparo le valige. Perchè di lottare per l'ovvio al lavoro ne ho le stive strapiene 😵.
Ciao modellistici 🌈 Evviva gli hobbyes

 euro :

16/2/2021 19:19
 ...e vabbè, alla fine, stai risolvendo e quello è l'importante!
Però devo dire che quando siamo afflitti dalle vicissitudini quotidiane, rifugiarsi nel modellismo non è del tutto sbagliato; ovviamente quando siamo troppo nervosi o stanchi non dobbiamo imbarcarci in imprese titaniche..., incollare giusto 2 o 3 pezzi di plastica e via

 Cesko :

16/2/2021 19:44
 Diciamo che ci vorrebbe un modello "da giorni nervosi" dove si incolla di brutto a tutta forza senza un perché 😁

 Skyraider :

20/2/2021 16:00
 Mi dispiace per questo inconveniente, sicuramente sono cose che posso capitare ma che, ovviamente, sarebbe meglio non capitassero; l'alternativa era obbligata pero devo essere sincero, non so se sono le foto o sono io mal posto, ma non mi sembrano tutto questo spettacolo questi scarichi. Avevo pensato di prenderli anche io per il mio ma ad essere sinceri non me la sono sentita di spendere un bel po di euro per un after che non sarebbe stato necessario; con il senno di poi, sono contento di non averlo fatto. Ora però ti tocca valorizzarli per bene, la riuscito del modello per me dipende tutta da quella zona :-)

 Cesko :

21/2/2021 09:01
 Ma, una cosa è certa non servono su questo modello. E la prima cosa che avevo deciso era di non prenderli. Ma ho rotto quelli buoni e questi grazie al buono mi sono costati circa cinque €. Poi come sono... in generale sono più precisi nei dettagli minimi rispetto a quelli in plastica specialmente all'interno dove non guarda nessuno. Ma è vero anche che proprio nella parte finale degli scarichi si vedono perfettamente i segni della stampante 3D e danno l'effetto "striatura" che abbiamo con le stampanti 2D quando le testine di stampa sono sporche. E qui c'è poco da fare. Stuccare o dare primer servirebbe solo a cancellare tutto.
In compenso la posizione a riposo degli ugelli è più corretta per quelli in resina e questo è secondo me il vero punto a vantaggio rispetto a quelli originali in quanto è la caratteristica più evidente.
Ma al di lá di queste considerazioni che hanno senso solo per giustificare una spesa extra non prevista, sta di fatto che hai fatto bene a non prenderli. Non sono necessari. E comunque il tutto sta nel colorarli come si deve... ad essere capaci di farlo. Io al momento sto ancora cercando di capire come fare.
Tutti colori metallici tipo Alclad a Xtreme metal? Velature con trasparenti su base metallica? Tecnica di pittura metallo non metallo che va di moda nei figurini? Base metallica e velature con colore ad olio? Non so sto provando di tutto su pezzi di plastica cavia, ma non ho ancora trovato la soluzione.
Dopotutto questo modello continua a farmi una sensazione di oggetto alieno. 👽👾

 yago :

21/2/2021 09:51
 Francesco , sono sicuro che alla fine l alchimia giusta la trovi ;-)

Ciao
Gianfranco :-)

 Skyraider :

21/2/2021 11:50
 Qualsiasi tecnica tu voglia usare è importante che non diventi una cosa che ti porti lontano dal divertimento e che faccia diventare questo modello una “ sindrome”😅. È vero che la definizione di modellismo è realtà in scala ma bisogna anche trovare un compromesso tra quello che è davvero, quello che si riesce a fare ed il proprio gusto estetico quindi a mio modesto modo di vedere, se tutti i tentativi che fai saranno bagaglio per i prossimi modelli va bene, se devi perderci la testa invece........😁

 Cesko :

21/2/2021 12:04
 Giusto, non bisogna perderci la testa. E infatti procedo lento proprio per questo. Guardo le foto, penso, provo etc. Se ho voglia faccio se no niente. L’importante è che ho ancora voglia di farlo dopo due mesi di lavoro. Questo significa che non mi sto stressando. Anzi mi diverto nel cercare il modo di risolvere i problemi.
Ad esempio la mascheratura degli angoli tondi. Prima di questo modello erano un incubo, adesso sono un divertente passatempo, grazie ai punzonatori RB. Non li avevo mai usati per fare maschere. Non mi era passato per la testa. Testa.... 🐔
🤣🤣

© 2004-2018 www.modellismopiu.it
https://www.modellismopiu.it

URL di questa discussione
https://www.modellismopiu.it/modules/newbb_plus/viewtopic.php?topic_id=142371&forum=214