Home Page 1/72 e dintorni Aeronautica Diorami & C. Figurini & C. Navi & C. Veicoli civili Veicoli militari Mostre & C.  
Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!

Interface language
 
English Italiano

Translate page with Google
 

Menu principale
Home Page
Campagne
In essere
Concluse
Regolamento

Contenuti
Novità dal mercato
Visti per voi
Articoli
Guide
Tabelle colori
Da AFV Interiors
Schede tecniche
Storia
Utente del mese
Guide uso sito
Invia contenuto

Forum
I più recenti
I più letti
I più attivi
I più recenti (arg.)
I più letti (arg.)
I più attivi (arg.)

Le Gallerie di M+
Riferimento
Musei
Campagne
Album personali
Modelli sconosciuti
Mostre
Box art
Altro

Glossario
Invia definizione
Richiedi definizione

Download
Invia
Più scaricati
Istruzioni

Club e associazioni
Alfamodel
AMB brescia
Asso di Spade
CML Legnano
CMS Savona
CRS
Diavoli Verdi M+
Gr. Mod. Mincio
GML Milano
GPF Firenze
IPMS Italy
M+ R. Dominicana
M+ Trento

Mostre
Indice
Mostre in essere
Mostre passate

Info ed uso sito
Norme utilizzo sito
Domande frequenti
Mappa del sito
Contattaci
Trova utenti
Link al nostro sito

Link
Elenco
I più visitati
Segnala

Chi è online
Visitatori:79
Utenti registrati:0
M+ Club chat:1
Utenti on-line:79
 Utenti registrati:6263

Ultime visite:
kicco64 da 6'
PVI_Speed da 12'
ABC da 15'
Zailan da 17'
gizpo da 17'
yamato01 da 23'
willydav da 25'
ta152h da 47'
baghy da 47'
Hurricane66 da 1h 2'
seiran da 1h 17'
lananda da 1h 25'
lagu da 1h 33'
GP1964FG da 1h 42'
Vampire51 da 1h 44'
raf da 1h 48'
alverman da 1h 50'
Luciano Maffeis da 1h 55'
joe da 2h 7'
ROBY69 da 2h 9'

Le Gallerie di M+


Visita le Gallerie

Siti partner
http://gml.altervista.org

http://www.mediolanummc.eu/

http://www.modellismopiu.net/cavalleria

http://www.regioesercito.it


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
  • Informazioni sulla privacy


  • Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli Utenti. Questi sono solo di tipo tecnico per permettere a chi è registrato di accedere ai contenuti a lui riservati; non vengono usati né a fini di profilazione né sono di terze parti.
    E' possibile conoscere i dettagli consultando la nostra politica sulla privacy cliccando qui.
    Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
    Chi volesse verificare i quali cookie Modellismo Più abbia attivi sul vostro computer o device può farlo cliccando qui

  • Funzionalità di ricerca sul sito e nelle Gallerie

  • Cerca sul sito:
    Cerca nelle Gallerie:
    M+

    Armi portatili : Schede tecniche : Fucile controcarro mod. 35
    Inviato da e_pieranto il 30/9/2004 16:43:24 (2204 letture)

    Armi portatili : Schede tecniche
    Quest’articolo è, in larga parte, la mia traduzione di quello presente, in lingua inglese, sul sito Panzerfaust - German antri-tank weapons con alcune considerazioni aggiuntive sull’uso dell’arma da parte del Regio Esercito.




    Il modello Maroszek WZ 35 fu ideato e sviluppato dall’ing. Jósef Maroszek all’inizio degli anni ’30; le prime prove, nel 1935, si rivelarono insoddisfacenti, poiché la canna dell’arma era duramente sollecitata dalla potenza del colpo e non durava più di 20 colpi ma, dopo un periodo di ricerca e sperimentazione, fu raggiunta una relazione quasi perfetta fra le caratteristiche del munizionamento e la costruzione dell’arma; la nuova canna poteva sparare circa 300 colpi.



    L’arma fu assegnata ai reparti dell’esercito nel Novembre del 1935 e le esercitazioni confermarono l’arma come più che soddisfacente nell’uso anticarro; secondo alcune fonti fu considerata così importante che un rigoroso segreto fu mantenuto sull’intero progetto e le casse di spedizione - contenenti un’arma completa, tre canne di ricambio, tre caricatori e le munizioni – furono sigillate con l’ordine di rompere i sigilli solo per ordine diretto del Ministro della Difesa.



    Fino al luglio del 1938 l’arma era stata mostrata solo un ristrettissimo e selezionato numero di persone (con ordine di massima segretezza), perlopiù comandanti militari ai vari livelli; il risultato fu che in molti casi i soldati che avrebbero dovuto usare l’arma non la videro mai finché non scoppiò la seconda guerra mondiale con l’invasione tedesca della Polonia; a causa di ciò quest’arma ragionevolmente efficace ebbe, secondo alcune fonti, un uso assai limitato contro gli attaccanti tedeschi e molti soldati polacchi non ne vennero addirittura a conoscenza.
    I tedeschi catturarono un considerevole numero di queste armi, ancora inutilizzate, nelle armerie e nei magazzini e diedero loro la denominazione Panzerbüchse 35(p), abbreviata in PzB 35(p); fu anche usata la denominazione Panzerbüchse 770(p).
    Almeno 630 armi di questo tipo furono acquisite dalla Wehrmacht e usate nella campagna di Francia nel 1940. In seguito, l’arma fu in parte usata dalle truppe tedesche e in parte ceduta agli italiani che, che la ribattezzarono “fucile controcarro mod. 35”.
    Il volume “The Italian Army 1940–45 (1) Europe 1940–43” edito dalla Osprey riporta il profilo di un fante della divisione “Pasubio” con un arma di questo tipo; l’autore commenta invitando a riflettere sulle quali dovessero essere le condizioni dell’armamento anticarro degli italiani sul quel fronte per accettare armi come questa, ormai pressoché inutili contro la maggior parte dei corazzati sovietici.
    L’arma era a colpo singolo con un caricatore di tre proiettili ed era facilmente riconoscibile per la mancanza di un’impugnatura a pistola, caratteristica insolita per questo tipo di armi.
    La canna, molto lunga e sottile, doveva essere sostituita dopo 300 colpi, operazione piuttosto rapida e semplice grazie ad un’apposita chiave.
    Il freno di bocca ben progettato assorbiva il 65% dell’energia di rinculo che era, contrariamente a quello di altre armi anticarro, di poco superiore a quello di un normale fucile di fanteria.
    Poiché la munizione di quest’arma non aveva un nucleo in metallo duro ma contava sull’alta velocità del proiettile, la capacità di penetrazione calava sensibilmente oltre i 300 metri; principalmente questa caratteristica ha determinato la sua dismissione.
    Il proiettile usato per l’arma era il Panzerbüchsenpatrone P 35 7,92 x 107 che pesava g 62,6 compresi g 10,4 della carica; la pallottola vera e propria pesava g 14,5 (12,8 secondo altre fonti); la lunghezza totale del proiettile era di mm 132 mentre il solo bossolo era lungo mm 107; in figura il confronto con i proiettili dei fucili anticarro russi, di quelli tedeschi e di quella standard da mm 7,9.
    L’energia sviluppata dal proiettile (massa per velocità) era di 11.786 Joule.
    L’alta velocità della pallottola le conferiva una traiettoria molto rettilinea; l’arma era completa di bipiede ma poteva essere usata anche senza.
    La capacità di penetrazione era stimata in mm 22 a 50 metri e mm 15 a 100 metri, con angolo d’impatto a 60°, sufficiente a contrastare efficacemente la maggior parte dei veicoli corazzati della prima fase della guerra ma, come gli altri fucili anticarro, praticamente inutile dopo il 1940.



    Caratteristiche tecniche
    Calibro: mm 7,92
    Velocità iniziale: 1.275 m/sec
    Lunghezza totale: cm 176
    Lunghezza canna: cm 120
    Peso con caricatore: kg 9,5
    Peso con bipiede: kg 10,0
    Cadenza pratica di tiro: 6 colpi/min




    di Eros Pierantozzi (aka
    e_pieranto)

     

    Link correlati

    · Contenuti relativi all'argomento Armi portatili : Schede tecniche
    · Contenuti sottoposti da e_pieranto

    Contenuto più letto relativo all'argomento Armi portatili : Schede tecniche:
    · AK-47 Kalashnikov

    Ultimi contenuti sull'argomento Armi portatili : Schede tecniche:
    · AK-47 Kalashnikov

    Visualizza pagina stampabile  Segnala questo contenuto ad un amico



  • I sostenitori di Modellismo Più

  • I sostenitori di Modellismo Più sono quegli operatori del settore che, a titolo non oneroso per il sito, mettono a disposizione i kit che come premio vanno ai vincitori delle nostre Campagne, ci consentono di organizzare i nostri eventi o ci concedono uno stand dove i nostri Utenti possono ritrovarsi durante lo svolgimento di alcune manifestazioni a carattere modellistico.