Forum : Regia Aeronautica

Soggetto : I Colori della Regia Aeronautica

 mario :

11/5/2019 00:12
 Ciao a tutti,
leggendo qua e la', relativamente ai colori della RA durante la SGM, vedo spesso indicati alcuni colori seguiti da un numero. Marrone Mimetico 1 o 2, Nocciola Chiaro 4, Verde Mimetico 1,2 o 3, Giallo Mimetico 1, 2, 3 e 4 ed altri.
Essendo un fortunato possessore del libro "Colori e Schemi Mimetici Della Regia Aeronautica 1935-1943", ho capito bene che i numeri che seguono il nome del colore fanno riferimento ad un colore "tipo" stabilito dagli Autori inbase ai reperti esaminati (Tavole II pag.62-63)?
Quindi la RA non ha mai codificato in questo modo i colori (cioe' numerandoli), ma secondo gli autori, ad esempio, Breda e Caproni usavano un Giallo Mimetico "paragonabile" nr. 3, come riscontrato nei reperti E, N,O e P, mentre la Fiat usava il Giallo Mimetico 1?
Mi sono perso qualcosa?
Grazie
Mario

 GP1964FG :

12/5/2019 00:52
  Per quanto ne so io, il libro che tu possiedi e che è considerato un'opera fondamentale nello studio dei colori impiegati dalla Regia, ma che è comunque stato scritto oltre 40 anni fa, fu scritto grazie al ritrovamento di una tabella originale con campioni di colore stesi a mano (la famosa Tabella 10), integrata con altri documenti ufficiali e studio dei reperti. Quindi, la denominazione dei colori e la tonalità sono quelli ufficiali e non sono "stabiliti dagli autori in base ai reperti esaminati".
I numeri dovrebbero essere i numeri d'ordine in un elenco dell'epoca, a cui si fa riferimento (e credo che anche all'epoca indicassero, oltre alla denominazione del colore, il numero in tabella, come riferimento).
Una bella discussione venne fatta tempo fa su M+, da gente molto più esperta di me

https://www.modellismopiu.it/modules/newbb_plus/print.php?forum=101&topic_id=111901

purtroppo credo che alcuni di loro non frequentino più questo sito.
Riguardo al diverso uso che ne facevono le varie ditte costruttrici, è vero che all'epoca si era solo all'inizio della standardizzazione (anzi, in Italia il concetto di standard e le relative normative erano ancora di là a venire....), per cui c'era un ampio margine di discrezionalità.
Anche i paesi dove questo discorso era più sviluppato (Germania con codifiche RLM e RAL, Gran Bretagna con codifiche BS, USA con le codifiche ANA) non erano esenti da notevoli "deviazioni" nella tonalità delle vernici utilizzate, già a livello di ditte produttrici!
Le stesse direttive ufficiali erano a volte contradditorie o illogiche, oppure irrealistiche per la situazione bellica (mancanza di forniture e di materie prime, per cui ci si "arrangiava")
Ad esempio, è risaputo che una direttiva italiana imponeva che gli aerei destinati al teatro africano fossero verniciati in verde con macchie gialle (!?); fortunatamente la maggior parte vennero vernciati gialli a macchie verdi....oppure i tedeschi, che pretendevano di realizzare sofisticati schemi mimetici sui panzer a fine guerra, nelle fabbriche sottoposte ad incessanti bombardamenti....


Ciao
Gianfranco




 Paolomaglio :

12/5/2019 07:12
 Qyando abbiamo relaizzato i colori REGIA con la MRP ci siamo ispirati anche a quel libro e infatti abbiamo prodotto 2-3 tinte apposite per Reggiane con tonalità leggermente differenti da quelle stanadard Regia, a mio parere per accorgersi della differenza occorre mettere due modelli uno accanto all'altro, comunque, volendo, ci sono. ;-)

 uavpredator :

12/5/2019 11:53
 Molti anni fa l'Ufficio Storico dello Stato Maggiore Aeronautica ha pubblicato a cura di Nino Arena il testo "Mimetizzazione dei Velivoli dell'Aeronautica Italiana" - dalle origini alla seconda guerra mondiale da cui poi sono discesi tutti i testi sopra citati. Alla pagina 15 del testo, sono specificati i colori in uso secondo la rfiforma 1941 con codici e produttore suddivisi per tipologia di aereo- Il testo in B/N non dava ovviamente riferimenti cromatici ma spiegava bene alcuni aspetti tra cui, la necessità di standardizzazione delle mimetiche per tipologia di teatro operativo, Ritengo la conoscenza del testo fondamentale per comprendere la materia.
Il libro è stato ri pubblicato da Mucchi editore nel 1983 ed è in vendita anche su Amazon.
Mauro

 angelo :

12/5/2019 13:06
 Ciao potresti pure consultare i tre volumi" Regia Aeronautica Caccia ed Assalto" che spaziano dal 1940 al 1945. Vi troverai  molti spunti modellistici con ottimi riferimenti ai colori ed alle mimeche usate. Sono un passo avanti rispetto alla celebre pubblicazione del CMPR e se sei interessato anche alla vicende dell'ANR, ti consiglio "Colour and markings of the Aeronautica Nazionale Repubblicana 1943-1943".
In merito ai colori veri e propri da usare per il nostro hobby ormai sono tanti i produttori che li vendono a cominciare da quelli della Puravest, poi ci sono i Kcolors e  così via. anche l'Italeri ha prodotto una serie di colori a base vinilica( sarebbero i famosi V allejo) dedicati alla Regia.
Angelo

 mario :

12/5/2019 15:48
 Grazie a tutti per le informative risposte.
Sono in attesa da anni di qualche nuovo libro sull'argomento (sinceramente spero proprio che il GMT "prosegua" lo studio dell'Araldica della RE "occupandosi" anche della mimetizzazione.
Farò un pensiero sui libri che mi avete consigliato, quello riguardo la ANR lo possiedo e andrò a controllare.
Ma "tornado" alla mia domanda:
i numeri 1, 2, 3, x dopo il "nome" del colore, sono definizioni attuali o no?
Grazie

Mario

 PiElle :

12/5/2019 21:15
 Per la precisione le denominazioni "ufficiali" dei colori Regia Aeronautica sono quelli rispondenti all'elenco pubblicato sul Bollettino Tecnico Informativo N 8 dell'Ottobre 1941 dal titolo "Colori delle superfici Esterne ed Interne dei Velivoli" (v. comunicazione 148).
La comunicazione 148 cui si fa riferimento, contenuta nello stesso Bollettino, indica "in preparazione" la Tavola 10, ma nel contempo afferma che sono già stati distribuiti i campioni colori alle ditte Aeronautiche e alla Ditte di fabbricanti di vernici prescrivendo che i colori delle vernici devono avere la stessa tonalità dei campioni.

L'elenco della Tavola 10 prevedeva:  1 Grigio Azzurro Chiaro - 
2 Verde Oliva Scuro - 
3 Grigio Azzurro Scuro - 
4 Nocciola Chiaro - 
5 Bianco Avorio - 
6 Bianco Neve - 
7 Giallo Cromo - 
8 Rosso - 
9 Verde - 
10 Bruno - 
11 Azzurro - 
12 Nero - 

Se la tua domanda verte se colori come Giallo Mimetico 1 o Verde Mimetico 3, così come indicati nella cartella allegata al libro del CMPR, edito nel 1977, sono denominazioni "ufficiali", la risposta è NO. Sono denominazioni di comodo adottate dagli autori della publicazione in oggetto.
I colori precedenti la tavola 10 erano citati con la denominazione ditta, e nella cartella succitata ne compaiono soltanto due: il Verde Mimetico 53192 ed il Marrone Mimetico 53193 (purtroppo manca il Giallo Mimetico 53194) che erano denominazioni adottate dalla ditta Arson SISI per la serie Avio a base nitrosintetica (nitrocellulosa).

Per dare un'idea della complicazione che la cosa comportava, la ditta CANT, per il solo colore N 2, Verde Oliva Scuro Opaco, aveva in elenco come fornitori:
SIPA col Rapiflex 078 - 
SALCHI: Lacca Cellulory - 
COLORIFICIO ITALIANO: Aeroloid 16375 - 
S.V.I.: Smalto Veloxaeral - 
INVES: Texital 132
E questi erano soltanto una parte dei produttori. 

In realtà il Bollettino Tecnico Informativo N 6 dell'Agosto 1941 semplificava di molto la situazione sotto la voce Prodotto N. 14 - Vernice colorata per finitura alla nitrocellulosa, con un elenco di vernici di vari produttori i cui "certificati" venivano indicati con scadenza 30 Settembre 1941.
Vi comparivano colori, tutti indicati a spruzzo, come: alluminata, verde, marrone, avana, giallo oro, rosso segnale, verde bandiera, verde mimetico, marrone mimetico, giallo mimetico. Curiosamente nessun grigio. Soltanto nel B.T.I. N 8 vi compariva un'aggiunta di colori definiti semiopachi in cui figuravano: grigio, bianco avorio, grigio azzurro, nero, giallo e blu. 
Altri colori figuravano sotto la voce Prodotto N. 30 - Vernice a smalto, ma tutti indicati come smalti a pennello.
PiElle     [ Modificato da Michele Raus il 14/5/2019 22:46 ]

 mario :

13/5/2019 00:14
 Grazie PiElle,
ere quello che stavo cercando di capire
confrontando il libro CMPR con "Colour and markings of the Aeronautica Nazionale Repubblicana 1943-1943" ero arrivato ad una conclusione simile alla tua, ma meno accurata, e soprattutto no avevo capito l'origine della denominazione "Verde Mimetico 53192" e "Marrone Mimetico 53193".
Quindi per usare una nomenclature corretta il nome corretto puo' essere affiancato/seguito da un numero preciso, come hai scritto tu (da 1 a 12)?
Umberto Postiglioni e Andrea Degl'Innocenti nel 1977 avevano identificato diverse "varianti" di Giallo Mimetico (1, 2, 3 e 4) Marrone Mimetico (1, 2 e 53193), Verde Mimetico (1,2, 3 e 53192): il numero 1-2-3-4 e' arbitrario e assegnato dagli Autori; 5319x corrisponde al codice usato dalla ditta Arson SISI per la serie Avio a base nitrosintetica (nitrocellulosa)?
Giusto?

Un ultima domanda: sapete se e' prevista la pubblicazione di un nuovo libro sull'argomento dai tanti eccezionali studiosi aeronautici italiani?

Grazie molto ancora

Mario

 angelo :

13/5/2019 08:32
  Sulla rivista iol NOTIZIARIO I.P.M.S. di gennaio marzo 2015 c'è un interessante articolo sulla problematica dei colori della Regia se vuoi te ne posso mandare una scansione.
Angelo

 PiElle :

13/5/2019 20:58
 Hai capito bene. I colori "ufficiali" della Regia Aeronautica erano quelli della famosa Tavola 10.
Essi figuravano catalogati nel seguente modo:

colore 1 Grigio azzurro chiaro -
colore 2 Verde oliva scuro, ecc. fino a 12.
(Mi scuso se non riesco ad esporre il testo con una formattazione migliore).

Una denominazione come Verde Mimetico 53192 era specifica della Arson Sisi per la produzione a base nitrocellulosica, mentre il Verde Mimetico 13165, sempre della stessa ditta, era a base gliceroftalica.
Comunque, per chiarirci, il Verde Mimetico 53192 ed il Marrone Mimetico 53193 che compaiono nella cartella CMPR sono stati tratti appunto dai campioni colore presenti in ditta, mentre, a parte quelli corrispondenti alla Tavola 10, gli altri sono stati tratti dal confronto con reperti originali o modelli di velivoli delle ditte produttrici adottando una numerazione di comodo, giusto per distinguere le varie tonalità di colore con possibili approssimazioni.
Infatti con campioni colore ditta si poteva avere una corrispondenza precisa e nominale, ma negli altri casi, mancando specifici campioni colore di riferimento, si è dovuto ricorrere a delle numerazioni fittizie di comodo, purtroppo con delle approssimazioni dovute anche allo spazio disponibile nella cartella.
Mi riferisco ad esempio all'unico Grigio Mimetico che viene indicato come presente sul Reperto F, ovvero relitto di Macchi 200 attualmente conservato presso il museo Caproni di Trento.
Infatti su detto reperto sono presenti ben due grigi per le superfici inferiori ed entrambi non corrispondono alla tonalità realizzata nella cartella in oggetto. La cosa venne fatta presente a suo tempo ad Andrea Degl'Innocenti, ma la risposta fu che si trattava di un lavoro da considerare soltanto un punto di inizio, atto a smuovere la acque atte a ricerche più approfondite e, dati i possibili continui aggiornamenti, si rischiava di procrastinare eccessivamente la pubblicazione dei risultati fino a quel momento ottenuti.
Purtroppo non è stato così. Gli autori non hanno potuto proseguire in ulteriori ricerche, mentre altri hanno semplicemente sfruttato il loro lavoro facendolo diventare praticamente un risultato definitivo.
Va precisato che l'ing. Umberto Postiglioni aveva reperito qualche altro campione di vernice, ma impegni lavorativi dello scrivente e l'improvvisa e prematura scomparsa di Postiglioni ha impedito lo scambio di ulteriori aggiornamenti al riguardo, anche perché nel frattempo Postiglioni era passato ad occuparsi di altri argomenti a carattere aeronautico. 
Riguardo un possibile libro di aggiornamento sull'argomento l'intenzione c'è ed ho dato la mia disponibilità, ma chi dovrebbe concretizzare sembra non trovi mai il tempo.
PiElle

[ Modificato da Michele Raus il 14/5/2019 22:45 ]

 mario :

13/5/2019 23:18
 Grazie Angelo, la scansione mi piacerebbe.
La mia email è:
m.raspagliosi at katamail.com

Grazie PiElle

Quindi come libri cerco di procurarmi "Mimetizzazione dei Velivoli dell'Aeronautica Italiana" (vale la pena a 50,00€ se è dell'1983, quanto è migliore del libro che già possiedo?) e "Regia Aeronautica Caccia ed Assalto" (65,00€).
C'è qualcosa di più aggiornato?

(Io possiedo i due volumi sull'Araldica del GMT e il libro "Colour and markings of the Aeronautica Nazionale Repubblicana 1943-1943", di recente, e gli storici Orizzonte Cielo e le monografie Mucchi)

Grazie mille siete stati utilissimi e molto gentili

 Rick :

14/5/2019 23:12
 Se pensi ti possa interessare, insieme a Stefano Lazzaro e Pierluigi Moncalvo abbiamo pubblicato due articoli dopo il ritrovamento del Bollettino DGCA n°1 del novembre 1940 (dove sono riportati i colori omologati, ante Tavola 10), sui Notiziari GMT n°1/11 e n°3/12 cercando di essere più precisi ed esaurienti possibile rispetto a quanto disponibile; i Notiziari dovrebbero essere in vendita contattando il GMT
Riccardo

 angelo :

17/5/2019 12:54
  Adesso li ordino io!
Angelo

 Rick :

17/5/2019 20:10
 Aspetta perchè stasera Gabriele Luciani ha chiesto al GMT il permesso di pubblicare quegli articoli sul sito Aeronautica Nazionale Repubblica. Il GMT ha dato il suo assenso alla pubblicazione previo consenso degli autori; ho già dato il mio parere favorevole ed ho postato, su richiesta, il Bollettino DGCA n°1 novembre 40, che è allegato al suddetto notiziario, perchè Luciani lo ha smarrito. Quindi probabilmente la pubblicazione potrà avvenire

 Rick :

17/5/2019 20:20
 Scusa ho visto ora il bollettino sul sito Storia Modellismo gruppo

 EmanueleOrru :

27/5/2019 16:00
 Rick puoi mettere il link, per favore?

 Michele Raus :

27/5/2019 16:17
 Quote:
Rick ha scritto:
Aspetta perchè stasera Gabriele Luciani ha chiesto al GMT il permesso di pubblicare quegli articoli sul sito Aeronautica Nazionale Repubblica. Il GMT ha dato il suo assenso alla pubblicazione previo consenso degli autori; ho già dato il mio parere favorevole ed ho postato, su richiesta, il Bollettino DGCA n°1 novembre 40, che è allegato al suddetto notiziario, perchè Luciani lo ha smarrito. Quindi probabilmente la pubblicazione potrà avvenire


Ciao Riccardo,
ho sentito il GMT e, se vuoi, siamo abbiamo l'autorizzazione a pubblicare anche direttamente qui i contenuti di cui parli (previa autorizzazione degli autori).
In questo modo questa discussione interessante potrebbe proseguire senza salti o interruzioni.

 GP1964FG :

27/5/2019 19:09
  Se venisse pubblicato anche uno stralcio, penso che fareste un grande favore a molti modellisti appassionati di Regia.
A volte solo per sapere dell'esistenza di un articolo o di un libro bisogna avere i contatti giusti, poi aspettare magari la ristampa, fare l'ordine, il bonifico... 

Ciao 
Gianfranco 

 Michele Raus :

29/5/2019 22:57
 Sono felice di comunicarvi che abbiamo ottenuto l'autorizzazione alla pubblicazione dei due articoli e del relativo materiale nel nostro G.I.S. della Regia Aeronautica.
Ringrazio per la disponibilità gli amici autori Riccardo Trotta, Pierluigi Moncalvo e Stefano Lazzaro, oltre naturalmente all'editore Gruppo Modellistico Trentino, rappresentato dall'amico Flavio Chistè.

A breve il prezioso materiale ...

 Hoot :

29/5/2019 23:27
  Mi associo ai ringraziamenti
Anche a Michele per lo sbattimento 

 G55 :

30/5/2019 00:43
 Un grazie al GMT anche da parte mia !!

L'articolo citato da uavpredator è liberamente consultabile QUI 
Ciao

 Michele Raus :

30/5/2019 16:41
 Nei seguenti topic potete consultare i documenti citati:

Notiziario GMT 1/11 - Osservazioni Bollettino DGCA

Notiziario GMT 3/12 - Bollettino DGCA: ulteriori informazioni

Bollettino Tecnico Informativo n.1 della DGCA 11/1941

Copyright Riccardo Trotta, Pierluigi Moncalvo, Stefano Lazzaro
Edizione Gruppo Modellistico Trentino

Il GMT mi ha informato che è ancora possibile ordinare una copia originale di questi numeri del Notiziario Modellistico inviando una mail a info@gmtmodellismo.it.

 Michele Raus :

11/6/2019 12:17
 A completamento della discussione, l'amico PiElle ci offre anche la scansione della famosa Tavola 10


 angelo :

12/6/2019 08:24
 Grazie di cuore per i contributi!
Angelo

© 2004-2018 www.modellismopiu.it
https://www.modellismopiu.it

URL di questa discussione
https://www.modellismopiu.it/modules/newbb_plus/viewtopic.php?topic_id=139878&forum=101