Forum : La nostra Grande Guerra

Soggetto : 381/40 su affusto ferroviario- download

 enrico63 :

24/1/2015 21:51
 Dopo molta indecisione mi iscrivo. La scelta è stata  questo interessante e anche poco conosciuto soggetto. Un po' di presentazione:




Da wikipedia:

Il cannone utilizzato era il 381/40 da marina, che era sistemato su un'installazione ferroviaria appositamente progettata. Tale installazione era inserita in un treno armato del Regio Esercito così composto:

  • Locomotiva FS 835 o FS 851;
  • due carri con cassone, ognuno dei quali con 32 proiettili;
  • un carro con due cannoni antiaerei da 76/45;
  • numero variabile di carri per alloggi e servizi del personale.

L'installazione ferroviaria vera e propria era lunga 24,78 metri, e pesava 212 tonnellate. Dal punto di vista tecnico, era composta da diverse parti:

  • cannone da 381/40 Mod. 1914: il pezzo, in acciaio, pesava 62,6 tonnellate ed aveva una rigaturaa passo costante (120 righe). Il congegno di chiusura era a vite, con sistema Welin, ed era fornito di un congegno scacciafumo.
  • culla: si trattava di una struttura con forma cilindrica, dentro la quale doveva scorrere la bocca da fuoco dopo lo sparo (per il rinculo). Comprendeva anche i quattro cilindri per i freni idraulici ed i due attacchi per gli stantuffi dei ricuperatori ad aria compressa.
  • affusto: trattava di una enorme struttura a trave, in metallo, sulla quale era sistemata la culla del cannone. Questa struttura era appoggiata a tre carrelli ferroviari (due posteriori a quattro assi ed uno anteriore a sei assi) tramite una sospensione elastica.
l funzionamento di questo cannone era piuttosto complesso. Infatti, vista la potenza del pezzo, il sistema di tiro era su binario, che doveva essere appositamente predisposto.

Il puntamento di direzione veniva effettuato muovendo tutta l'installazione sul binario stesso, che aveva un raggio in curva di 150 metri. Il settore di direzione era di 38°, ma era possibile rettificarlo di un ulteriore grado una volta posizionato il complesso.

L'elevazione era invece compresa tra 0 e 25°, e veniva ottenuta tramite un congegno a vite doppia.

I proiettili utilizzati erano navali, del peso di 875 kg, che potevano essere sparati ad una gittata compresa tra i 13 ed i 24 km grazie a tre cariche ulteriori, utilizzate come esplosivo di propulsione. La celerità di tiro era di un proiettile ogni cinque minuti.

Per aumentare la stabilità durante il tiro, la parte centrale dell'affusto poggiava direttamente sul binario grazie a dei ceppi di legno, che venivano manovrati da 12 martinetti posti sui lati dell'affusto (sei per lato).

Il cannone ferroviario 381/40 AVS entrò in servizio all'inizio del 1917. Complessivamente, ne vennero approntati quattro, al costo (enorme per l'epoca) di due milioni di lire l'uno. Questi cannoni vennero utilizzati sull'Isonzo ed in Trentino durante la prima guerra mondiale.

Aggiungo che i cannoni utilizzati per l'allestimento dei pezzi feroviari erano quelli destinati alle navi da battaglia classe Caracciolo, la cui costruzione era stata sospesa all'inizio delle ostilità.



Detto questo vi comunico che ho reperito un po' di materiale. A questo proposito ringrazio un nuovo amico virtuale, nickname LIBLI II (su un forum di fermodellismo), che ha gentilmente condiviso il materiale in suo possesso.
A breve vi comunicherò la scala di realizzazione. Mi piacerebbe farlo in 1/35 ma viene un bel bestione e la documentazione che ho è ancora un po' lacunosa per una scala così grande.
In 72 viene di misura più contenuta ed eventualmente si presterebbe al completamento del convoglio.


Sarà un autocostruzione .... cartacea? penso che si!!

Per ora è tutto.
Ciao

LINK alla Galleria





:-) 

 ivancola :

25/1/2015 06:33
  come sempre un progetto fuori dal comune che porterà sicuramente a un risultato eccezionale!

 willydav :

25/1/2015 09:51
 :nerd: :nerd: :nerd:

Enrico
io resto sempre più basito dalla complessità dei tuoi progetti...sapendo poi che li fai tutti con la carta...

anche questo è magnifico, in bocca al lupo per la realizzazione

sappi che ti seguirò in religioso e devoto silenzio
;-)

 alcione :

25/1/2015 14:02
 Che te possino...... :-P guarda cosa è andato a
scovare..........ti piace vincere facile...... ;-)
Fammi sapere cosa hai raccolto così da darti una
mano per la documentazione.
ciao,
Francesco :-)

 enrico63 :

25/1/2015 16:00
 Ciao Francesco,
ho le foto che si trovano in rete ( e sai quante poche siano!!!) l'articolo di storia militare, qualche foto ansaldo....e poco più!
La parte più lacunosa è quella sotto la tettoia, c'è sicuramente un piano mobile per il carico dei proiettili ma come è fatto??
Poi le due ruote tipo timoni cosa muovevano?? l'alzo del pezzo??
Tu hai già fatto di tuo considerazioni sul cannone e suo funzionamento??

 alcione :

25/1/2015 19:17
 Gli articoli di Storia Militare sono due : 146 - Storia
di ventitré cannoni, 152 - Le art. ferr. italiane; quale dei due hai ?
Inoltre il tomo I° dell'Uff.Storico, capitolo sui 381
ferr. con disegni - viste laterali e dall'alto - del
carro pezzo, carro munizioni e carro scorta da 76/45.
I volantini che vedi sotto la tettoia servono alla
manovra di una catena calcatoia atta al trasporto
della proiettile da 381 sulla cucchiaia, insieme alle
cariche di lancio...tutto chiaro ??? :-P
Il tiro avveniva sul c.d. binario di tiro, in curva lungo 150 mt., e in direzione agendo su volantini ed argani...
Una delle foto a corredo del capitolo suddetto mostra il cannone catturato dagli alleati in Germania, con la parte anteriore del carro con
argano e volantini......
L'alzo avveniva mediante un pistone.......
I puntini perché comunque ci sono tanti particolari
oscuri da posizionare e da rendere credibili ;-)
Da parte mia ti rinnovo l'offerta della documentazione - dammi qualche giorno e segnalami la tua mail ( la trovo sul tuo profilo ? )
Ti sei presa una bella gatta da pelare...... :-P e anche fare la scansione del librone dell'Ufficio Storico non 'è uno scherzo.... :-x
Ciao Enrico,
Francesco :-)

 enrico63 :

25/1/2015 19:33
 Allora, ho l'articolo "le art. ferr. Italiane".  Il tomo 1° dell'uff storico....non l'avevo neanche sentito nominare:-D

Per i volantini sotto la tettoia..ok.  Ma mi riferivo alle due ruote grosse, quelle fatte proprio come i timoni delle navi.
Tutta la documentazione che puoi fornirmi è ben accetta!!! e ti ringrazio fin d'ora!!

Lo so, mi sono preso una bella gatta da pelare...ma sto pezzo è da una vita che lo voglio fare. Questa è l'occasione giusta. L'ho dichiarato in campagna prima di avere la certezza di riuscire a farlo proprio per non rimandarlo nel dimenticatoio. Una volta iscritto il modello va fatto!!:-D :-D

Penso che ti "romperò" nel prossimo futuro. A questo proposito: nelle foto in mio possesso si intravede nella parte anteriore dell'affusto una targa ( ma forse è da entrambi i lati)., che ci sarà scritto?? E' la targa ansaldo?

Ciao
:-)

 enrico63 :

25/1/2015 19:35
 Dimenticavo....la mail è nel mio profilo!!

 alcione :

25/1/2015 20:42
 Quelli che chiami " timoni " sono volantini :-P
La " targa " è un pannello con sopra scritto il numero della batteria e la specialità : Batt.
D'Assedio.
Un paio di giorni e ti mando il tutto.
ciao,
Francesco :-)

 marcoaurelio :

25/1/2015 20:52
 Guarda che roba.. pure in 72 sarà bello grosso... 
Buon lavoro!!!! 

;-)

 vista85 :

25/1/2015 21:40
 un WIP da non perdere, ne vedremo delle belle ;-)

 AndRoby :

25/1/2015 23:04
 Ed eccolo qua, paperEnrico!!
Mamma che soggettino! Ce la farai per la fine della Campagna? Io spero di si!
Benvenuto in Campagna!

 ilducaluca :

26/1/2015 00:47
 É bello sapere di non essere l'unico masochista  :-D :-D :-D
Ti seguo pure io  ;-)

 alcione :

26/1/2015 11:40
 Ciao Enrico, controlla la tua posta.
saluti,
Francesco :-)

 enrico63 :

26/1/2015 12:37
 Grande Francesco!!!!!! Ottimo materiale Ad una prima visione mi ha già chiarito parecchie cose. A questo punto affronto il lavoro con maggior serenità;-)
Magari chiederò il tuo parere in corso d'opera sull'interpretazione di alcune parti.
Grazie!
:-) :-)

 alcione :

26/1/2015 13:22
 Quote:

enrico63 ha scritto:

Magari chiederò il tuo parere in corso d'opera sull'interpretazione di alcune parti.
Grazie!
:-) :-)


No problem, se potrò esserti di aiuto :-D
ciao,
Francesco :-)

 enrico63 :

26/1/2015 14:31
 
Quote:
AndRoby ha scritto: .................. Ce la farai per la fine della Campagna? Io spero di si! Benvenuto in Campagna!


Ciao Roby mio vice CL (o CL:-?non ricordo ma mi sembra vice) . Spero anch'io di riuscire a finire. Lascerò un po' indietro gli altri progetti. Anche perchè con la documentazione che mi ha dato Francesco mi è tornata voglia di farlo in 1/35:-D

Comunque per ora butto giù un progettino di massima e mi decido definitivamente.

 fabrix67 :

26/1/2015 14:39
 Urca, un altro lavorino facile facile, soprattutto piccolo piccolo (se in 35)
Conoscendo i risultati che raggiungi, ti darei il nastrino d'oro silla fiducia fin da ora.
Non ce ne sarà per nessuno!!!

fabrizio

 touareg :

27/1/2015 10:18
 allora alla fine ti sei convinto!
Anche se, in 1/35, mi sa che la signora Crespi ti darà un out-out ;-)
Ed alla fine, anche per questa campagna il nastrino d'oro è ipotecato!
ma ti starò col fiato sul collo, quindi stai in campana!!!!
Buon lavoro :-D

 enrico63 :

27/1/2015 17:32
 
Quote:
touareg ha scritto: allora alla fine ti sei convinto! Anche se, in 1/35, mi sa che la signora Crespi ti darà un out-out ;-)....................Buon lavoro :-D


Noooo...lei mi ama tantissimo e quindi ama anche il mio cannone!:-D :-P

E poi non cominciate a nastrinarmi che non ho ancora fatto na cippa di niente
:-D

 euro :

28/1/2015 07:48
 vabbè diciamo che "sulla carta" potresti essere il vincitore:-D :-D

 enrico63 :

28/1/2015 09:22
 
Quote:
euro ha scritto: vabbè diciamo che "sulla carta" potresti essere il vincitore:-D :-D



:-D :-P :-P

 enrico63 :

19/2/2015 14:51
 Bene, ho cominciato ufficialmente i lavori e quindi non si torna più indietro. Le decisioni sono prese e  vi comunico la folle intenzione di farlo in 1/35:-D
Certo questa scelta rende di fatto improbabile realizzare in futuro il resto o parte del convoglio, ma non credo che l'avrei comunque fatto!

Detto questo parto con i primi pezzi: Le SALE.
In gergo ferroviario si definiscono sale l'insieme assemblato di un asse e delle sue due ruote.
Questo cannone poggia su tre carrelli con un totale di 14 sale con un carico per sala di circa 15 ton.
Il diametro dei cerchi delle ruote (quindi escluso il bordino) era di 1 mt. Lo scartamento quello standard di 1435 mm.

Ed ora come ho tradotto modellisticamente la cosa:

Questo il foglio con i pezzi. Sono sufficienti per due sale complete, quindi se ne dovranno stampare 7 copie.





Questi i pezzi necessari per una ruota (non c'è l'assale che è il pezzo n°8)






Questi tutti i pezzi pronti al montaggio





Qui assemblati e colorati










Per ora è tutto, adesso comincio a disegnare i carrelli ma devo studiarli ancora un po' per cercare di capire bene il sistema di frenatura.
A presto
ciao

 marcellodandrea :

19/2/2015 18:03
 esagerato.....   :-) :-) :-)

 AndRoby :

19/2/2015 18:56
 Pazzo esagerato!
Ma l'assale spuntava fuori dalle ruote? Perdona la mia ignoranza...
Ciao!

 enrico63 :

19/2/2015 21:19
 Ciao Marcello,  ciao Roby!

Si Roby, gli assali  sono così lunghi perchè devono infilarsi nelle boccole contenute nelle scatole all'esterno del telaio e sulle quali grava il peso del carro.
Oggi invece delle balestre ci sono sospensioni a molle ma il principio è sempre quello.


 alcione :

21/2/2015 11:26
 Fiato alle trombe.... :-D
Buona partenza, saluti.
Francesco :-)

 dj :

22/2/2015 10:00
 
Quote:
enrico63 ha scritto: .... e  vi comunico la folle intenzione di farlo in 1/35:-D

Modesto ! :-D :-D :-D

 enrico63 :

22/2/2015 17:12
 Grazie Francesco.

@dj:  mi piace piccolino:-D


Avrei una domanda per tutti gli esperti del periodo......di che colore lo faccio???

C'è una foto di un pezzo con una mimetica, ma solitamente è monocolore...ma quale?
Verdone tipo i mezzi di terra www1?
E se è così...mi date un riferimento:-D  Grazzzie
:-)

 kicco64 :

22/2/2015 20:23
 devo parlare con la tua signora moglie, secondo me non si è accorta che l'insalatina che coglie in giardino non è insalata...

:-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P

 alby :

22/2/2015 20:34
 Grande Enrico , l'insalatina la voglio pure io !!! :-D
Magari dico una cazz..volata , magari essendo della Regia Marina ...non potevano essere dipinti anche in grigio ???

 enrico63 :

23/2/2015 12:44
 
Quote:
kicco64 ha scritto: devo parlare con la tua signora moglie, secondo me non si è accorta che l'insalatina che coglie in giardino non è insalata...

:-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P


Ma come no??? E' normalissima insalatina:-D :-Dme la fa sempre con quei bei funghetti che crescono li di fianco:-D :-D

Ciao Alby,
in realtà in origine questi cannoni sono stati realizzati per l'esercito. Erano in forza a reparti di artiglieria pesante. Alla fine del conflitto, visti gli scarsi risultati ottenuti, l'esercito decise di non mantenerli operativi e li cedette alla marina che li tenne in parcheggio a La Spezia.
Tutti gli altri treni armati, che io sappia, sono stati sviluppati dalla regia marina e sono sempre stati in forza a questa.

A, dimenticavo....sto lavorando al carrello posteriore....





ciao

:-)

 enrico63 :

2/3/2015 10:35
 Nessuna idea sul colore di sto bestione????

Ho messo insieme il telaio del carrello, il piano di calpestio e disegnato i pezzi per le scatole delle boccole. Poi faccio le balestre......Ma prima di montare le scatole, che bloccheranno in posizione le sale, dovrei colorare l'interno del carrello.....quindi ripeto..........nessuna idea del colore??  Aiuto!!!!!!!!!!!!


Note tecniche:

è interessante notare come il carrello posteriore sia totalmente sprovvisto di impianto frenante.
Da tutte le foto si vede chiaramente l'assenza dei ceppi dei freni e delle condotte pneumatiche.
Sui carrelli di testa c'è un impinto di frenatura a comando manuale.
E vero che il convoglio si sarà mosso a passo d'uomo , ma resta comunque una massa considerevole!!!!










Ciao
:-)

 AndRoby :

2/3/2015 11:28
 Ma che belli i rivetti "liquidi"!
Se erano in carico al Regio Esercito, vai di normale grigioverde allora! Che è più o meno 30 colori diversi a seconda del feeling del modellista! :-P :-P :-D :-D
Ciao!

 enrico63 :

2/3/2015 14:17
 Roby.......belli e pratici ma soprattutto SUPERECONOMICI:-D :-D

Se nessuno avrà da obiettare procederò col regiogrigioverdepiùomenoquelcolorelì.

Ho messo insieme la scatola portaboccole. 15 pezzi che vanno insieme solo a guardarli:-D(piccola nota autocelebrativa:-D)
Era la versione alfa ma è già stata promossa a defiitiva saltando addiruttura le versione beta.
Ecchivela........








Adesso le metto in produzione.
ciao

:-)

 AndRoby :

2/3/2015 14:58
 Ciao!
Per il colore puoi fare un po' di prove comparative. Ad esempio la foto con la quale apri il topic ha anche due soldati davanti. Il colore delle divise è il grigioverde, puoi confrontarle con il colore dell'affusto. Se hai altre foto.... Per il grigioverde poi ti puoi orientare sui colori che chi sta facendo figurini qua in Campagna ha scelto per le divise. Non sono un espertone, ma a mio parere il Tamiya XF-65 Field Grey o l'Humbrol 31 Dark Slate Grey sono due buoni candidati.
Scatole portaboccole super!
Ciao!

 Target :

2/3/2015 18:18
 E questo sarebbe un modellista "sano" in azione? :-D :-D :-D :-D

Ti seguirò in religioso silenzio in questa tua ennesima ciclopica opera.

Ciao Roberto.

 marcoaurelio :

2/3/2015 18:38
 

 Hoot :

2/3/2015 23:19
 Non ho capito cos'è quella roba verde.......cavoleti passati al minipimer???
:-D

 Alessandro-tigre86 :

3/3/2015 00:50
 Enrico sempre soggetti semplici e senza sforzo i tuoi è? :-D :-D bellissimo soggetto :-)

 enrico63 :

5/3/2015 16:58
 Grazie Roberti ( androby e target ), Marco e Alessandro.


Quote:
Hoot ha scritto: Non ho capito cos'è quella roba verde.......cavoleti passati al minipimer???
:-D


Il minipimeeer??!!! Ecco che traspare Hoot-casalingo:- indaffarato ai fornelli e sopraffatto da un'orda di elettrodomestici:-P

Ti ricordi l'esorcista...ecco quella roba lì!

Oppure vinavil con una goccia di verde.....se no poi diventa trasparente e ti tocca leggere il modello in braille per capire cosa hai fatto:-D

ciao
:-)

 frengo :

5/3/2015 22:06
 Ciao Enrico,

innanzitutto complimenti sotto ogni punto di vista, c'è soltanto da imparare!

passando al colore, non escluderei il grigio, nonostante fosse dell'esercito, su una locandina FIAT riferita al fiat 15 ter (riferita all'autocarro militare) vengono elencatele dotazione e le caratteristiche del mezzo tra cui la colorazione in "grigio industriale" a sottolineare che così uscivano dalla ditta (alcuni 15 bis usati in africa mantennero la colorazione grigia). ovviamente per i treni potrebbe essere tutt'altro, ma più di così non so.

 enrico63 :

10/3/2015 22:29
 Grazie Francesco,
per il colore non riesco proprio a trovare nessuna fonte che indichi quale fosse. Se resto a questo punto opterò per il regio grigio verde; c'è un disegno che lo ritrae in questa colorazione, ma già è parecchio approssimativo nelle forme!! quindi non è certo una garanzia per il colore!! Quasi sicuramente è un'interpretazione.
Comunque c'è ancora tempo per la colorazione, quindi magari salta fuori qualche cosa.

Sono  a buon punto col carrello posteriore........











A presto!
:-) :-)

 marcellodandrea :

11/3/2015 07:07
 Forse potresti chiedere qualche informazione al museo dell'Esercito.  Complimenti pe ril lavoro, sempre più bello :-)

 enrico63 :

12/3/2015 09:15
 Grazie Marcello, è un'idea...ci provo!!

Ho fatto i respingenti. Qui uno montato e i pezzi necessari a realizzarlo.





Come certo saprete i respingenti sono uno con il piatto .... piatto e uno col piatto convesso. Questo fatto è necessario per permettere un corretto accoppiamento nelle curve.












Ciao.

 enrico63 :

13/3/2015 15:09
 Oggi il gancio...............















ciao

:-) :-)

 Andrea :

13/3/2015 16:12
 mmmmmmmh... mi pare di vedere dei tondini in plasticard....

 stefanoc :

13/3/2015 16:59
 ...eh si è proprio un tondino di plasticard :lol: :lol: :lol: ...beissimo, bisognerebbe imparare ad usare la carta anche noi, forse alcuni particolari verrebbero più facilmente...intanto io ho cominciato con cartoncino da 1,5mm :hammer: :hammer: :hammer:

 dj :

13/3/2015 17:10
 
Quote:
Andrea ha scritto: mmmmmmmh... mi pare di vedere dei tondini in plasticard....

AAAAAhhhhhh .... allora non sono il solo a "deviare" con i fili di rame !!
Vedi ancore ed altro...:-P :-P :-P
Enrico sei THE BEST .... avanti così !!!

Giuseppe

 alcione :

14/3/2015 18:26
 Dopo un primo periodo dove era generalizzata
una livrea grigia ( Francesco/Frengo) si utilizzo
un grigio verde molto scuro ( Pignato - Inseg.Unif.
Distin. ... etc ...)

ciao,
Francesco :-)

 enrico63 :

15/3/2015 12:55
 Ciao Francesco,
dopo un primo periodo dei cannoni o del regio esercito in generale??
Nello specifico il 381/40 fu consegnato nel '17 e quindi operativo per pochissimo tempo. Quindi secondo te....grigio o verde??

intanto ho completato il carrello posteriore.........

















Ciao
:-)

 kicco64 :

15/3/2015 13:41
 e fa finta di niente sul discorso plasticard/plastirod........................................


:-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P

 enrico63 :

15/3/2015 14:34
 No no!! Avete raione ho già usato una ventina di centimetri di plasticard
:-D :-D

Comunque ha ragione Stefano,  non sono io che devo imparare ad usare la plastica, ma voi che dovete imparare ad usare la carta:-P


 alcione :

15/3/2015 15:52
 La data esatta - per il R.E. - non la conosco ; si
parla di una circolare ( anche in Cappellano, le Trattrici della I^ g. m. ) che generalizzava l'uso del g.v. al posto del generico grigio.
In tutta onestà vai tranquillo con il g.v. scuro .
ciao,
Francesco :-)

 AndRoby :

20/3/2015 11:37
 Ciao!
Sempre un lavoro splendido, anche se "imbrogli"! :-P :-D
Però è vero che mi piacerebbe imparare a usare la carta....
Anche secondo me vai tranquillo con il grigioverde scuro!
Ciao!

 dj :

21/3/2015 21:06
 A proposito della colorazione, a conferma di quanto anche altri hanno già detto, riporto parte del testo del "maestro" Nicola Pignato nel paragrafo Colorazioni del periodo inerente la I^ G.M. nel libro "1912  1985 dalla Libia al Libano" :
"Inizialmente, tuttavia, le prime autoblinde ed i primi autocannoni Ansaldo recavano una tinteggiatura alquanto più chiara. In seguito, come testimoniato dal Marinelli, si scelse un grigio-verde di tonalità più scura, e le indicazioni del reparto di appartenenza, dapprima stampigliate in nero, furono verniciate in bianco.".
Marinelli nel 1918 era sottotenente di cavalleria autore di un romanzo "l'Alcova d'acciaio" dove descrive in maniera fantasmagorica la sua "bella 74", una autoblindomitragliatrice della 8^ squadriglia, di "color verde scurissimo".

Ciao Giuseppe

 caragd :

24/3/2015 15:37
 Come sempre mi levo tanto di cappello quando vedo i tuoi.

ciao
Dario

 enrico63 :

24/3/2015 19:47
 Grazie a tutti!!

Ho comprato il grigioverde tamiya.  :-)

 enrico63 :

26/3/2015 21:06
 Il lavoro procede è ho fatto il primo dei due carrelli anteriori.
Cambia la forma e la dimensione ma gli accessori attaccati sono come quelli del carrello posteriore. 
In aggiunta qui ci sono i freni, quindi ho fatto i ceppi e la parte di leveraggio ad essi attaccata. La tiranteria per il loro movimento per ora non l'ho fatta perchè mi manca qualsiasi documentazione. Se salta fuori qualche cosa bene, altrimenti la farò come era in uso all'epoca sperando di azzeccarla....tanto non si vedrà per niente:-D

Ed ora le foto.......



La struttura








I componenti dei freni



L'insieme











Con il suo fratellone...



Azzz...mi sono accorto dalle foto di aver dimenticato una serie di rondelle e bulloni...mo provvedo!!

Ciao al prossimo aggiornamento

 enrico63 :

16/4/2015 22:48
 Rieccomi qua....ho finito il carrello di testa. Vi lascio alle immagini.....

E' leggermente diverso nella forma da quello precedente perchè ospita la pedana con alcune attrezzature.





I pezzi relativi a ruote, balestre , scatole boccole, ceppi freni è uguale ai carrelli precedenti. Quindi eccovi il carrello finito.




Alcune info sull' "arredamento" che vi compare:

I due manettini più arretrati sono il comando manuale dei freni. Dalle poche immagini e disegni a disposizione, ritengo che una comandasse i freni del primo carrello (quello su cui sono montate ) e l'altro quelli del secondo carrello. Il carrello posteriore, come già detto era sprovvisto di impianto frenante.

I due "panettoni" venivano fatti ruotare a mezzo dell'argano centrale. Servivano al movimento manuale di tutto il complesso sul binario. Due corde venivano fissate a terra, fatte passare intorno ai due panettoni che ruotando le recuperavano dando il movimento. Il cannone sparava su un binario curvo con raggio di 150 metri, per permettere un ampio arco di tiro. Ad ogni colpo il complesso arretrava fino a 15 metri e doveva poi essere rimesso in posizione di tiro. In questo modo non era necessario continuare ad attaccare e staccare la locomotiva del convoglio.

Altre immagini.....









Un falso accoppiamento tra il carrello di testa e quello di coda...per vedere che effetto fà:-D





E una vista dell'intera fila di carrelli con tutti i loro assali.







Quando ci sarà il cannone i due di testa saranno maggiormente distanziati da quello di coda.


Bene, per questa sera è tutto:-)

ciao

 marcellodandrea :

17/4/2015 07:25
 Davvero un bellissimo lavoro :-)

 dj :

18/4/2015 11:01
 
Quote:
enrico63 ha scritto: ......Quando ci sarà il cannone i due di testa saranno maggiormente distanziati da quello di coda.
Bene, per questa sera è tutto:-)
ciao

Bellissimo e...... imponente :-o
Ma per vedere le immaggini successive sarà sufficiente la risoluzione video dei nostri PC ? :-D :-D
.... colleghero' l'uscita video al TV da 52 pollici ;-) (.....ad avercelo!)

Ciao Giuseppe

 enrico63 :

18/4/2015 11:19
 Marcello e Giuseppe ..Grazie:-)


Quote:
dj ha scritto:

Bellissimo e...... imponente :-o
Ma per vedere le immaggini successive sarà sufficiente la risoluzione video dei nostri PC ? :-D :-D
.... colleghero' l'uscita video al TV da 52 pollici ;-) (.....ad avercelo!)

Ciao Giuseppe



Vi posterò una foto panoramica navigabile:-D


:-) :-)

 AndRoby :

3/5/2015 18:50
 Tutto al tuo solito alto livello. Mi piace che spieghi anche le cose ad esempio per me che sono ignorante in materia!
Farai anche i binari in carta?
Ciao!

 alcione :

4/5/2015 17:39
 Ciao Enrico, un caloroso saluto....... :-D
Francesco :-)

 enrico63 :

16/5/2015 15:06
 Roby e Francesco grazie dlla vostra presenza
:-)
@Roby: in linea di massima penso di farli di carta. Sicuramente traverse in cartoncino. Avevo fatto in questo modo dei travetti poi messi intorno al dragon wagon ed avevano un bell'aspetto; meglio secondo me che fatti in legno. Anche la bulloneria varia di fissaggio delle roitaie in carta. La rotaia vera e propria ....non ho ancora provato a progettarla. Forse trovandone una in scala giusta....ma poi c'è il problema del profilo della sezione....vedremo più avanti.

Intanto un po' di avanzamento lavori.
I due carrelli anteriori sono vincolati a questa trave che fa da appoggio all'affusto del cannone. I fori quadrati hanno sicuramente la funzione di alleggerire la struttura. Nella parte inferiore non so per certo che ci fossero...foto non ce ne sono e il disegno in mio possesso non è proprio chiaro. Ma visto che serviva alleggerire ritengo abbastanza ragionevole che ci fossero anche lì.
Comunque questo è il risultato.

I pezzi.....


Assemblati in parte....






In questo modo sarà possibile la rotazione per la sistemazione sul binario...









Il pezzo completo...






E appoggiato ai carrelli.....















Bene adesso preparo la trave di appoggio al carrello posteriore.

Ciao  a tutti




:-)

 marco1971 :

16/5/2015 16:31
 Wow Enrico! È una meraviglia! Quasi quasi mi viene voglia di farlo anche io quando sarà pronto!

Marco

 enrico63 :

21/5/2015 21:57
 Mi farà solo piacere se ti cimenterai!!! Ma senza scalarlo a 1/400 però. Al massimo a 1/72.:-D

L'appoggio sul carrello posteriore. E' composto da due pezzi.














L'affusto appoggia sul trave trasversale al carrello ma è vincolato al pezzo trapezioidale. Questo può essere mosso a mezzo di due volantini e permette una traslazione laterale di un grado per parte, al fine di correggere l'angolo di tiro.





Ciao
:-)

 enrico63 :

24/5/2015 21:57
 Prima parte dell'affusto...........








:-) :-)

 enrico63 :

28/5/2015 16:46
 Affusto parte centrale........













Devo comprare un cartoncino moooolto più grosso:-D :-D

Ciao
:-)

 dj :

28/5/2015 17:19
 Sempre più imponente.
Tra un pò il tuo wip dovrò vederlo sul PC in ufficio su un monitor da 52 pollici !! :-D :-D :-D
Sarà comunque sempre un vero piacere !! ;-)

Ciao Giuseppe

 enrico63 :

5/6/2015 19:54
 
Quote:
dj ha scritto: Sempre più imponente.
Tra un pò il tuo wip dovrò vederlo sul PC in ufficio su un monitor da 52 pollici !! :-D :-D :-D
Sarà comunque sempre un vero piacere !! ;-)

Ciao Giuseppe


Forse non basta:-D :-D
Ho fatto la terza parte dell'afusto, quella posteriore...





E tanto per vedere l'ingombro totale ho messo vicini i pezzi realizzati ad oggi...









E' luuungo:-D


Devo riuscire ad interpretare la seguente targa posta nella parte anteriore dell'affusto.
Ho decifrato la prima riga......S.A.I. GIO.ANSALDO&C.    dove S.A.I. sta per società anonima italiana.




Mancano le altre due righe...Se qualcuno avesse idee o suggerimenti...sarebbero i ben venuti!!!!!
ciao
:-)

 e_pieranto :

6/6/2015 10:01
 L'Ansaldo aveva uno stabilimento a Cornigliano Ligure (GE) dove produceva anche materiale rotabile e cannoni (da 381/40) ... nella parte iniziale della terza riga un "CORN.L." mi pare di vederlo ...
scusa se è poco ma magari serve pure questo :-)

 Antonio 13 :

6/6/2015 10:03
  Quote:
dj ha scritto: Sempre più imponente.
Tra un pò il tuo wip dovrò vederlo sul PC in ufficio su un monitor da 52 pollici !! :-D :-D :-D
Sarà comunque sempre un vero piacere !! ;-) Ciao Giuseppe


....e chissa' la vetrina o la teca che ci vuole per conservarlo al meglio :-D :-D

 Oberst_Streib :

7/6/2015 10:28
 
Enrico non so se ti puo' servire ma alla Mostra sulla Grande Guerra che c'era a Calenzano ho fotografato la stessa foto che hai messo in apertura, ma mi pare con un dettaglio molto migliore (benche' virata al seppia...)

Come sempre, stai facendo un lavoro un paio di anni luce oltre l'impressionante.....  :-o :-o :-o :-o


 AndRoby :

7/6/2015 11:30
 Ciao Enrico!
A parte gli "ovvi" e ormai "noiosi" e "consueti" complimenti, dalla mia esperienza aeronautica l'Ansaldo marcava le sue creazioni anche con il nome del Cantiere dove venivano costruite. Quindi mi sembra ottimo il consiglio sul cantiere di Cornigliano che hai ricevuto.
La scrittina in mezzo potrebbe essere semplicemente "GENOVA"?
Per il resto buio assoluto...
Ciao!

 yamato01 :

7/6/2015 13:26
 semplicemente spettacolare

 enrico63 :

7/6/2015 13:57
 Grazie a tutti per il vostro interessamento e aiuto che è sempre importante.


Quote:
Oberst_Streib ha scritto:
Enrico non so se ti puo' servire ma alla Mostra sulla Grande Guerra che c'era a Calenzano ho fotografato la stessa foto che hai messo in apertura, ma mi pare con un dettaglio molto migliore....


Alessandro, grazie della foto che è idubbiamente di qualità mooolto superiore a  quella in mio possesso.
Naturalmente per caricarla nelle gallerie l'hai ridotta e questo la rende poco utilizzabile in ingrandimenti. Riesci a mandarmi per mail la foto intera? Te ne sarei veramente grato.

Qualche considerazione sulle possibilità della scritta:
So per certo che l'Ansaldo produceva i cannoni da 381/40 nello stabilimento "GRANDI ARTGLIERIE" di Cornigliano Ligure (mi pare si chiamasse Officine Delta ...ma forse anche no). Inizialmente credevo che anche la parte ferroviaria del pezzo avesse la stessa origine ma, ho visto su betasom, una foto di uno di questi cannoni in allestimento. Il cantiere è stato identificato dai forumisti come quello di San Giorgio del Muggiano di La Spezia.
Da un'altra fonte ho letto che effettivamente nel '17 l'Ansaldo è diventata socia di maggioranza dell'allora FIAT-S:GIORGIO. Sempre dalla stessa fonte è riportato che proprio in quell'anno il cantiere ha allestito 7 affusti ferroviari per i 381/40. Quindi parrebbe per tutti (10 cannoni iniziali, 2 per il Faà di Bruno, 1 di riserva e 7 per allestimento ferroviario)
Aggiungo che la sede legale era Roma e Genova quella amministrativa-commerciale e IND. (penso stia per industriale)

Osservando la targa mi pare che i primi caratteri della riga in basso siano più piccoli di quelli successivi.

Detto tutto questo sono ancora in alto mare per cui, intanto che proseguo le ricerche, continuate a darmi suggerimenti!!!!!
Grazie


:-)

 Oberst_Streib :

7/6/2015 20:15
 
Servito il mister !

;-)

 enrico63 :

7/6/2015 21:34
 E anche un pubblico GRASSSSIE!!!!
:-)

 alcione :

8/6/2015 16:05
 Ciao Enrico,
prova a scrivere all'Archivio Ansaldo allegando
l'ingrandimento della targa e anche una foto del
frutto delle tue fatiche....hai visto mai..?
Magari ci hai già pensato..... ;-)
saluti,
Francesco :-)

 stefanoc :

8/6/2015 19:55
 Quote:

AndRoby ha scritto:

Per il resto buio assoluto...
Ciao!


Ciao, seguo il tuo wip da tempo come ...GUARDONE...hai provato con photoshop?...io sono riuscito ad avere ottimi risultati su matricole e scritte varie...se no puoi mandarmi il miglio originale che hai x e-mail che trovi sul mio profilo utente

 enrico63 :

9/6/2015 21:08
 @alcione: No Francesco, non ci ho pensato adesso provo subito a farlo...grazie:-)

@stefanoc: ho fatto alcune prove con gimp, l'equivalente free di photoshop. L'immagine migliora ma non è leggibile, si potrebbe capire confrontando con varie possibilità fino a trovare la soluzione. Comunque potrebbe essere che PS sia più performante nelle sue funzioni, quindi, visto che ti se offerto....ti mando subito la foto :-D :-D e grazie!!

Ciao

:-)

 dj :

13/6/2015 15:08
 Ciao Enrico
per la scritta hai provato con ..... questi :-D :-D :-D



Beh viste le dimensioni dell'oggetto ... tutto è rapportato :-D :-D :-D

con simpatia Giuseppe ;-)

 enrico63 :

15/6/2015 10:15
 Allora, a parte gli occhialoni:-D :-D.... mi sono procurato un libro sull'ansaldo e le produzioni della grande guerra.
Qui, nelle tabelle riassuntive delle produzioni divise per cantiere, l'unico accenno agli affusti ferroviari per il 381/40 li da in produzione al San giorgio del Muggiano e in numero di tre.
Ho visto molte targhe Ansaldo e, come dice androby alcuni post indietro, la seconda riga è sempre "Genova" (anche se nella foto è veramente dura leggerlo).
Ho fatto un'altra osservazione: nella prima riga appare evidente la luce sui caratteri con un piano superiore "lungo"( S, G, D) mentre quasi inesistente su quelle a punta (I, A, N)
Sto cercando di applicare questa chiave per decifrare i caratteri (almeno alcuni) della terza riga...ma l'è dura!!!
Qui due immagini raddrizzate....sto provando a vedere per ulteriori miglioramenti.




Lo so, sono tremende!!
Suggerimenti sempre ben accetti

:-)

 AGOCAP :

15/6/2015 21:16
 complimenti per l'idea e per l' autocostruzione

 dj :

16/6/2015 09:45
 Ciao Enrico, ho inforcato gli occhialoni e provo a dire la mia .... ma si vince quacchecosa ?
La butto giù così...


visto che la OTO aveva costruito i 381/40 anche per il monitore Faa di Bruno (vedi qui).
Sono quasi sicuro sulla "&" e "S", la seconda non sò, terza sembra una "C" e quindi per dare un senso compiuto ho pensato a "& SOCI".
Per la prima parte della terza riga, la sezione di crittografia ci sta ancora lavorando (It's my job) 8-) 8-) 8-)
Concordo con la prima e seconda riga "SAI GiO ANSALDO & C" e "Genova".

Ciao da Giuseppe ... in incognito 8-)

 dj :

16/6/2015 11:16
 Aggiornamento.
Il gruppo di crittografi (8-) 8-) 8-)) azzarda e sarebbe propenso nel ritenere che la prima parola della terza riga possa essere "CANTIERI"  e porta questo link come tesi a supporto.
Quindi avrebbe decodificato così:

"SAI GIO ANSALDO & C"
"GENOVA"
"CANTIERI OTO & SOCI"

Bah gli esperti sono loro...

A risentirci per ulteriori sviluppi. Ormai il pool è riunito 8-)

Giuseppe ;-)

 AndRoby :

16/6/2015 15:02
 Bella l'ultima interpretazione,
però così a occhio la scritta "CANTIERI" non ci sta nello spazio che dovrebbe avere. Troppe lettere...
Anche se la OTO sta a La Spezia...
Boh!!

 Alessandro-tigre86 :

16/6/2015 16:27
 Quote:

enrico63 ha scritto:

Qui, nelle tabelle riassuntive delle produzioni divise per cantiere, l'unico accenno agli affusti ferroviari per il 381/40 li da in produzione al San giorgio del Muggiano e in numero di tre.


Molto belle queste ricerche mi hanno sempre appassionato :-) sulla wiki inglese ho letto però che di cannoni destinati all'uso ferroviario ne furono stanziati 7

Ho trovato per caso questo sito, dove un pazzo come te :-D ha ricostruito il suddetto cannone pero in metallo, ad occhio non vedo targhe ma forse ha qualche dritta o materiale che ti potrebbe servire, il post è abbastanza recente magari riesci ad entrare in contatto, l'utente è Libli II :-)

CLICCA

 dj :

16/6/2015 17:24
 
Quote:
AndRoby ha scritto: Bella l'ultima interpretazione, però così a occhio la scritta "CANTIERI" non ci sta nello spazio che dovrebbe avere. Troppe lettere... Anche se la OTO sta a La Spezia... Boh!!

Effettivamente è un pò forzato .... però ho fatto questo giochino mettendo le frecce sulle parole che sembrano essere riconosciute ( dai crittografi 8-) 8-) 8-)). Per lo spazio può darsi che la scritta sia più serrata per dare più risalto alla parola "OTO" . Che dite ?



Certo che l'Enrico c'ha dato un bel lavoro ! :-D :-D

Saluti Giuseppe 8-)

 enrico63 :

16/6/2015 19:12
 Intanto grazie per la vostra collaborazione!!!

@Aletigre: ciao Alessandro, libli2 è già mio amico di penna.E' stato il primo che ho tampinato e mi ha fornito un po' di materiale. La targa l'ha riprodotta sul suo modello (che è in scala H0 - 1/87) ma ne ha dato un'interpretazione ...."artistica":-D


@dj: ciao Giuseppe. L'ipotesi cantieri oto non mi convince. Prima di tutto perchè se osservi attentamente la targa vedi che i primi caratteri (3 o 4) sono più piccoli del proseguo dlla riga e questo mi suggerisce una sigla o un'abbreviazione o similari. In secondo luogo non ho trovato nessun legame tra ansaldo e oto nella realizzazione di questi cannoni.
Comunque andiamo avanti co ipotesi che prima opoi ci azzecchiamo!!
Io vado avanti a cercare fonti.
A presto
:-)

 dj :

16/6/2015 19:33
 
Quote:
enrico63 ha scritto: Intanto grazie per la vostra collaborazione!!!
@dj: ciao Giuseppe. L'ipotesi cantieri oto non mi convince. Prima di tutto perchè se osservi attentamente la targa vedi che i primi caratteri (3 o 4) sono più piccoli del proseguo dlla riga e questo mi suggerisce una sigla o un'abbreviazione o similari. In secondo luogo non ho trovato nessun legame tra ansaldo e oto nella realizzazione di questi cannoni.
Comunque andiamo avanti co ipotesi che prima opoi ci azzecchiamo!!
Io vado avanti a cercare fonti.
A presto
:-)

Ok, che a qualcuno servono tre ex crittografi senza lavoro?? (8-) 8-) 8-))

Giuseppe :-D

 Alessandro-tigre86 :

16/6/2015 21:36
 Immaginavo Enrico, ma non si sa mai :-D

 dj :

18/6/2015 10:04
 Targa argomento caldo
dopo la risposta di Enrico ho controllato meglio quanto detto dai tre crittografi (8-) 8-) 8-)). La denominazione OTO (Odero Terni Orlando) quale fusione dei tre cantieri nasce solo nel 1929 e quindi dopo la realizzazione del complesso ferroviario.
Ergo.... i tre ex crittografi sono a spasso (:-( :-( :-()

Ciao Giuseppe :-D

 enrico63 :

18/6/2015 10:43
 Continua a farli lavorare i tre crittografi!!!

Ho raccolto qualche altra informazione:
i tre affusti realizzati al Muggiano di La Spezia avevano i seguenti numeri di costruzione - 171, 172 e 173 -
in oltre ho letto che erano costruzioni per conto delle officine Savoia. Ma forse questa strada ci allontana troppo dalla verità. La targa riportava Ansaldo e non penso che comparissero anche appalti e sub appalti!!

Invece potrebbe essere interessante l'aspetto denominazione del cannone.
Alcune fonti riportano 381/40 AVS (Armstrong, Vickers e Schneider); ma a questo punto l'Ansaldo dov'é?
Altra denominazione che ho trovato: cannone da 381 ASEV  Mod. 1914 dove ASEV starebbe per "Artiglieria Semovente".
Ma anche questa ultima definizione non riesco a collocarla nella targa.
Boh??
Per ora è tutto ...... aspetto sempre fiducioso vostri preziosi suggerimenti.


:-)

 enrico63 :

29/6/2015 20:32
 In attesa di progressi con la targa, ho fatto la parte superiore dell'affusto e le orecchionere ( almeno credo che si chiamino così.....altrimenti che gli esperti artiglieri mi correggano senza pietà:-D)

C'è una parte interna fatta in cartonino da 0,5 che concorre alla solidità della struttura....



e poi un foglio superiore che riporta la posizione delle chiodature e delle varie componenti.....




queste le famose orecchionere...






e questo il "pozzo" che accoglie il cannone durante l'alzo e ne permette il rinculo.....






e questo l'affusto per il lungo...




Alla prossima
ciao






:-) :-) :-) :-)

 dj :

1/7/2015 12:32
 
Quote:
enrico63 ha scritto: In attesa di progressi con la targa, ..... 

Peccato, speravo in qualche novità :-D ..... vai così ;-)

Ciao Giuseppe :-D

 enrico63 :

12/7/2015 16:35
 Per mettere il pezzo in posizione di tiro si abbassavano, per mezzo di volantini (6 per lato) dei puntelli appoggiati a 6 travoni trasversali. Questi andavano ad appoggiarsi a travi di ferro poste parallelamente al binario e leggermente più alte. In questo modo la forza del rinculo veniva scaricata a terra e non sulle ruote dei carrelli e sulle rotaie stesse. Ad ogni colpo tutto il pezzo arretrava sul binario mediamente di 15 mt. ( ma forse questo lo avevo già detto)
























Per ora è tutto.
ciao
:-) :-)

 AndRoby :

12/7/2015 17:49
 No, cioè, fammi capire, il "vagone" veniva appoggiato sui tamponi prima dello sparo e arretrava di 15 mt. ogni volta?? :-o :-o :-o :-o
E non c'era il rischio di deragliamento?
Per il resto tutto splendido...as usual!
Enrico, lo sfondo azzurro per le foto non ti basta più! ;-) :-D
Ciao!

 Alessandro-tigre86 :

12/7/2015 22:49
 Quoto Roby nello stupore :-o praticamene senza la puntellatura lo trovavano a 2/3 km dalla postazione di tiro :-D :-D

 enrico63 :

30/7/2015 15:25
 Eh si!  Slittava parecchio. Il sistema, copiato dai Francesi, si chiamava appunto a "glissement" (non so se si scrive così).
Si sollevava l'affusto ma i carrelli restavano appoggiati al binario, quindi probabile che non deragliassero mai. Almeno non ho letto di questo pericolo neanche per i cannoni francesi.

Intanto, pian pianino, ho terminato la chiodatura.......e sono passato al fondo bianco per le foto....





Ciao
:-)

 dj :

30/7/2015 15:34
 Ma ti basta il sito di M+ per le foto oppure bisogna unirne più di uno :-D . Meno male che il mio schermo è 16:9 :-P :-P :-P
A parte gli scherzi, è un lavoro MOSTRUOSO (intendo in senso positivo) oserei dire MERAVIGLIOSAMENTE mostruoso .

Saluti Giuseppe :-D

PS .... ma la scritta :-?

 marcellodandrea :

30/7/2015 18:08
 seguo sempre anche io, che pazienza! comunque molto molto (aiutatemi a dire molto!) bello :-)

 alcione :

31/7/2015 16:32
 Sei il migliore in quanto a passione e umanità ;-)
anche se non scrivo spesso sono sempre tra i tuoi più appassionati estimatori.
saluti,
Francesco :-)

 alby :

2/8/2015 11:03
 Ciao , provo a dire la mia sulla targa , per ora son quasi piu' che sicuro che le tre ultime lettere in fondo a dx siano SAS ( società accomandata semplice ) .
Per il resto ci rimugino su ancora un poco , approposito grandioso lavoro come tuo solito del resto !!!!
Pazzo di un Varesotto !!! :-D

 enrico63 :

5/8/2015 23:16
 Grazie a tutti...siete sempre troppo generosi:oops:

Alby, penso che tu abbia ragione! Io avevo interpretato come "S & S" ma osservando attentamente le ombre e le luci delle "A" di Ansaldo, direi che è più corretta la tua interpretazione.
Ho cercato notizie di società in accomandita semplice dell'epoca e legate ad ansaldo ma per ora non ne sono venuto a capo.
Resto in attesa dei tuoi rimuginamenti....
ciao
:-)

 ModellismoBrocchini :

6/8/2015 10:50
 Bel lavoro, considerata anche la complessità... :-)

 Hurricane66 :

6/8/2015 10:54
 Bravo Enrico!!!!
Sono sempre sbalorditivi i lavori che fai :-D :-D :-D :-D :-D

 lananda :

6/8/2015 14:20
 quando mi imbatto in questo tipo di lavori provo una sorta salutare sconforto a vedere cosa si riesce a fare con materiali "inusuali".
Sicuramente un risultato di questo livello non è solo questione di pratica!

ciao

 vista85 :

6/8/2015 16:45
 Veramente incredibile, complimenti!! ;-)

 Antonio 13 :

7/8/2015 08:33
 Strabiliante!!!!

 enrico63 :

7/8/2015 17:57
 Grazie raga!!!
Il lavoro prosegue. Sto facendo il sistema di caricamento......e imparando termini e concetti tecnici:-D



















Allora, il colpo veniva posizionato sulla cucchiaia per mezzo di un argano. La cucchiaia veniva spostata fino alla culatta (non ho ancora capito se spinta a mano o mossa dalla stessa catena del calcatoio) e il calcatoio, manovrato da un volantino spingeva il "colpo in canna".

Questo è quanto....alla prossima.
ciao

:-) :-)

 Hurricane66 :

7/8/2015 18:07
 :cry: :cry: :cry: :cry:
Ogni volta che vedo i tuoi lavori mi viene da piangere :cry: :cry: :cry:.......
...(perché fai dei lavori sbalorditivi ;-) ;-) ;-) )

 marcellodandrea :

8/8/2015 11:23
 approfitto della connessione e rinnovo i complimenti per l'accuratezza del lavoro, una meraviglia :-)

 euro :

8/8/2015 13:47
 Ho visto almeno un paio di rivetti sottodimensionati :-D :-D, per il resto ci "accontentiamo"...:-P :-P



 enrico63 :

9/8/2015 20:31
 
Quote:
euro ha scritto: Ho visto almeno un paio di rivetti sottodimensionati :-D :-D, per il resto ci "accontentiamo"...:-P :-P





Ehh si ...siamo gente di terra...mica marinai:-P :-Pci accontentiamo:-P :-P

Grazie ancora a voi che mi seguite.
Ancora un paio di pezzi........



















Ciao


:-)

 Oberst_Streib :

9/8/2015 21:12
 
Euro ha ragione, quei due chiodi sottodimensionati azzerano tutta la (gia' scarsa) qualita' del lavoro!!
E ne ho visti due pure poco verdi, erano un po' piu' sbiaditi.....
Ah, sti modellisti della domenica.... che si deve fare....
:-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P :-P


 enrico63 :

9/8/2015 21:20
 :-D :-P :-D :-P

 Mario Bentivoglio :

9/8/2015 21:24
 FAVOLOSO Enrico !!!!!!!
:-)

 Andrea :

10/8/2015 08:14
 Placca a parte dai l'idea che la documentazione non ti manchi... fin ora hai solo potuto ipotizzare qualcosa o tutto tutto si basa su disegni o immagini?
A parte questo non vedo l'ora di vedere finito il modello, che è un qualcosa di veramente interessante...

 enrico63 :

10/8/2015 15:59
 Ciao Andrea,
la documentazione non è molta ma comunque abbastanza sufficiente. Le parti "oscure" sono quelle sotto la tettoia e la parte della vite per l'alzo del cannone.
Che non ho capito (e quindi interpretato) è come scorre e quindi come è attaccata la cucchiaia. Adesso inizio a progettare la culla e quindi il sistema dell'alzo che stante la documentazione in mio possesso sarà da interpretare parecchio.

Già che ci sono, secondo voi, l'anello in foto cos'è?? Un semplice anello per sollevare il pezzo dall'affusto?? Ma in questo caso non è un po' leggerino??




(parte di immagine postata al solo scopo di discussione modellistica)

Ciao
:-)

 marcoaurelio :

10/8/2015 18:53
 Ciao Enrico!! E' probabile che sia un occhiello per la movimentazione a terra della canna su carrelli o altro, dubito fortemente che sia per il sollevamento!!
Vai sempre forte.. grande!!

:-)

 enrico63 :

11/8/2015 14:55
 Grazie Marco.
Si penso sia proprio un'anello per la movimentazione. Su una foto in fabbrica si vedono due anelli uguali sulla parte superiore della culatta.
Già che son qui vi faccio vedere l'inizio della progettazione ella culla...




Ciao

:-)

 enrico63 :

13/8/2015 20:10
 E dopo i primi disegni.....i primi pezzi....



















Adesso devo fare i supporti e i pistoni di frenatura.
Ciao
:-)

 Hurricane66 :

13/8/2015 20:47
 Brao Enrico ;-)
Bel lavoro :-D

 euro :

14/8/2015 21:40
 sembra tutto così facile :-o :-o, diavolo di un cartomante!! :-D :-D

 enrico63 :

3/9/2015 20:13
 Ciao a tutti,
complici le vacanze e un rientro lavorativo "pesante" è un po' che diserto la vostra compagnia.
Anche il modellare ne ha un po' risentito.....
Qualche cosa però ho fatto. La culla del cannone è ormai a buon punto. Ho fatto  i quattro cilindri dei freni a liquido e i due recuperatori ad aria compressa (dei quali devo confessare di non aver ben capito il funzionamento) con i relativi alloggiamenti.
Queste sono le immagini......















Qui vicino al mio fedele servitore (ha ancora addosso le prove del desertico copricapo) per avere un'idea delle dimensioni






e qui sull'affusto in posizione abbassata e di alzo massimo ( 25°)...












A presto




:-) :-)

 marcoaurelio :

3/9/2015 22:27
 Bravo Enrico, ogni post, ogni messaggio, ogni mm di carta che riesci a "creare" mi stupisce sempre di più!! Ormai dovrei essere abituato, ma evidentemente non è così!! Ti ammiro veramente..


 dj :

5/9/2015 10:50
 Ciao Enrico
sono nell'ombra 8-) ma seguo sempre con passione ed ammirazione .....

Saluiti Giuseppe :-D

 enrico63 :

5/9/2015 21:18
 Marco e Giuseppe...grazie della vostra costanza nel seguirmi e dei complimenti che mi fate sempre troppo generosamente:oops:


Avrei una domanda .....

Trovo la seguente descrizione: Congegno di mira. Sull'affusto è applicato un'alzo con cannocchiale panoramico tipo Cortese - Falcone.

Ora, non riuscendo ad identificarlo nelle immagini e disegni, e non avendo trovato immagini in rete ma solo riferimenti alla sua esistenza,  mi chiedevo se qualcuno di voi mi potesse aiutare.

Grazie
:-)

 enrico63 :

7/9/2015 09:42
 Eccomi con un mini aggiornamento. Il sistema di alzo.
E' descritto come "a doppia vite con anello danzante". Immagini ...nessuna:-(  Ho questa sezione dalla quale si capisce giusto la posizione del sistema.





Ora, sapendo che l'alzo era regolato da due volantini posti sull'affusto, e che questi erano collegati a mezzo di lunghe catene a due corone poste ai lati dell'affusto stesso ( a mezza altezza ), ritengo che:

i volantini comandassero un'asta passante dotata di una vite senza fine agente su una corona dentata solidale con un cilindro filettato internamente. Questo ruotando alzava o abbassava la vitona collegata alla culla del cannone provocandone l'alzo.

Fatta questa elugubrazione non ho la minima idea di come fosse realizzata, anche perchè il piatto (che si vede nel disegno) all'interno del quale passa la vite. doveva per forza essere basculante (anello danzante???) per permettere il corretto movimento del vitone.

Conclusione:
considerando che di tutto l'accrocchio non si vedrà na beata cippa e, volendo mantenere la possibilità dell'alzo del cannone sul modello, ho realizzato un simulacro di quanto esposto finora. Ho mantenuto in linea di massima la fisionomia esterna del pezzo e mantenuto il movimento in modo da poter fare rizzare il cannone:-D

Questo è quanto.....













RingraziandoVi per l'attenzione, Vi ricordo che nel post precedente ho avanzato una "toccante" richiesta di aiuto.....se qualcuno ne sapesse qualche cosa.....:-D


Grazie
:-) :-)

 dj :

7/9/2015 14:19
 
Quote:
enrico63 ha scritto:
RingraziandoVi per l'attenzione, Vi ricordo che nel post precedente ho avanzato una "toccante" richiesta di aiuto.....se qualcuno ne sapesse qualche cosa.....:-D

Grazie
:-) :-)

Ci sto lavorando sopra ma al momento senza risultati .... :-( :-( :-(

Giuseppe

 alcione :

7/9/2015 18:46
 Ciao Enrico, fatti un giro QUI, manuali artiglieria; cerca anche quello
relativo al cannone da 105/28 - in fondo alla pagina-
che aveva un cannocchiale mod. Cortese-Falcone -
saluti,
Francesco :-)

 enrico63 :

8/9/2015 13:16
 Grazie per il link Francesco.
Adesso so cosa cercare ma per ora non sono riuscito a localizzarlo.
Ciao
:-)

 alcione :

8/9/2015 16:53
 Quote:

enrico63 ha scritto:

Grazie per il link Francesco.
Adesso so cosa cercare ma per ora non sono riuscito a localizzarlo.
Ciao
:-)


Pardon :-P su CANNONE 105/28 trovi il disegno del Cortese/Falcone...
un pò di confusione tra i due link che trattano estratti dallo stesso manuale :-D
saluti,
Francesco

 enrico63 :

8/9/2015 22:12
 Apperò!! Grazie ancora!
 Prima volevo dire che avevo identificato la forma del cortese-falcone anche nel primo link ma non riuscivo a localizzarlo sul 381/40:-D
Comunque col disegno in tutte le viste è moolto meglio. Adesso se capisco dove va messo lo posso riprodurre serenamente!
ciao
:-)

 alcione :

8/9/2015 22:23
 Di norma dovrebbe far perno sull'orecchione sx.-
e se la sezione che hai postato è della parte posteriore, la staffa a mezzaluna che si vede dovrebbe essere il supporto del cannocchiale.

Vedi anche
QUI
obice da 149/12 -
saluti,
Francesco :-)

 enrico63 :

9/9/2015 16:05
 
Quote:
alcione ha scritto: Di norma dovrebbe far perno sull'orecchione sx.- e se la sezione che hai postato è della parte posteriore, la staffa a mezzaluna che si vede dovrebbe essere il supporto del cannocchiale. Vedi anche QUI obice da 149/12 - saluti, Francesco :-)


La differenza tra sapere o avere idea di quello che cerchi e l'andare a tentoni come me:-D :-D
Francesco...cosa sarebbe stato questo cannone senza di te??Illuminato dalle tue dritte ho riesaminato le foto che ho e ho trovato:

Questo dovrebbe essere il cannocchiale montato.




E quindi questa la mensola su cui poggia





Si vede anche qui e da questa imagine mi pare di capire che seguisse l'alzo del cannone




Quindi lo strumento dava non solo la direzione ma anche l'alzo del pezzo??



 alcione :

9/9/2015 17:13
 Bene :-D il cannocchiale, montato sull'orecchione
- il perno solidale al manicotto della canna - che
a sua volta alloggiava nell'orecchioniera dell'affusto
determinava l'alzo del cannone. Tanti gradi di alzo
- in base a tavole di tiro predeterminate e carte topografiche - servivano a calcolare la distanza dall'obbiettivo non visibile.
Ci si avvaleva anche dell'osservazione aerea - anche palloni frenati -per la valutazione dei punti
di caduta per correggere l'alzo.
saluti,
Francesco :-)

 enrico63 :

12/9/2015 19:57
 Grazie Francesco:-)

Ho cominciato la realizzazione della culatta...
























Ciao a tutti
:-) :-)

 enrico63 :

17/9/2015 14:16
 E con questo la culatta è finita. Adesso la attacco alla culla e rifinisco quest'ultima con quel che manca.
Poi passo alla canna ...forse prima qualche altro particolare. Mo vedo.

Eccovi le foto......






























Come vedete un bel po' di particolari.
E con questo sono a un buon punto della costruzione.
Ciao a tutti
:-)

 alcione :

17/9/2015 16:49
 Che gran bel pezzo di cul....atta :-P

ciao,
Francesco :-)

 euro :

17/9/2015 19:42
 SPETTACOLO!!!!!:-o :-o :-o :-o

anche se noto con disappunto :-D alcuni inserti di vile plastica!!:-P
Sei attratto anche tu dal lato oscuro della Forza...:-D

 marcellodandrea :

17/9/2015 21:27
 Anche se mi ripeto non posso fare a meno di invidiare l'abilità e l'accuratezza del lavoro. Ma ti invito ad accellerare, i tempi cominciano ad essere ristretti :-)

 AndRoby :

23/9/2015 10:39
 Secondo me sei passato alla canna PRIMA di fare questo capolavoro!! :-o :-o :-P :-P :-D :-D
Sempre uno spettacolo!

 enrico63 :

23/9/2015 21:54
 
Quote:
alcione ha scritto: Che gran bel pezzo di cul....atta :-P ciao, Francesco :-)



:-D :-D :-P :-P
Ciao
:-)


Quote:
euro ha scritto:anche se noto con disappunto <img src=" /> alcuni inserti di vile plastica!!<img src=" />
Sei attratto anche tu dal lato oscuro della Forza...<img src=" />


Si...lo confesso....ho voglia di plastica:-D


Quote:
marcellodandrea ha scritto: Anche se mi ripeto non posso fare a meno di invidiare l'abilità e l'accuratezza del lavoro. Ma ti invito ad accellerare, i tempi cominciano ad essere ristretti <img src=" src="https://www.modellismopiu.it/images/smilies/icon_smile.gif" />


Lo so, sono un po' in ritardo!!! Ma spero di farcela
:-)


Quote:
AndRoby ha scritto:Secondo me sei passato alla canna PRIMA di fare questo capolavoro!! <img src=" /> <img src=" /> <img src=" /> <img src=" /> <img src=" /> <img src=" />
Sempre uno spettacolo!


Che ci vuoi fare....quando la roba è buona....
:-P :-P



Allora,  ho collegato in forma definitiva culla e culatta e fatte le connessioni relative.....








Ciao
:-)

 fabrix67 :

24/9/2015 10:14
 Continuo a non capire come diavolo tu faccia a lavorare la carta in questo modo.
Ha dell'incredibile.

fabrizio

 stefanoc :

24/9/2015 23:18
 Quote:

alcione ha scritto:

Che gran bel pezzo di cul....atta :-P

ciao,
Francesco :-)


OFF TOPIC scusate :eye:

---ce l'hai com me bel maschione :-D :-P :-D

firmato stefano culatti

Comunque Enrico grandissimo lavoro che stai continuando alla grande ;-)

 enrico63 :

27/9/2015 19:54
 Ciao Fabrizio e ciao Stefano,
grazie per la vostra presenza e la pazienza che dimostrate nel seguire i miei ciclopici lavori.

Sto cercando di darci dentro, perchè come giustamente mi fate notare, la fine delle campagne si avvicina.

Ho rifinito la parte di appoggio della culla all'affusto con relativa mensola per il cannocchiale panoramico e seggiolino mobile per l'omino addetto.
Ho fatto i 12 volantini per la movimentazione dei puntelli laterali (quelli che si abbassano per poter assorbire la forza dello sparo).
Eccovi qualche scatto di questi ultimi interventi.

















A presto
:-)

 dj :

28/9/2015 08:29
 
Quote:
enrico63 ha scritto: ...Sto cercando di darci dentro, perchè come giustamente mi fate notare, la fine delle campagne si avvicina. .....
:-)

Ciao Enrico
questo che hai scritto mi porta a farti una domanda che mi frulla per la testa da parecchio tempo:
visto il tempo a disposizione per la campagna perchè questa volta non hai stampato già a colori la bestia ed eventualmente limitarti ad effettuare dei ritocchi ?
In generale perchè preferisci stampare i tuoi modelli non colorati ??

Rinnovando i complimenti per il mastodontico progetto saluti da Giuseppe :-D

 enrico63 :

30/9/2015 21:38
 Ciao Giuseppe,
Prima di tutto colorare a pc il modello richiederebbe una buona dose di tempo. Molto di più che non verniciarlo.
Poi preferisco la colorazione tradizionale (aerografo, pennello, acrilici, smalti, oli, pigmenti ecc..ecc.) perchè la resa finale è decisamente superiore.
I paper model sono già colorati ( di solito ) ed è indispensabile che sia così, perchè un sacco di particolari non sono tridimensionali ma solo disegnati e quindi è necessaria una sapiente colorazione con ombreggiature ed altro per evidenziarli.
Io cerco di farli come i modelli plastici con tutto quello che è in rilievo appunto in rilievo. Non è quindi indispensabile produrre disegni già colorati.
E' una mia scelta poco condivisa dai paper modellisti più tradizionalisti ma vedo che alcuni stanno cominciando a usare la colorazione post costruzione.

 enrico63 :

2/10/2015 14:19
 ......il pezzo più importante!!










Col "cosino" alzato.....










E mo via di altri pezzi!!!!
Ciao
:-)


P.S.

Mi manca la targaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!Aiutatemi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
:-D

 ppozzo68 :

2/10/2015 14:51
 ... vorrei dire qualcosa ma c'è da rimanere senza parole...
In ogni caso non saprei che superlativo usare. WOW!

 monster696 :

2/10/2015 16:37
   :-o :-o :-o :-o.....e la notte dormi sereno??? senza allucinazioni????
a parte gli scherzi, non è un modellino è un'opera d'arte. 

complimenti davvero

vincenzo

 euro :

2/10/2015 17:20
 Favoloso!!!!!
Ma la canna come l'hai fatta??:-) :-) :-)

 marcellodandrea :

2/10/2015 18:23
 Lavoro splendido. Forza con le rifiniture :-)

 Antonio 13 :

2/10/2015 18:37
  mi associo a chi mi ha preceduto nel rimanere senza parole e dico solamente...FANTASTICO!

 marcoaurelio :

3/10/2015 09:35
 Impressionante!!!
:-o

 dj :

3/10/2015 10:47
 
Quote:
euro ha scritto: Favoloso!!!!!
Ma la canna come l'hai fatta??:-) :-) :-)

Lo voglio sapere anch'io ......
mannaggia a stà targa .... ogni tanto ci ritorno sopra ma non riesco a trovare nessuna novità  :-( :-(

Giuseppe

 enrico63 :

3/10/2015 16:27
 Grazie a tutti:-)

Allora, per la canna non ho foto in wip. A volte mi faccio prendere dalla costruzione (soprattutto quando sto sperimentando) e non documento più.
Quindi ve lo spiego con un paio di capolavori pittorici:-D

Il materiale è sempre carta. La canna è divisa in tre parti; la prima cilindrica le altre due tronchi di cono.

Il corpo dei pezzi è costituito da due strati da 14o gr.




Si arrotola e si incolla. le parti terminali sono chiuse da due dischetti riportati su cartoncino da 1 mm.
Ho chiuso da una parte (per il tronco di cono quella più stretta) e all'interno ho infilato striscie di carta arrotolate su se stesse. Poi col dito le ho girate in senso inverso perche occupassero il massimo spazio possibile.








Ho ripetuto l'operazione fino a che non è stato abbastanza pieno. Vi assicuro che assume una robustezza considerevole. Alla fine ho tappato.

Si mettono insieme le tre parti e si rifiniscono. Tra la parte 1 e 2 c'è un raccordo e sulla punta una striscia di spessore maggiore. La parte interna è fatta solo per il tratto terminale come da disegno.
E questo è quanto.




Terminata la spiegazione eccovi l'ultimo sviluppo: La catena per l'alzo del cannone.
Gli addetti agivano sui due volantini (uno a dx e uno a sx dell'affusto) che tramite la suddetta catena azionavano il vitone che alzava e abbassava il cannone. Forse devo aggiungere un carterino sulla corona bassa ma dalle foto non riesco a capire bene.

Di sicuro nella parte centrale c'è una lamiera sagomata che copre, penso!!, due corone o tensionatori della catena.





Bene, per oggi è tutto
Ciao
:-)

 alcione :

3/10/2015 17:10
 Furbetto ;-) fai vedere la catena come l'hai
realizzata :-?
la catena è lasca o va bene così, non ho guardato
le foto.
saluti, mastro cartaio - anche se ti stai concedendo
qualche -piccola - disgressione in merito ai materiali :-P

Francesco :-)

 enrico63 :

5/10/2015 19:28
 
:-D :-D :-D :-D

Francesco, la catena è una licenza poetica. L'ho disegnata nella forma giusta e ci ho incollato sopra delle finte maglie:-DTanto non deve girare:-D :-D
Nelle varie foto non risulta mai essere troppo tesa. Comunque nella parte centrale la catena passa all'interno di una copertura che credo nasconda delle corone di sostegno e forse tensionatrici. Da questo la forma floscia.





Oggi vi presento le ruote di timone. Sono quelle situate nella parte posteriore dell'affusto e destinate alla manovra del brandeggio laterale dell'affusto rispetto al carrello sottostante. 1 grado per lato.














Bene, ora mancano solo le passerelle laterali e la tettoia....più qualche rifinitura. Insoma poca robetta

:-D

 enrico63 :

11/10/2015 22:18
 Fatte le passerelle....forse ce la faccio!!!
















Ciao
:-)

 fabrix67 :

12/10/2015 07:47
 Lavoro straordinario, come sempre; ormai c hai abituato bene, tuttavia ogni volta ci fai restare a bocca aperta.
fabrizio

 MG42 :

12/10/2015 08:22
 Impressionante il tuo livello costruttivo !!!

ciao
enrico

 marcellodandrea :

12/10/2015 18:24
 Dai che è una bellezza, su su animo e olio di gomito ... :-)

 Oberst_Streib :

12/10/2015 22:03
 

Cose 'e pazz'.......
:martian: :martian: :martian: :martian: :martian:

 enrico63 :

18/10/2015 14:19
 Grazie a tutti voi!!

Il lavoro procede a ritmi serrati.....fatta la tettoia e il paranchino di sollevameto dei proiettili.
E con questi i lavori di costruzione sono terminati.( a parte qualche filino qua e la).
La tettoai è solo appoggiata così come la canna, il blocco culla/culatta, l'affusto e le parti dei carrelli. In questo modo potrò procedere agevolmente alla colorazione. Di contro alcuni particolari appaiono non ben allineati o perfettamente in sede ma andranno a posto con l'assemblaggio definitivo.
E ora un po' di immagini.......

I pezzi della tettoia e l'inizio assemblaggio












Il paranchino già bello che pronto






Le due parti unite








E ora alcune viste d'insieme....lato DX










Lato SX








Visto da dietro



Se avete voglia in galleria ci sono altre immagini comprese quelle del pezzo intero.

Adesso comincerò delle lunghe sessioni notturne di aerografo.
A presto
:-)

 marcoaurelio :

18/10/2015 15:03
 Enrico enrico.. oltre ai meritati complimenti ogni volta che visito i tuoi wip altro non so che dire..
bravo..

:-)

 marco1971 :

18/10/2015 15:37
 Ciao Enrico,

non smetterò mai di seguire le tue opere! :-o Sono realmente sbalordito e impressionato dal modello che hai tirato fuori!

Marco

 2S6M :

18/10/2015 16:14
 Semplicemente grandioso.....!!

 Andrea :

18/10/2015 17:44
 Finito, si fa per dire.... manca la targa! Lo sai che senza quella poi devi buttare via tutto il lavoro :-D  Hai presente il detto "per un punto martin perse la capa" ?
Facezie a parte, non è che dietro casa hai il cannone vero e ce lo hai nascosto? Il tuo modello ha un livello di dettaglio stupefacente...

 willydav :

20/10/2015 13:47
 già così è semplicemente sbalorditivo...
figurarsi verniciato e ambientato


:nerd: :nerd: :nerd:

 Michele Raus :

20/10/2015 14:02
 Ormai sono anni che resto a bocca aperta ad ogni tuo lavoro e non so proprio come commentare.
Però voglio lo stesso dimostrarti la grande ammirazione per questi capolavori da fuori classe.
:-o

 enrico63 :

21/10/2015 09:03
 Grazie a tutti, siete sempre moooolto generosi:oops:

No Andrea, magari avessi avuto l'originale dietro casa......saprei cosa c'è scritto su sta malefica targa
:-x :-D

Ho dato l'antiruggine e fortunatamente non sono apparse magagne. Adesso sto preparando il colore e mi sorge un dubbio:

Dalle foto mi pare chiaro che tutto il blocco culatta sia nel colore del carro. Ma l'otturatore non riesco a capire se sia in metallo naturale e se è così, di che materiale era fatto??















Ci vuole una quantità industriale di colore:-o :-o

ciao
:-)

 dj :

21/10/2015 16:32
 
Quote:
enrico63 ha scritto: .......Ci vuole una quantità industriale di colore:-o :-o
ciao
:-)


Così impari !!! La prossima volta lo fai più piccolo .... sei il solito sborone :-P :-P :-P
W Enrico !!

Giuseppe :-D :-D :-D

 Alle :

21/10/2015 18:49
  Straordinario. Semplicemente straordinario. :-o :-o :-o

 AndRoby :

21/10/2015 22:42
 Semplicemente fantastico, as usual!
Il corpo col cannone lo vernici tutto assieme?
Che lavorone!

 enrico63 :

23/10/2015 19:40
 Giuseppe, Giuseppe e Roby....grazie!!

@Roby:   La canna è ancora separata dal gruppo culla/culatta e queste sono ancora staccate dall'affusto!!
Già è un casino verniciarlo così...se fossero stati uniti tutti i pezzi non ne sarei venuto fuori!!
Non riesco proprio a capire come fanno i carrarmatari a montare tutto e verniciare in blocco solo alla fine
:-?

Io di sicuro ricomincio a verniciare i pezzi man mano che li faccio.

A presto, torno in sala colore:-D..altrimenti non finisco in tempo

 alcione :

24/10/2015 11:20
 Senza parole Enrico, un gran bel lavoro :-D
Perché vuoi dipingere l'otturatore ( a vitone ) :-?
hai realizzato il tutto chiuso e l'otturatore
è all'interno della culatta - comunque era del
colore naturale - acciaio -
Piuttosto forse ti riferisci al congegno di apertura/
chiusura della culatta , dello stesso colore
acciaio della culatta; vi sono casi in cui il tutto
era dello stesso colore - grigio/verde, sabbia e
anche mimetico - nel quale era dipinto tutto il
materiale - code, affusto, affustini, culla etc. -
Un saluto,
Francesco :-)

 alcione :

24/10/2015 11:55
 Quote:

enrico63 ha scritto:

Qui due immagini raddrizzate....sto provando a vedere per ulteriori miglioramenti.




Lo so, sono tremende!!
Suggerimenti sempre ben accetti

:-)


La riga centrale potrebbe essere il numero di costruzione la piccola , quarta in basso, l'anno di costruzione del materiale; la
terza ........Cornigliano..... Stabilimento artiglierie..
....... :-? non sò :-(
Nel materiale cartaceo che ti inviai del 381 ferr.io
c'è una foto della culatta con l'otturatore aperto;
sul blocco della culatta, in alto a sx della H in negativo ci sono delle iscrizioni e sotto la stessa il
n° di costruzione dell'impianto e la matricola del cannone : R 2000 (?) M 28?30.

Un saluto,
Francesco :-)

 enrico63 :

24/10/2015 22:10
 Grazie Francesco! Vedo che hai capito la mia richiesta anche se ho ciccato in pieno la definizione del pezzo
:-D :-D
Per la targa ...:-? :-?Boh!!! Ma lo scopriremo prima o poi
:-)

 enrico63 :

28/10/2015 08:55
 Visto che la colorazione del bestio è praticamente finita mi sto dedicando alla basetta......Tanto manca un sacco di tempo alla fine della campagna:-D :-D :-P





Appena finiti i lavori potrò riprendere a gustarmi i vostri, cosa impossibile in questo momento!! O finisco il mio  o guardo i vostri:-D

ciao
:-)

 enrico63 :

29/10/2015 12:02
 ......ovvero anilina e rotaia....















modella...modella...modella....modella.....

 alcione :

29/10/2015 12:35
 Forza, forza, forza....... :-D

ciao,
Francesco :-)

 teddy :

29/10/2015 18:03
 E' semplicemente un capolavoro!!

Ciao

       Salvatore

 touareg :

30/10/2015 17:48
  .... Ed a questo punto, se non fai il poetrissco della massicciata, pietra per pietra, di carta, ti disconosco come varesotto! 
😜😜😜😜😜😜

 enrico63 :

31/10/2015 12:07
 Grazie raga...


Egr. sig.  Con-turbante Touareg,
siamo spiacenti comunicarLe che la sua ruchiesta è giunta oltre i termini e pertanto non potrà essere soddisfatta.
Per il futuro la preghiamo di inoltrare le sue richieste con l'apposito modulo Cartaceo entro i termini richiesti.
L'autoproclamato presidente della corporazione cartai e cartomanti.

pertanto..............beccati il pietrisco di........PIETRA!!!!!!!!!!!!

Basetta terminata pronta ad ospitare il modello. A brevissimo la conclusione uficiale del lavoro!!!









Ciao
:-) :-)

 AndRoby :

31/10/2015 13:00
 Ciao!
Bella l'idea della semicurva. Due curiosità: il binario è autocostruito anch'esso?
Le traversine aggiuntive in legno erano messe apposta per farlo sparare? E riusciva a sparare anche da una semicurva??
Peccato per la targa... :-( :-(
Non perdere tempo a rispondere! Vai avanti!
:-D :-D :-D :-D

 enrico63 :

31/10/2015 15:07
 
Quote:
AndRoby ha scritto: ................ Non perdere tempo a rispondere! Vai avanti! :-D :-D :-D :-D


Non ti preoccupare sono in tabella di marcia!:-D

Il binario è autocostruito. Le traversine sono un listello del brico e la rotaia e fatta di cartoncino da 0,5 e da 1 mm. Anche le piastre di aggancio alle traverse sono carta e cartoncino.

Le travi in legno formavano il piano di appoggio e scivolamento dell'affusto allo sparo del cannone.  Se ricordi al  momento dello sparo l'affusto era appoggiato sui sei travoni trasversali posti sotto di esso. In questo modo la forza del rinculo non gravava sui carrelli e quindi sulle rotaie. Il rinculo di tutto il pezzo era mediamente 15 mt. Quindi, di fatto, tutto il pezzo scivolava su questo piano.

Il binario di sparo, che era un binario appositamente realizzato, aveva un raggio di 150 mt. in modo da poter posizionare il cannone su una linea di tiro corretta spostando il complesso avanti e indietro. Se non ricordo male si poteva coprire un angolo di tiro di circa 40-45°.

Ciao
:-)

 enrico63 :

2/11/2015 12:17
 Eccomiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii.................
Dopo alcune notti quasi insonni e pause pranzo ridotte al minimo (anche quella di oggi:-D)
riesco a postare le immagini del lavoro F I N I T O!!
Allora, le foto non sono proprio il massimo, ho provato un paio di sessioni con luci diverse ma mi vengono i colori sempre un po' falsati. Purtroppo non c'è più tempo e quindi queste vi posto. Ne ho fatte parecchie e se volete potete vederle in galleria.

 
Regio Esercito - 1917   Cannone da 381/40 su installazione ferroviaria






































Campagna conclusa.
Questa è la mia interpretazione di un pezzo poco conosciuto della nostra storia. Interpretazione perchè non è tutto frutto di documentazione certa ma in alcuni casi mi è stato necessrio capire il funzionamento delle varie parti per poterne ipotizzare la loro conformazione.
Un grazie a tutti quelli che mi hanno seguito e soprattutto a chi mi ha aiutato con il materiale e con preziosi consigli.

Ciao e...alla prossima campagna!!!
:-) :-)

 ABC :

2/11/2015 12:26
 Uau, sono il primo ad avere l' onore di complimentarmi per questa opera TITANICA!

Non trovo pero' parole adatte........ dico solo quindi (mi sia perdonata la pochezza):

Superbravissimo!!!!

Alessandro :-) :-) :-)

 dj :

2/11/2015 12:29
 Enrico complimenti (Ale mi hai fregato di un soffio !!)
un lavoro ENORME come del resto anche il modello e penso la fatica !
Mi sono divertito tanto e ti ho piacevolmente seguito in questa tua impresa ... un unico rammarico
sta benedetta TARGA che non siamo riusci a decifrare (crittogravi compresi e per questo cacciati :-P).
Ma non ti preoccupare ora che il lavoro è giunto al termine vedrai che uscirà fuori una bella foto con la targa in bella evidenza :-P :-P :-P
Murphy colpisce ancora :-x

Complimentoni oni oni da Giuseppe :-D

 PIPER :

2/11/2015 13:29
 Da sempre seguo i tuoi lavori, da sempre ne sono affascinato....e da sempre ho sempre più difficoltà a trovare gli aggettivi giusti per definire quello che fai.
Ma ormai sono CERTO di una cosa:
TU NON SEI UMANO!!!!

Confessa: da dove diavolo vieni?????????????

 Andrea :

2/11/2015 13:45
 Mi raccomando di mettere un figurino... assolutamente indispensabile!

 ppozzo68 :

2/11/2015 13:54
 Un risultato da applausi, come del resto ci hai abituato da tempo :-D

 Cesko :

2/11/2015 16:42
 Modello assolutamente straordinario. 

 fabrix67 :

2/11/2015 16:59
 Lavoro superbo!
Un giorno spero di poterlo ammirare dal vivo.

fabrizio

 marcellodandrea :

2/11/2015 17:49
 Sono contento che tu abbia terminato in tempo, come del resto Alcione. Sono due modelli bellissimi. Sinceri complimenti. La targa non è un problema, meglio niente che sbagliata. Se salterà fuori immagino sia banale aggiungerla sul fianco.

 Zailan :

2/11/2015 18:19
  Che dire Enrico?

TITANICO, sublime, stratosferico... con te anche il Dizionario della Crusca risulterebbe a corto di superlativi!


 AndRoby :

3/11/2015 07:40
 Ciao!
Hanno gia' usato tutti i complimenti adatti! Non mi e' rimasto nulla da dire! :-D :-D :-D
Allora aspetto di vederlo dal vivo per.... le critiche!
Bravissimo!

 MoroCutter :

7/11/2015 00:19
 
Quote:
AndRoby ha scritto: Ciao! Hanno gia' usato tutti i complimenti adatti! Non mi e' rimasto nulla da dire! :-D :-D :-D Allora aspetto di vederlo dal vivo per.... le critiche! Bravissimo!


Io quasi quasi mi porto un accendino....:-D :-D :-D

FANTASTICO lavoro!!!!


Ti ho seguito, silenziosamente, ma ti ho seguito.;-)

Buon modellismo
Ale

 ilducaluca :

7/11/2015 08:24
 I presupposti c'erano, la manina pure, però avresti potuto farlo in una scala più grande, sembra così piccino  :-P :-P :-P
Bravissimo Enrico, chapeau  ;-)

 marcoaurelio :

7/11/2015 09:57
 Ti farò i complimenti di persona, oramai non so più che scrivere..

 enrico63 :

8/11/2015 16:39
 Grazie a tutti ragazzi......siete sempre molto generosi:oops: :oops:
Ve lo vedete a Bologna...chi viene naturalmente.
Ciao
:-)

 Alle :

8/11/2015 21:08
  E' eccezionale. Mi dispiace proprio non poterlo vedere a Bologna.

 Alessandro-tigre86 :

8/11/2015 21:17
 Porca vacca...non dico altro :-D :-D

 PIPER :

9/11/2015 08:30
 Questa mattina apro papermodelers.com e trovo il super modello di Enrico come "modello della settimana"!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Grandissimo riconoscimento ad un grandissimo modellista!!!!!!!!!!
Ancora infiniti complimenti.

 enrico63 :

19/11/2015 13:34
 Grazie ragazzi!:-)

Ho "pulito" qualche scatto in attesa di calarlo in un ambiente reale. Nel frattempo ho finito di preparare il PDF col modello che adesso è a disposizione nella pagina download del mio papersito.








Ciao a tutti
:-)

 dj :

19/11/2015 13:45
 Ciao Enrico
vista la mole non so se basta una risma di carta !! :-P

saluti da Giuseppe

 caragd :

20/11/2015 11:34
 Enrico,
bellissimo, sublime, eccezzionale, stupendo, magnifico....

non mi vengono le parole.
Dario

 Oberst_Streib :

22/11/2015 20:45
 
L'ho visto dal vivo sto cannone, un vero cess...... ehm un giojello! :-P :-P :-P :-P :-P :-P
Vabbe' lo ammetto, e' carino, anche se semplice semplice......

(Nota per l'editore E63: ma che inglese e' "Attention: model to be colored"??)
:-P

 Pierantonio :

22/11/2015 23:22
 Penso che tutti possiamo concordare sul fatto che il tuo lavoro rende grande merito internazionale al modellismo italiano.
Ti esorto ad inserire qualche immagine anche sui maggiori forum internazionali per ricevere il giusto merito.

 enrico63 :

23/11/2015 08:56
 Grazie ragazzi, siete sempre troppo generosi con i complimenti!! E grazie a tutti quelli che hanno votato il cannoncino!


Quote:
Oberst_Streib ha scritto:
L'ho visto dal vivo sto cannone, un vero cess...... ehm un giojello! :-P :-P :-P :-P :-P :-P
Vabbe' lo ammetto, e' carino, anche se semplice semplice......

(Nota per l'editore E63: ma che inglese e' "Attention: model to be colored"??)
:-P


This is the English of the great teacher mr. G.T. ...alias.......GOOGLE TRANSLATOR!!!!!!!!!!!!
The King of all languages!!!!! :-P :-P :-P :-P :-P

Ciao
:-)

 Zailan :

27/12/2015 18:00
  Complimenti Enrico!

Ho appena visto che il tuo cannone e' il modellino dell'anno su Papermodelers!

Emanuele

 enrico63 :

31/12/2015 09:38
 Grazie Emanuele!!
:-) :-)
Ciao

© 2004-2018 www.modellismopiu.it
https://www.modellismopiu.it

URL di questa discussione
https://www.modellismopiu.it/modules/newbb_plus/viewtopic.php?topic_id=133657&forum=169